/ Perfino il New York Times accusa la CNN e BuzzFeed di diffondere ...

Perfino il New York Times accusa la CNN e BuzzFeed di diffondere "Fake News" sulla Russia e Trump

Perfino il New York Times accusa la CNN e BuzzFeed di diffondere Fake News sulla Russia e Trump
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La Cnn e Buzzfeed, la coppia più bella del mondo in materia di fake news, ne ha combinata un’altra rilasciando un documento “preparato da un ufficiale dell’intelligence britannico” secondo cui il governo russo sarebbe in possesso di prove che testimonierebbero come Donald Trump avrebbe dormito al Ritz Carlton di Mosca (17mila euro a notte) e ingaggiato prostitute affinché urinassero sul letto in cui dormirono Barack e Michelle Obama, che Putin ''odia''.
 

Sul livello ormai scadente delle fabbriche di fake news e complotti poco ci sarebbe da aggiungere. La notizia la riportiamo perché l’elemento interessante questa volta è la spaccatura interna al circo mediatico. Per il New York Times, altro noto diffusore di fake news, il livello raggiunto da Cnn e Buzzfeed è però troppo. In un articolo dal titolo "BuzzFeed Posts Unverified Claims on Trump, Stirring Debate" di fatto accusa la CNN e BF  di essere veicoli di notizie false.
 

 Nell’articolo del New York Times si scrive:

"I rapporti della CNN e Buzzfeed sono stati inviati anche ad altri organi di informazione, tra cui il New York Times e il Washington Post, e comprendevano descrizioni generalizzate di accuse non verificate su Trump. Martedì, solo BuzzFeed aveva pubblicato il documento completo. La decisione di BuzzFeed, oltre alle conseguenze politiche immediate per un presidente eletto che deve giurare tra 10 giorni, accelera il dibattito sul ruolo e la credibilità dei media tradizionali nell'era dell'informazione polarizzata di oggi.
Di particolare interesse è stato l'uso di informazioni prive di fondamento da fonti anonime, una pratica che ha alimentato alcune delle cosiddette notizie false - false voci spacciate come legittimo giornalismo - che sono proliferate durante le elezioni presidenziali".

 

La critica del Nyt passa poi al “giornalismo” della CNN che ha dichiarato di aver rivisto tutte e 35 le pagine della memo e di aver parlato con “varie fonti del governo” prima di pubblicare il rapporto. Il NYT precisa che: "in una breve intervista al Times, Dean Baquet, l’executive editor del Times, ha dichiarato che il giornale non avrebbe pubblicato il documento perché le accuse erano totalmente senza fondamento. Noi, come altri, investigate le accuse e non avendole corroborate, abbiamo deciso di non pubblicarle”.


Ma per BuzzFeed no. Per la CNN no. Il rapporto era di quelli che andava spacciato per “scoop”.


Non è stato il NYT a non pubblicare il rapporto. Molti altri giornalisti hanno denunciato sui social media di aver ricevuto il rapporto e di aver deciso di non pubblicarlo per assenza di prove.  “Una persona anonima, che ha affermato di essere un ex spia britannica, ha dichiarato che persone anonime dichiarassero fatti”, ha scritto Glenn Greenwald.

I curatori del blog Lawfare, che si occupano di sicurezza interna, hanno scritto di essere in possesso del documento da settimane ma di aver optano per non pubblicarlo per assenza di prove.

John Podhoretz è ancora più duro: "In un momento in cui i giornalisti sono sul piede di guerra sulle " false notizie ", ciò che BuzzFeed ha fatto qui è portare una notizia falsa ad un nuovo livello”.


In Italia chiaramente tutti i giornali hanno pubblicato il rapporto e lo hanno fatto passare come notizia. Ma da noi si sa non c’è limite neanche alla vergogna. Quest’ultima “notizia”, che ha superato il limite della decenza anche per gran parte del circo mediatico, dimostra come il mondo dell’informazione tradizionale sia assolutamente non credibile.

 

P.s Grazie al blog Zero Hedge, uno di quelli che il Washington Post aveva inserito nella lista di proscrizione da censurare, scopriamo che il rapporto di Buzzfeed era in realtà uno  scherzo ordito da 4Chan che voleva raggirare non solo la CNN e BuzzFeed, ma le agenzie di intelligence degli Stati Uniti, inventando la scena delle "docce d'oro" e dell’”urina sul letto di Obama da parte delle prostitute di Trump”. Se fosse confermato, la fiducia nei media tradizionali si disintegrerà completamente.

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Partito comunista siriano unificato: "Giù le mani dal nostro paese"

Nel gruppo degli aggressori, dobbiamo elencare, oltre a Europa e Stati uniti, Arabia saudita, Qatar, Turchia, Israele, Bahrein e altri stati reazionari, colonialisti e sionisti. E naturalmente tutte le fazioni terroriste armate, al lavoro contro la popolazione e le infrastrutture del paese. La cosiddetta “opposizione” che ha appoggiato l’attacco statunitense contro la Siria fa parte della categoria di chi vende la patria per i dollari e i rial.

  Comunicato del Partito comunista siriano unificato Dal giornale elettronico “Nur” Traduzione...
Notizia del:

25 aprile. Un corteo di popolo celebra il 25 Aprile, senza il Pd e l’arroganza dei sionisti

di Sergio Cararo* - Direttore di Contropiano Un corteo di popolo, lungo, affollato, partecipato oltre ogni aspettativa. E tra la gente circola una battuta al vetriolo: “Come si è saputo...
Notizia del:

Maggio 2013, Del Grande e Radio 3: i terroristi in Siria (Al Nusra) "sono il numero 1 dell'onestà."

Del Grande ha confezionato una serie “Syria Calling, voci dalla guerra”, trasmessa su Radio 3 dal 27 al 31 maggio 2013. Si racconta la rivoluzione siriana. Poi per chiudere in bellezza, nell’ultima puntata viene riportata la testimonianza di un generale dell’Esercito Siriano Libero che tesse le lodi dell’organizzazione terroristica Al Nusra, perché “sono il numero 1 dell’onestà, non hanno mai rubato nulla. Apprezzo il loro modo di trattare i civili”.

  Dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche, rientra in Italia Gabriele Del Grande. Un...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:

Abbiano almeno il pudore di tacere, certi antifascisti a corrente alternata! 

di Mauro Gemma In Ucraina i nazisti sono al potere, con il sostegno anche del governo PD. Là si incarcera, si tortura e anche si uccide chi la pensa diversamente. Si mettono fuori legge partiti...
Notizia del:

Novaja Gazeta contro Ramzan Kadyrov

di Fabrizio Poggi Un po' di cronistoria. Lo scorso 1 aprile Novaja Gazeta scriveva di “arresti in massa e crudeltà in Cecenia nei confronti di persone sospettate di orientamenti sessuali...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Perché l'OPCW non indaga sugli attacchi chimici in Siria?

La Russia definisce 'insolita' la decisione dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) di non indagare sui presunti attacchi chimici in Siria.

"È insolito perché la decisione non prevede altro che un'indipendente, imparziale e trasparente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa