/ "Prenderemo i nomi". Poveri Stati Uniti, ridotti all段mitazione d...

"Prenderemo i nomi". Poveri Stati Uniti, ridotti all段mitazione di don Vito Corleone

Prenderemo i nomi. Poveri Stati Uniti, ridotti all段mitazione di don Vito Corleone
 

"Il presidente osserver attentamente questa votazione e mi ha chiesto di riferire su coloro che voteranno contro di noi"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



Il mondo è complicato, ma non fa completamente schifo. Il problema vero è che chi domina si comporta come un mafioso.
 

Di che parliamo?


L’Assemblea generale dell’Onu voterà domani, giovedì 21 dicembre, in sessione straordinaria, la risoluzione presentata dall’Egitto in Consiglio di sicurezza e bocciata a causa del veto Usa, che condanna la decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele.


E’ una risoluzione formale, che in teoria dovrebbe costringere Usa e Israele a non andare avanti su questa strada. Ma naturalmente quei due se ne fottono di qualsiasi risoluzione Onu, a meno che non torni utile a bombardare il loro nemico di turno (lo bombardano, comunque, anche senza il beneplacito della “comunità internazionale”).


Gli Usa rischiano un nuovo e pesante isolamento, dopo quello subito in consiglio di sicurezza, dove gli altri 14 membri hanno votato a favore.


Potrebbero fare come sempre, insomma, e continuare a fare quel che vogliono. Ma gli Stati Uniti di Trump hanno deciso che bisognava fare qualcosa che li distinguesse da quelli “mollaccioni” delle presidenze precedenti.


L’ambasciatrice Usa all’Onu, Nikki Haley, ha perciò twittato una minaccia. “All’Onu – ha scritto – ci chiedono sempre di fare e donare di più. Quindi, quando prendiamo la decisione, su volontà del popolo americano, su dove collocare la nostra ambasciata, non ci aspettiamo di essere presi di mira da quelli che abbiamo aiutato. Giovedì ci sarà un voto che critica la nostra scelta. Gli Usa prenderanno i nomi“.


Che gli Stati Uniti schedino amici e nemici è risaputo (ha avuto di che lamentarsi anche Angela Merkel, nei giorni del Datagate, dopo le rivelazioni di Edward Snowden). Ma mettere sul piatto, nero su bianco, la minaccia di ritorsione verso tutti i paesi del mondo che ritengono la scelta su Gerusalemme un incentivo alla guerra, è quella che ne Il padrino veniva definita “una proposta che non si può rifiutare”.

Poveri Stati Uniti, ridotti all’imitazione di don Vito Corleone…

Redazione di Contropiano

....................................................................................................................................

AGGIORNAMENTO

L'ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite ha avvertito gli stati membri dell'Organizzazione che riferirà personalmente a Donald Trump sull'esito del voto sulla decisione Usa di ricoscere Gerusalemme capitale d'Israele. Ogni voto distorto alla decisione degli Stati Uniti verranno segnalati al Presidente Trump che "seguirà molto attentamente il voto". L'avvertimento è contenuto in una lettera apparentemente minacciosa che precede la sessione straordinaria dell'Assemblea generale sullo status di Gerusalemme prevista giovedì. Lo riporta il quotidiano Haaretz.



"Mentre valuti come votare, ti faccio sapere che il presidente e gli Stati Uniti prende questo voto sul personale", ha scritto in questa lettera la Haley secondo il giornale israeliano. "Il presidente osserverà attentamente questa votazione e mi ha chiesto di riferire su coloro che voteranno contro di noi", ha aggiunto.

  
 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzer"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzer.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici pi elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verit la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato pi di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra tre volte pi grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorit alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodrguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: Rai al-Youm

"Gli Stati Uniti, con il supporto di Israele, non stanno cercando di sconfiggere l'ISIS ma creare uno stato curdo"

Gli Stati Uniti, in collaborazione con il regime israeliano, fin dall'inizio hanno avuto l'intenzione di creare uno stato curdo che sarebbe servito come base militare 'permanente' di Washington nella regione sud-occidentale come alternativa alla base militare turca di Incirlik.

Nell'articolo del quotidiano arabo 'Rai al-Youm' si evidenzia come l'intervento degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Defense News

Gli USA, senza il consenso di Damasco, competono con la Russia nella costruzione di nuove basi in Siria

Gli Stati Uniti e la Russia si sono impegnati in una "corsa" per creare basi militari in Siria, perseguendo obiettivi diversi e quindi aumentando la loro influenza e la presenza militare nel paese arabo devastato da quasi 7 anni di guerra per procura, afferma un media statunitense.

In un articolo pubblicato ieri, il portale di notizie 'Defense News' ha sottolineato che Washington mantiene...
Le pi recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzer"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzer.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuter di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare cos importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parler della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualit di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorit palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinit.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perch dei bambini: perch la Turchia ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
Notizia del:

Le strategie dell'imperialismo in Africa Australe: le sfide di Sudafrica, Zimbabwe, Angola e Mozambico

di Carlos Lopes Pereira da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese Traduzione di Marx21.it In Africa Australe sono in corso sviluppi della situazione in...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella citt di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa