/ "Prima o poi l'euro esploderà, senza la coesione necessaria". A. ...

"Prima o poi l'euro esploderà, senza la coesione necessaria". A. Merkel

Prima o poi l'euro esploderà, senza la coesione necessaria. A. Merkel
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Le Monde ricostruisce venerdì la fronda creatasi all'interno del Consiglio europeo per bloccare la proposta tedesca della firma di contratti vincolanti con la Commissione europea per risolvere la crisi del debito sovrano. E le dichiarazioni tra i leader sono assolutamente forti. “Non è una questione di soldi , si tratta della legittimità dell'integrazione europea", ha, secondo il quotidiano francese, dichiarato il premier finlandese Jyrki Katainen. "I piani di salvataggio hanno alimentato il populismo. È un cancro."
 
Per i paesi del Sud è Mariano Rajoy il più duro. "Molti di noi fanno le riforme. I contratti devono essere fatti su base "volontaria", insiste. "Se non fate le riforme, perderete la sovranità nazionale", avrebbe risposto Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, uno dei pochi, con José Manuel Barroso, a sostenere la proposta di Angela Merkel. E di fronte all'insistenza del premier spagnolo nel voler eliminare il vincolo giuridico, Angela Merkel, prosegue Le monde, si lascia sfuggire: "Prima o poi, senza la necessaria coesione, l'euro esploderà.  Se questo testo non è accettabile per la Spagna, lasciamolo cadere, se ne riparlerà tra dieci anni. […] Abbiamo discusso se la Grecia avrebbe dovuto lasciare la zona euro e credo che se questo fosse accaduto, tutti avremmo dovuto uscire poco dopo. A un certo punto la cosa deraglierà, usciremo dai binari". 
 
Ma il suo discorso non ha convinto i partner ad una perdita di sovranità ulteriore non giustificabile in nessun modo oggi di fronte ad i loro paesi ed Angela Merkel ha proposto di rimandare la decisione al dicembre 2014: "Non voglio che qualcuno mi dica che ha perso le elezioni", a causa dei contratti. Dicembre 2014? "Io non ci sarò più", ha detto Barroso. Non importa!” si lascia sfuggire il Cancelliere. "Non morirò per i contratti” conclude Herman Van Rompuy, “ma voglio finire il lavoro prima di lasciare il mio posto", nel novembre 2014. Si è poi convenuto di rinviare la decisione da giugno a ottobre 2014.
 
Per l'imperdibile traduzione completa delle dichiarazioni dei leader durante il Consiglio si rimanda e si ringrazia Voci dall'Estero.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Le sanzioni contro la Russia sono controproducenti. Il presidente di Cipro

 Il presidente di Cipro, Nicos Anastasiades, ha avvertito che le sanzioni dell'Unione Europea contro la Russia "non offrono possibilità di dialogo e di risoluzione dei problemi."...
Notizia del:

La relazione del Comitato etico su Barroso-Goldman Sachs dovrebbe essere pubblica. Il Mediatore Ue

Il Comitato etico della Commissione Europea che esaminerà il contratto che lega l'ex presidente della Commissione Europea, Jose Manuel Durao Barroso a Goldman Sachs dovrebbe "muoversi...
Notizia del:

'8 italiani su 10 a favore dell'UE': L'ultima trovata di Laura Boldrini in stile Goebbels

"Far parte dell'Ue? Secondo 8 italiani su 10 è un vantaggio". Questo è il titolo che stamattina campeggia a pagina 8 del Corriere della Sera e che dimostra come il giornalismo...
Notizia del:

Soros investirà 500 milioni per 'aiutare' migranti e rifugiati

 Confermando ancora una volta di essere lui il burattinaio silenzioso dietro la crisi dei rifugiati in Europa, l'investitore miliardario, e sostenitore di Hillary Clinton, George Soros  ha...
Notizia del:

10mila in piazza a Bruxelles contro TTIP e CETA

Migliaia di persone hanno manifestato a Bruxelles contro il TTIP e il CETA, i trattati per un’area di libero scambio tra Unione europea e Stati Uniti e Canada.  I negoziati condotti...
Notizia del:

Belgio: il 60% delle armi prodotte in Vallonia sono acquistate dall'Arabia Saudita

Secondo un rapporto della commissione sulle armi del parlamento della Vallonia, nel 2015 Ryad è stato il più grande importatore di armi prodotte nella regione belga. La Vallonia non aveva...
Notizia del:

La Bosnia-Erzegovina presto nuovo membro dell'UE?

 L'Unione europea ha accolto la domanda di adesione della Bosnia-Erzegovina. Il piccolo paese balcanico potrebbe quindi diventare uno stato membro dopo aver soddisfatto le condizioni di Bruxelles.  Anche...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa