/ Venezuela, parla un osservatore spagnolo: «Il risultato è inappel...

Venezuela, parla un osservatore spagnolo: «Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone»

Venezuela, parla un osservatore spagnolo: «Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone»
 

Vicent Garcés è un ex eurodeputato appartenente al PSOE spagnolo che ha seguito elezioni per l'Assemblea Costituente come osservatore internazionale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

«Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone. Una partecipazione del 42%, nonostante l’opposizione non abbia partecipato al voto, è molto», queste le parole di Vicent Garcés al quotidiano eldiario.es. Ex eurodeputato spagnolo appartenente al PSOE, appena rientrato dal Venezuela, dove ha fatto parte del gruppo di circa 30 osservatori internazionali invitati dal Consiglio Nazionale Elettorale venezuelano per verificare la correttezza delle procedure elettorali per l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente convocata in base alla Costituzione da Nicolas Maduro.

 

Riguardo alle presunte manipolazioni dei risultati denunciate dalla società Starmatic, che fornisce le apparecchiature per il voto elettronico, Garcés afferma che vi è stata «un’assoluta limpidezza» nelle operazioni. Aggiungendo che già in altre occasioni «l’opposizione ha denunciato brogli, ma quando i risultati gli hanno dato la vittoria due anni fa li hanno accettati». 

 

L’esponente del partito socialista spagnolo ha inoltre raccontato ciò che ha visto a Caracas: «Nella giornata delle votazioni abbiamo visitato molti collegi elettorali nelle zone popolari di Caracas e tutti votavano con tranquillità. Tuttavia, nelle zone dove vive la destra, la borghesia e la gente più ricca, avevano bloccato molte strade e si sono verificati attentati contro le sedi elettorali. Per questo il Consiglio Nazionale Elettorale ha deciso di spostare alcuni seggi presso uno stadio (Poliedro) affinché le persone potessero recarsi a votare. Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone. Una partecipazione del 42%, nonostante l’opposizione non abbia partecipato al voto, è molto». 

 

«Il conflitto esiste - ha poi spiegato Garcés - perché c’è un’insurrezione dell’oligarchia. Ha trascorso 18 anni esclusa dal potere ed ha perso molti privilegi. Vuole riconquistare il potere ad ogni costo».  

 

In Venezuela c’è una forte «polarizzazione sociale esacerbata negli ultimi tempi, da quando l’opposizione utilizza l’Assemblea Nazionale come un ariete contro il presidente Maduro. Il paese è molto radicalizzato. Le forze del governo sono un po’ sulla difensiva di fronte alla radicalizzazione violenta della destra, dell’oligarchia, spalleggiate dagli Stati Uniti. L’obiettivo della CIA e di Trump era di non arrivare alle elezioni del giorno 30. Sono state utilizzate molte forme di violenza nel paese. Una violenza che era sconosciuta, con forti scontri e anche attacchi terroristici». 

 

Altro caso caldo è quello riguardanti i presunti prigionieri politici. In merito, l’osservatore spagnolo precisa: «Li definisce così la stampa internazionale. Quello che dice il sistema giudiziario venezuelano è che i detenuti, anche quelli ancora in attesa di giudizio, non lo sono per ragioni politiche, ma per aver organizzato e promosso sommosse, ordinato attacchi violenti». Come nel caso di Lopez e Ledezma, a cui due tribunali di controllo di Caracas hanno disposto l’annullamento della detenzione domiciliare per averne violato i termini, invitando i loro seguaci a compiere azioni violente per boicottare le elezioni per l’Assemblea Costituente.  

 

Infine, Garcés si è detto «assolutamente in disaccordo» con Felipe González, vecchio leader del PSOE spagnolo schieratosi dalla parte dei solisti e dell’oligarchia venezuelana. Mentre sostiene l’altro esponente socialista spagnolo «José Luis Rodríguez Zapatero che ha chiesto dialogo per giungere a soluzioni politiche». Ma «chi non vuole il dialogo è l’opposizione, molto radicalizzata, così come gli Stati Uniti che vogliono recuperare la propria egemonia in tutto il continente. Il golpe istituzionale contro Dilma Rousseff in Brasile è stato l’ultimo anello di una catena, che in precedenza aveva colpito Honduras e Paraguay, contro quei governi che cercavano l’integrazione dell’America Latina».  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.eldiario.es/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
Notizia del:

Dopo Brexit e Catalogna, che ne sarà dell'Unione Europea?

Il futuro più probabile dell'Europa è un super-Stato neoliberista gestito congiuntamente da Berlino e Bruxelles

di C J Polychroniou - Al Jazeera   Il futuro dell'Unione europea è di sicuro in dubbio.   La...
Notizia del:

Sanzioni e regime change in Venezuela: Trump raddoppia

La strategia sembra essere quella di impedire una ripresa economica e peggiorare la penuria, così i venezuelani torneranno nelle strade per rovesciare il governo

di Mark Weisbrot - teleSUR   Il 3 novembre, il presidente del Venezuela Maduro ha proposto un incontro...
Notizia del:     Fonte: America XXI

Venezuela in default? Interviene la Cina: «Il Governo del Venezuela ha promesso di pagare il debito e ha trasformato le parole in fatti»

«Crediamo che il governo e il popolo venezuelano abbiano la credibilità per gestire adeguatamente la questione del debito», ha spiegato il portavoce del ministero degli Esteri cinese

  Tanto è stato scritto, soprattutto fake news ad onor del vero, sulla situazione debitoria verso...
Notizia del:

Strasburgo, Dilma Rousseff esprime solidarietà al popolo venezuelano

L'Unione Europea è uno dei centri nevralgici da dove partono gli attacchi alla Repubblica Bolivariana del Venezuela

  L’Unione Europea è uno degli attori internazionali maggiormente impegnati nell’opera...
Notizia del:

«Venezuela in default», una notizia costruita a fini politici

Possiamo fidarci degli annunci dati dai soliti noti della stampa mainstream in servizio perenne contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela?

di Fabrizio Verde   I titoli sono ad effetto. «Il Venezuela è in default», gridano....
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti sono il vero pericolo per la pace mondiale»

Il presidente boliviano risponde agli Stati Uniti che si ostinano a voler dipingere il Venezuela come una minaccia

  Non passa giorno senza che da Washington partano accuse dirette al Venezuela. Il paese minacciato, assediato...
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

Portone circolo PD bruciato a Ostia Antica, G. Zannola: "Hanno colpito una casa della città"

Intervista all'esponente del PD di Ostia: "Il X municipio può ripartire se il Comune, la Regione ed il Governo fanno uno sforzo reale in termini di investimento di risorse per potenziare i servizi sociali lì dove le marginalità e le fragilità dilagano; luoghi in cui si insedia il 'welfare' alternativo delle mafie ed il fascismo."

Dopo la manifestazione contro le mafie, contro il fascismo e per la libertà di stampa, indetta da Libera...
Notizia del:

"Ci censurano perché rompiamo lo schema narrativo creato ad arte dal sistema"

Intervista a Giorgio Cremaschi dopo il successo della manifestazione dell'11 novembre. "Noi non siamo buonisti e neanche tolleranti. Ma intolleranti e faziosi" Sulle sanzioni al Venezuela: "Sono un'autentica vergogna"

Come AntiDiplomatico abbiamo risentito telefonicamente Giorgio Cremaschi uno dei promotori della grande iniziativa...
Notizia del:

Il diritto internazionale non conta più niente: "La formula Arria" contro il Venezuela bolivariano

Con la giornalista e scrittrice Geraldina Colotti abbiamo parlato di sanzioni Ue, "interessamento" Onu e ruolo del governo italiano. "Arria è l'inventore della “formula Arria” al Consiglio di sicurezza dell'Onu, messa in campo nel '92 per la Bosnia. Una formula che prevede di includere nelle consultazioni informali dell'Onu personalità e associazioni della “società civile”

Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e saggista esperta di America Latina  L'Unione...
Notizia del:

"Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi era mai capitata"

Intervista al Prof. Vasapollo: "L’atteggiamento autoritario di Minniti e del Pd apre una nuova pagina delle relazioni istituzionali per una grande forza sindacale di questo paese che è l’USB"

Come AntiDiplomatico vi abbiamo riportato diverse testimonianze delle ragioni dello sciopero di oggi. Ve le riproponiamo...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi sullo sciopero generale e la manifestazione di Piazza Vittorio. "La censura dei media ci fa un baffo"

Ai media conviene parlare delle marcette di qualche decina di fascisti. E' normale che ci censurino"

Oggi lo sciopero generale indetto dai sindacati di base, Usb - Cobas e Unicobas. Domani una grande manifestazione...
Notizia del:

Perché Arabia Saudita e Usa non possono permettersi una guerra contro l'Iran. Intervista a Mostafa El Ayoubi

"L’Arabia Saudita è da sempre il “luogotenente statunitense nel Golfo Persico”. Non c’è mossa che avvenga da parte di Riad che da Washington non abbia avuto il lasciapassare."

Intervista de l'AntiDiplomatico a Mostafa El Ayoubi, giornalista esperto di Medio Oriente E’...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa