/ Perché il Video del disertore nordcoreano che scappa nel Sud è un...

Perché il Video del disertore nordcoreano che scappa nel Sud è una bufala

Perché il Video del disertore nordcoreano che scappa nel Sud è una bufala
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Impazza su tutti i media mainstream la video bufala del disertore dell’esercito nordcoreano che scappa nella Corea del Sud. Ad attestarla un davvero incredibile video (lo trovate alla fine di questo articolo) girato dalle forze USA che, da decenni, presidiano la “Linea di demarcazione”. Si, ma girato come? L’Huffinghton Post assicura, “dalle telecamere di sicurezza a circuito chiuso”. Eppure, molte sono le riprese aeree. Un drone USA che gira indisturbato, a bassissima quota, sulla Corea del Nord? Davvero improbabile. Ma su questo ci ritorniamo. Occupiamoci, intanto di alcune scene del video.



Che si direbbe girato in un curatissimo sobborgo (si vedano - ad esempio - le aiuole, gli alberi perfettamente potati, i terreni coltivati, i segnali stradali sull’asfalto…) privo di qualsiasi struttura (torrette di avvistamento, muri di sbarramento, filo spinato, guardiole…) che ci si aspetterebbe nell’area più contesa del mondo. Altrettanto inverosimile è poi la dinamica della “fuga del disertore” che avverrebbe  - alle 15 e 11 minuti, secondo il timer del video - grazie ad un elegante un pick-up di colore blu, privo di una qualsiasi insegna militare. Pick-up che (si osservi la seconda parte del video) appena superato quello tutti i media ci assicurano essere un “posto di blocco” (ovviamente, senza nessuno sbarramento o altra struttura), incomprensibilmente, si ferma, per farsi raggiungere da quattro tizi in divisa. Il video, molto saggiamente, non ci fa vedere cosa succede dopo ma riprende con la scena della “sparatoria”.

Scena che si direbbe girata da un operatore che imbraccia la telecamera, considerando l’angolazione della ripresa e i numerosi zoom. “Sparatoria”, comunque, nella quale ben quattro “soldati” armati di mitragliatore non riescono a fermare un tizio a dieci metri di distanza. Anzi, no. Sempre L’Huffinghton Post ci informa che il tizio si è beccato ben cinque proiettili di mitragliatore. Che, comunque non fermano la corsa del disertore il quale - di notte e quindi ad almeno dieci ore di distanza dalla sparatoria delle 15 - viene salvato da un commando sud coreano. Salvataggio che, ovviamente, avviene in un posto molto diverso da quello dove il coriaceo disertore con cinque pallottole in corpo si è accasciato (si noti, ad esempio, la scomparsa nella scena del “salvataggio” dei due grandi serbatoi al di là del muro). Ci sarebbero molte altre cosucce sulle quali soffermarsi (ad esempio, come mai il drone stava riprendendo la scalinata proprio mentre i quattro “soldati” la percorrevano? Come avrà fatto il “disertore” ferito a sfuggire ai suoi inseguitori? ) ma non vogliamo togliervi il piacere di scoprire nel video tutte le altre incongruenze.

Un’ ultima annotazione. Verosimilmente gli autori della video bufala si sono resi conto che fa acqua da tutte le parti. Per questo se ne sono inventata subito un’altra: quella dei vermi (tra cui uno di 27 centimetri!) trovati nella pancia del disertore. Parassiti intestinali che, secondo Repubblica,  attesterebbero “le dure condizioni di vita cui sono sottoposti gli abitanti della Corea del Nord, con problemi di nutrizione e igiene che tormentano il paese da decenni”. Meglio bombardarli subito questi nord coreani.

Francesco Santoianni




P.s. Hai già votato per la Bufala 2017?

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Ex portavoce di Napolitano chiede "più fondi all'Ue contro le fake news"

Ce lo chiede l’Europa. E ce lo chiede anche Maurizio Caprara del Corriere della Sera che, dopo essere stato, per anni, portavoce di Napolitano, ora – comprensibilmente - si preoccupa delle...
Notizia del:

Repubblica e la propaganda per la Nato del Golfo con la bufala: "Le saudite ora vogliono guidare i taxi"

Diritti delle donne, Repubblica ed emiri del golfo

Coninua ad impazzare la, sempre più smaccata, campagna promozionale a favore degli emiri del Golfo condotta...
Notizia del:

Dalla documentazione su internet ai gattini. Breve guida per sopravvivere al "cambio di algoritmo" di Facebook

Piangono lacrime di coccodrillo i padroni di Internet e i loro sponsor. Ora ci fanno sapere che il nuovo corso dei Social per contrastare le famigerate “Fake news di Putin” sarebbe già...
Notizia del:

Ma la verità per Giulio Regeni Amnesty International la vuole veramente?

  Ma lo slogan della campagna di Amnesty International non era “Verità per Giulio Regeni”? Verrebbe da chiederselo davanti all’odierno tweet del portavoce di Amnesty International...
Notizia del:

Guerra e imperialismo. Lettera aperta alla Lista "Potere al Popolo"

Diffondo sul blog questa lettera della redazione di Sibialiria già pubblicata da quest'ultima. E' rivolta alla lista "Potere al popolo" sui temi della guerra e dell'imperialismo. F.S.  Cari...
Notizia del:

Repubblica, che figuraccia! Sull'Osservatorio siriano dei diritti umani ora cambia titolo e contenuti dell'articolo

  Un Annuario delle Figuracce della Stampa? Non sappiamo se esista, ma – se lo è - l’articolo double-face di Repubblica sull’Osservatorio dei diritti umani in Siria, certamente,...
Notizia del:

(VIDEO) Armi di Distrazione di Massa: il caso del sacchetti biodegradabili

Armi di Distrazione di Massa: il caso del sacchetti biodegradabili   F.S. **
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa