/ Gli effetti negativi della "riforma" nel mercato del lavoro spagn...

Gli effetti negativi della "riforma" nel mercato del lavoro spagnolo

Gli effetti negativi della riforma nel mercato del lavoro spagnolo
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Nel suo blog su Cinco Días, l'economista José Carlos Díez analizza l'evoluzione del mercato del lavoro spagnolo negli anni della crisi e conclude sostenendo come la "disoccupazione di lungo periodo è stata rimpiazzata con un occupazione temporanea, i lavoratori con esperienza sono stati sostiuiti da praticantati, e quelli full time da lavoratori part-time". Come risultato, la produttività, i salari e i contributi sociali sono scesi. 
 
Questo significa non solo che la Spagna non sta compiendo la fase transitoria ad un&# 39;economia ad alto valore aggiunto dopo il decennio passato di "baldoria", ma anche che la sostenibilità della sicurezza sociale e il Welfare del paese sono ora a rischio. 
 
Díez considera i politici europei (“Merkel-Juncker”, la Bce con la sua lettera a Zapatero) responsabili per aver fatto pressioni sul governo spagnolo di adottare riforme legali che incoraggiassero l'evoluzione del mercato del lavoro in questa direzione e dichiara come la situazione peggiorerà ancora se i  “neocon” vinceranno ancora le elezioni europee.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

La fine del sistema a due partiti in Francia

 “Siamo alla fine del sistema a due partiti in Francia?”, si domandava ieri Fraser King di Citi, durante lo spoglio dei voti del primo turno delle elezioni presidenziali francesi. La...
Notizia del:

Cecilia Malmstroem negli Usa per riprendere i colloqui sul TTIP

Il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmstroem, è a Washington oggi per discutere sucome procedere con i colloqui sul TTIP. Il presidente degli Stati Uniti Trump sembra aver ammorbidito...
Notizia del:

Jacques Sapir: "L'unico candidato che può tenere testa alla Le Pen è Jean-Luc Mélenchon"

A tre settimane del primo turno delle elezioni presidenziali francesi c'è stato un riequilibrio delle forze in una campagna in cui è sempre più difficile prevedere l'esito....
Notizia del:

Theresa May ha annunciato elezioni anticipate per l'8 giugno

  In una mossa a sorpresa, il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato elezioni anticipate l'8 giugno in un tentativo di rafforzare la sua posizione in vista dei negoziati sulla Brexit. Oltre...
Notizia del:

Erdogan pronto a proporre un referendum sulla pena di morte in Turchia

  Il Presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha detto domenica che terrà colloqui con il Primo Ministro, Binali Yildirim, e il leader del Partito del Movimento Nazionalista, Devlet...
Notizia del:

Gorbaciov: "Il mondo si sta preparando alla guerra"

   L'ex presidente dell'Unione Sovietica, Mijaíl Gorbachov, ha detto che nel mondo oggi si distinguono chiaramente i segni visibili della guerra fredda, mentre la corsa agli...
Notizia del:

Jean-Luc Mélenchon e l'Alleanza bolivariana

  Jean-Luc Mélenchon, candidato di Francia Insoumise, ha detto a TF1 che la sua proposta di cooperazione con l' "Alleanza bolivariana", ridicolizzata dal rivale Emmanuel Macron,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa