/ Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”

Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”

Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


I riflettori del mondo sono puntati sul diciannovesimo congresso del Partito Comunista Cinese e il motivo è fin troppo semplice: la politica di Pechino non riguarda più solo la Cina ma ormai ha effetti e conseguenze su tutto il mondo. Lo sa bene, anzi benissimo, il segretario generale XI Jinping che, nel corso del discorso di apertura del congresso ha pensato bene di chiarire che “la porta della Cina è stata aperta e si aprirà sempre di più”.





La Cina del XXI secolo dunque si apre sempre di più al mondo e probabilmente è sempre più consapevole di poter giocare un ruolo di egemonia globale sotto diversi punti di vista. XI Jinping ha annunciato che continuerà la liberalizzazione dei cambi e dei tassi d’interesse cominciata da Pechino e soprattutto si è opposto con risoluta fermezza a qualsiasi iniziativa che possa in qualche modo minare il ruolo direttivo ed egemone nel Partito.

I cinesi, si sa, amano pianificare e progettare il futuro. Lo ha confermato ancora una volta Xi Jinping che ha sottolineato tutti i successi ottenuti negli ultimi anni e soprattutto ha confermato l’obiettivo della Cina di costruire una forte nazione entro il 2050.  Basta però dare una breve occhiata alle cifre per verificare come l’economia cinese abbia raggiunto risultati davvero interessanti negli ultimi anni. Solo per fare un esempio il Pil della Cina è aumentato da 54.000 miliardi di Yuan a 80.000, un aumento non secondario che conferma un andamento di crescita progressiva.

Quanti accusano poi la Cina di aver sostanzialmente abbandonato il socialismo e i suoi ideali dovrebbero quantomeno rivedere le proprie posizioni in quanto è stato lo stesso Xi Jinping a constatare come “il socialismo con caratteristiche cinesi è entrato in una nuova era”. Dunque la natura “socialista” dell’economia e della società cinesi non sono oggetto di discussione, semmai si trovano in una fase di evoluzione e di progresso.

La più grande economia di un Paese in via di sviluppo insomma non ha alcuna intenzione di fermarsi e Xi Jinping ha colto l’occasione anche per opporsi a qualsiasi iniziativa mirata a minare la leadership indiscussa del Partito Comunista Cinese. Questo significa che ogni eventuale cambiamento che verrà deciso nei prossimi anni non dovrà in alcun modo mettere in discussione il ruolo direttivo e preminente del PCC.

Insomma, ancora una volta la Cina si dimostra un paese dalle risorse straordinarie che è stato capace di modernizzarsi e nel contempo anche di programmare il futuro sulla base di criteri di interesse nazionale molto diversi da quelli che ispirano le economie di tipo occidentale. Il fatto poi che Xi Jinping abbia sottolineato l’importanza di tenere “aperta” la porta della Cina al mondo conferma il fatto che Pechino abbia, per il XXI secolo, delle aspirazioni che vanno ben oltre l’Asia e abbracciano il mondo nella sua totalità.

Daniele Cardetta
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:

Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate

Le mancate dimissioni dell'anziano leader e le mosse conseguenti dei militari

  Le mancate dimissioni del presidente Mugabe hanno ulteriormente aggravato la crisi politica dello Zimbabwe....
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Notizia del:

E ora in Germania (e nell'Unione Europea) che succede?

Dopo il fallimento del negoziato per la Jamaica Koalition, la Germania naviga a vista in acque sconosciute.

di Federico Nero  Dopo il fallimento del negoziato per la Jamaica Koalition, la Germania naviga...
Notizia del:     Fonte: RT

Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni

L’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico, propone per la carica di presidente Emmerson Mnangagwa

  La settimana scorsa con la comparsa di blindati nelle strade di Harare e l’annuncio dato dal capo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa