/ Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un ma...

Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un massacro in Messico

Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un massacro in Messico
 

Un reportage della giornalista vincitrice del premio Pulitzer, Ginger Thopson ha rivelato come la perdita delle informazioni ottenute dalla DEA, agenzia anti droga USA, provocò un massacro dei narcotrafficanti in Messico nel 2011.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Nel 2011, quando un agente della Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, DEA, ottenne i numeri di telefono che identificavano i leader del potente cartello Los Zetas mai si poteva pensare che avrebbero potuto generare un massacro.
 
Tra il 18 e il 20 marzo dello stesso anno, i membri del cartello Los Zetas avevano massacrato decine di persone, donne, anziani e bambini dalla città di bovini di Allende, 23.000 abitanti che si trova a 40 minuti dal confine del Messico con il Texas.
 
Il caso, conosciuto in Messico 2014 da un articolo del settimanale 'Proceso', è di nuovo salito alla ribalta nel paese a causa di un'indagine da parte della giornalista Ginger Thompson, vincitrice del Pulitzer, che mostra la gravità degli eventi del 2011, in particolare la responsabilità dei membri del DEA nello scatenare il massacro.
 
Il reportage intitolato 'Anatomia di un massacro' è stato pubblicato il 12 giugno scorso su 'ProPublica' e 'National Geographic', risultato di un anno di lavoro in cui ha realizzato le interviste con gli agenti della polizia messicana, ex membri di Los Zetas e parenti del vittime di quegli eventi.
 
La responsabilità della DEA
 
Thompson racconta la storia che tre settimane prima della carneficina, l'agente Richard Martínez convinse uno spacciatore Texas soprannominato José Vázquez Jr., 'El Diablo', di cooperare con lui per catturare i boss e Miguel i Omar Treviño, soprannominati 'La Z40' e 'The Z42'.
 
'El Diablo' diede i numeri di telefono per rintracciarli all'agente della DEA, ma lo avvertì che molte persone sarebbero morte se solo li avesse inviati alle autorità messicane.
 
Eppure, alti funzionari della DEA decisero di condividere l'informazione con la Polizia Federale di Città del Messico. Quindi, l'informazione arrivo ai fratelli Trevino, che si vendicarono terribilmente.
 
Demolizione di case, saccheggi, sequestri di persone innocenti e fattorie in fiamme si verificarono adn Allende dal
18 al 20 marzo 2011.
 
Intere famiglie furono perseguitate dai Trevino, soprattutto quelli che portavano il cognome Garza, che secondo i carnefici avrebbero fornito le informazioni. Dopo si è scoperto che tutta la famiglia Garza non aveva nulla a che fare con questa storia, ma due dozzine di membri della stessa furono trucidati in quei giorni.
 
Secondo i dati ufficiali, Los Zetas uccisero 28 persone in totale. Anche se diverse organizzazioni dei diritti umani parlano di oltre 300 vittime.
 
"Volevo i numeri. Volevamo catturare i leader dei Los Zetas. Ho pensato che questi numeri ci avrebbero dato le migliori possibilità di trovarli," ha racconato Martinez alla giornalista nordamericana.
 

 
"Preferisco non dire altro"
 
"Come mi ha fatto sentire il fatto che le informazioni erano trapelate? Preferisco non dirlo, per essere onesti con voi. Vorrei lasciare stare. Preferisco non dire altro", ha dichiarato l'agente Richard Martínez durante l'intervista con Thompson.
 
Mentre i Trevino sono stati catturati nel 2013 e il 2015 con l'assistenza della DEA, la punizione di tutti i responsabili è di gran lunga lontana dall'essere raggiunta, in quanto fino ad oggi meno di 12 persone sono state arrestate e la maggior parte sono della polizia locale.
 
Alla fine della sua intervista con la giornalista, l'agente di Martinez ha evidenziato una visione critica di ciò che è accaduto. "le  ho detto questo era una porcheria. Le cose non dovevano andare così. Le informazioni ci avrebbero aiutato a catturare questi, ma per il modo in cui hanno gestito tutto è crollato. E fu tutto un caos sanguinoso."
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: https://www.propublica.org www.proceso.com
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Abbas a Putin: Gli USA non siano l'unico mediatore nel conflitto con Israele

Arrabbiato dai recenti passi di Washington a favore di Israele, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha espresso la sua opposizione all'omologo russo Vladimir Putin nei riguardi degli Stati Uniti come unico mediatore nei negoziati di pace con il regime Tel Aviv.

"In questo ambiente, prodotto delle azioni degli Stati Uniti, dichiariamo che da questo momento ci rifiutiamo...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: L'ISIS usa base USA per salvarsi dall'esercito siriano

La Russia torna a denunciare la presenza illegale degli Stati Uniti in Siria che, lungi dal contribuire alla sconfitta del gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo), gli prepara una zona sicura nlla sua base nel paese, facilitando così la sua fuga dall'esercito siriano.

"L'ISIS si sente a proprio agio ad Al-Tanf (che si trova vicino al confine con la Giordania e l'Iraq),"...
Notizia del:     Fonte: http://www.redstar.ru

Siria, gli Stati Uniti hanno fatto crollare di proposito un ponte costruito dai militari russi

Gli esperti siriani ritengono che le serrature di una diga vicina siano state aperte con lo scopo deliberato di distruggere il ponte costruito dagli ingegneri russi.

Un'indagine condotta da specialisti siriani ha stabilito che la distruzione, il 7 gennaio scorso, di un ponte...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Ghouta, le solite fake news di regime come su Aleppo (oggi finalmente libera dai terroristi)

di Mauro Gemma La Siria sovrana è nuovamente sotto attacco mediatico, in attesa di una nuova aggressione dei banditi con la bandiera a tre stelle, sostenuti dalle potenze imperialiste e dai...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "M5S e Potere al Popolo devono tenere duro e arriveranno al potere"

di Francesco Erspamer* Se non ci fosse il M5S e se non fosse tatticamente essenziale sostenerlo per provare a far fuori in una volta sola Renzi e Berlusconi, voterei Potere al popolo. Di conseguenza...
Notizia del:

Stati canaglia contro il Venezuela: ecco chi è l'Asse del male oggi

  di Geraldina Colotti - editoriale di Radio Revolucion   Un gruppo di stati canaglia cerca di stroncare il processo di integrazione latinoamericano guidato da Cuba e Venezuela. E...
Notizia del:     Fonte: Sputnik - Ruptly

VIDEO. I curdi ribadiscono che l'offensiva turca non ha impedito all'esercito siriano di arrivare ad Afrin

I bombardamenti effettuati dall'aviazione militare turca contro il Cantone siriano di Afrin non è riuscito a impedire l'ingresso dell'esercito siriano o costringerlo a ritirarsi, hanno riferito le Unità di Protezione Popolare curde.

In dichiarazioni rese oggi all'agenzia di stampa russa Sputnik, il portavoce del YPG, Reizan Hedu, ha negato...
Notizia del:     Fonte: CNN

Siria, le armi consegnate dagli Stati Uniti all'opposizione sono finite in vendita su Internet

I terroristi schierati nel nord della Siria vendono fucili d'assalto M-16 prodotti negli Stati Uniti su Internet che erano stati forniti alla cosiddetta opposizione moderata in Siria, secondo la CNN.

La CNN ieri ha raccontato che i suoi giornalisti hanno contattato un residente di Idlib via Telegram fingendosi...
Notizia del:

Ucraina, Petro Porosenko “legalizza” l'aggressione al Donbass

di Fabrizio Poggi Nel tardo pomeriggio di ieri, forze ucraine hanno attaccato l'area di Kalinovo, nella Repubblica popolare di Lugansk, con l'impiego di mortai pesanti da 120 mm e artiglieria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa