/ "Prima o poi l'euro esploderà, senza la coesione necessaria". A. ...

"Prima o poi l'euro esploderà, senza la coesione necessaria". A. Merkel

Prima o poi l'euro esploderà, senza la coesione necessaria. A. Merkel
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Le Monde ricostruisce venerdì la fronda creatasi all'interno del Consiglio europeo per bloccare la proposta tedesca della firma di contratti vincolanti con la Commissione europea per risolvere la crisi del debito sovrano. E le dichiarazioni tra i leader sono assolutamente forti. “Non è una questione di soldi , si tratta della legittimità dell'integrazione europea", ha, secondo il quotidiano francese, dichiarato il premier finlandese Jyrki Katainen. "I piani di salvataggio hanno alimentato il populismo. È un cancro."
 
Per i paesi del Sud è Mariano Rajoy il più duro. "Molti di noi fanno le riforme. I contratti devono essere fatti su base "volontaria", insiste. "Se non fate le riforme, perderete la sovranità nazionale", avrebbe risposto Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, uno dei pochi, con José Manuel Barroso, a sostenere la proposta di Angela Merkel. E di fronte all'insistenza del premier spagnolo nel voler eliminare il vincolo giuridico, Angela Merkel, prosegue Le monde, si lascia sfuggire: "Prima o poi, senza la necessaria coesione, l'euro esploderà.  Se questo testo non è accettabile per la Spagna, lasciamolo cadere, se ne riparlerà tra dieci anni. […] Abbiamo discusso se la Grecia avrebbe dovuto lasciare la zona euro e credo che se questo fosse accaduto, tutti avremmo dovuto uscire poco dopo. A un certo punto la cosa deraglierà, usciremo dai binari". 
 
Ma il suo discorso non ha convinto i partner ad una perdita di sovranità ulteriore non giustificabile in nessun modo oggi di fronte ad i loro paesi ed Angela Merkel ha proposto di rimandare la decisione al dicembre 2014: "Non voglio che qualcuno mi dica che ha perso le elezioni", a causa dei contratti. Dicembre 2014? "Io non ci sarò più", ha detto Barroso. Non importa!” si lascia sfuggire il Cancelliere. "Non morirò per i contratti” conclude Herman Van Rompuy, “ma voglio finire il lavoro prima di lasciare il mio posto", nel novembre 2014. Si è poi convenuto di rinviare la decisione da giugno a ottobre 2014.
 
Per l'imperdibile traduzione completa delle dichiarazioni dei leader durante il Consiglio si rimanda e si ringrazia Voci dall'Estero.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Poroshenko ordina la massima allerta per le truppe al confine con Crimea e Donbass

Il leader del regime ucraino, Piotr Poroshenko, ha ordinato di porre in allerta tutte le unità del suo esercito situati nella frontiera con la Crimea e il Donbass. Lo riporta l'agenzia RIA NOVOSTI. "Mi...
Notizia del:

MOSCA. Elicottero russo abbattuto in una zona controllata da Al-Nusra e dalla cosiddetta opposizione moderata

L'elicottero russo di trasporto Mi-8 è stato abbattuto lunedì nella "provincia siriana dell'Idlib fuoco sparato da terra" da parte dell'organizzazione terroristica...
Notizia del:

La gestione della crisi dell'area euro è stata controversa. Il rapporto interno che condanna il FMI

  Un nuovo rapporto interno del Fondo monetario internazionale ha criticato la gestione della crisi della zona euro e potrebbe rendere più difficili le trattative future con l'UE sul...
Notizia del:

Trump pronto a riconoscere la Crimea come territorio russo

  Nel corso di una conferenza stampa a Miami, Il candidato presidente repubblicano Donald Trump si è detto pronto, in caso di elezione alla Casa Bianca, a riconoscere la Crimea come territorio...
Notizia del:

Dimenticate la Brexit, Quitaly è la prossima preoccupazione dell'Europa. Dal Guardian

  Prima il timore di una Grexit, poi la Brexit. Ora l'incombente minaccia per l'Europa è una "Quitaly", il timore che l'Italia potrebbe decidere di averne avuto...
Notizia del:

Grecia, generazione 100 euro nel paese della Troika!

Il Blog Ktg, in un articolo tradotto da Voci dall'estero, fa emergere una realtà spaventosa per il paese che più di tutti dimostra la "gabbia" cui l'euro ha costretto le...
Notizia del:

La Catalogna sfida Madrid: votato un nuovo documento per iniziare il processo di separazione dalla Spagna

 Il parlamento regionale della Catalogna ha approvato, ieri, le conclusioni di una relazione elaborata da una commissione speciale con il compito di studiare il "processo costituente"...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa