/ Non 25 ma 487 i miliardi necessari alle banche europee per il Cen...

Non 25 ma 487 i miliardi necessari alle banche europee per il Center for Risk Management di Losanna

Non 25 ma 487 i miliardi necessari alle banche europee per il Center for Risk Management di Losanna
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Secondo i risultati degli stress test della Bce sono 25 le banche che non superavano le soglie fissate dalla Bce, con deficit di capitale per 25 miliardi di euro, di cui 9,7 miliardi attribuibili a nove banche italiane. Tuttavia, scrive Vincitori e Vinti, tenuto conto che già nel corso del 2014 sono stati raccolti capitali per circa 15 miliardi di euro, il numero delle banche oggetto di ulteriori iniezioni di capitale scende a  13, e, entro i prossimi 9 mesi, dovranno raccogliere capitali per  circa  10 miliardi di euro di nuovo capitale.

Sulla credibilità di questi test della BCE che sembrano ripercorrere i fallimenti della Bce abbiamo scritto nei giorni scorsi. Preme aggiungere che il Center for Risk Management di Losanna, che ha condotto privatamente il suo stress test sulle banche europee, seguendo una metodologia opposta rispetto a quella della BCE e dell’Autorità Bancaria Europea (EBA) è arrivato a questa conclusione: le banche europee hanno bisogno non di 25 ma di 487 miliardi di euro. E ad essere maggiormente in difficoltà sono proprio i grandi paesi usciti indenni o quasi dagli stress test della BCE e dell’EBA, vale a dire Francia e Germania. Deutsche Bank, BNP Paribas, Societe Generale, Credit Agricole sono i principali istituti di credito a rischio. 
 
Invero, a parer di chi scrive, sembra che negli  stress test  sia stato adottato un atteggiamento particolarmente "mite" nella valutazione dei rischi derivanti dai titoli di stato in portafoglio alle banche valutate.


 
Concentrandoci sul caso Italia, come si osserva nella tabella allegata, nello scenario avverso considerato nella simulazione dell'EBA, il rendimento dei titoli di stato aumenta fino al 5.9% nel 2014, per poi ripiegare al 5.6 nel 2015 e risalire al 5.8% nel 2016.
Sebbene l'incremento dei rendimenti sui bond italiani si rifletta anche sulla quotazione dei bond in portafoglio alle stesse  banche, giova segnalare che, in buona sostanza, il livello di rendimento massimo considerato negli ST è quasi due punti percentuali inferiore rispetto ai rendimenti espressi dal decennale nel 2011, durante il periodo di massima crisi; nonostante, da quell'epoca, le condizioni economiche italiane  si siano fortemente deteriorate e il debito pubblico sia esploso esploso verso il 135%, contro il 120% del 2011. Oggi il debito pubblico italiano è assai meno sostenibile rispetto ad allora, ed una crisi di ampie dimensioni (che non può di certo escludersi a priori) troverebbe l'Italia in una condizione assai più fragile rispetto ad allora. Quindi, proprio non si comprendono le motivazioni alla base della "clemenza" osservata dall'Eba nel formulare la simulazione di stress (che di stress ha assai poco) sui titoli di stato . Il dubbio è proprio quello che questo atteggiamento sia stato indotto dalla necessità di evitare che lo stress test avesse comportato dei deficit di capitale notevolmente superiori. 
Tale differenziale di rendimento rispetto al 2011, secondo l'European Banking Authority, evidentemente è imputabile ad una Bce più interventista rispetto ad allora, considerato che, durante il mandato di Draghi, sono state implementate molte misure a sostegno delle quotazioni dei titoli sovrani e quindi anche del sistema bancario, evitando la dissoluzione dell'euro.
Dal 2011, oltre ad una politica estremamente accomodante sui tassi, la Bce ha messo in campo le due aste LTRO di fine 2011 e inizio 2012 (1000 miliardi di euro); per poi arrivare al "whatever it takes" pronunciato da Draghi nel luglio del 2012 che portò alla creazione del successivo piano OMT e quindi, solo di recente, alle recenti aste TLTRO e all'acquisto diretto di ABS e Covered bond, partito solo pochi giorni fa.
Ma c'è un particolare che lo scenario previsto dall'Eba non considera. Ossia che dinanzi alla Corte di Giustizia Europea pende il giudizio promosso dalla Corte Costituzionale tedesca sulla legittimità degli OMT che, se accolto, di fatto, determinerebbe l'illegittimità del piano salva stati nato nel settembre del 2012, cioè lo scudo protettivo che, per buona parte, ha determinato il crollo dello spread del decennale rispetto al Bund tedesco, nonostante le divergenze economiche si siano notevolmente amplificate.
Al netto di quanto afferma (per propria convenienza) la nomenclatura politica europea, non è affatto detto che tra 5 o 10 anni l'euro possa esistere ancora. Anzi, a dire il vero, le probabilità di una dissoluzione della moneta unica aumentano con il protrarsi  della crisi. La possibilità che qualche paese sia costretto ad abbandonare l'Eurozona (determinandone la dissoluzione) non è affatto remota. E anche in seno alla Bce sembra che stia maturando un forte dissenso per la politica monetaria delle banca centrale, ritenuta troppo accomodante dal fronte tedesco. Certo: chiedere alla BCE di considerare negli ST lo scenario derivante da una eventuale dissoluzione dell'euro sarebbe stata una fantasia sicuramente  troppo audace: un po' come pretendere che l'oste affermi che non è buono il vino che serve nella sua osteria.  Ma, comunque sia, è sempre utile sapere che questa eventualità, in via cautelativa, sarebbe opportuno non escluderla non escluderla a priori.
Sotto questo punto di vista, molti autorevoli commentatori invocano addirittura un maggior interventismo da parte della BCE, auspicando che si attivi per acquistare direttamente i titoli di stato. Al netto delle resistenze politiche provenienti dalla Germania (e non solo), a mio modesto parere, come ho già avuto modo di scrivere sul blog a proposito di un possibile QE sui titoli di stato europei, resto convinto che siano abbastanza remote le possibilità che si possa giungere a questa soluzione. In primis, perché significherebbe modificare profondamente tutta la policy della Banca Centrale Europea e della costituzione stessa dell'Unione Monetaria. In secondo luogo, non credo che un eventuale QE abbia effetti significativi in termini di soluzione delle divergenze strutturali tra le diverse aree economiche dell'Eurozona. Anzi, il rischio è proprio quello che tali asimmetrie vengano amplificate per via di una politica monetaria comune ancor più espansiva, in aree che necessiterebbero di differenti interventi monetari.
 
Ritornando al discorso di fondo di questo articolo, la BCE, nella simulazione di stress, non ha tenuto conto neanche  delle pressioni (esercitate sui bilanci bancari)  derivanti da uno scenario deflattivo, peraltro già in corso in moti paesi dell'Europa meridionale, Italia compresa. Questo è stato anche confermato da Vitor Constancio, Vice Presidente della BCE, che ha affermato: "Lo scenario della deflazione non viene considerato (negli stress test) perché non riteniamo che possa manifestarsi la deflazione"


 
Tuttavia, a dire il vero, gli ultimi dati forniti da Eurostat confermano che molti paesi sono già in uno stato di deflazione conclamata.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Venezuela, le misure internazionali permetteranno il rafforzamento dell’economia nazionale

Il presidente Nicolás Maduro ha tenuto una conferenza stampa internazionale durante la quale ha spiegato le misure economiche adottate dal Governo per risollevare l’economia venezuelana

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 18 gennaio 2017 (MPPRE)- Mercoledì scorso, il presidente...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Tutto quello che devi sapere sulla crisi delle banconote in Venezuela

La rivoluzione bolivariana si trova ad affrontare una guerra non convenzionale. Si tratta di un processo di destabilizzazione che ha la caratteristica di colpire simultaneamente su tutti i fronti (finanziario, geopolitico, comunicativo) senza che nessuno ne assuma la responsabilità. È un nemico invisibile, che attacca senza mostrarsi, in particolare in ambito economico

di Marco Teruggi - teleSUR La decisione andava presa: restavano nelle mani della Banca Centrale del Venezuela...
Notizia del:     Fonte: http://www.celag.org/

Manuale di stupidaggini sull'inflazione in Venezuela

L'economista Alfredo Serrano Mancilla svela la reale dinamica che porta alla formazione dei prezzi in Venezuela, smontando la lettura neoliberista della tematica

di Alfredo Serrano Mancilla - celag.org   Mi hanno definito finanche «primitivo» per aver...
Notizia del:     Fonte: it.sputniknews.com

Lettonia, confessione shock del presidente: “Non abbiamo un'economia nazionale”

La Lettonia non ha una propria economia, ha dichiarato in un'intervista al quotidiano “Diena” il capo di Stato Raimonds Vejonis

  "Vediamo che non appena frenano gli investimenti dei fondi della UE, arretra significativamente la...
Notizia del:     Fonte: http://mppre.gob.ve/

Ambasciatore del Venezuela in Italia: «ALBA modello alternativo alla crisi del capitalismo»

da mppre.gob.ve   In occasione del 1° Incontro delle Comunità Andine e Latinoamericane tenutosi presso la Casa del Popolo di Torpignattara, l’Ambasciatore della Repubblica Bolivariana...
Notizia del:

Dal Telegraph: "Non potrebbe esserci un atto d’accusa più scioccante del fallimento dell’euro"

Matthew Lynn sul Telegraph offre una buona panoramica di quello che il regime dell'euro significa per l'Europa del sud:   "Le corse agli sportelli sono all’ordine del giorno....
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Follia neoliberista in Brasile: Temer congela la spesa pubblica per 20 anni

Le motivazioni sono sempre le stesse, non cambiano a nessuna latitudine: il ruolo dello stato va ridotto al minimo per evitare gli sprechi, bisogna effettuare le ‘riforme’ per creare un clima di fiducia, privatizzare tutte le aziende pubbliche per eliminare la corruzione, tagliare gli investimenti nelle politiche sociali e ‘riformare’ il sistema pensionistico

  Le intenzioni del governo golpista di Michel Temer per il Brasile erano ben chiare sin dal suo insediamento:...
Notizia del:

Il populismo de il Manifesto: 'L'uscita dall'euro sarebbe un disastro e il default'. La lettera di risposta pubblicata dal Giornale

Da il Manifesto on-line Intervenendo sul manifesto del 23 settembre Giorgio Lunghini fornisce “qualche cifra sugli effetti dell’abbandono della moneta unica”....
Notizia del:     Fonte: http://it.sputniknews.com/

Occidente in declino: l'Asia è il nuovo motore di sviluppo di tutto il mondo

Il 21 settembre la società Allianz, uno dei principali fornitori di servizi assicurativi e finanziari in tutto il mondo con circa 85 milioni di clienti sparsi tra circa 70 Paesi, ha pubblicato i risultati di una ricerca internazionale sul benessere della popolazione mondiale

  Secondo la ricerca, l'unica regione in fase espansiva di sviluppo è l'Asia (escluso...
Notizia del:

DAL 16 AL 18 SETTEMBRE A CHIANCIANO TERME: IN TANTI PER IL NO ALL'EURO E ALLA UNIONE EUROPEA DELLE BANCHE, DELLA FINANZA, DELLE MULTINAZIONALI

di Giorgio Cremaschi Tutti i poteri economici si stanno schierando in forze a favore della controriforma costituzionale di Napolitano e Renzi, con il sostegno sempre più brutale della Unione...
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Lammert, Bartolone, Boldrini e Di Bartolomeo chiedono "un'Unione federale europea"

  Claude Bartolone, Presidente della Assemblée Nationale (Francia), Laura Boldrini, Presidente della Camera dei deputati (Italia), Mars Di Bartolomeo, Presidente della Chambre des...
Notizia del:

L'austerità è stata controproducente in Spagna, Portogallo e Italia. L'Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW)

 Uno studio dell''Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW di Berlino) ha dimostrato che, in una certa misura, le drastiche misure di austerità hanno neutralizzato gli...
Notizia del:

Il Parlamento olandese avvierà un’inchiesta sull’adozione dell’Euro

  La relazione dell'Olanda con l'euro sarà ampiamente discussa dal Parlamento dopo le elezioni di marzo, dopo che i legislatori hanno commissionato un'inchiesta sul suo futuro...
Notizia del:

L'accordo con creditori è "un successo eccezionale", ha detto Alexis Tsipras

Il primo ministro greco Alexis Tsipras  ha dichiarato che l'era dell'austerità è finita per il suo paese, dipingendo un quadro positivo delle riforme che il paese ha accettato...
Notizia del:

"Mostruoso attacco contro la libertà di stampa": la Germania ha spiato giornalisti stranieri. Der Spiegel

I servizi segreti esteri tedeschi (BND) hanno spiato giornalisti di diversi media stranieri come la BBC, il New York Times e Reuters, rivela il settimanale tedesco Der Spiegel. La BND avrebbe tenuto,...
Notizia del:

Il Cancelliere austriaco rivela quanto pagherà Londra per la Brexit

Il Cancelliere austriaco Christian Kern ha detto a Bloomberg, "Il conto per la Brexit dovrebbe essere di circa 60 miliardi di euro, che è quello che la Commissione europea ha calcolato e...
Notizia del:

Se l'UE non usa la Brexit come un'opportunità, ci saranno altre Brexit. Pier Carlo Padoan

Il ministro delle Finanze italiano Pier Carlo Padoan ha detto ad un evento ieri a Parigi, "Il punto centrale è quello di capire se gli europei stanno per usare la Brexit come un'opportunità...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa