/ Siria, l'epica battaglia di 16 soldati russi che hanno eliminato ...

Siria, l'epica battaglia di 16 soldati russi che hanno eliminato 300 terroristi di Al Nusra

Siria, l'epica battaglia di 16 soldati russi che hanno eliminato 300 terroristi di Al Nusra
 

Il corrispondente del quotidiano russo 'Komsomolskaya Pravda' Alexandr Kots, ha rivelato i dettagli della battaglia epica che ha visto 16 soldati delle forze speciali russe eliminare 300 terroristi in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Sempre ha colpito la mia attenzione la modestia con la quale i veri eroi parlano delle loro gesta. Niente di speciale, solo lavoro", ha iniziato così il suo reportage Alexandr Kots.
 
"È staa una normale giornata di routine", dice il tenente colonnello Daniil, comandante del gruppo. I nomi dei quattro ufficiali non sono stati pubblicati per motivi di sicurezza, così come le immagini.
 
"Abbiamo ricevuto informazioni che uno dei distretti della provincia di Aleppo, in Siria, aveva frequenti attacchi da parte di terroristi di Al-Nusra contro le postazioni difensive delle forze governative", racconta il tenente colonnello Evgueni.
 
Fu allora che il suo gruppo è stato incaricato di dirigersi verso la zona per condurre una ricognizione e individuare i luoghi in cui i  terroristi si concentravano.
 
Il Gruppo delle Forze Speciali di 16 persone era vicino alla linea del fronte. analizzavano dove si trovavano gli edifici con i terroristi, i loro veicoli blindati, depositi di munizioni e le tracce dei loro movimenti. Tutte le informazioni venivano trasferite immediatamente al quartier generale per condurre attacchi aerei diretti. Con l'aiuto di aerei russi sono stati distrutti tre carri armati, più una batteria lanciarazzi, lanciagranate fatte in casa e due depositi dei terroristi.
 
"Nel complesso, il lavoro è stato fruttuoso, ma una mattina la situazione è peggiorata. Iniziò un massiccio bombardamento sulle nostre postazioni, con l'aiuto di missili Grad, mortai, artiglieria e bombardamenti", ha ricordato Evgueni.
 
Le truppe siriane a causa della confusione tra le sue unità, avevano deciso di ritirarsi. Tuttavia, il comandante Daniil ha preso l'iniziativa di rimanere in prima linea. Verso le posizioni russe si stava avvicinando un'autobomba, ma è stato possibile neutralizzarla prima che esplodesse. di quesyo si occupò un particolare sottogruppo delle forze speciali russe la cui specialità sono i missili anticarro guidati. Il suo comandante, il capitano Roman ha spiegato come sono a distruggere il veicolo carico di esplosivo.
 
"Per essere chiari, contro veicolo andava un escavatore coperto con tre o quattro strati di fogli di acciaio, tra i quali c'era sabbia" ha spiegato Roman. È molto difficile far saltare in aria una macchina così, ma lo hanno fatto grazie ai missili anticarro Kornet 9M133.
 
Così in un solo giorno, un piccolo gruppo di forze speciali russe ha respinto con successo quattro attacchi da parte dei terroristi, che erano in 300. Il giorno dopo c'è stata la seconda e terza ondata di attacchi. Non si poteva nemmeno stimare quanti terroristi sono stati uccisi.
 
"Conosciamo la loro psicologia, sappiamo che si stancano di attaccare. Eravamo fiduciosi nelle nostre capacità. La nostra posizione ci ha permesso di tenere la difesa. Attaccare è molto più difficile, perché i terroristi erano in una situazione disperata",ha precisato Daniil. A suo avviso, se l'esercito russo si fosse ritirato, i terroristi avrebbero preso le vette principali e avrebbe causato più perdite alle truppe siriane. "È stata l'unica decisione possibile in quelle condizioni", ha concluso il militare.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: https://www.kp.ru
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Uguali radici e origine degli attentati terroristici di Manchester e Miryaveh"

L'Iran ha esortato a porre fine al terrorismo, dal momento che questa piaga non varia e ciò che è accaduto a Manchester è lo stesso che accade in Medio Oriente.

"Crediamo fermamente che siano uguali nelle radici e nelle origini ideologiche gli atti terroristici a Miryaveh...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:     Fonte: https://www.bna.bh

Trump e leader arabi potrebbero inviare 34.000 soldati in Iraq e Siria 'contro l'ISIS'

Nell'ambito del documento intitolato 'Dichiarazione di Riyadh', i leader di diversi paesi a maggioranza musulmana si impegnano a sostenere le operazioni militari, se necessario.

Come parte della visita del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a Riyadh, capitale dell'Arabia Saudita,...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Il Pentagono distrae dalle spese del carburante 80 milioni di dollari per destinarli ai "ribelli" in Siria

Secondo il quotidiano statunitense 'The Washington Post', con un budget di carburante volutamente gonfiato, il Pentagono deve ancora trovare i soldi per sostenere i "ribelli in Siria" e per continuare le sue operazioni in Afghanistan.

I funzionari del Pentagono hanno gonfiato i preventivi per il costo del carburante per l'acquisto al fine...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

'Gli USA attaccano le forze irachene che impediscono le spedizioni di armi all'ISIS'

Falah al-Jazali, un membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione irachene, Al-Hashad Al-Shabi, ha dichiarato che i membri del gruppo Kataib Sayyed Al-Shohada sono stati bombardati dagli aerei della coalizione anti ISIS guidata dagli USA.

Secondo Falah Al-Jazali, membro del parlamento iracheno e uno dei comandanti delle unità di mobilitazione...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Siria, la battaglia decisiva al confine con l'Iraq

Altro che liberazione di Raqqa dall'ISIS, ormai il campo di battaglia decisivo per la guerra alla Siria sembra essere la zona del confine siro-iracheno.

Sembrava che per il futuro della Siria fosse decisiva la battaglia per la liberazione di Raqqa attualmente in...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Russia: "L'attacco degli Stati Uniti contro le forze siriane è inaccettabile e viola la sovranità del paese"

"Ogni azione militare che conduce peggioramento della situazione" in Siria "non contribuisce al processo politico", secondo il ministero degli Esteri russo.

Il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa ha definito l'attacco da parte della coalizione...
Notizia del:     Fonte: RT

Putin sulla situazione in Venezuela: «L'ingerenza esterna è inammissibile»

Si rafforza la cooperazione bilaterale tra Russia e Venezuela. Maduro si recherà presto a Mosca

di Fabrizio Verde   I presidenti di Russia e Venezuela, Vladimir Putin e Nicolas Maduro, hanno sostenuto...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar - CNN

La Coalizione USA attacca l'esercito siriano a Sweida

La Coalizione statunitense ha bombardato le posizioni dell'esercito arabo siriano nella parte orientale della provincia di Sweida

Come ha riferito il portale di notizie 'Al Masdar News', il Pentagono sostiene che un jet della coalizione...
Notizia del:     Fonte: Wikileaks - Hispantv - Al Masdar news

Wikileaks rivela come Google ha aiutato al Qaeda in Siria

Google ha aiutato al-Qaeda e altri gruppi salafiti per rafforzare il conflitto in Siria gruppi; Wikileaks ha rivelato in che modo.

Documenti segreti ed e-mail pubblicate dal sito Wikileaks mostrano  l'allora direttore di Google Ideas,...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il presidente filippino molla Trump per Putin: «Dalla Russia compreremo gas e armi»

di Eugenio Cipolla L’arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump, che con il tempo sembra sempre più essere un’anatra zoppa, e l’ipocrisia dell’Unione Europa, sempre pronta...
Notizia del:

Esplosione a Manchester: 22 morti e 60 feriti. L'Isis rivendica l'attacco

Lunedì sera c’è stata un’esplosione alla Manchester Arena, un palazzetto di Manchester, nel Regno Unito, nel quale si stava tenendo un concerto della popstar americana Ariana...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Uguali radici e origine degli attentati terroristici di Manchester e Miryaveh"

L'Iran ha esortato a porre fine al terrorismo, dal momento che questa piaga non varia e ciò che è accaduto a Manchester è lo stesso che accade in Medio Oriente.

"Crediamo fermamente che siano uguali nelle radici e nelle origini ideologiche gli atti terroristici a Miryaveh...
Notizia del:     Fonte: SANA

Il mainstream lo ignora, ma di terrorismo si muore ogni giorno in Siria. Homs, attentato provoca 4 morti e più di 30 feriti

Quattro persone sono state uccise e altre 30 sono rimaste ferite, oggi, a causa dell'esplosione di un pick-up azionata dai terroristi vicino alla centrale elettrica principale nel quartiere al-Zahraa nella città di Homs.

Il reporter dell'agenzia di stampa siriana, SANA, ha riferito che due terroristi hanno fatto esplodere un pick-up...
Notizia del:

I media cinesi esaltano lo smantellamento della rete di spionaggio della CIA in Cina tra il 2010 e il 2012

Il Global Times, pubblicato da Quotidiano del Popolo, scrive in un editoriale nelle sue edizioni cinese e in lingua inglese che se le notizie che la Cina "ha in modo sistematico smantellato operazioni...
Notizia del:

Rohani: " “il problema del terrorismo non si risolve tenendo riunioni e versando denaro nelle tasche delle superpotenze”

Proprio mentre il presidente americano Donald Trump si è recato in visita in Arabia Saudita annunciando il rinnovamento dell’amicizia tra Ryad e Washington, in Iran si è assistito al...
Notizia del:

Alberto Negri - Manchester, centinaia i foreign fighters tornati per uccidere

di Alberto Negri, Il Sole 24 Ore* Se fosse confermata la pista jihadista, questo attentato era tra le tragiche eventualità da mettere in conto. Dopo l'attentato del lupo solitario Khalid...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa