/ Violenza sulle donne (censurata). Sosteniamo Valeria Ferrara colp...

Violenza sulle donne (censurata). Sosteniamo Valeria Ferrara colpita da feroce violenza capitalista

Violenza sulle donne (censurata). Sosteniamo Valeria Ferrara colpita da feroce violenza capitalista
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Giorgio Cremaschi


Valeria Ferrara lavora per Calvin Klein all'Outlet di Castel Romano, Roma. Un marchio prestigioso per uno di quei centri commerciali costruiti ad imitazione di un vecchio borgo che oggi hanno tanto successo. Là si va per fare finti affari, per comprare prodotti fatti in Asia da lavoratori schiavizzati e sui quali vengono applicati i marchi alla moda. Prodotti il cui unico valore sta nel marchio, che ci fa profitti colossali solo per la rendita del nome. Prodotti la cui versione senza logo troviamo a pochi euro nei mercati rionali. i Lì vanno i consumatori meno avveduti, ma più attratti dall'essenza più brutale e deviata del consumismo: la confezione è tutto, il contenuto nulla. 



Nei grandi outlet poi vige un regime di oppressione e sfruttamento dei commessi che cancella ogni diritto. In Piemonte si é lavorato persino nel giorno di Pasqua. 

Valeria Ferrara è mamma di un bambino con cui non riesce mai a stare assieme la domenica, costretta a turni infernali come le altre lavoratrici. Per questo assieme ad alcune di esse ha proposto alla direzione un semplice avvicendamento, cioè che si organizzassero i turni in modo che ogni mamma potesse una domenica ogni tanto stare coi suoi figli. L'Outlet, Calvin Klein e compagnia hanno risposto di no: si lavora la domenica e basta. Poi per vendicarsi su Valeria "sobillatrice" delle compagne hanno deciso di premiarla. Con una lettera le hanno riconosciuta una competenza professionale che prima era stata ignorata e le hanno comunicato il trasferimento Valmontone, a 60 chilometri da casa. Così oltre al lavoro domenicale dovrà sopportare tre ore di viaggio al giorno. 



Di fronte a questa violenza crudele, che semplicemente di questo si tratta, Valeria non ha perso il suo grande coraggio e si è incatenata e imbavagliata nel centro commerciale, prima di essere trasferita. Ha ricevuto molta solidarietà e il sostegno del suo sindacato, la USB, organizzato dall'instancabile Francesco Iacovone

Finora però i barbari dell'Outlet non hanno mostrato alcuna forma di sentimento umano, e nel nome del mercato hanno tirato dritto. Del lavoro di domenica non si discute, tantomeno con il sindacato e Valeria o si trasferisce o viene licenziata. 

Spesso oggi si denuncia giustamente la violenza sulle donne, ma di quella quotidiana che le lavoratrici, le madri, subiscono sul lavoro da parte del moderno capitalismo, di quella si parla molto meno. 

Sosteniamo Valeria Ferrara, facciamole sentire che stiamo con lei e..non andiamo a far compere in quell'odioso Outlet, la domenica stiamo con i nostri cari invece che andare al supermercato. E soprattutto reimpariamo ad odiare il capitalismo.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:

"Le cose nel mondo del lavoro si sono rimesse in moto. Ed è solo l'inizio."

USB primo sindacato alla GD di Bologna

di Giorgio Cremaschi  La fabbrica metalmeccanica GD di Bologna, quasi 1500 dipendenti, è stata...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'Armata Branca(ccio)leone

  di Giorgio Cremaschi   Se i suoi promotori Anna Falcone e Tomaso Montanari, invece che inseguire i giri di valzer della sinistra di palazzo, avessero provato a mettersi in...
Notizia del:

Ai cretini che: "scioperano di venerdì per fare il ponte"

di Giorgio Cremaschi I primi segnali sullo sciopero generale proclamato da USB COBAS UNICOBAS sono molto buoni. Trasporti bloccati in tutto il paese e tante adesioni nel lavoro pubblico come in...
Notizia del:

100 anni e non li dimostra

di Giorgio Cremaschi  La Rivoluzione d'Ottobre è la più importante rivoluzione dell'epoca moderna. Finora almeno, aggiungo con un moto di ottimismo.   Il 25...
Notizia del:

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia

  di Giorgio Cremaschi    Coraggio, diritti, dignità, scandisce a pugno chiuso Aboubakar Soumahoro, per tutti Abou, mentre inizia il suo intervento in una sala di Foggia,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa