/ Una forte esplosione scuote il centro storico di Istanbul

Una forte esplosione scuote il centro storico di Istanbul

 Una forte esplosione scuote il centro storico di Istanbul
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Questa mattina a Istanbul, intorno alle 10.20 locali, c’è stata un’esplosione nei pressi della Moschea Blu, nel quartiere turistico di Sultanahmet. Un portavoce del governatore di Istanbul ha detto che ci sono almeno 11 morti e 15 feriti.

I media turchi hanno subito parlato di un attentato suicida: un kamikaze si sarebbe fatto esplodere vicino ad un gruppo di turisti tedeschi. La conferma è arrivata dal presidente turco Recep Tayyip Erdoğan che ha detto che si è trattato di un attentato suicida e che l’attentatore aveva origini siriane. Altre fonti sostengono che il kamikaze era arrivato da poco in Turchia dalla Siria ma sarebbe stato identificato come Nabil Fadli, di origine saudita.

Lo Stato Islamico avrebbe rivendicato l'attentato.

Il governo ha imposto la censura alle notizie sull'esplosione.

Da quando l'AKP ha perso la maggioranza assoluta in Parlamento nel giugno dello scorso anno, la Turchia è stato un focolaio di violenze.
 
Un attentatore suicida ha ucciso 30 giovani attivisti a Suruc, una città del sud della Turchia al confine con la Siria, un mese dopo le elezioni, ponendo le basi per sei mesi di agitazione, culminati negli attentati di Ankara che hanno causato più di 100 morti nel mese di ottobre 2015. Alcuni hanno suggerito che il governo di Erdogan avesse inscenato gli attacchi nel tentativo di mostrare ai turchi perché un  "forte" governo dell'AKP è necessario per mantenere la "pace".  

Questa volta ad essere presi di mira sono i turisti e il settore turistico è un comparto economico di prima grandezza per la Turchia.
 
Oltre alla Turchia, l'attacco colpisce duramente  - a livello di vittime - la Germania, che sta attraversando una seria crisi dovuta al massiccio afflusso di rifugiati mediorientali nel paese,  le recenti violenze di fine anno a Colonia e le scelte della Merkel sul tema immigrazione.


 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Trump pronto a riconoscere la Crimea come territorio russo

  Nel corso di una conferenza stampa a Miami, Il candidato presidente repubblicano Donald Trump si è detto pronto, in caso di elezione alla Casa Bianca, a riconoscere la Crimea come territorio...
Notizia del:

Dimenticate la Brexit, Quitaly è la prossima preoccupazione dell'Europa. Dal Guardian

  Prima il timore di una Grexit, poi la Brexit. Ora l'incombente minaccia per l'Europa è una "Quitaly", il timore che l'Italia potrebbe decidere di averne avuto...
Notizia del:

Grecia, generazione 100 euro nel paese della Troika!

Il Blog Ktg, in un articolo tradotto da Voci dall'estero, fa emergere una realtà spaventosa per il paese che più di tutti dimostra la "gabbia" cui l'euro ha costretto le...
Notizia del:

La Catalogna sfida Madrid: votato un nuovo documento per iniziare il processo di separazione dalla Spagna

 Il parlamento regionale della Catalogna ha approvato, ieri, le conclusioni di una relazione elaborata da una commissione speciale con il compito di studiare il "processo costituente"...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

I paesi dell'Europa dell’Est inviano armi per miliardi di dollari ai gruppi armati attivi in Medio Oriente

  Negli ultimi quattro anni i Paesi dell’Europa orientale hanno venduto armi usate di produzione sovietica per...
Notizia del:     Fonte: http://news.sky.com/

Smentito il terrorismo sulla Brexit: l'economia britannica cresce dello 0,6% dopo il referendum

L'economia britannica cresce nel secondo trimestre del 2016 dello 0,6%. Smentite tutte le fosche previsioni di una rovinosa caduta dell'economia in caso di vittoria della Brexit

  Le previsioni erano decisamente fosche: in caso di vittoria della Brexit, pontificavano a reti unificate,...
Notizia del:

CREMLINO: "LA RUSSIA NON INTERFERISCE MAI NELLE ELEZIONI DI NESSUN PAESE"

I "tentativi maniacali" di utilizzare il tema della Russia sono "un diversivo tradizionale" dei politici americani durante la campagna elettorale

"La Russia non interferisce mai nelle elezioni di altri paesi, compreso gli Stati Uniti". Lo ha dichiarato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa