/ "Siamo maggioranza ma non vogliamo l'elezione". La situazione att...

"Siamo maggioranza ma non vogliamo l'elezione". La situazione attuale in Venezuela senza i filtri dell'"informazione" addomesticata

Siamo maggioranza ma non vogliamo l'elezione. La situazione attuale in Venezuela senza i filtri dell'informazione addomesticata
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

di Geraldina Colotti* - Editoriale per Radio Revolucion
 


Parliamo ancora di Venezuela, facendo appello alle convinzioni e alle intelligenze di quante e quanti non amano farsi prendere per i fondelli. Da chi? Dall'informazione addomesticata che coinvolge o paralizza per far passare la voce del padrone.
 

Nel coro di menzogne imperante, che si serve dei grandi media e martella quotidianamente sul Venezuela per obbligarci a guardare la storia dal buco della serratura, far filtrare una voce dissonante è un'impresa quasi disperata. Che presenta anche dei costi.


Eppure bisogna farlo. Soprattutto per noi, in questo clima pre-elettorale in cui sembra rinascere la voglia di politica, di una politica affidata al potere del popolo, e non ai balletti asfittici dei soliti noti.
 

Perché non si riesce a esprimere posizioni chiare in base a quello che nel grande Novecento si chiamava internazionalismo proletario e che fa parte del dna dei comunisti? Perché si fa fatica a capire da che parte schierarsi e ci si involve in sempiterni distinguo? Non si dovrebbe invece ritrovarsi almeno su un punto, quello che ogni popolo ha diritto di decidere in modo sovrano?
 

Evidentemente no, visto che nel post-Novecento ci hanno ricattato con lacci e lacciuoli decisi dall'esterno, imposti da una classe politica imbelle e da una sinistra subalterna, che ha cambiato infinite casacche ma non le politiche antipopolari di cui sopportiamo i costi.
 

Qui si muore di lavoro, di insicurezza e di razzismo, ma tutti i governi sembrano preoccupati della situazione in Venezuela: dall'Italia all'Europa, all'America latina, e – prima di tutto – da quel glorioso stato filantropico che sono gli Stati uniti. Qualche dubbio non viene?
 

Eppure basterebbe guardare il profilo di questi “filantrofi” e “l'umanitarismo” degli Stati – come la Colombia, il Perù o il Messico – che sono così preoccupati per la situazione in Venezuela ma non per la morsa criminale che impongono ai popoli dei propri paesi.


Per loro, il Venezuela sarebbe in “crisi umanitaria”. Ma allora perché impongono al paese un blocco economico-finanziario che stoppa i pagamenti all'estero e impedisce alle imprese di vendere cibo e medicinali per non finire sulla lista nera degli Stati uniti e dell'Europa? Adesso, l'obiettivo di questi “generosi filantropi” dal portafoglio gonfio, che spasimano per rimettere le mani sulle immense risorse del Venezuela, è: ingerenza umanitaria.

I venezuelani di Miami l'hanno chiesta a gran voce alla “comunità internazionale”.


“L'ingerenza umanitaria è un aiuto militare per disarmare un governo”, hanno dichiarato senza mezzi termini alla stampa, assicurando che il gruppo di impresentabili ex presidenti delle peggiori destre latinoamericane è molto ricettivo al riguardo.


Intanto, l'ex sindaco della Gran Caracas ed ex golpista Antonio Ledezma, fuggito all'estero dopo essere uscito dal carcere per motivi di salute, gira il mondo a chiedere la stessa cosa: l'aggressione armata al suo paese per riportarlo nelle mani degli Usa. Intanto, le destre ben foraggiate che agiscono all'esterno, aggrediscono ambasciate, minacciano e organizzano grottesche manifestazioni, con numeri minuscoli ma con solidissimi appoggi nella stampa e nel potere. Anche in Italia. Anche a Firenze.


Da noi, il presidente venezuelano Nicolas Maduro viene dipinto come “dittatore”, e il socialismo bolivariano definito “illegittimo” nonostante abbia organizzato 24 elezioni in 18 anni, due delle quali vinte dall'opposizione. Dopo aver strillato ai quattro venti la richiesta di anticipare le presidenziali, le destre ora rifiutano di andare alle urne: perché non sanno più che pesci prendere, a parte quelli della via violenta favorita dagli Usa.


Ma se vogliono cacciare Maduro, se dicono di essere maggioranza, quale occasione migliore per dimostrarlo con il voto? No, perché quel sistema elettorale - quello stesso con cui hanno vinto le elezioni e di cui si servono per le loro primarie -, non gli piace. No, perché la costituzione bolivariana, che impedisce alle grandi imprese multinazionali di rimettere le mani sul paese, non gli piace. E così chiedono ai loro padrini un aiutino con l'ingerenza umanitaria. Che in Italia, però, diventa “intervento umanitario”.


Scompare, filantropicamente, quella “componente militare” esplicitata invece dal gruppo di Miami. Scompare come per la “guerra umanitaria”, che ha mascherato la distruzione di interi paesi: dalla Jugoslavia all'Iraq alla Libia e alla Siria.


“Abbiamo fame”, gridano i grandi borghesi di opposizione, tra un viaggio e una suite. Ma nella fretta di coglierne l'enfasi, sull'onda della ministra Fedeli e del post-moderno Di Maio, l'agenzia stampa trasforma la frase in “abbiamo fama”, riassumendo il vero senso dell'operazione. Un teatrino allestito a Firenze e via via in tutta Italia. Fino a quando vogliamo farci imporre anche questa pantomima?


*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autrice

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa