/ Una telefonata dalla Colombia (dove si trova Tillerson) blocca l'...

Una telefonata dalla Colombia (dove si trova Tillerson) blocca l'accordo di pace tra governo e opposizione in Venezuela

Una telefonata dalla Colombia (dove si trova Tillerson) blocca l'accordo di pace tra governo e opposizione in Venezuela
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


La delegazione del governo del Venezuela nei colloqui di pace con l'opposizione in corso nella Repubblica domenicana ha firmato mercoledì la bozza dell' "accordo definitivo" raggiunto lunedì. Al contrario l'opposizione ha rifiutato di firmarla per la pressione subita da Bogotà.





I delegati del governo venezuelano (Jorge Rodriguez, Roy Chaderton e Delcy Rodríguez) a nome del Presidente Nicolas Maduro, hanno proceduto a firmare l'accordo che è stato successivamente consegnato al presidente della Repubblica Dominicana, Danilo Medina, il ministro degli Esteri Miguel Vargas e l'ex presidente del governo spagnolo, José Luis Rodríguez Zapatero, che compongono il tavolo di accompagnamento. Lo riporta Telesur.


Il rifiuto degli oppositori di firmare quello che avevano già concordato lunedì con il governo, ha assicurato il ministro venezuelano della comunicazione, è dovuto ad una telefonata da Bogotà (capitale colombiana) che ha impedito loro di portare a termine la firma dell'accordo . "Oggi in un atto vergognoso, una chiamata di Bogotá indirizzata a Julio Borges (capo della delegazione di opposizione), che ha coinciso con la visita del segretario di Stato americano, Rex Tillerson, in quel paese, ha impedito la firma della accordo", ha dichiarato Rodriguez. Secondo quest'ultimo il viaggio di Tillerson mira a" riallineare coloro che operano come lacchè del governo degli Stati Uniti nella regione ".
 
Rodríguez si è profondamente rammaricato che una telefonata dalla Colombia abbia cambiato il corso dei negoziati. Si è inoltre rammaricato che i rappresentanti dell'opposizione ricevano istruzioni dal "proconsole imperiale che impedisca la firma dell'accordo di pace per il Venezuela".


La delegazione del Venezuela ha aggiunto due punti al documento, come spiega nel video che vi abbiamo proposto sopra la giornalista Madalein Garcia di Telesur. il primo riguarda la Guyana Esequiba. "Il governo e l'opposizione ratificano il diritto legittimo del Venezuela sul territorio della Guyana Essequibo che richiede il supporto costante di entrambe per le azioni intraprese dalla Repubblica in difesa dei suoi diritti sovrani sulla Essequibo". Il secondo punto proposto dal governo era che entrambe le parti riconoscessero i risultati delle elezioni presidenziali del 2018 "indipendentemente dall'esito".





Il ministro per la Comunicazione e l'informazione del Venezuela, Jorge Rodríguez, ha riferito lunedì che, nonostante i tentativi di sabotaggio, l'accordo dei dialoghi tra il governo e l'opposizione "è pronto" a materializzarsi proprio ora. I negoziati dovrebbero proseguire anche nella giornata di oggi, telefonate permettendo.

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Così si impone e trionfa in Italia e nel mondo il nuovo fascismo della finanza e delle corporation

di Francesco Erspamer* Da trent'anni il gioco dei liberisti è sempre quello e il fatto che continuino a vincere dipende solo dalla mancanza di lucidità, capacità e coraggio...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:

Pyongyang: "Se non ci fossero stati gli USA, la pace e l'unificazione nazionale sarebbe realtà"

di Fabrizio Poggi    Decise prese di posizione dei media della RPDC contro il tentativo statunitense di minare il pur embrionale processo di avvicinamento tra Pyongyang e Seoul, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa