/ "Quattro NO". La posizione di Russia e Cina contro l'interventism...

"Quattro NO". La posizione di Russia e Cina contro l'interventismo militare in Corea

Quattro NO. La posizione di Russia e Cina contro l'interventismo militare in Corea
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it


Il 12 settembre scorso, in Consiglio di sicurezza dell'ONU, Cina popolare e Russia hanno votato a favore del nuovo pacchetto di sanzioni nei confronti della Corea del Nord (parziale embargo sulla fornitura di petrolio, divieto di esportazione di prodotti tessili e di manodopera). Un voto favorevole che tuttavia – pur in presenza di una unanime condanna nei confronti delle sperimentazioni nucleari e missilistiche di Pyongyang – è stato accompagnato da dichiarazioni e interventi che, oltre ad “ammorbidire” le sanzioni stesse rispetto alla bozza statunitense, delineano una chiara convergenza degli approcci cinese e russo alla questione nordcoreana nella direzione di una soluzione pacifica.


Tale convergenza è stata riassunta con la formula dei “Quattro No”: no ad operazioni esterne finalizzate al cambio di regime, no al collasso del regime, no ad una unificazione accelerata della penisola coreana e no ad un dispiegamento militare statunitense oltre il 38° parallelo.


Pur opponendosi alla prospettiva di una Corea del Nord come prossimo Stato nucleare, ribadiscono che un simile sviluppo può essere bloccato ed evitato solo se a Pyongyang viene garantita piena sicurezza, visto il peso dei precedenti iracheno e libico. Inoltre smorzare la crisi ed allontanare ogni ipotesi di escalation militare significa anche evitare di fornire agli Stati Uniti un’occasione propizia per raggiungere obiettivi strategici in Asia orientale.

Da questo punto di vista la più delicata è senza dubbio la posizione della Cina per la quale, fin dagli inizi della politica di riforma e apertura, un ambiente internazionale pacifico è il tassello fondamentale per la riuscita del proprio programma di sviluppo economico e sociale e per la realizzazione del progetto strategico della nuova via della seta.

La crisi nella penisola coreana, in un contesto di crescente presenza militare statunitense e di rivitalizzazione di alleanze e collaborazioni militari che vedono proprio Washington al centro, ha già portato al dispiegamento in Corea del Sud del sistema anti-missilistico Thaad, e potrebbe dare una spinta maggiore al riarmo e alla normalizzazione militare del Giappone, e persino ad una diffusione nella regione di armi nucleari (si aggira in questi giorni lo spettro di un ritorno di armi nucleari tattiche statunitensi in Corea del Sud). Una prima conseguenza politica è già evidente e riguarda proprio la Corea del Sud (importante partner economico di Pechino), dove le speranze di una politica di apertura e di dialogo con il Nord (una riedizione della “Sunshine policy”), sostenute dall’arrivo al governo della coalizione “progressista” di Moon Jae-in, si sono assai affievolite anche se non del tutto come vedremo più avanti nell’affrontare la posizione russa.


Il sì cinese e l’affacciarsi di una ipotesi “interventista”

Le motivazioni del voto favorevole della Cina alle nuove sanzioni riprendono le posizioni tradizionali della diplomazia cinese quali la necessità di una soluzione politica, la ripresa dei colloqui a sei (Corea del Nord, Corea del Sud, Cina, Giappone, Stati Uniti e Russia) e, soprattutto, l’approccio della “doppia sospensione” secondo il quale la sospensione del programma nucleare da parte di Pyongyang deve essere accompagnata da quella delle esercitazioni militari su larga scala di Stati Uniti e Corea del Sud. E a questo si aggiunge anche la richiesta di smantellamento del sistema Thaad, considerato da Pechino una vera e propria spina nel proprio fianco.

Ad accompagnare la posizione ufficiale c’è però il manifestarsi di un dibattito sempre più pubblico e aperto sulla politica da adottare nei confronti del paese confinante; un dibattito dal quale emerge una crescente insofferenza negli ambienti più liberali che già da tempo chiedono una sorta di abbandono della Corea del Nord, da essi considerata ormai incontrollabile e fonte di continui problemi, e si pongono ora anche il problema di una cooperazione con Washington e Seoul e di un eventuale intervento di stabilizzazione e ricostruzione politica successivo ad un ipotetico attacco statunitense che porti al collasso dell’attuale governo.


Il sì russo e la prospettiva “integrazionista”

Diplomaticamente allineata con la Cina nella richiesta di una soluzione politica, la Russia ha al contempo delineato una fuoriuscita “infrastrutturale” dalla crisi coreana, tentando di ripristinare un dialogo tra gli attori interessati.

In occasione del recente Forum economico orientale di Vladivostok (6-7 settembre), Mosca e Seoul si sono dette favorevoli allo sviluppo di una “piattaforma commerciale trilaterale”, estesa quindi a Pyongyang, sostenuta da un progetto di connettività infrastrutturale tra Estremo oriente russo (quindi la massa continentale euroasiatica) e la penisola coreana. È quanto il primo ministro sudcoreano Moon Jae-in ha riassunto con la formula dei “Nove ponti di cooperazione” che comprenderebbero progetti congiunti nei settori ferroviario, della fornitura energetica, del trasporto marittimo e della cantieristica navale.





Se da un lato l’idea russa incontra il favore di una Seoul tagliata di fatto fuori via terra dalla Russia, dall’altro consentirebbe una progressiva integrazione commerciale (aperta anche al Giappone) della Corea del Nord e una ripresa del dialogo tra i Paesi interessati. La soluzione ipotizzata, quindi, è un collegamento via terra e via mare tra Mosca e Tokyo, passando attraverso le penisola coreana (progetto di ferrovia trans-coreana da collegare alla transiberiana) e congiungendo quest’ultima all’Unione economica euroasiatica. Resta da convincere il titubante regime nordcoreano.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorità alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Dopo l'attacco turco, nonostante le divergenze, l'esercito siriano permette ai curdi di inviare rinforzi ad Afrin

Dopo l'attacco turco al confine con la Siria, nonostante le divergenze con il PYD, l'esercito siriano ha permesso ai curdi il passaggio dei rinforzi da Aleppo ad Afrin.

Come ha riferito il portale di notizie, 'Al Masdar News', nonostante i disaccordi politici tra il governo...
Notizia del:     Fonte: Defense News

Gli USA, senza il consenso di Damasco, competono con la Russia nella costruzione di nuove basi in Siria

Gli Stati Uniti e la Russia si sono impegnati in una "corsa" per creare basi militari in Siria, perseguendo obiettivi diversi e quindi aumentando la loro influenza e la presenza militare nel paese arabo devastato da quasi 7 anni di guerra per procura, afferma un media statunitense.

In un articolo pubblicato ieri, il portale di notizie 'Defense News' ha sottolineato che Washington mantiene...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: SANA

Assad: Grazie all'appoggio dei suoi alleati e della Russia, la Siria ha sventato i complotti dell'Occidente

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha dichiarato che grazie alla collaborazione della Russia e dei suoi altri alleati, le vittorie del suo paese contro i terroristi hanno sventato i complotti dell'Occidente contro la Siria e contro la regione.

In una riunione tenutasi ieri con Alexander Lavrentiev - inviato speciale per il presidente russo Vladimir Putin...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: l'area intorno ad Al-Tanf, nel sud della Siria, è praticamente occupata dagli Stati Uniti

Le Forze statunitensi non consentono alle forze armate e alle autorità siriane di entrare nell'area, secondo il ministero degli Esteri russo.

La zona intorno alla base di Al-Tanf, nel sud della Siria, è de facto occupata dagli Stati Uniti, secondo...
Le più recenti da Tianxia
Notizia del:

Aziende statali cinesi: la "cura" pare funzionare

Nel 2017 i profitti totale delle imprese di proprietà dal governo centrale della Cina sono aumentati del 15,2% per una cifra pari a 1,4 trilioni di yuan (217,5 miliardi di dollari). Si tratta...
Notizia del:

Obiettivi nucleari e negoziati: Kim, altro che pazzia!

di Diego Angelo Bertozzi Lo si sosteneva da tempo ed era pure "razionalmente" intuibile: una volta raggiunti (anche se in parte) i propri obiettivi nucleari per garantire la messa in sicurezza...
Notizia del:

La posizione della Cina sulle manifestazioni in Iran

Mentre Trump spinge per il cambiamento di regime in Iran ("Il grande popolo iraniano è stato represso per molti anni. Sono affamati di cibo di libertà. Insieme ai diritti umani, anche...
Notizia del:

La Nuova Via della Seta cinese "laboratorio" per il futuro del trasporto

di Diego Angelo Bertozzi Jonathan Hillman (Center for Strategic International Studies di Washington) evidenzia come tutta l’iniziativa cinese, possa configurarsi come un “laboratorio...
Notizia del:

Pechino verso un nuovo 'soft power'?

  di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it La Cina “globale” ha prestato sempre più attenzione alla sua immagine, alla diffusione e alla promozione della propria cultura,...
Notizia del:

CINA E QUESTIONE PALESTINESE

di Diego Angelo Bertozzi  La decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, oltre ad affossare le speranze di vedere riconosciuta la Palestina (o meglio: l'insieme...
Notizia del:

L'incontro Trump-Xi e il soft power cinese

Il "soft power" secondo molti rappresenterebbe il tallone d'Achille della Cina popolare. Una mancanza che le impedirebbe di essere da ogni punto di vista una potenza globale. Vero o meno,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa