/ Texas, altra strage. In una chiesa. Quando ci si interrogherà sul...

Texas, altra strage. In una chiesa. Quando ci si interrogherà sul modello malato che vige negli USA?

Texas, altra strage. In una chiesa. Quando ci si interrogherà sul modello malato che vige negli USA?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesco Erspamer*


Altra strage in America, questa volta in una chiesa battista in Texas. Ancora non si sa perché e per qualche giorno i media faranno finta di domandarselo.

In realtà non gliene importa niente a nessuno, delle ragioni e delle stragi, tanto meno ai giornalisti, se non quando si tratta di uno scoop (ma ormai servono almeno cinquanta morti, preferibilmente bambini). Il paese si sta assuefando alla violenza.

Ma non illudetevi che sia una patologia americana: è una caratteristica umana, basta leggere un libro di storia; altrimenti ogni guerra sarebbe sfociata in gigantesche rivolte. Invece dopo un po' qualche migliaio di vittime al mese, anche decine di migliaia, diventano tollerabili, figuriamoci poche centinaia.

Per cui non aspettatevi che sia l'orrore a scuotere la gente: più orrore c'è più la gente fa finta di non vedere, e si consola pensando che almeno non è toccato a lei. L'unico modo per uscirne à la coscienza, e l'unico modo per prendere coscienza è la lotta politica. In America servirebbe un partito che parlasse al popolo, che mostrasse come tutti questi massacri, tutti, siano conseguenza di un sistema che ha distrutto la solidarietà e i valori sociali per permettere ai furbi, ai fortunati e ai vincenti di diventare oscenamente ricchi; un sistema che impedisce ai meno avventurosi di trovare sicurezza in una comunità e in abitudini consolidate, costringendoli a spostarsi, a rinnovarsi, a rottamare le loro tradizioni in nome dell'esasperata competizione per la novità, non importa se inutile come l'iPhone X. Ma non c'è nessun partito che, negli Stati Uniti, si proponga di smantellare il liberismo o di controllare il consumismo. Non ci sarebbe neppure se di stragi così ce ne fosse una all'ora. L'Europa è ancora in tempo; ma solo se metterà fine, a qualunque costo e in fretta, al processo di demenziale americanizzazione a cui si è rassegnata.


*Professore all'Harvard University. Post facebook di domenica 5 novembre 2017
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa