/ Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un ma...

Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un massacro in Messico

Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un massacro in Messico
 

Un reportage della giornalista vincitrice del premio Pulitzer, Ginger Thopson ha rivelato come la perdita delle informazioni ottenute dalla DEA, agenzia anti droga USA, provocò un massacro dei narcotrafficanti in Messico nel 2011.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Nel 2011, quando un agente della Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, DEA, ottenne i numeri di telefono che identificavano i leader del potente cartello Los Zetas mai si poteva pensare che avrebbero potuto generare un massacro.
 
Tra il 18 e il 20 marzo dello stesso anno, i membri del cartello Los Zetas avevano massacrato decine di persone, donne, anziani e bambini dalla città di bovini di Allende, 23.000 abitanti che si trova a 40 minuti dal confine del Messico con il Texas.
 
Il caso, conosciuto in Messico 2014 da un articolo del settimanale 'Proceso', è di nuovo salito alla ribalta nel paese a causa di un'indagine da parte della giornalista Ginger Thompson, vincitrice del Pulitzer, che mostra la gravità degli eventi del 2011, in particolare la responsabilità dei membri del DEA nello scatenare il massacro.
 
Il reportage intitolato 'Anatomia di un massacro' è stato pubblicato il 12 giugno scorso su 'ProPublica' e 'National Geographic', risultato di un anno di lavoro in cui ha realizzato le interviste con gli agenti della polizia messicana, ex membri di Los Zetas e parenti del vittime di quegli eventi.
 
La responsabilità della DEA
 
Thompson racconta la storia che tre settimane prima della carneficina, l'agente Richard Martínez convinse uno spacciatore Texas soprannominato José Vázquez Jr., 'El Diablo', di cooperare con lui per catturare i boss e Miguel i Omar Treviño, soprannominati 'La Z40' e 'The Z42'.
 
'El Diablo' diede i numeri di telefono per rintracciarli all'agente della DEA, ma lo avvertì che molte persone sarebbero morte se solo li avesse inviati alle autorità messicane.
 
Eppure, alti funzionari della DEA decisero di condividere l'informazione con la Polizia Federale di Città del Messico. Quindi, l'informazione arrivo ai fratelli Trevino, che si vendicarono terribilmente.
 
Demolizione di case, saccheggi, sequestri di persone innocenti e fattorie in fiamme si verificarono adn Allende dal 18 al 20 marzo 2011.
 
Intere famiglie furono perseguitate dai Trevino, soprattutto quelli che portavano il cognome Garza, che secondo i carnefici avrebbero fornito le informazioni. Dopo si è scoperto che tutta la famiglia Garza non aveva nulla a che fare con questa storia, ma due dozzine di membri della stessa furono trucidati in quei giorni.
 
Secondo i dati ufficiali, Los Zetas uccisero 28 persone in totale. Anche se diverse organizzazioni dei diritti umani parlano di oltre 300 vittime.
 
"Volevo i numeri. Volevamo catturare i leader dei Los Zetas. Ho pensato che questi numeri ci avrebbero dato le migliori possibilità di trovarli," ha racconato Martinez alla giornalista nordamericana.
 

 
"Preferisco non dire altro"
 
"Come mi ha fatto sentire il fatto che le informazioni erano trapelate? Preferisco non dirlo, per essere onesti con voi. Vorrei lasciare stare. Preferisco non dire altro", ha dichiarato l'agente Richard Martínez durante l'intervista con Thompson.
 
Mentre i Trevino sono stati catturati nel 2013 e il 2015 con l'assistenza della DEA, la punizione di tutti i responsabili è di gran lunga lontana dall'essere raggiunta, in quanto fino ad oggi meno di 12 persone sono state arrestate e la maggior parte sono della polizia locale.
 
Alla fine della sua intervista con la giornalista, l'agente di Martinez ha evidenziato una visione critica di ciò che è accaduto. "le  ho detto questo era una porcheria. Le cose non dovevano andare così. Le informazioni ci avrebbero aiutato a catturare questi, ma per il modo in cui hanno gestito tutto è crollato. E fu tutto un caos sanguinoso."
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: https://www.propublica.org www.proceso.com
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Raqqa nella mani di USA e Arabia Saudita: "Il 'regime' siriano non metterà più piede qui"

Come era prevedibile, una volta liberata dall'ISIS, il destino di Raqqa sembra quello di cadere nelle mani degli USA che chiudono ogni accesso alla città al governo siriano.

In un incontro a Raqqa con il Consiglio civile nella città di Ain Issa, Brett McGurk, l'inviato degli...
Notizia del:     Fonte: AFP

L'Occidente pronto ad accusare Damasco per l'uso di armi chimiche senza valutare tutte le prove e Mosca minaccia il veto all'ONU

La Russia minaccia di negare il proprio consenso al rinnovo del mandato, previsto a novembre, per gli esperti di armi chimiche dell'ONU e dell'OPCW che indagano sugli attacchi in Siria.

Secondo l'AFP, questo rinnovamento è soggetto a una resa dei conti nel Consiglio di Sicurezza tra...
Notizia del:

«Distruggere e disarticolare»: Il vero obiettivo di Donald Trump in Messico

L'obiettivo è finire di distruggere e smantellare l'economia messicana per convertirla in un semplice appendice marginale e mal remunerata di Wall Street

di John M. Ackerman - RT   Enrique Peña Nieto e Luis Videgaray sono pronti a firmare qualsiasi...
Notizia del:

Cosa aspetta l'Unione Europea a riconoscere le elezioni regionali in Venezuela?

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

La stampa italiana parla di brogli in Venezuela, la prof. Riccio denuncia: «Giornalismo senza etica»

La docente di Lingua e Letterature ispano-americane presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli ai microfoni de l'AntiDiplomatico evidenzia inoltre come Maduro sia un «uomo politico di grande taglia»

di Fabrizio Verde   All’indomani della netta vittoria ottenuta dal Partito Socialista Unito del...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

La Cina ribadisce sostegno all'Unesco dopo uscita degli Stati Uniti

«La Cina spera che tutte le nazioni contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione mondiale per promuovere la cooperazione scientifica, educativa e culturale, così come la comprensione tra le differenti civiltà»

  Il governo della Repubblica Popolare Cinese ha ribadito il proprio sostegno all’Organizzazione delle...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Maduro denuncia azioni di Facebook e Instagram contro il governo venezuelano

Nicolás Maduro inoltre ha affermato che l'ultimo processo elettorale per il rinnovo dei governatori è stato libero e finanche a vantaggio dei partiti dell'opposizione

  Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha affermato che l'ultimo processo elettorale per il...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'Esercito siriano verso importante successo contro al Qaeda nel Golan e, di nuovo, l'aviazione israeliana lo attacca

La forza aerea israeliana ha bombardato l'esercito siriano all'interno delle alture del Golan, questa sera, con la solita giustificazione di essere stata attaccata.

Secondo la 90esima Brigata dell'esercito siriano, citata dal portale di notizie 'Al Masdar News',...
Notizia del:

Raqqa nella mani di USA e Arabia Saudita: "Il 'regime' siriano non metterà più piede qui"

Come era prevedibile, una volta liberata dall'ISIS, il destino di Raqqa sembra quello di cadere nelle mani degli USA che chiudono ogni accesso alla città al governo siriano.

In un incontro a Raqqa con il Consiglio civile nella città di Ain Issa, Brett McGurk, l'inviato degli...
Notizia del:

Alberto Negri - I sonnambuli europei, George Orwell e la Catalogna

Foto: Orwell nella milizia del P.O.U.M., sul fronte di Aragona. Orwell è l'uomo alto al centro. In basso accanto a lui, sua moglie Eileen O'Shaughnessy, che lo seguì in Spagna. Così...
Notizia del:

Turismo e alloggio a Cuba: le bufale di Deutsche Welle smentite una a una

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación (traduzione di Francesco Monterisi) Le cifre relative alla crescita del turismo a Cuba sono eloquenti: per la fine del 2017 si prevede...
Notizia del:     Fonte: AFP

L'Occidente pronto ad accusare Damasco per l'uso di armi chimiche senza valutare tutte le prove e Mosca minaccia il veto all'ONU

La Russia minaccia di negare il proprio consenso al rinnovo del mandato, previsto a novembre, per gli esperti di armi chimiche dell'ONU e dell'OPCW che indagano sugli attacchi in Siria.

Secondo l'AFP, questo rinnovamento è soggetto a una resa dei conti nel Consiglio di Sicurezza tra...
Notizia del:     Fonte: Newsweek

Newsweek: Gli Stati Uniti hanno perso la guerra in Siria

Nonostante i cambiamenti costanti, date le circostanze, tutti i piani statunitensi sono falliti in Siria. La Russia e l'Iran sono i vincitori di questa guerra.

"Molto è cambiato da quando, nel 2012, l'allora presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa