/ Arcivescovo maronita di Aleppo: "Ai politici europei dico: se ave...

Arcivescovo maronita di Aleppo: "Ai politici europei dico: se avete un po' d'umanità non rinnovate le sanzioni alla Siria"

Arcivescovo maronita di Aleppo: Ai politici europei dico: se avete un po' d'umanità non rinnovate le sanzioni alla Siria
 

Mons. Joseph TOBJI: "...si è taciuto, perché i sistemi dell'informazione mondiale sanno, però nascondono quì, e amplificano lì... Perché? Semplice: sono COMPLICI".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Alessandro Bianchi
  

Avete ascoltato tanti "servizi" di telegiornali e letto tanti "editoriali" sulla guerra in Siria in questi giorni. A parlare e scrivere non era mai nessuno dal paese direttamente. 

Come Antidiplomatico abbiamo intervistato Joseph Tobji, Arcivescovo Maronita di Aleppo, città massacrata da anni di assedio e massacri. Una testimonianza diretta e autorevole.   
 

Intervista a Joseph TOBJI,  Arcivescovo Maronita di Aleppo. 
 

Padre, in Italia si è parlato molto del bombardamento dell'ospedale Al Quds nell'area controllata dai ribelli. A chi può giovare bombardare un ospedale in quell'area? Peraltro, secondo Nabil Antaki, non esisteva un ospedale con quel nome nella mappa degli ospedali siriani, stilata dal ministeri della salute.
 
Della storia dell'ospedale Al Quds, non ne so niente! Aleppo è un'altra Berlino da 4 anni, è divisa in parte occidentale sotto il controllo del governo e l'esercito Siriano - n questa parte della città risiede quasi l'80% degli Aleppini e stiamo anche noi Cristiani - e una parte orientale controllata dai Jihadisti armati. E per quanto dichiara Nabil Antaki, gli credo perché è un medico serio e sa meglio di me sull'esistenza o meno di un presunto ospedale. D'altro canto uno che abita a Trastevere non può per forza sapere se all'Eur ci sia un ospedale che si chiama X o no. Aleppo contava 4 millioni di abitanti. Comunque sia, non è "umano" bombardare un ospedale.


Come mai tutti ignorano i crimini commessi dai gruppi armati dei ribelli contro gli ospedali e i civili di Aleppo?

Il nostro grande Shock, è che si sia amplificato il fatto dell'ospedale al Quds, ma si sia taciuto sul bombardamento dell'Ospedale pediatrico Dabbit, e dell'Ospedale Al Tib Al Arabi, e dell'Ospedale St. Louis, e altri. Tra parentesi, la bugìa della morte dell'ultimo pediatra ad Aleppo, è così grande che non può essere creduta nemmeno dagli idioti. Personalmente possono indicarvi in questo momento, se volete, decine di Pediatri che stanno in città.
Si è taciuto di oltre 150 morti e più di 1100 feriti; della distruzione di palazzi interi (vuol dire gente senza tetto), tutto in meno di 10 giorni, a causa di oltre 2500 lanci tutti sui civili. Dico "si è taciuto", perché i sistemi dell'informazione mondiale sanno, però nascondono quì, e amplificano lì. Perché? Semplice: sono COMPLICI.


Perché secondo lei in occidente, in Italia, in particolare l'informazione è così distorta sulla Siria con i giornali che citano come fonte di verità assoluta quanto riportato dal cosiddetto Osservatorio siriano dei diritti umani con sede (e finanziamenti) a Londra?

Dall&# 39;inizio di questa guerra progettata dal diavolo, citano ininterrotamente la "sacrosanta" fonte del cosiddetto "Osservatorio Siriano dei diritti umani", il quale "osserva" da Londra con 3 impiegati che stanno dietro allo schermo. Lascio a voi dedurre da dove prende questo "osservatorio" le sue "osservazioni", meglio: i suoi ORDINI.
Poi se parliamo dei mezzi di informazione ufficiali, ci viene da piangere! Sono arrettrati 100 anni, non hanno nè i mezzi nè il personale adeguato, in più gli hanno impedito di trasmettere via satellitare se non a pochissimi. Il che vuol dire che non hanno il permesso di parlare (questa è la benedetta DEMOCRAZIA mondiale che l'Occidente vuol insegnarci). Esportazione di democrazia, tutti voi sapete che questa è la più grande bugìa mai esistita: l'imporrere la democrazia con gli armi!


Che cosa può dire ai politici europei che a fine maggio dovranno decidere se rinnovare o meno le sanzioni alla Siria?

Ai politici europei che a fine maggio dovranno decidere se rinnovare o no le sanzioni alla Siria, dico: Se avete delle coscienze, se avete dei cuori, se avete un pò di umanità, salvate il popolo Siriano impoverito, danneggiato, sfinito, dalle ingiuste e tremende sanzioni. Permettete ai malati la medicina, permettete ai bambini il latte, permettete ai disoccupati il lavoro. Voi pensate che le sanzioni portano "bene"? Portano prosperità? Portano libertà? Le sanzioni non apportano che l'odio del popolo siriano verso l'Europa. A causa delle sanzioni avrete ancora e ancora dei rifugiati. Dite "NO" alle sanzioni ingiuste, e state sicuri che così salvate un popolo intero dalla guerra economica che uguaglia quella bellica.

 
Padre George Abou Khazen, Vicario Apostolico di Aleppo ha dichiarato recentemente: "Per fer­mare l’Isis e gli altri ter­ro­ri­sti, biso­gna prima di tutto tagliare qua­lun­que rifor­ni­mento o finan­zia­mento agli assas­sini, anche quelli per vie tra­verse come è suc­cesso in Siria con il soste­gno alle varie bande armate. E poi chi com­pra a buon mer­cato il petro­lio ven­duto da que­sti taglia­gole? Io sono con il Santo padre, che ha detto di fer­marli, non di bom­bar­dare paesi". E' d'accordo?

Sono d'accordo al 100% con S. Ecc. Georges Abou Khazen. Perché fermando il sostentamento a Daesh, Al Nusra, e compagnìa, questi terroristi si scioglieranno anche senza guerra, perché sono mercenari non altro, non avranno più ragione di esistere. D'altro canto  io con S. Ecc. Georges Abou Khazen, con gli altri 4 Vescovi Cattolici delle diverse Chiese Sui Iuris in Aleppo, abbiamo sempre la medesima visione sui fatti che viviamo quotidianamente insieme.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Parlamentare venezuelano in Italia: "Definiscono dittatura il nostro governo quando in 18 anni si sono svolte 20 elezioni"

"In Argentina, in Cile e in Brasile, gli studenti protestano per l’educazione pubblica e gratuita, da noi succede il contrario."

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto “Sei chavista?” gli urlano. “Sì, sono chavista”,...
Notizia del:

"Di fronte all’attacco delle destre, noi donne, in Venezuela, siamo in mobilitazione permanente”.

Intervista alla deputata venezuelana Sliw Rodriguez: "La maggior parte dei giovani violenti vengono dalla borghesia, inquadrati e manipolati da un pensiero di estrema destra. Le reti sociali aumentano la confusione e diffondono false notizie. Guardate quanto costa l’abbigliamento con cui scendono in piazza, le armi che usano, le maschere. Chi potrebbe permettersele?"

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto “Di fronte all’attacco delle destre, noi donne, in Venezuela,...
Notizia del:

"Basta ipocrisie sul Venezuela. Maduro come Allende: o con lui o con le destre violente".

Intervista a Giorgio Cremaschi (Eurostop): "Chi oggi dice che non c’è nessun parallelo possibile tra il Cile di Allende e il Venezuela di Maduro o è un mascalzone o un ignorante. Spesso entrambe le cose".

Nell'importante e partecipato momento di solidarietà al Venezuela bolivariano ieri pomeriggio a Roma...
Notizia del:

Luciano Vasapollo su intervento di Alfano: "Dopo i neo-nazisti in Ucraina, il governo ora sceglie il Papa o gli squadristi fascisti in Venezuela?"

Importante giornata di solidarietà internazionale a Roma dalle 14 a Piazza delle Cinque Lune. "Da popolo a popolo daremo la nostra solidarietà al Venezuela che resiste alle ingerenze esterne"

  Intervista al Professor Luciano Vasapollo, professore di economia all'Università La Sapienza...
Notizia del:

Gianni Minà: la civile resistenza del Venezuela

Intervista de l'AD a Gianni Minà: "Contro le oligarchie e le menzogne dei media, il Venezuela tragga insegnamento dal popolo cubano per resistere alle ingiustizie del nostro tempo."

  di Alessandro Bianchi   “Così va il mondo. Conversazioni su giornalismo,...
Notizia del:

"Ritorno dal Donbass e vi svelo le tre principali menzogne che vi raccontano i media"

Intervista a Giorgio Cremaschi, uno dei membri della "Carovana anti-fascista in Donbass": "La prima forma di resistenza oggi è contro le fake news di regime che producono morte, distruzioni e profughi disperati."

“Sulla guerra in Ucraina, come su ciò che accade in tante parti del mondo, tutto è coperto...
Notizia del:

Quel traffico di organi contro la Serbia. Intervista a Marilina Veca

di Michele Metta    Ho conosciuto Marilina Veca di recente. Eccellente scrittrice – suoi, per esempio, Kosovo perduto, Scandalo Somalia, Cuore di lupo – e giornalista, mi ha colpito,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa