/ Venezuela: perché il chavismo è tornato alla vittoria?

Venezuela: perché il chavismo è tornato alla vittoria?

Venezuela: perché il chavismo è tornato alla vittoria?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Marco Teruggi - teleSUR
 

Il chavismo ha conquistato la sua terza vittoria elettorale in meno di quattro mesi. Nuovamente, in maniera schiacciante. Le prime furono le elezioni per l'Assemblea Nazionale Costituente (ANC), il 30 luglio, poi per i governatori, il 15 di ottobre e, infine, questo 10 dicembre, dove, secondo quanto affermato dal presidente Nicolás Maduro, ha conquistato 300 municipi su 335. 

 

Come si spiegano questi risultati? L’argomento delle opposizioni e dei suoi alleati internazionali è sempre lo stesso: brogli. Si tratta di un pulsante automatico che viene schiacciato dopo ogni risultato avverso. La mancanza di credibilità di questa accusa viene dal comprovato meccanismo elettorale, e dall’opposizione stessa, quando una parte della destra, quella che vince, riconosce i risultati e un'altra, quella che perde, non lo fa. È noto nelle dinamiche del conflitto venezuelano che questo è sistematico e senza fondamento.  

 

Le risposte dovrebbero essere cercate nel modo in cui ciascuna delle forze è arrivata alle elezioni. L'opposizione lo ha fatto con diversi elementi contro di essa, e con quella capacità unica di spararsi sui piedi. Per prima cosa, una parte importante, in particolare i partiti principali, hanno deciso di non partecipare. Ciò non significa che la destra non abbia partecipato, ci sono sindaci di opposizione che hanno vinto. Erano senza molte delle loro figure con maggiori possibilità, vi sono stati dissidi pubblici, accuse di tradimenti incrociati, diversi candidati nello stesso municipio. L'immagine era quella di una forza in crisi, con i generali che si confrontavano.

 

Questo scenario è andato materializzandosi dopo la sconfitta sofferta con l’elezione della ANC, che ha provocato la rottura della Mesa de la Unidad Democrática, in un quadro di demoralizzazione della sua base sociale che ha anche iniziato a lanciare accuse di tradimento verso i dirigenti. Questo ha portato alla sconfitta nelle elezioni regionali - il fallimento politico ha un effetto domino - ed ha acutizzato il già evidente smarrimento strategico. I partito principali, in quattro mesi, sono passati dagli appelli a spodestare il governo attraverso la violenza di piazza, al presentarsi alle elezioni, e infine astenersi. Il risultato di domenica era prevedibile. 

 

Questa incapacità dell'opposizione riafferma a sua volta un elemento chiave per pensare lo sviluppo del conflitto venezuelano. Dopo diciotto anni di processo rivoluzionario, la destra non è stata in grado di conformarsi come alternativa per la maggioranza della popolazione. La sua mancanza di credibilità è nel punto di maggiore evidenza. Sono riusciti a dilapidare, nel giro di mezzo anno, il capitale politico accumulato. Si incamminano verso le elezioni presidenziali in modo disunito, consunto, con tre tentativi insurrezionali infruttuosi e quattro elezioni perse durante il mandato di Nicolás Maduro. Hanno ottenuto una singola vittoria elettorale, a dicembre 2015, che non sono riusciti a gestire.

 

La situazione in cui si trova l'opposizione è il prodotto dei propri errori - che sono anche, in alcuni casi, frutto degli ordini emessi dagli Stati Uniti - e della capacità politica del chavismo, che è riuscita a uscire da una situazione di stallo che sembrava averlo ricacciato in un angolo. Questa ripresa dell'iniziativa, che si materializza con il terzo risultato elettorale in 133 giorni, ha diverse ragioni. Una di queste è che l'unità è stata mantenuta. Mentre l'opposizione era sempre più divisa, il chavismo ha mantenuto la figura di Nicolás Maduro come leadership consolidata e presentato candidature unitarie nella maggior parte dei luoghi, sia a livello regionale che comunale.

 

Un'altra ragione è la coerenza discorsiva. Il chavismo non è mai caduto nella provocazione dello scontro di piazza promosso dalla destra tra aprile e luglio. La proposta era sempre quella della risoluzione elettorale, e in questo modo è stato possibile spegnere la violenta escalation e mantenere il potere politico. Unità e strategia contro lotta interna e deliri strategici.

 

Un'altra ragione può essere cercata nella rivoluzione accumulata. Così come la destra non riesce a configurarsi come alternative per le masse, il chavismo ha uno dei suoi punti di forza nella dimensione identitaria nelle classi popolari. Il chavismo è molto di più che la dirigenza e le diverse mediazioni con i successi e gli errori, è un’esperienza politica, di vita, organizzativa, che viene da un parte del popolo venezuelano, e consente di affrontare le contese elettorali con una base che la destra non possiede. C'è una consapevolezza del momento storico, della posta in gioco, di quello che può essere perduto in caso di una sconfitta elettorale. 

 

Lì si possono trovare alcune delle ragioni di questa terza vittoria elettorale, in una fase in cui molti analisti hanno affermato e ribadito che qualsiasi confronto alle urne avrebbe portato irrimediabilmente a una sconfitta dei chavisti. Un trionfo che si verifica nel momento di maggiori difficoltà economiche del paese. Una situazione che non dovrebbe essere vista isolatamente dal quadro politico: l'approfondimento dell'attacco all'economia cerca di condizionare il voto, generando scenari che l'incapacità dell'opposizione non riesce a raggiungere. Esistono relazioni dirette tra il dollaro illegale, aumenti dei prezzi, penuria e giornate elettorali.

 

Adesso il chavismo ha una sfida immensa e urgente: stabilizzare l'economia, fermare la regressione materiale che lancia immagini di un paese in cui le azioni di vita quotidiana sono diventate battaglie per la maggioranza della popolazione. Questo significa rafforzare le alleanze internazionali, per evitare il soffocamento che il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati cercano di imporre. Recuperare l’efficacia del governo sull'economia e affrontare i nemici interni della rivoluzione. Uno di questi è la corruzione che, come dimostrano le indagini, aveva sequestrato l'industria petrolifera e parte del meccanismo di importazione, cioè i polmoni dell'economia.

 

Vincere le elezioni significa la possibilità di continuare con il progetto storico. Un nuovo passo è stato mosso in questa direzione. E non solamente in un contesto di di avversità interne, ma in un momento dove le destre nel continente, subordinate agli Stati Uniti, cercano di recuperare il terreno perduto e mostrano, come nel caso dei brogli elettorali in Honduras, fino a dove sono disposti a spingersi. Avere ottenuto una nuova vittoria elettorale è quindi immenso, è una lezione di politica, un esempio per le lotte che la rivoluzione venezuelana può dare. 

 

(Traduzione dallo spagnolo de l’AntiDiplomatico)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:

Pavel Grudinin, il comunista che sfida Putin

Ma chi è Pavel Grudinin, l'uomo a cui il popolo comunista di Russia ha affidato la sfida impossibile delle elezioni 2018?

di Danilo Della Valle Pavel Grudinin, ingegnere ed imprenditore agricolo cinquantesettenne, sarà...
Notizia del:     Fonte: Pagina12

Argentina, Macri brinda alla repressione: «Chi lancia una pietra è disposto a uccidere»

  Dopo la dura repressione, la criminalizzazione. L’aria natalizia del saluto agli impiegati e i giornalisti presso il Palazzo del Governo, non ammorbidisce la posizione di Mauricio Macri....
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Libia. Saif al-Islam Gheddafi prevede di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali

Un portavoce delle tribù libiche e della famiglia di Gheddafi, Hashemi Alshoul ha rivelato all'emittente libanese, al-Mayadeen che "al-Islam Gheddafi Saif si sta preparando per le prossime elezioni presidenziali in Libia", aggiungendo che "ha il sostegno di una delle più grandi tribù del paese.

Secondo il canale satellitare libanese, al-Mayadeen, il programma della candidatura di Saif al-Islam per le presidenziali...
Notizia del:

Intervista a Pasqualina Curcio (economista): "La ricerca scientifica dimostra la guerra economica. In Venezuela c'è la mano visibile del mercato"

di Geraldina Colotti, Caracas   Durante il nostro viaggio in Venezuela come osservatori internazionali in occasione delle elezioni comunali, abbiamo intervistato l’economista venezuelana...
Notizia del:

Il trionfo di Maduro alle ultime elezioni per La Stampa diventa: "In Venezuela non c'è più forza per protestare"

Il vortice di menzogne e mistificazioni è divenuto talmente intricato da rendere praticamente impossibile a un semplice lettore di scorgere la realtà dietro la propaganda anti-venezuelana imperante sui principali media

  di Fabrizio Verde Utilizzare fake news a sostegno di precedenti fake news propalate per giustificare...
Notizia del:     Fonte: Aporrea

La Cina sottolinea l'importanza della stabilità del Venezuela

  La Cina ha sottolineato oggi che le elezioni municipali in Venezuela che hanno dato la vittoria al governo si sono tenute "senza contrattempi” ed ha assicurato che la stabilità...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Eurodeputato Couso: "Con sanzioni illegali l'Ue cerca di sabotare il dialogo tra opposizione e governo in Venezuela"

"Un'Unione Europea di parte compie un'azione di sabotaggio di dialogo di Santa Domingo tra il governo e opposizione venezuelana con sanzioni unilaterali contrarie al diritto internazionale....
Notizia del:

"L'Ue mostra la sua vocazione coloniale". L'ex presidente dell'Honduras Zalaya condanna le sanzioni contro il Venezuela

Manuel Zalaya, l'ex presidente dell'Honduras vittima di un golpe nel 2009 targato dall'Amministrazione Obama per la sua decisione di aderire all'Alba bolivariana, ha espresso la sua solidarietà...
Notizia del:

Venezuela, le destre golpiste hanno già il nuovo Rambo e si preparano per il 23 gennaio

Intanto gli Usa hanno mandato le condoglianze alle famiglie del gruppo armato di Oscar Pérez

di Geraldina Colotti* Gira in rete e su whatsap un video-messaggio grottesco e inquietante proveniente...
Notizia del:

VIDEO. Honduras, il momento esatto in cui un anziano viene assassinato durante le proteste

Tanti feriti e arresti da parte del regime per reprimere le proteste di ieri, sabato 20 gennaio, contro la frode elettorale che ha visto confermato il candidato di Washington. Nella foto l'ex presidente Zalaya durante le manifestazioni nella capitale Tegucigalpa

Questo sabato 20 gennaio, le proteste dell'opposizione in Honduras contro la frode elettorale ha coinvolto...
Notizia del:

Da Daktari a Óscar Pérez: l'uso della carta paramilitare contro il Venezuela

Piano Colombia, un piano importato e la frontiera

MISION VERDAD (traduzione di Francesco Monterisi) Durante il governo di Alvaro Uribe Vélez,...
Notizia del:

Altra Fake news. Maduro interverrà "in stile Putin" nelle elezioni colombiane

Costantemente sorgono nello scenario internazionale nuove matrici d'opinione come strumento di attacco politico e mediatico. A quanto pare le elezioni in Colombia coincidono esattamente con la russofobia globale, di cui il Venezuela è erede per allineamento geopolitico.

Mision Verdad Un articolo pubblicato la settimana scorsa sul quotidiano El Espectador in Colombia presenta...
Notizia del:

Il Venezuela condanna le sanzioni europee. "L'UE è una sussidiaria di Washington. Eseguono gli ordini imperialisti degli Usa"

Il ministro degli esteri venezuelano Arreaza ha commentato le nuove sanzioni europee: "E' un ordine imperialista. L'Ue ha eseguito"

      Il ministro degli Esteri del Venezuela, Jorge Arreaza, ha condannato le sanzioni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa