/ In Italia la preferenza per la moneta nazionale è chiaramente mag...

In Italia la preferenza per la moneta nazionale è chiaramente maggioritaria. Sondaggio Gallup

In Italia la preferenza per la moneta nazionale è chiaramente maggioritaria. Sondaggio Gallup
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Un sondaggio condotto dalla Gallup International in 15 paesi dell’Unione europea, e riproposto da Jacques Sapir sul sul blog Russeurope, rivela cambiamenti significativi nella percezione dell’Euro.

Il sondaggio rivela che nei paesi UE non membri della Zona Euro l’immagine di quest’ultimo si è fortemente deteriorata, e che in due paesi della Zona Euro, Italia e Grecia, la maggioranza delle persone è favorevole a uscire dall’Euro.

L’opinione contraria all’Euro sembra molto netta in Gran Bretagna, Svezia, ma anche in Danimarca e Bulgaria. Risulta inoltre che in due paesi della zona euro, la Grecia e l’Italia, vince la preferenza per la moneta nazionale. [..]

Il caso dell’Italia appare emblematico. L’Italia è un paese del “nucleo” storico della UE e della zona euro. La preferenza per la moneta nazionale è ora chiaramente maggioritaria. Si osserva, inoltre, che nei Paesi Bassi, l’Euro prevale con una maggioranza ridottissima. In Italia, almeno due partiti (il M5S di Beppe Grillo e la “Lega Nord”) hanno pubblicamente espresso dubbi ripetuti sul mantenere il paese dentro la zona euro. Nei Paesi Bassi, è in corso sulla questione un importante dibattito. Una conclusione che si può trarre da questo sondaggio è che quando c’è un vero dibattito sulla questione dell’Euro, le resistenze del pubblico finiscono per cadere. E’ una lezione importante da tenere a mente. Un dibattito veramente democratico gioca a sfavore dell’Euro. 

Per la traduzione dell'articolo si ringrazia Vocidallestero.it
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Poroshenko ordina la massima allerta per le truppe al confine con Crimea e Donbass

Il leader del regime ucraino, Piotr Poroshenko, ha ordinato di porre in allerta tutte le unità del suo esercito situati nella frontiera con la Crimea e il Donbass. Lo riporta l'agenzia RIA NOVOSTI. "Mi...
Notizia del:

MOSCA. Elicottero russo abbattuto in una zona controllata da Al-Nusra e dalla cosiddetta opposizione moderata

L'elicottero russo di trasporto Mi-8 è stato abbattuto lunedì nella "provincia siriana dell'Idlib fuoco sparato da terra" da parte dell'organizzazione terroristica...
Notizia del:

La gestione della crisi dell'area euro è stata controversa. Il rapporto interno che condanna il FMI

  Un nuovo rapporto interno del Fondo monetario internazionale ha criticato la gestione della crisi della zona euro e potrebbe rendere più difficili le trattative future con l'UE sul...
Notizia del:

Trump pronto a riconoscere la Crimea come territorio russo

  Nel corso di una conferenza stampa a Miami, Il candidato presidente repubblicano Donald Trump si è detto pronto, in caso di elezione alla Casa Bianca, a riconoscere la Crimea come territorio...
Notizia del:

Dimenticate la Brexit, Quitaly è la prossima preoccupazione dell'Europa. Dal Guardian

  Prima il timore di una Grexit, poi la Brexit. Ora l'incombente minaccia per l'Europa è una "Quitaly", il timore che l'Italia potrebbe decidere di averne avuto...
Notizia del:

Grecia, generazione 100 euro nel paese della Troika!

Il Blog Ktg, in un articolo tradotto da Voci dall'estero, fa emergere una realtà spaventosa per il paese che più di tutti dimostra la "gabbia" cui l'euro ha costretto le...
Notizia del:

La Catalogna sfida Madrid: votato un nuovo documento per iniziare il processo di separazione dalla Spagna

 Il parlamento regionale della Catalogna ha approvato, ieri, le conclusioni di una relazione elaborata da una commissione speciale con il compito di studiare il "processo costituente"...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa