/ Ucraina. Militanti politici illegalmente arrestati al confine con...

Ucraina. Militanti politici illegalmente arrestati al confine con la Russia. Si recavano al Festival Mondiale della Gioventù

Ucraina. Militanti politici illegalmente arrestati al confine con la Russia. Si recavano al Festival Mondiale della Gioventù
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Dichiarazione dell'Unione dei Partiti Comunisti-PCUS


da kprf.ru


Traduzione dal russo di Mauro Gemma (Marx21)


I comunisti dell'ex URSS chiedono l'immediato rilascio dei militanti della gioventù comunista ucraina (Komsomol) illegalmente arrestati alla frontiera tra Ucraina e Russia mentre si recavano al Festival Mondiale della Gioventù e degli Studenti, che si svolge a Sochi.  


Con un sentimento di profonda indignazione e allarme il Consiglio Centrale dell'Unione dei Partiti Comunisti-PCUS (UPC-PCUS) comunica che il 13 ottobre, al punto di frontiera tra Russia e Ucraina “Goptovka” nella regione di Kharkov, dalle guardie ucraine sono stati fermati illegalmente i sette componenti della delegazione ufficiale del Komsomol di Ucraina, guidati dal loro leader Mikhail Kononovic, mentre si stavano recando a Sochi per partecipare al XIX Festival della Gioventù e degli Studenti.


Consideriamo questo oltraggioso episodio un'altra flagrante violazione dei diritti costituzionali del cittadini dell'Ucraina, perché, secondo la Costituzione di questo paese, né il Komsomol, né il Partito Comunista di Ucraina sono proibiti, e la riteniamo anche una violenta dimostrazione di forza che lede i diritti e le libertà dell'uomo, sanciti nella Dichiarazione internazionale.





Constatiamo anche che, usando la macchina repressiva e sferrando un attacco diretto a giovani indipendenti, democratici, combattenti per la libertà, si intende boicottare il XIX Festival della Gioventù e degli Studenti a Soci, il cui obiettivo principale è riunire numerose organizzazioni giovanili in un evento di lotta contro l'imperialismo e la reazione, per la pace, la democrazia, l'indipendenza nazionale, in difesa dei diritti politici, sociali ed economici e degli interessi.


La giunta antipopolare che ha preso il potere in modo illegale è presa dal panico di fronte alla partecipazione di giovani comunisti e progressisti ucraini all'evento, dal momento che tutto il mondo in questa occasione avrà la possibilità di ascoltare PAROLE DI VERITA' sulla reale situazione delle cose in Ucraina.


Condannando energicamente queste altre azioni provocatorie della giunta di Kiev, il Consiglio Centrale dell'UPC-PCUS esige con insistenza dal governo ucraino l'immediato rilascio dei membri detenuti illegalmente della delegazione ufficiale del Komsomol di Ucraina, che avrebbero dovuto assistere al XIX Festival della Gioventù e degli Studenti a Soci, ma anche, poiché ne portano la responsabilità anche penale, la presentazione delle scuse ufficiali da parte delle forze dell'ordine che avrebbero dovuto garantire l'accesso dei membri della delegazione nel luogo in cui si svolge il Festival.
 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa