/ Sanzioni e regime change in Venezuela: Trump raddoppia

Sanzioni e regime change in Venezuela: Trump raddoppia

Sanzioni e regime change in Venezuela: Trump raddoppia
 

La strategia sembra essere quella di impedire una ripresa economica e peggiorare la penuria, così i venezuelani torneranno nelle strade per rovesciare il governo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Mark Weisbrot - teleSUR
 

Il 3 novembre, il presidente del Venezuela Maduro ha proposto un incontro con i creditori, per il 13 novembre a Caracas, per discutere una ristrutturazione del debito pubblico venezuelano. L'8 novembre, l'amministrazione Trump ha reagito avvisando gli obbligazionisti degli Stati Uniti che partecipare a questa riunione avrebbe costituito una violazione delle sanzioni economiche statunitensi contro il Venezuela. Tale violazione può essere sanzionata con 30 anni di carcere e multe fino a 10 milioni di dollari per le imprese.

 

Poi, giovedì, l'amministrazione ha aggiunto altri 10 funzionari venezuelani all'elenco delle persone colpite da sanzioni statunitensi. I nuovi obiettivi includevano i funzionari elettorali e anche il capo del principale programma di distribuzione di cibo del governo.

 

Le sanzioni violano la carta dell'Organizzazione degli Stati americani (Capitolo 4, Articolo 19) e altri trattati internazionali firmati dagli Stati Uniti.

 

È importante comprendere sia il contesto che gli effetti previsti (oltre che probabili) delle azioni dell'amministrazione Trump. Con l'incoraggiamento del senatore della Florida Marco Rubio e di altri repubblicani, Trump ha cercato di aiutare a far cadere il governo eletto del Venezuela. Dopo quattro mesi di violente proteste di piazza non riuscendo a raggiungere questo obiettivo (e anche alienato gran parte della popolazione venezuelana), la maggior parte dell'opposizione venezuelana optò per partecipare alle elezioni governative del 15 ottobre.

 

Previsioni fallibili

 

Datanálisis, il principale e più affidabile sondaggista, aveva previsto una schiacciante vittoria dell'opposizione, con 18 governatori. Il risultato, tuttavia, è stato il contrario: il partito governativo PSUV (socialista) ha vinto 18 delle 23 contese.



 

Ci sono varie spiegazioni per il risultato a sorpresa, ma il più credibile e importante sembra ruotare attorno all'astensione dell'elettore dell'opposizione e all'affluenza più alta del previsto degli elettori filogovernativi. Una migliore distribuzione del cibo ha probabilmente aiutato il governo.

 

Una cosa che sembra aver danneggiato l'opposizione è stata il sostegno alle sanzioni di Trump. Secondo Datanálisis, i venezuelani erano contrari alle sanzioni con un margine dal 61,4 al 28,5%; tra gli elettori non allineati, oltre il 70% erano contrari. Inoltre, il 69% voleva che l'opposizione e il governo iniziassero i colloqui. La strategia di regime change aveva fallito.

 

Strategia sinistra

 

Ma l'amministrazione Trump ha deciso di raddoppiare sia il cambio di regime che le sanzioni. La strategia sembra essere quella di prevenire una ripresa economica e peggiorare la penuria (che include medicine essenziali e cibo) in modo che i venezuelani tornino nelle strade per rovesciare il governo.

 

Le sanzioni Trump proibiscono esplicitamente nuovi prestiti. Questo per garantire che il Venezuela non possa fare ciò che la maggior parte dei governi fa coni propri debiti, cioè “capovolgere” il capitale indebitandosi nuovamente per pagare quando matura un'obbligazione. Ad esempio, la scorsa settimana il governo ha dovuto fare i salti mortali per pagare 1,2 miliardi di dollari in capitale per le obbligazioni PDVSA, per evitare il default (anche se il Venezuela non può prendere a prestito sui mercati internazionali in questo momento, potrebbe prevedibilmente farlo nel prossimo futuro).

 

Le sanzioni rendono anche la ristrutturazione del debito molto più difficile, se non impossibile. In una ristrutturazione del debito, i pagamenti di interessi e capitale sono posticipati e i creditori ricevono nuove obbligazioni, che le sanzioni vietano esplicitamente. Ora l'amministrazione Trump sta anche minacciando i negoziati per una ristrutturazione, con il pretesto che il vicepresidente dei negoziatori principali Tareck El Aissami e il ministro dell'Economia Simon Zerpa sono stati sanzionati, rispettivamente, per presunto traffico di droga e corruzione. L'amministrazione Trump non ha presentato alcuna prova per queste accuse.

 

Cambio ad ogni costo

 

La dichiarazione del Tesoro degli Stati Uniti del 9 novembre prende di mira il comportamento dei funzionari elettorali a causa delle «numerose irregolarità che suggeriscono fortemente che le frodi hanno aiutato il partito al governo a conquistare inavvertitamente la maggioranza dei governatori». Questa è un’invenzione, e ricorda le elezioni presidenziali del Venezuela del 2013, quando Washington fu l'ultimo governo a riconoscere il risultato. In quella contesa, un'analisi statistica dell'audit delle elezioni ha mostrato che le probabilità di ottenere il risultato ufficiale, se il risultato reale fosse stato una vittoria dell'opposizione, erano inferiori a uno su 25.000 trilioni.



 

Ma questo è ciò su cui si basano tutti gli sforzi per cambiare il regime: la delegittimazione. Se i risultati delle elezioni non sono graditi, devono essere dichiarati fraudolenti - e poi strangolamento economico.

 

Certo, il governo venezuelano dovrà fare alcune serie riforme economiche - soprattutto l'unificazione del tasso di cambio e altre misure per abbattere un tasso di inflazione che supera il 1.000% annuo - se ci sarà una ripresa economica. Ma il prezzo del petrolio è cresciuto del 33% dal minimo raggiunto a giugno e, nonostante la diminuzione della produzione petrolifera, le esportazioni del Venezuela sono aumentate del 28% rispetto allo scorso anno (primi otto mesi, stima da Torino Capital).

 

Trump e i suoi alleati nell’Unione Europea e i governi di destra in Argentina e Brasile, così come il fanatico segretario generale dell'OSA, vogliono assicurarsi che una ripresa non avvenga mai. E nonostante tutto il loro blaterare sui diritti umani e la democrazia, non è una strategia pacifica che stanno promuovendo mentre prendono misure per aumentare la sofferenza dei venezuelani nella speranza di provocare la caduta del governo. Questa non è «promozione della democrazia». È un regime change, con ogni mezzo necessario - come Trump, nel suo solito modo spavaldo, ha chiarito quando ha minacciato un'azione militare contro il Venezuela.
 

(Traduzione dall’inglese per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:

Jared Kushner ha ricevuto 30 milioni di dollari da un'azienda israeliana

Kushner avrebbe ricevuto i soldi poco prima del suo primo viaggio in Israele con Trump in qualità di consigliere

da teleSUR   Il genero e consigliere del presidente degli Stati Uniti, Jared Kushner, ha stretto un...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa