/ VIDEO. Missionaria argentina ad Aleppo smonta le fake news sulla ...

VIDEO. Missionaria argentina ad Aleppo smonta le fake news sulla Siria

VIDEO. Missionaria argentina ad Aleppo smonta le fake news sulla Siria
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Suor María Guadalupe de Rodrigo, suora argentina, è diventata popolare grazie a un video divenuto virale, attraverso il quale in poco più di un minuto risponde alle fake news delle corporazioni mediatiche sulla guerra in Siria.



Rodrigo Guadalupe ha vissuto in Siria, nella città di Aleppo, dal 2011 al 2015 e dichiara nel video: "Non è una guerra civile quello che sta accadendo in Siria. Non è il popolo che si è sollevato contro il governo. E' una menzogna di chi promuove la guerra e utilizza i media e l'informazione perché in occidente si creda questo". "Sono gruppi estremisti armati dall'esterno, terroristi. Chi sta finanziando questa guerra sono paesi del Medio Oriente come l'Arabia Saudita e i paesi occidentali che appoggiando i ribelli, in definitiva, sostengono il terrorismo".


 
"Sapevamo che i disordini non fossero nati dall'interno, ma causati da fuori", ha dichiarato in un'intervista a RT di oggi. La religiosa sottolinea come "le grandi catene internazionali dei media hanno sempre mentito" e continuano "spudoratamente a farlo anche oggi". "Siamo in grado di testimoniare, avendo vissuto prima della guerra ad Aleppo, e incontrato queste persone, che ciò che sta accadendo in Siria è lontano dall'essere una guerra civile. Se dovessi dare una definizione parlerei di un'invasione". "Questi gruppi terroristici stanno portando avanti battaglie con obiettivi politici e religiosi. I gruppi sono fondamentalisti islamici che cercano di imporre la legge islamica e porre fine alla presenza degli infedeli. Così i cristiani fin dall'inizio del conflitto, non l'anno scorso, vengono massacrati."
 
Intervistata da l'AntiDiplomatico Rodrigo Guadalupe esattamente un anno fa dichiarava: "Già dai primi giorni dell’inizio delle manifestazioni, la gente mi parlava di persone che provenivano da altri paesi, lo si notava dall’accento, venuti in Siria per provocare disordini. I media hanno avviato in Siria una campagna mediatica affermando che i siriani erano desiderosi della democrazia, che volevano rovesciare il loro Presidente. Le manifestazioni a favore del governo le propagandavano come contro”. E ancora: “Hanno ucciso bambini, molte persone sono state crocifisse. Tutto questo prima che arrivasse l’Isis. Per questo dico che l’opposizione moderata non esiste.” 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

"Il trionfo di Maduro censurato perché è già pronto il nuovo tentativo di rivoluzione colorata per balcanizzare il Venezuela"

Intervista alla scrittrice e gioralista Geraldina Colotti: "Per mettere all'angolo il Venezuela, lo si sbatte in prima pagina per mesi con ogni genere di menzogna. Quando assesta qualche colpo, dando lezioni di vera democrazia, scompare dalle notizie"

di Alessandro Bianchi Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e scrittrice, esperta di America Latina   Vittoria...
Notizia del:

B. Tajeldine: "In Venezuela la NATO non si arrenderà. L'obiettivo è fare come come con Al Nusra in Siria"

Intervista a Basem Tajeldine, analista politico venezuelano, dopo il voto delle regionali di ieri: "E' stato il fallimento totale delle destre"

di Alessandro Bianchi Intervista a Basem Tajeldine. Analista politico venezuelano specialista in questioni...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dov'è il PD oggi che ha trionfato Maduro in elezioni libere e democratiche?"

di Alessandro Bianchi Intervista al Prof. Luciano Vasapollo  In Venezuela nelle elezioni regionali ha vinto la coalizione del chavismo. Quali le primissime considerazioni? Sono di un...
Notizia del:

Intervista a Jacobo Torres de Leon (CBST) "In Venezuela siamo a un livello superiore della lotta di classe: quella dello stato-nazione contro l'impero"

"Questa strana “dittatura” ha portato a discutere candidati di diversi settori, che magari non si sarebbero incontrati, invece fanno proposte per il paese. Un ancor più strano “dittatore” consegna il potere al popolo... a milioni di “dittatori e dittatrici” che hanno sfidato violenze di ogni tipo per andare a votare"

di Geraldina Colotti  Jacobo Torres de Leon è un dirigente operaio di lungo corso. Attualmente...
Notizia del:

Intervista ad Andre Vltchek su Catalogna, Kurdistan, Corea, nucleare e America Latina

di Alessandro Bianchi Intervista ad Andre Vltchek* su Catalogna, Corea, Kurdistan e America Latina Autodeterminazione dei popoli e rispetto dei confini e della sovranità di un paese. Uno...
Notizia del:

Carceri in Venezuela: superficialità o malafede?

In questi giorni si è tornato a parlare di carceri in Venezuela: con superficialità o malafede. Comunque senza contestualizzazione e senza contraddittorio: sempre, ovviamente, in nome di...
Notizia del:

Interview with ANDRE VLTCHEK: ON ‘INDEPENDENCE’: CATALUNIA, KURDISTAN, NORTH KOREA AND LATIN AMERICA

    Interview with ANDRE VLTCHEK by ALESSANDRO BIANCHI     1) AB: Self-determination of peoples and respect for the borders and sovereignty of a country. This is of the...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa