/ Robert Fisk: "Se Trump si preoccupa dei bambini siriani perché no...

Robert Fisk: "Se Trump si preoccupa dei bambini siriani perché non ha condannato anche il massacro di altri ragazzini ad opera dei "ribelli" ad Aleppo?"

Robert Fisk: Se Trump si preoccupa dei bambini siriani perché non ha condannato anche il massacro di altri ragazzini ad opera dei ribelli ad Aleppo?
 

Il noto reporter di guerra Robert Fisk denuncia la doppia morale dell'Occidente rispetto al conflitto siriano. Si chiede Fisk: "Decine di bambini sono stati uccisi in Siria questo fine settimana, ma dove è il grido di dolore del presidente degli Stati Uniti? Dove sono le denunce da parte dell'UE e del Regno Unito? L'Occidente deve reagire con la stessa indignazione quando sciiti sono le vittime del terrorismo. Oppure dobbiamo semplicemente disinteressarci?"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Qui l'articolo originale di Robert Fisk.
 
È stata la Madre di ogni ipocrisia. Alcuni bambini siriani morti contano, immagino. Altri bambini siriani morti non contano. Un omicidio di massa in Siria due settimane fa ha ucciso bambini e neonati ed ha scosso i nostri leader, giustamente indignati. Ma il massacro in Siria questo fine settimana ha ucciso ancora più bambini e neonati - ma ha prodotto niente altro che silenzio da coloro che affermano di proteggere i nostri valori morali. Ora, cosa dovrebbe accadere?
 
Quando un attacco di gas in Siria ha ucciso più di 70 civili, il 4 aprile, compresi i neonati e bambini, Donald Trump ha ordinato un attacco missilistico contro la Siria. L'America ha applaudito. Così hanno fatto i suoi media. Così ha fatto gran parte del mondo. Trump ha definito Bashar al-Assad “diavolo” e “un animale”. L'UE ha condannato il regime siriano. Downing Street ha definito l'attacco “barbaro”. Quasi tutti i leader occidentale hanno chiesto che Assad lasciasse.
 
Eppure, dopo l'attentato suicida di questo fine settimana di un convoglio di rifugiati civili nei dintorni di Aleppo ha ucciso 126 siriani, più di 80 dei quali bambini, la Casa Bianca non ha detto nulla. Anche se il bilancio delle vittime era di gran lunga maggiore, Trump non ha nemmeno espresso con un Tweet il suo dolore. La marina degli Stati Uniti non ha lanciato nemmeno un proiettile simbolico verso la Siria. L'UE si è accodato e ha rifiutato di dire una sola parola.
 
Sentono alcun senso di vergogna? Che insensibilità. Che vergogna. Altrettanto scandalosa che la nostra compassione si è fermata nel momento in cui ci siamo resi conto che quest'ultima strage degli innocenti non valeva del tutto la stessa quantità di lacrime e rabbia che la prima strage aveva prodotto. Essa infatti non  merita una sola lacrima. Per i 126 siriani - quasi tutti civili - che sono stati appena uccisi fuori da Aleppo, erano musulmani sciiti che stavano oer essere evacuati da due villaggi controllati dal governo nel nord della Siria. E il loro assassino era ovviamente al-Nusra (Al Qaeda) oppure uno dei gruppi “ribelli” sunniti che in Occidente hanno armato - o molto probabilmente insieme all'ISIS- e quindi non meritano il nostro dolore.
 
L'ONU, come al solito, ha parlato fuori. L'ultimo attacco è stato “un nuovo horror”. E Papa Francesco ha definito “ignobili” e pregato per “La Siria amata e martire”. Ed essendo stato allevato da un padre abbastanza anti-cattolico, ho detto quello che dico spesso quando penso che il Pontefice ha capito bene, in particolare Francesco: Il buon vecchio Papa! Perché, anche il praticamente inesistente anti-Assad “Free Syrian Army” ha condannato l'attacco come “terrorista”.
 
E ho ricordato tutte quelle storie mielose su come Ivanka Trump, come madre, era stata particolarmente scossa dal videotape da Khan Shaykoun, il sito della attacco chimico del 4 aprile, e aveva esortato il padre a fare qualcosa al riguardo. E poi è stato il turno di Federica Mogherini, ‘Alto rappresentante dell'Unione europea” per gli affari esteri e la politica di sicurezza, che ha descritto l'attacco come ‘terribile’ - ma ha insistito che parlava ‘prima di tutto come una madre’. Giustissimo. Ma cosa è successo a tutti i loro sentimenti materni - e quelli di Ivanka - quando arrivavano le immagini da nord della Siria questo fine settimana di bambini esplosi e bambini carbonizzati in sacchetti di plastica neri? Silenzio.
 
Non c'è alcun dubbio del palese, deliberato, crudele vile attacco di sabato. L'attentatore suicida si avvicina agli autobus di profughi con un carro di biscotti per bambini e patatine fritte - si avvicina, mi permetto di aggiungere, una popolazione di civili sciiti in fuga che erano stati affamati sotto assedio dai ribelli anti-Assad (alcuni dei quali, naturalmente, erano armato da noi). Eppure essi non contano. I loro “bellissimi piccoli bambini” - cito Trump sulle vittime del gas precedenti - non ci fanno mescolare di rabbia. Perché erano sciiti? Perché i colpevoli potrebbero essere stati troppo strettamente associati con noi in Occidente? O perché - ed ecco il punto - erano le vittime del tipo sbagliato di assassino.
 
Per ciò che vogliamo in questo momento è quello di dare la colpa al “diavolo”, “animale”, “brutale”, ecc, Bashar al-Assad, che è stato il primo “sospettato” di aver effettuato l'attacco con il gas 4 aprile (cito The Wall Street Journal ,) e poi accusato da tutto l'Occidente di responsabilità totale e deliberata del massacro del gas. Nessuno dovrebbe mettere in dubbio la brutalità del regime. Né la sua tortura. Né la sua storia di enorme oppressione. Eppure ci sono, infatti, alcuni seri dubbi circa la responsabilità di Bashar per l'attacco 4 aprile - che ha prevedibilmente negato - anche tra gli arabi restii al suo regime baathista e tutto ciò che rappresenta.
 
Anche lo scrittore israeliano di sinistra ma difficilmente filo-siriano Uri Avneri - per breve tempo, nella sua vita, un detective - si è chiesto il motivo per cui Assad avrebbe docuto commettere un simile crimine, quando il suo esercito e i suoi alleati stavano vincendo la guerra in Siria, quando un tale attacco grave avrebbe messo in imbarazzo il governo e l'esercito russo, e cambiato l'atteggiamento occidentale più morbido verso di lui.
 
E l'affermazione del regime, seocndo il quale un attacco aereo siriano ha prodotto esplosioni nei depositi di armi Nusra a Khan Shaykoun (un'ipotesi che anche i russi hanno sostenuto) sarebbe stata più facile da far passare  dal momento che gli americani hanno esattamente la stessa scusa per l'uccisione di ben oltre un centinaio di civili iracheni a Mosul a marzo, sostenendo che un raid aereo Usa su un camion di armi dell'Isis ha provocato l'uccisione di civili.
 
Ma questo non ha nulla a che fare con attacco molto più sanguinoso del fine settimana sui convogli di profughi diretti ad Aleppo ovest. Facevano parte di un modello ormai familiare di scambi di ostaggi di massa tra il governo siriano e dei suoi avversari, in cui gli oppositori sunniti al regime in villaggi circondati dall'esercito siriano o dai suoi alleati sono stati trasportati a Idlib e altre aree  controllate dai “ribelli” in cambio del passaggio sicuro degli abitanti sciiti assediati da al-Nusra, Isis e i “nostri” ribelli, allo stesso modo gli era consentito di lasciare i loro villaggi verso le città in mano al governo. Tali erano le vittime dell'attentato suicida di sabato; erano gli abitanti dei villaggi sciiti di al-Foua e Kfraya, insieme a diversi combattenti del governo, in rotta verso quello che sarebbe - per loro - la sicurezza di Aleppo.
 
Se questo costituisce una forma di pulizia etnica - un altro dei peccati di Bashar, secondo i suoi nemici - è un punto controverso. Al-Nusra non ha esattamente sollecitato gli abitanti del villaggio di al-Foua e Kfraya a restare a casa dal momento che volevano alcuni dei propri combattenti sunniti indietro dalle proprie enclavi assediate. Il mese scorso, il governatore di Homs ha supplicato i sunniti a non lasciare la città per rimanere nelle loro case e in città. Ma questa è una guerra civile e tali conflitti terrificanti dividono città e paesi per generazioni. Basta guardare il Libano 27 anni dopo la fine della guerra civile.
 
Ma ciò che in ultima analisi dimostra la nostra partecipazione a questa guerra civile immorale e ingiusta e terribile è la nostra reazione a queste due stragi di innocenti. Abbiamo pianto di più e siamo persino andati in guerra per quei “bellissimi piccoli bambini” che credevamo di essere vittime sunnite del governo di Assad. Ma quando i bambini sciiti li hanno fatti a pezzi in questo fine settimana, a Trump non è importato nulla. E lo spirito materno di Ivanka e Federica si è semplicemente dissolto.
 
E noi affermiamo che la violenza in Medio Oriente non ha nulla a che fare con noi.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.independent.co.uk
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.lantidiplomatico.it/home/dettnews.php on line 320
Nessuna notizia trovata
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah: L'Arabia saudita è troppo codarda per scatenare una guerra contro l'Iran

Il Segretario generale di Hezbollah, Seyed Hasan Nasrallah ha dichiarato che il regime saudita è troppo debole e vile per lanciare una guerra contro l'Iran.

 In un discorso televisivo tenuto oggi per la Giornata Mondiale di al  , il segretario generale del Movimento...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Una tigre a Cancun: spettacolare intervento di Delcy Rodriguez all'OSA (Video)

La ministra degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela zittisce i paesi satelliti dell'Impero statunitense

di Fabrizio Verde   «Credo che la ministra degli Esteri, che deve lasciare l’incarico in...
Notizia del:

Evo Morales: "Il Cile è l'Israele dell'America Latina"

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha definito il Cile "l'Israele dell'America Latina" per la sentenza "a morte civile" contro nove suoi connazionali.   Chile...
Notizia del:

Ambasciatore siriano all'ONU, La Siria chiede rispetto per la sovranità del Venezuela

L'Ambasciatore della Repubblica araba Siriana alla sede Onu di Ginevra, Hussam Eddin Ala, ha invitato tutti gli stati a rispettare pienamente la sovranità del Venezuela, non interferire nei...
Notizia del:

La "dignità dei popoli dei Caraibi" e la grande sconfitta politica delle destre imperiali

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto   Le destre lo davano per certo: questa volta Maduro avrebbe perso all’Osa e avrebbe dovuto subire l’imposizione della Carta democratica interamericana. Per...
Notizia del:

Siria. Parla il cugino del pilota abbattuto: “Gli Usa proteggono l’Isis. Tre ufficiali israeliani morti nel convoglio colpito”

Mohyddin Fahd, è il cugino del pilota, Ali Fahd, che guidava l'aereo siriano abbattuto dalla coalizione Usa nella campagna di Raqqa la settima scorsa. In un'intervista a Ruptly....
Notizia del:

Venezuela: il popolo vuole la pace e la Costituente

Le destre applicano le teorie del "caos costruttivo" escogitate dal pensatore statunitense Brzezinski, recentemente defunto, "e che abbiamo già visto applicate in Libia, Siria"

di Fabio Marcelli* Guarimba è una parola apparentemente innocente che corrisponde a un gioco infantile,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa