/ "La torre di Babele dell'UE potrebbe cadere perché i suoi popoli ...

"La torre di Babele dell'UE potrebbe cadere perché i suoi popoli non parlano lo stesso linguaggio politico"

La torre di Babele dell'UE potrebbe cadere perché i suoi popoli non parlano lo stesso linguaggio politico
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Non è sorprendente che l'Unione europea non riesca a trovare soluzioni comuni ai problemi urgenti d'Europa mentre i suoi principali membri discutono vari problemi nazionali, scrive il giornalista di Reuters  Paul Taylor.
 
"Come la biblica torre di Babele, il progetto europeo è in pericolo di cadere a pezzi, perché la sua gente non parla la stessa lingua politica". L'analista nota che mentre la Germania è coinvolta in un intenso dibattito su come far fronte con l&# 39;afflusso di immigrati, la Francia  è un paese in guerra contro il terrorismo. I francesi ancora vivono in situazione di emergenza dopo gli orribili attentati dello scorso novembre a Parigi. Dall'altro lato della Manica gli inglesi discutono della possibile 'Brexit' . Da parte sua, la Polonia , il principale Paese slavo dell'UE è diventa un giocatore imprevedibile per Bruxelles con l' arrivo al potere del governo conservatore, scriveTaylor, aggiungendo che i paesi dell'Europa centrale stanno a loro volta cercando di far fronte alla pressione tedesca, che li costringe a ricevere migliaia di immigrati.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"Macron non è né un outsider né uno sfidante dello staus quo: è solo una pedina dell'establishment per bloccare la Le Pen"

    Il candidato «centrista» Emmanuel Macron non non era neanche stato proclamato vincitore del primo turno delle elezioni presidenziali francesi che l'establishment politico...
Notizia del:

Il “meno peggio” è la causa del “peggio”: è Macron la malattia politica dell’Europa. Emiliano Brancaccio

"Chi a sinistra invita a votare il “meno peggio” non sembra comprendere che nelle condizioni in cui siamo il “meno peggio” è la causa del “peggio”. Le Pen...
Notizia del:

Per l'Ue è già Brexit, almeno sulle mappe

 "In qualità di Presidente della Commissione ho cercato di conferire alle priorità sociali l'importanza che meritano in Europa. Con il pilastro europeo dei diritti sociali e...
Notizia del:

La fine del sistema a due partiti in Francia

 “Siamo alla fine del sistema a due partiti in Francia?”, si domandava ieri Fraser King di Citi, durante lo spoglio dei voti del primo turno delle elezioni presidenziali francesi. La...
Notizia del:

Cecilia Malmstroem negli Usa per riprendere i colloqui sul TTIP

Il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmstroem, è a Washington oggi per discutere sucome procedere con i colloqui sul TTIP. Il presidente degli Stati Uniti Trump sembra aver ammorbidito...
Notizia del:

Jacques Sapir: "L'unico candidato che può tenere testa alla Le Pen è Jean-Luc Mélenchon"

A tre settimane del primo turno delle elezioni presidenziali francesi c'è stato un riequilibrio delle forze in una campagna in cui è sempre più difficile prevedere l'esito....
Notizia del:

Theresa May ha annunciato elezioni anticipate per l'8 giugno

  In una mossa a sorpresa, il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato elezioni anticipate l'8 giugno in un tentativo di rafforzare la sua posizione in vista dei negoziati sulla Brexit. Oltre...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa