/ Sovranità e sicurezza alimentare per il Venezuela

Sovranità e sicurezza alimentare per il Venezuela

Sovranità e sicurezza alimentare per il Venezuela
 

Dobbiamo approfittare della congiuntura attuale per promuovere una nuova concezione dello sviluppo agro-industriale in accordo con quello che abbiamo chiamato il sito geografico e il luogo culturale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di José Miguel Menéndez - teleSUR
 

Come risultato della guerra economica, noi venezuelani siamo stati costretti a cambiare i nostri modelli di consumo. Tempo addietro ricercavamo marche specifiche, oggi acquistiamo quello che troviamo disponibile e al prezzo più basso. Sono quei prodotti chiamati “marcas blancas” o “tapa amarilla” come li conosciamo qui.

 

Questi cambiamenti nei nostri modelli di consumo così come sono serviti all'opposizione per portarci in situazioni estreme, dovrebbero servire allo Stato per rivedere e ripensare come affrontare il problema della produttività in Venezuela. A Come deve essere questo nuovo modello che si discosta dalla rendita petrolifera.

 

Bisogna ricordare che fu il boom petrolifero a cambiare radicalmente le nostre abitudini di consumo e il modo di produrre. Rómulo Betancourt al suo arrivo al potere consegnò il paese su un piatto d’argento a Nelson Rockefeller, che oltre ad avere a disposizione importanti giacimenti petroliferi per la sua Standard Oil Company, riuscì a ottenere grandi estensioni di terra per sperimentare la nefasta “Rivoluzione Verde” basata sulla mono-produzione, la selezione genetica e l’uso massiccio di fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi.

 

 

Questi accordi tra Betancourt e Rockefeller furono orientati a trasformare il cibo in un affare commerciale. Un progetto portato a compimento con la creazione di supermercati assortiti con una grande quantità di prodotti importati. E così furono costrette alla chiusura enoteche, chincaglierie e negozi alimentari. Il nostro modello di consumo divenne completamente dipendente dai disegni delle industrie transnazionali.

 

Dobbiamo approfittare della congiuntura attuale per promuovere una nuova concezione dello sviluppo agro-industriale in accordo con quello che abbiamo chiamato il sito geografico e il luogo culturale. 

 

Un approccio olistico che rompa definitivamente con il paradigma industriale e introduca una sviluppo sistemico integrale. Un sistema che abbracci in maniera integrale la produzione di alimenti, lo sviluppo ambientale, l’uguaglianza sociale e la sostenibilità economica. Al fine di raggiungere sovranità e sicurezza agroalimentare. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde) 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:

Il governo di Caracas respinge i tentativi USA di provocare un colpo di stato in Venezuela

Telesur (Traduzione de l'AntiDiplomatico) Il governo della Repubblica bolivariana del Venezuela ha chiesto a Washington di "fermare immediatamente tutti gli assalti e le minacce"...
Notizia del:

La Russia condanna le dichiarazioni di Tillerson sull'America Latina: "Noi lavoreremo per costruire ponti e non muri"

Il ministero degli Esteri russo ha duramente criticato martedì le dichiarazioni del segretario di Stato nord-americano Rex Tillerson contro quella che questi ha definito "la crescente presenza...
Notizia del:

Maduro denuncia: "Abbiamo le prove di come gli Stati Uniti stiano cercando di sabotare il dialogo con l'opposizione"

  Il presidente venezuelano Nicolás Maduro sostiene che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sta facendo pressioni per sabotare il dialogo tra il governo nazionale e l'opposizione...
Notizia del:

Giornalista oppositore venezuelano zittito dopo aver definito «colto» un dirigente chavista. La censura che non indigna

L'episodio si è verificato durante una trasmissione televisiva in Perù

  L’ultimo incredibile episodio della guerra mediatica portata avanti senza soluzione di continuità...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:

Il governo di Caracas respinge i tentativi USA di provocare un colpo di stato in Venezuela

Telesur (Traduzione de l'AntiDiplomatico) Il governo della Repubblica bolivariana del Venezuela ha chiesto a Washington di "fermare immediatamente tutti gli assalti e le minacce"...
Notizia del:

L’aggressione al Venezuela.  E’ imminente l’invasione militare dalla Colombia?

Mentre il presidente colombiano Juan Manuel Santos ordina di chiudere la frontiera con il Venezuela e muove 3.000 militari nell’area, e mentre il capo del comando Sud degli Stati uniti, Kurt Tidd,...
Notizia del:

Trump pianifica un golpe alla Pinochet in Venezuela

di W. Madsen - Strategic Culture (traduzione di Alessandro Lattanzio, Sito Aurora) L’amministrazione retrograda di Donald Trump progetta un colpo di Stato militare in Venezuela per estromettere...
Notizia del:

Ecuador, la Commissione inter-americana dei diritti dell'uomo contro il referendum di Moreno

La Commissione interamericana per i diritti umani ha affermato che il Consiglio di partecipazione dell'Ecuador deve continuare a funzionare nonostante il referendum che lo ha di fatto sciolto. Il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa