/ Siria, l'epica battaglia di 16 soldati russi che hanno eliminato ...

Siria, l'epica battaglia di 16 soldati russi che hanno eliminato 300 terroristi di Al Nusra

Siria, l'epica battaglia di 16 soldati russi che hanno eliminato 300 terroristi di Al Nusra
 

Il corrispondente del quotidiano russo 'Komsomolskaya Pravda' Alexandr Kots, ha rivelato i dettagli della battaglia epica che ha visto 16 soldati delle forze speciali russe eliminare 300 terroristi in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Sempre ha colpito la mia attenzione la modestia con la quale i veri eroi parlano delle loro gesta. Niente di speciale, solo lavoro", ha iniziato così il suo reportage Alexandr Kots.
 
"È staa una normale giornata di routine", dice il tenente colonnello Daniil, comandante del gruppo. I nomi dei quattro ufficiali non sono stati pubblicati per motivi di sicurezza, così come le immagini.
 
"Abbiamo ricevuto informazioni che uno dei distretti della provincia di Aleppo, in Siria, aveva frequenti attacchi da parte di terroristi di Al-Nusra contro le postazioni difensive delle forze governative", racconta il tenente colonnello Evgueni.
 
Fu allora che il suo gruppo è stato incaricato di dirigersi verso la zona per condurre una ricognizione e individuare i luoghi in cui i  terroristi si concentravano.
 
Il Gruppo delle Forze Speciali di 16 persone era vicino alla linea del fronte. analizzavano dove si trovavano gli edifici con i terroristi, i loro veicoli blindati, depositi di munizioni e le tracce dei loro movimenti. Tutte le informazioni venivano trasferite immediatamente al quartier generale per condurre attacchi aerei diretti. Con l'aiuto di aerei russi sono stati distrutti tre carri armati, più una batteria lanciarazzi, lanciagranate fatte in casa e due depositi dei terroristi.
 
"Nel complesso, il lavoro è stato fruttuoso, ma una mattina la situazione è peggiorata. Iniziò un massiccio bombardamento sulle nostre postazioni, con l'aiuto di missili Grad, mortai, artiglieria e bombardamenti", ha ricordato Evgueni.
 
Le truppe siriane a causa della confusione tra le sue unità, avevano deciso di ritirarsi. Tuttavia, il comandante Daniil ha preso l'iniziativa di rimanere in prima linea. Verso le posizioni russe si stava avvicinando un'autobomba, ma è stato possibile neutralizzarla prima che esplodesse. di quesyo si occupò un particolare sottogruppo delle forze speciali russe la cui specialità sono i missili anticarro guidati. Il suo comandante, il capitano Roman ha spiegato come sono a distruggere il veicolo carico di esplosivo.
 
"Per essere chiari, contro veicolo andava un escavatore coperto con tre o quattro strati di fogli di acciaio, tra i quali c'era sabbia" ha spiegato Roman. È molto difficile far saltare in aria una macchina così, ma lo hanno fatto grazie ai missili anticarro Kornet 9M133.
 
Così in un solo giorno, un piccolo gruppo di forze speciali russe ha respinto con successo quattro attacchi da parte dei terroristi, che erano in 300. Il giorno dopo c'è stata la seconda e terza ondata di attacchi. Non si poteva nemmeno stimare quanti terroristi sono stati uccisi.
 
"Conosciamo la loro psicologia, sappiamo che si stancano di attaccare. Eravamo fiduciosi nelle nostre capacità. La nostra posizione ci ha permesso di tenere la difesa. Attaccare è molto più difficile, perché i terroristi erano in una situazione disperata",ha precisato Daniil. A suo avviso, se l'esercito russo si fosse ritirato, i terroristi avrebbero preso le vette principali e avrebbe causato più perdite alle truppe siriane. "È stata l'unica decisione possibile in quelle condizioni", ha concluso il militare.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: https://www.kp.ru
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Ma perché uccidere i terroristi prima che possano parlare?

di Francesco Santonianni   Ma com'è che terroristi che potrebbero essere catturati e, quindi, interrogati in modo da risalire ai mandanti delle loro stragi vengono, invece, sistematicamente...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Abbiamo contrastato il progetto occidentale, ma la battaglia deve continuare fino alla vittoria"

Nel corso di una conferenza organizzata dal Ministero degli esteri, il Presidente siriano, Bashar al Assad ha dichiarato che "l'Occidente ora vive un conflitto esistenziale ogni volta che percepisce che uno Stato vuole prendere parte al suo ruolo."

"Abbiamo pagato un prezzo molto alto in questa guerra, ma siamo stati in grado di contrastare il progetto...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Preoccupato per i nuovi progressi dell'esercito siriano, Netanyahu incontrerà Putin

Il premier del regime israeliano terrà un incontro con il presidente russo Vladimir Putin per discutere gli ultimi sviluppi della guerra in Siria dopo gli ultimi successi dell'esercito siriano.

I media israeliani hanno riferito che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu incontrerà il suo...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha messo l'ISIS in trappola nella Siria centrale

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l'ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

Come ha riferito 'Al Masdar news', ieri, l'incubo dell'ISIS è diventato una realtà,...
Notizia del:

Lanciarazzi Usa per la difesa della democrazia in Ucraina

I documenti mostrano che la società americana «AirTronic USA», vicina al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ha concluso l’11 novembre scorso un contratto con la compagnia statale ucraina "Spetstehnoeksport” per la fornitura di 100 lanciarazzi a propulsione

di Giuseppe Acciaio   I primi di agosto sono stati diffusi alcuni documenti ufficiali attestanti che...
Notizia del:     Fonte: The Independent

Theresa May rifiuta la richiesta dei sopravvissuti dell'11 settembre di pubblicare i documenti sui legami tra terroristi e Arabia Saudita

I sopravvissuti hanno definito la risposta del Regno Unito "vergognosa".

Come ha riportato il quotidiano britannico 'The Independent', la premier della Gran Bretagna, Theresa May...
Notizia del:

Il terrorismo va sempre condannato: i morti a Barcellona valgono come quelli a Parigi, Mosul o Marawi

In Europa e negli Stati Uniti invece, in base al luogo dell'attentato cambia il racconto. Se avviene nel vecchio continente è terrorismo. Se avviene in Siria sono conseguenze di un regime brutale

di Federico Pieraccini   Che sia Spagna, Inghilterra, Francia, Belgio, Siria, Iraq o Filippine, il terrorismo...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:

Il latte nero del terrore: Breve storia della “guerra sporca” anticomunista in italia (1945-73)

Occorre riprendere in mano la storia della “guerra sporca” così come si è articolata strutturalmente nel nostro Paese, per capirne i passaggi di fase che ha attraversato e la sua sostanziale riproposizione in chiave aggiornata

di Giacomo Marchetti - Contropiano   Il clima politico-sociale che la cura Minniti sta imponendo al...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa