/ Left-LePenism. L'elettorato storico socialista ha iniziato a vota...

Left-LePenism. L'elettorato storico socialista ha iniziato a votare Fronte Nazionale

Left-LePenism. L'elettorato storico socialista ha iniziato a votare Fronte Nazionale
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Dopo che il suo partito ha ottenuto il 46% dei voti nel terremoto elettorale di una settimana fa ed il suo candidato ha sconfitto i Socialisti al governo nella loro roccaforte di Villeneuve-sur-Lot, la leader del Fronte Nazionale francese Marine Le Pen giura che, se vincerà le prossime elezioni, distruggerà l’ordine europeo esistente e forzerà una rottura dell’unione monetaria. Nell'interessante analisi di Ambrose Evans-Pritchard sul Telegraph, France’s triumphant ‘Joan of Arc’ vows to bring back franc and destroy euro, si sostiene come la nuova forza di Marine Le Pen – che per la prima volta dal dopoguerra ha le stesse chance di socialisti e gollisti di arrivare al potere – è acquisita nell'elettorato storico di sinistra, tanto che diversi hanno cominciato a parlare di “Left-LePenism”. L'esempio più eclatante è quello di Anna Rosso-Roig, una candidata del partito comunista alle elezioni del 2012, che ha appena lasciato il suo partito per unirsi al campo di Le Pen.
Nella lotta contro la conservazione dello stato sociale francese contro Bruxelles, i socialisti sono stati chiaramente scavalcati. Le Pen ha annunciato che il suo primo ordine del giorno all’Eliseo sarebbe l&#
39;annuncio di un referendum sull’adesione all’UE, che verterebbe su quattro punti: la moneta, il controllo delle frontiere, il primato del diritto francese, e quello che lei chiama “patriottismo economico”, il potere della Francia di perseguire un “protezionismo intelligente” e salvaguardare il suo modello sociale. Il suo piano è basato su uno studio di economisti dell’Ecole des Hautes Etudes di Parigi, condotto dal professore di sinistra Jacques Sapir. Nello studio si conclude che la Francia, l’Italia e la Spagna avrebbero tutte da trarre grandi vantaggi da un’uscita dall’UEM, riacquistando  competitività ed evitando anni di depressione. L’attuale strategia di svalutazione interna scelta dall'Ue è controproducente, dal momento che la recessione fa salire più velocemente il rapporto debito/Pil.
Ad oggi, conclude il Telegraph, la campagna di sdoganamento o “depurazione” d’immagine ha portato Marine Le Pen ad essere una candidata credibile per divenire il prossimo presidente francese. Solo una minoranza degli elettori pensa ancora che il fronte sia una “minaccia per la democrazia”. La sua difesa del modello sociale francese e la sua critica del capitalismo, infine, le danno una tonalità di sinistra che attira diversi elettori storici del partito socialista.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

CI AVETE ROVINATO LA VITA: VI ASPETTAVATE SORRISI E BACINI?

La strada non è un comodo salotto televisivo, né un convegno in un teatro, è un luogo di incontro e di scontro. In questi giorni gelidi, le stiamo battendo, con le mani intirizzite...
Notizia del:

Gli ultimi sondaggi tedeschi sono spietati contro i partiti della Groko

di Federico Nero   Dopo quasi 5 mesi di travaglio la CDU/CSU è riuscita a raggiungere l’accordo per la formazione del nuovo governo con la SPD, un’altra Grosse Koalition (GroKo)...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi: "Trovo sfacciata la campagna contro il M5S fatta da partiti che non hanno mai restituito niente"

"Questo è il regime politico mediatico che censura scandalosamente #Poterealpopolo"

Giorgio Cremaschi, candidato per Potere al Popolo a Napoli e Bologna, prende posizione sulla cosidetta "rimborsopoli"...
Notizia del:

DALLA PARTITOCRAZIA ALLA SECONDA REPUBBLICA: VADEMECUM STORICO VERSO LE ELEZIONI POLITICHE 2018

  Di Michel Fonte   Venticinque anni di gerrymandering all’italiana Queste prime settimane di campagna elettorale hanno acutizzato il disagio in tutti coloro che erano già...
Notizia del:

Macron e l’Europe en Marche!

Mercoledì scorso l’Europarlamento (EP) ha votato la re-distribuzione dei 73 seggi del Regno Unito. Nella prossima assemblea ci saranno 705 seggi invece di 751 (quindi 46 in meno) con 27 scranni...
Notizia del:

VIDEO. Nuovo raid nazista in Ucraina contro due giovani militanti comunisti (Ecco chi finanziano e armano l'UE e gli Usa)

  Comunicato del Partito Comunista di Ucraina da solidnet.org Traduzione di Marx21.it L'8 febbraio 2018, i neonazisti delle cosiddette “Squadre Nazionali” hanno attaccato...
Notizia del:

17 marzo 2011, emerge la verità sulla riunione d'emergenza con cui Napolitano portò l'Italia in guerra contro la Libia

Le rivelazione di Guido Crosetto, allora sottosegretario alla Difesa, fanno luce sull'adesione del nostro paese alla criminale invasione e distruzione della Libia.

  Pubblichiamo su gentile concessione della redazione questa eccellente nota di commento della ricostruzione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa