/ TeleSUR intervista Richard Gott (ex corrispondente del 'The Guard...

TeleSUR intervista Richard Gott (ex corrispondente del 'The Guardian') in Bolivia quando il Che fu assassinato dalla CIA

TeleSUR intervista Richard Gott (ex corrispondente del 'The Guardian') in Bolivia quando il Che fu assassinato dalla CIA
 

«L'eredità del Che è quella di un uomo che ha abbandonato tutti i suoi successi e beni materiali per promuovere le sue idee sulla rivoluzione socialista. Sebbene non abbia avuto successo immediato, il popolo continuerà a sollevare la sua bandiera rivoluzionaria»

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da teleSUR
 

Richard Gott è un giornalista britannico, storico ed ex corrispondente dall’America Latina per ‘The Guardian’. Era in Bolivia al momento dell’omicidio di Ernesto Che Guevara e fu chiamato per identificare il corpo. 

 

In un’intervista esclusiva con teleSUR, Gott parla di quello che è accaduto 50 anni fa quando il rivoluzionario più emblematico dell’America Latina fu assassinato. 

 

teleSUR: Come fu il primo incontro con il Che a Cuba? Di cosa parlaste?

 

Richard Gott: Incontrai per la prima volta il Che a L’Avana nell’ottobre del 1963. Eravamo entrambi presenti all’ambasciata sovietica in occasione di una festa per celebrare l’anniversario della Rivoluzione Russa. Io facevo parte di un piccolo gruppo in attesa di parlare con il Che. Ci sedemmo con lui in giardino, con vista sul mare. Parlammo della possibilità di esportare la Rivoluzione Cubana verso il continente dell’America Latina. Il Che era molto entusiasta di questo, e continuammo a parlare fino a dopo la mezzanotte. 

 

TS: Cosa stavi facendo in Bolivia al momento della sua morte? Come mai ti hanno contattarono e cosa ti dissero gli ufficiali?

 

RG: Ero in Bolivia nell'ottobre del 1967 per preparare un servizio televisivo sul movimento guerrigliero guidato da Guevara e anche sul processo di Regis Debray, intellettuale francese arrestato nella città petrolifera di Camiri. Avevo visitato la sede della missione di addestramento degli Stati Uniti e conosciuto gli ufficiali degli Stati Uniti che la dirigevano.

 

TS: Quali furono i tuoi pensieri e i tuoi sentimenti quando vedesti li cadavere? Cosa ricordi dell’ambiente di La Higuera quel giorno?

 

RG: Arrivammo alle 9 del mattino di lunedì 9 ottobre. Sapevamo che Guevara era detenuto nel villaggio di La Higuera, a 30 chilometri di distanza, ma non ci fu permesso di lasciare la città. Alle 5 del pomeriggio il corpo del Che fu trasportato in elicottero alla pista di atterraggio di Vallegrande. Il suo corpo era tenuto su un ripiano di lavanderia in una baracca nei locali dell'ospedale locale e per mezz'ora ci fu permesso di osservarlo. I giardini dell'ospedale erano pieni di gente del villaggio locale e c'era quasi un'atmosfera religiosa. Poi tornammo a Santa Cruz per portare la notizia al mondo esterno. 

 

TS: Da allora sei tornato in Bolivia?

 

RG: Sono tornato in Bolivia molte volte da allora e sono stato testimone di molti eventi pieni di sviluppi nella storia del paese, ma nessuno trascendentale come la morte di Che Guevara.

 

TS: Immaginavi sarebbe diventato così influente in tutto il mondo, e credi che questo sarebbe accaduto se non fosse stato martirizzato?

 

Pensai in quel momento che la morte di Guevara avrebbe segnato la fine dei movimenti guerriglieri in America Latina dei quali il Che era responsabile. Ero stato troppo pessimista, perché i movimenti guerriglieri continuarono, specialmente in Nicaragua. Credo la morte precoce del Che abbia contribuito  promuovere la sua eredità. 

 

TS: In cosa consiste oggi l’eredità del Che e cosa pensi che la sinistra possa ancora apprendere da lui?

 

RG: L'eredità del Che è quella di un uomo che ha abbandonato tutti i suoi successi e beni materiali per promuovere le sue idee sulla rivoluzione socialista. Sebbene non abbia avuto successo immediato, il popolo continuerà a sollevare la sua bandiera rivoluzionaria.

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

La mano visibile del mercato, guerra economica in Venezuela: Geraldina Colotti intervista l'economista venezuelana Curcio

  Durante il nostro viaggio in Venezuela come osservatori internazionali in occasione delle elezioni comunali, abbiamo intervistato l’economista venezuelana Pasqualina Curcio, autrice del libro...
Notizia del:     Fonte: The Guardian - BBC

La Gran Bretagna sospende invio di denaro in Siria dopo 'aver scoperto' che finivano nelle tasche dei terroristi

Il progetto 'Ajacs' costato milioni di sterline del governo britannico per finanziare la nuova forza di polizia siriana nelle aree controllate dai 'ribelli' è stato sospeso dopo che il denaro contante è stato consegnato direttamente agli estremisti.

Il governo britannico ha sospeso un progetto di aiuti esteri alla Siria in seguito alle accuse secondo le quali...
Notizia del:

Fidel Castro, l'uomo che ha ispirato milioni di persone

Icona rivoluzionaria, importante statista e internazionalista che ha combattuto il capitalismo e l'imperialismo per oltre cinque decenni

da teleSUR   È passato un anno da quando il leggendario leader della Rivoluzione Cubana, Fidel...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti sono il vero pericolo per la pace mondiale»

Il presidente boliviano risponde agli Stati Uniti che si ostinano a voler dipingere il Venezuela come una minaccia

  Non passa giorno senza che da Washington partano accuse dirette al Venezuela. Il paese minacciato, assediato...
Notizia del:

Vittoria all'ONU: Venezuela e Cuba nel Consiglio Direttivo dell'Unesco

Il ministro degli Esteri venezuelano Arreaza: «Importante vittoria del Venezuela, di Cuba e l’ALBA all’Unesco. Siamo stati eletti membri del Consiglio Direttivo. Continuiamo a rafforzare il multilateralismo»

  Ancora un successo per la diplomazia bolivariana. La Repubblica Bolivariana del Venezuela, infatti, insieme...
Notizia del:

Empire Files: Come la Rivoluzione d'Ottobre ha realizzato quel che sembrava impossibile

Abby Martin ha intervistato Brian Becker, storico socialista statunitense e co-autore del libro ’Assalto al Cielo: Come la Rivoluzione Russa ha Cambiato il Mondo’

  Nell’ultima edizione di ‘The Empire Files’ prodotto da teleSUR, Abby Martin rende omaggio...
Notizia del:

Tre Rivoluzioni ispirate dalla Rivoluzione d'Ottobre che hanno trionfato

Le rivoluzioni in Cina, Nicaragua e Cuba trassero ispirazione delle gesta compiute dai Bolscevichi in Russia

  100 anni fa con la Rivoluzione d’Ottobre compiuta dai Bolscevichi in Russia, il mondo intero...
Notizia del:

L'eredità della Rivoluzione d'Ottobre permane nonostante la dissoluzione dell'Unione Sovietica

Dopo più di 20 anni dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica, il socialismo con caratteristiche cinesi è entrato in una nuova era, segno dello spirito permanente della Rivoluzione d'Ottobre

da Global Times   Martedì segna il centenario della Rivoluzione d’Ottobre. Il giorno speciale...
Notizia del:

Il fascino del Che

di Ilka Oliva Corado   Gli Stati Uniti sono un paese con una diversità di culture impressionante. Alla fermata di un semaforo, in attesa di attraversare la strada, ci possono stare cinquanta...
Notizia del:

Evo Morales denuncia: «Gli Stati Uniti minacciano la Madre Terra e la vita»

Il presidente boliviano afferma che «con embarghi, muri, invasioni, interventi e contaminazione, gli Stati Uniti sono la peggiore minaccia che la Madre Terra si trova ad affrontare»

  Evo Morales protesta ancora una volta contro il criminale embargo imposto dagli Stati Uniti contro Cuba....
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze aeree russe in Siria bombardano le postazioni jihadiste per l'offensiva delle truppe siriane a Idlib

Le rimanenti forze aeree russe continuano a bombardare le postazioni dei gruppi terroristici, in particolare quelli affiliati ad al Qaeda particolarmente radicati tra la provincia di Hama e Idlib.

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una visita a sorpresa all'aeroporto...
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa