/ 'The Guardian': Bloccata in Gran Bretagna un'indagine sui finanzi...

'The Guardian': Bloccata in Gran Bretagna un'indagine sui finanziamenti dell'Arabia saudita al terrorismo

'The Guardian': Bloccata in Gran Bretagna un'indagine sui finanziamenti dell'Arabia saudita al terrorismo
 

In un articolo sul quotidiano britannico, 'The Guardian' rivelato il blocco di un'inchiesta sui finanziatori del terrorismo in Gran Bretagna, tra i quali, e non è una sorpresa, figura l'Arabia Saudita.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Nel suo articolo sul quotidiano britannico, 'The Guardian', la giornalista Jessica Elgot, citando l'Home Office, , il ministero degli Interni della Gran Bretagna, ha rivelato che un'indagine sul finanziamento e il sostegno all'estero ai gruppi jihadisti autorizzata da David Cameron non potrà mai essere resa pubblica.
 
L'inchiesta sui flussi di reddito per gruppi estremisti operanti nel Regno Unito è stata commissionata dall'ex primo ministro e si pensa che si concentrerà sull'Arabia Saudita, ripetutamente accusata dai leader europei come fonte di finanziamento per i jihadisti islamici.
 
L'indagine è stata lanciata nell'ambito di un accordo con i liberali democratici in cambio di un'estensione degli attacchi aerei britannici contro l'ISIS in Siria nel dicembre 2015.
 
Tom Brake, portavoce degli affari esteri dei Lib Dem, ha scritto al primo ministro chiedendogli di confermare che l'inchiesta non sarebbe stata tralasciata.
 
L'Observer ha riferito nel gennaio dello scorso anno che l'unità di analisi sull'estremismo del Ministero degli Interni britannico aveva avuto ordine diretto da Downing Street per indagare sui finanziamenti esteri ai gruppi estremisti nel Regno Unito, con risultati da mostrare a Theresa May, allora titolare dell'Home Office e Cameron.
 
Tuttavia, 18 mesi dopo, l'Home Office ha confermato che la relazione non era ancora stata completata e ha detto che non sarebbe stata necessariamente pubblicata, definendo i contenuti "molto sensibili".
 
Una decisione sul futuro dell'inchiesta sarebbe stata presa "dopo l'elezione del prossimo governo", ha dichiarato un portavoce dell'Home Office.
 
Nella sua lettera a maggio, Brake ha scritto a Teresa May: "Il tuo dipartimento è stato uno di quelli che dovevano curare la relazione. Diciotto mesi dopo, e dopo due terribili attacchi terroristici contro cittadini britannici, la relazione rimane incompleta e inedita."
 
"Non è un segreto che l'Arabia Saudita, in particolare, fornisce finanziamenti a centinaia di moschee nel Regno Unito, sostenendo un'interpretazione molto forte della corrente wahhabita dell'Islam. Spesso in queste istituzioni si diffonde l'estremismo britannico."
 
I contenuti del rapporto possono rivelarsi politicamente e legalmente sensibili. L'Arabia Saudita, che è stata una fonte di finanziamento per i predicatori islamisti fondamentalisti nelle moschee, è stata visitata di recente dal Primo ministro, Teresa May.
 
Lo scorso dicembre, una relazione trapelata del servizio federale di intelligence tedesco ha accusato diversi gruppi del Golfo di finanziare scuole religiose e predicatori radicali salafiti nelle moschee, definendola "una strategia di influenza a lungo termine".
 
Il leader di Lib Dem, Tim Farron, ha dichiarato che il governo non ha mantenuto la sua parte dell'accorso fatto prima della votazione sugli attacchi aerei. La relazione deve essere pubblicata quando sarà completata, ha insistito, nonostante la preoccupazione dell'Home Office che le informazioni contenute nel documento sarebbero sensibili.
 
"Quel approccio miope deve cambiare", secondo Farron, ribadendo che i nomi dei finanziatori del terrorismo devono essere resi noti.
"Se i conservatori vogliono seriamente fermare il terrorismo sulle nostre sponde, devono smettere di porre ostacoli e riaprire l'inchiesta sui finanziamenti stranieri all'estremismo violento nel Regno Unito", ha concluso il leader Lib Dem.
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: The Guardian
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorità alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: RIA Novosti

Lavrov: I terroristi in Siria e Iraq hanno tecnologie per creare armi chimiche

Il ministro degli Esteri russo si rammarica del fatto che alcuni paesi occidentali scelgano di "chiudere un occhio" sui casi di uso e fabbricazione di armi chimiche da parte dei terroristi.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che i terroristi in Siria e Iraq hanno tecnologie che...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: Rai al-Youm

"Gli Stati Uniti, con il supporto di Israele, non stanno cercando di sconfiggere l'ISIS ma creare uno stato curdo"

Gli Stati Uniti, in collaborazione con il regime israeliano, fin dall'inizio hanno avuto l'intenzione di creare uno stato curdo che sarebbe servito come base militare 'permanente' di Washington nella regione sud-occidentale come alternativa alla base militare turca di Incirlik.

Nell'articolo del quotidiano arabo 'Rai al-Youm' si evidenzia come l'intervento degli Stati Uniti...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa