/ Venezuela, parla un osservatore spagnolo: «Il risultato è inappel...

Venezuela, parla un osservatore spagnolo: «Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone»

Venezuela, parla un osservatore spagnolo: «Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone»
 

Vicent Garcés è un ex eurodeputato appartenente al PSOE spagnolo che ha seguito elezioni per l'Assemblea Costituente come osservatore internazionale

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

«Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone. Una partecipazione del 42%, nonostante l’opposizione non abbia partecipato al voto, è molto», queste le parole di Vicent Garcés al quotidiano eldiario.es. Ex eurodeputato spagnolo appartenente al PSOE, appena rientrato dal Venezuela, dove ha fatto parte del gruppo di circa 30 osservatori internazionali invitati dal Consiglio Nazionale Elettorale venezuelano per verificare la correttezza delle procedure elettorali per l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente convocata in base alla Costituzione da Nicolas Maduro.

 

Riguardo alle presunte manipolazioni dei risultati denunciate dalla società Starmatic, che fornisce le apparecchiature per il voto elettronico, Garcés afferma che vi è stata «un’assoluta limpidezza» nelle operazioni. Aggiungendo che già in altre occasioni «l’opposizione ha denunciato brogli, ma quando i risultati gli hanno dato la vittoria due anni fa li hanno accettati». 

 

L’esponente del partito socialista spagnolo ha inoltre raccontato ciò che ha visto a Caracas: «Nella giornata delle votazioni abbiamo visitato molti collegi elettorali nelle zone popolari di Caracas e tutti votavano con tranquillità. Tuttavia, nelle zone dove vive la destra, la borghesia e la gente più ricca, avevano bloccato molte strade e si sono verificati attentati contro le sedi elettorali. Per questo il Consiglio Nazionale Elettorale ha deciso di spostare alcuni seggi presso uno stadio (Poliedro) affinché le persone potessero recarsi a votare. Il risultato è inappellabile. Sono otto milioni di persone. Una partecipazione del 42%, nonostante l’opposizione non abbia partecipato al voto, è molto». 

 

«Il conflitto esiste - ha poi spiegato Garcés - perché c’è un’insurrezione dell’oligarchia. Ha trascorso 18 anni esclusa dal potere ed ha perso molti privilegi. Vuole riconquistare il potere ad ogni costo».  

 

In Venezuela c’è una forte «polarizzazione sociale esacerbata negli ultimi tempi, da quando l’opposizione utilizza l’Assemblea Nazionale come un ariete contro il presidente Maduro. Il paese è molto radicalizzato. Le forze del governo sono un po’ sulla difensiva di fronte alla radicalizzazione violenta della destra, dell’oligarchia, spalleggiate dagli Stati Uniti. L’obiettivo della CIA e di Trump era di non arrivare alle elezioni del giorno 30. Sono state utilizzate molte forme di violenza nel paese. Una violenza che era sconosciuta, con forti scontri e anche attacchi terroristici». 

 

Altro caso caldo è quello riguardanti i presunti prigionieri politici. In merito, l’osservatore spagnolo precisa: «Li definisce così la stampa internazionale. Quello che dice il sistema giudiziario venezuelano è che i detenuti, anche quelli ancora in attesa di giudizio, non lo sono per ragioni politiche, ma per aver organizzato e promosso sommosse, ordinato attacchi violenti». Come nel caso di Lopez e Ledezma, a cui due tribunali di controllo di Caracas hanno disposto l’annullamento della detenzione domiciliare per averne violato i termini, invitando i loro seguaci a compiere azioni violente per boicottare le elezioni per l’Assemblea Costituente.  

 

Infine, Garcés si è detto «assolutamente in disaccordo» con Felipe González, vecchio leader del PSOE spagnolo schieratosi dalla parte dei solisti e dell’oligarchia venezuelana. Mentre sostiene l’altro esponente socialista spagnolo «José Luis Rodríguez Zapatero che ha chiesto dialogo per giungere a soluzioni politiche». Ma «chi non vuole il dialogo è l’opposizione, molto radicalizzata, così come gli Stati Uniti che vogliono recuperare la propria egemonia in tutto il continente. Il golpe istituzionale contro Dilma Rousseff in Brasile è stato l’ultimo anello di una catena, che in precedenza aveva colpito Honduras e Paraguay, contro quei governi che cercavano l’integrazione dell’America Latina».  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.eldiario.es/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Tulio Hernandez, incitatore d'odio venezuelano, presentato da 'Repubblica' come giornalista perseguitato

Noterete il solito metodo di operare da parte del circuito informativo mainstream sul Venezuela: edulcorare o mistificare il racconto, in pieno stile post-verità, per renderlo funzionale all’operazione volta a demonizzare il paese sudamericano agli occhi dell’opinione pubblica

di Fabrizio Verde   Un articolo apparso sull’edizione napoletana del quotidiano ‘La Repubblica’...
Notizia del:

Di ritorno da Caracas, ecco come il Venezuela risponde alla guerra economica e alle sanzioni

L'AntiDiplomatico intervista Omar Minniti che ha partecipato alle giornate di solidarietà Todos Somos Venezuela. “Diversificazione economica, de-dollarizzazione, autosufficienza alimentare e la cooperazione internazionale con Russia e Cina: le risposte del governo di Caracas che ho visto di prima persona”

Omar Minniti, collaboratore de "L'Antidiplomatico", ha partecipato all'incontro internazionale...
Notizia del:

Due pesi e due misure, Gentiloni e le “questioni interne” degli altri paesi. Il caso Catalogna e quello del Venezuela

Si evince ancora una volta la doppia morale dell’attuale capo del governo italiano

di Fabrizio Verde e Alessandro Bianchi   Interrogato dalla stampa circa la recente crisi scoppiata in...
Notizia del:

Il monito di Dilma Rousseff: Trump mette in pericolo l'esistenza dell'umanità

L’ex presidente del Brasile ha inoltre denunciato gli attacchi portati dall’inquilino della Casa Bianca a nazioni libere e sovrane come Iran, Cuba e Venezuela

  «Gli atteggiamenti di Trump riportano ai tempi della Guerra Fredda, minacciano le nazioni libere...
Notizia del:

Lavrov all'ONU: «Inaccettabili le minacce al Venezuela»

«È inaccettabile incitare rivolte e minacciare l’utilizzo della forza per ‘democratizzare’ il Venezuela o minare le legittime autorità di qualsiasi paese», ha dichiarato Sergey Lavrov all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

  In risposta all’ultimo delirio del presidente statunitense Trump all’ONU, da noi anche definito...
Notizia del:

ONU, Evo Morales replica a Trump: «La nostra regione non è il cortile di casa di nessuno»

Il Presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, ha ribadito il proprio sostegno al Venezuela in seno all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

  «La nostra regione non è il cortile di casa di nessuno», così Evo Morales, presidente...
Notizia del:     Fonte: AVN

ONU: con un «discorso demagogico e pieno di luoghi comuni» Trump si scaglia contro la «dittatura socialista» in Venezuela

L'ultimo delirio del presidente degli Stati Uniti d'America

  Durante il suo primo discorso alle Nazioni Unite (ONU), che ieri abbiamo definito come l’epitaffio...
Notizia del:

Catalogna, quando Rajoy e i suoi amici nell'Ue sostenevano il plebiscito illegale in Venezuela

Repressione brutale, irruzione e raid nelle sedi politiche regionali, 14 arresti, prigionieri politici e stop coatto al voto popolare previsto. ** Per i lettori meno attenti o maggiormente intossicati...
Notizia del:

FAKE. Le giornate di solidarietà a Maduro trasformate dai giornali italiani in una petizione... contro Maduro.

Da Caracas, ieri, la giornalista Geraldina Colotti scriveva: "Oggi vogliamo presentarvi un altro esempio di manipolazione mediatica che non troverete sui media nostrani. Qui in Venezuela si stanno...
Notizia del:     Fonte: AVN

'Todos Somos Venezuela': presentato un piano per neutralizzare la guerra mediatica

  Le delegazioni che prendono parte all’iniziativa ‘Todos Somos Venezuela’ si sono trovate concordi nella necessità di creare un piano di azione per difendere il Venezuela...
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Inedito di Gianni Minà: intervista a Jack La Motta

La leggenda di Toro Scatenato

di Gianni Minà   “Mi conoscono come il “Toro del Bronx”. La mia vita controversa...
Notizia del:     Fonte: Hispan TV

Generale Soleimani: "Il cancro di Daesh, creato da Usa e Israele, sarà eliminato entro due mesi."

Il Generale iraniano Qasem Soleimani ha assicurato che il gruppo terrorista Isis sarà eliminato nei prossimi due mesi e l’Iran celebrerà questa vittoria.   ** Durante una...
Notizia del:

Di ritorno da Caracas, ecco come il Venezuela risponde alla guerra economica e alle sanzioni

L'AntiDiplomatico intervista Omar Minniti che ha partecipato alle giornate di solidarietà Todos Somos Venezuela. “Diversificazione economica, de-dollarizzazione, autosufficienza alimentare e la cooperazione internazionale con Russia e Cina: le risposte del governo di Caracas che ho visto di prima persona”

Omar Minniti, collaboratore de "L'Antidiplomatico", ha partecipato all'incontro internazionale...
Notizia del:

"Un anno dopo la deposizione di Dilma il golpe in Brasile va avanti"

José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista del Brasile (PCdoB): "Il governo di Michel Temer è impegnato a svuotare la CELAC e a trasformare il paese in una testa di ariete dell'attacco al Venezuela."

Intervista a José Reinaldo Carvalho, responsabile delle Relazioni Internazionali del Partito Comunista...
Notizia del:

Pablo Iglesias intervista Álvaro García Linera: così in Bolivia abbiamo sconfitto la "sinistra che non serve"

Da Contropiano* Pubblichiamo questa lunga intervista di Pablo Iglesias con il Vicepresidente della Bolivia, Alvaro García Linera nella nota trasmissione “Otra vuelta de tuerka”....
Notizia del:

Andre Vltchek: "Il popolo dell'Afghanistan non ne può più dell'occupazione imperiale e barbarica dell'Occidente"

Andre Vltchek, noto saggista e documentarista di fama internazionale è stato nel mese di maggio in Afghanistan per realizzare un cortometraggio ed altri futuri lavori. A noi dell'AntiDiplomatico...
Notizia del:

Andre Vltchek: "The people of Afghanistan have had truly enough of this Western imperialist barbarism"

"Collaboration with the Western occupation forces is now the greatest ‘business’ in the country. Afghan diplomats, many politicians, countless military commanders, Western-funded NGO’s, even thousands of educators, are all serving the occupiers. Billions of dollars are being made from such shameful collaboration. It is all one huge business, and the mafia of servile Afghan ‘journalists’, diplomats, governors and ‘educators’ will never leave their lucrative positions voluntarily."

(PHOTO BY A. VLTCHEK: conflict at Afghan-Pakistani border) Interview with ANDRE VLTCHEK by ALESSANDRO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa