/ Perfino il New York Times accusa la CNN e BuzzFeed di diffondere ...

Perfino il New York Times accusa la CNN e BuzzFeed di diffondere "Fake News" sulla Russia e Trump

Perfino il New York Times accusa la CNN e BuzzFeed di diffondere Fake News sulla Russia e Trump
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La Cnn e Buzzfeed, la coppia più bella del mondo in materia di fake news, ne ha combinata un’altra rilasciando un documento “preparato da un ufficiale dell’intelligence britannico” secondo cui il governo russo sarebbe in possesso di prove che testimonierebbero come Donald Trump avrebbe dormito al Ritz Carlton di Mosca (17mila euro a notte) e ingaggiato prostitute affinché urinassero sul letto in cui dormirono Barack e Michelle Obama, che Putin ''odia''.
 

Sul livello ormai scadente delle fabbriche di fake news e complotti poco ci sarebbe da aggiungere. La notizia la riportiamo perché l’elemento interessante questa volta è la spaccatura interna al circo mediatico. Per il New York Times, altro noto diffusore di fake news, il livello raggiunto da Cnn e Buzzfeed è però troppo. In un articolo dal titolo "BuzzFeed Posts Unverified Claims on Trump, Stirring Debate" di fatto accusa la CNN e BF  di essere veicoli di notizie false.
 

 Nell’articolo del New York Times si scrive:

"I rapporti della CNN e Buzzfeed sono stati inviati anche ad altri organi di informazione, tra cui il New York Times e il Washington Post, e comprendevano descrizioni generalizzate di accuse non verificate su Trump. Martedì, solo BuzzFeed aveva pubblicato il documento completo. La decisione di BuzzFeed, oltre alle conseguenze politiche immediate per un presidente eletto che deve giurare tra 10 giorni, accelera il dibattito sul ruolo e la credibilità dei media tradizionali nell'era dell'informazione polarizzata di oggi.
Di particolare interesse è stato l'uso di informazioni prive di fondamento da fonti anonime, una pratica che ha alimentato alcune delle cosiddette notizie false - false voci spacciate come legittimo giornalismo - che sono proliferate durante le elezioni presidenziali".

 

La critica del Nyt passa poi al “giornalismo” della CNN che ha dichiarato di aver rivisto tutte e 35 le pagine della memo e di aver parlato con “varie fonti del governo” prima di pubblicare il rapporto. Il NYT precisa che: "in una breve intervista al Times, Dean Baquet, l’executive editor del Times, ha dichiarato che il giornale non avrebbe pubblicato il documento perché le accuse erano totalmente senza fondamento. Noi, come altri, investigate le accuse e non avendole corroborate, abbiamo deciso di non pubblicarle”.


Ma per BuzzFeed no. Per la CNN no. Il rapporto era di quelli che andava spacciato per “scoop”.


Non è stato il NYT a non pubblicare il rapporto. Molti altri giornalisti hanno denunciato sui social media di aver ricevuto il rapporto e di aver deciso di non pubblicarlo per assenza di prove.  “Una persona anonima, che ha affermato di essere un ex spia britannica, ha dichiarato che persone anonime dichiarassero fatti”, ha scritto Glenn Greenwald.

I curatori del blog Lawfare, che si occupano di sicurezza interna, hanno scritto di essere in possesso del documento da settimane ma di aver optano per non pubblicarlo per assenza di prove.

John Podhoretz è ancora più duro: "In un momento in cui i giornalisti sono sul piede di guerra sulle " false notizie ", ciò che BuzzFeed ha fatto qui è portare una notizia falsa ad un nuovo livello”.


In Italia chiaramente tutti i giornali hanno pubblicato il rapporto e lo hanno fatto passare come notizia. Ma da noi si sa non c’è limite neanche alla vergogna. Quest’ultima “notizia”, che ha superato il limite della decenza anche per gran parte del circo mediatico, dimostra come il mondo dell’informazione tradizionale sia assolutamente non credibile.

 

P.s Grazie al blog Zero Hedge, uno di quelli che il Washington Post aveva inserito nella lista di proscrizione da censurare, scopriamo che il rapporto di Buzzfeed era in realtà uno  scherzo ordito da 4Chan che voleva raggirare non solo la CNN e BuzzFeed, ma le agenzie di intelligence degli Stati Uniti, inventando la scena delle "docce d'oro" e dell’”urina sul letto di Obama da parte delle prostitute di Trump”. Se fosse confermato, la fiducia nei media tradizionali si disintegrerà completamente.

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, perseverare è diabolico

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”

I riflettori del mondo sono puntati sul diciannovesimo congresso del Partito Comunista Cinese e il motivo è fin troppo semplice: la politica di Pechino non riguarda più solo la Cina ma...
Notizia del:

Khamenei: "Non perdo il mio tempo a rispondere alle fesserie del maleducato presidente degli Stati Uniti".

L’ayatollah sull'accordo nucleare: "Se gli Usa lo rompono, l'Iran lo triterà"

Il leader supremo iraniano, l’ayatollah Alí Khamenei ha assicurato questo mercoledì che il...
Notizia del:

Raqqa, tra propaganda USA/CURDA e anomalie: il reale peso della liberazione nella guerra in Siria

di Stefano Orsi Sono molti mesi che prosegue questo lungo e sanguinoso assedio alla città di Raqqa, città siriana, eletta anni fa a capitale dell'allora Califfato o Isis o Daesh,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze irachene liberano i confini con la Siria e l'Iran dalla presenza dei curdi

Le forze irachene continuano ad avanzare rapidamente contro le milizie curde e assumono il controllo di diverse zone di confine del paese.

Come riportato dal sito 'Al masdar News',la Polizia Federale irachena, sostenuta da forze pro-governative...
Notizia del:     Fonte: http://nsarchive.gwu.edu

Svelati documenti che confermano la complicità degli USA nel massacro di 500.000 comunisti indonesiani

I documenti non classificati rivelano il sostegno statunitense all'esercito indonesiano per eliminare il Partito Comunista Indonesiano (PKI) tra il 1965 e il 1966.

La National Security Archive dell'Università George Washington, ha reso pubblico ieri un totale di...
Notizia del:

La tesi del “fine del comunismo” e il 19° congresso del Partito Comunista Cinese

di Fausto Sorini Intervento al Forum «Cina e Ue. I nodi politici ed economici nell’orizzonte della “nuova via della seta” e di una “nuova mondializzazione”»,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa