/ Prima sostenuti e ora temuti: i "foreign fighters" tagliagola che...

Prima sostenuti e ora temuti: i "foreign fighters" tagliagola che dalla Siria tornano in Europa

Prima sostenuti e ora temuti: i foreign fighters tagliagola che dalla Siria tornano in Europa
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Davvero improbabile, come afferma Le Figaro, che migliaia di Foreign fighters partiti dalla Francia per andare a combattere in Siria, per un “disguido burocratico” continuassero a ricevere mensilmente l’indennità di disoccupazione. Più verosimile è che, essendo inviati in Siria dalla Francia, questa provvedeva, (come già faceva la Danimarca) a garantire ad essi, oltre ad armi e impunità, anche qualche extra.



 

Ma questa è storia di ieri.


Ridotti allo sbando dall’avanzata dell’esercito siriano e irakeno, migliaia di tagliagole (come documentato in questo dettagliato Report) stanno ritornando in Europa suscitando un ipocrita “allarme” nei governi e nei media che li avevano finora coccolati. E fervono le proposte per impedire che questi terroristi - se non altro, per costringere i governi europei a rispettare i patti – uccidano anche qui da noi.


Proposte davvero bizzarre, come quella di Gilles DeKerchove, Coordinatore antiterrorismo dell’Unione Europea: reintegrarli nella nostra società come si trattasse di tossicodipendenti (“Quando questi combattenti torneranno in Europa dovremo inevitabilmente reintegrarli e offrire loro una nuova alternativa di vita, poiché non potremo chiuderli tutti nelle carceri”).


Un posto di prima classe sulle navi delle ONG e una pensioncina? E, magari, pure un monumento per questi “eroi della libertà”, come proponeva il ministro belga degli Esteri. Non ci credete? Guardate questo video.

 

Francesco Santoianni

 

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Candidati al Premio migliore Bufala 2017. Lorenzin: "A Londra, per il morbillo sono morti centinaia di bambini"

  “Premio migliore Bufala del 2017” lanciato da L’Antidiplomatico; in lizza le dieci bufale più strombazzate quest’anno dai media mainstream: Qui il video riassuntivo:   1)...
Notizia del:

L'Unione Europea cerca "debunker" per scoprire le "fake news". Ecco come mandare il curriculum

Una sbalorditiva iniziativa dell’Unione Europea: nell’ambito di un programma della Commissione Europea “contro le notizie false “ istituisce una “Commissione di esperti...
Notizia del:

Studenti diffidate del decalogo "anti bufale" della Boldrini. In gioco c'è il vostro futuro

  Il costo è ancora imprecisato, ma saranno quattro milioni gli studenti italiani costretti a sorbirsi #bastabufale, l’iniziativa della Boldrini sulla quale già ci eravamo soffermati...
Notizia del:

Vaccinazioni obbligatorie. Mai sentito parlare del GAVI?

  Non è solo in Italia che si impongono nuove vaccinazioni obbligatorie. Succede anche negli Stati Uniti, in Francia e lo si sta pianificando in tanti altri paesi europei. Perché? Il...
Notizia del:

"5000". "4000". "1000". Ah no "500" scusate: basta questa domanda a mandare in crisi il Pentagono sulla Siria

Sulla surreale conferenza stampa del super-generale James Jarrard

    Vale la pena di dare una occhiata al video che abbiamo postato qui sotto (sintetizzando con...
Notizia del:

A quei compagni che non condividono il mio non omaggio alla Catalogna

Fa davvero rabbrividire vedere tanti nella “sinistra antagonista” continuare ad inneggiare ad una “indipendenza della Catalogna” che rischia oggi di sfociare in un’altra...
Notizia del:

Lo scandalo del Rapporto bufala dell’ONU sul “bombardamento con Sarin” a Khan Sheikhun.

  Ricordate il Rapporto dell’Human Right Council dell’ONU che, un mese fa, - basandosi su una “missione dell’OPAC” (l’Agenzia dell’ONU per la proibizione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa