/ "L'Impero sta facendo tutto quello che può per distruggere le nos...

"L'Impero sta facendo tutto quello che può per distruggere le nostre Rivoluzioni in America Latina"

L'Impero sta facendo tutto quello che può per distruggere le nostre Rivoluzioni in America Latina
 

Andre Vltchek: "Macri non è solo neo-liberale, Menem-style, sta portando al potere banditi assoluti".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Di Alessandro Bianchi

L'America Latina è oggi al centro di un attacco concentrico di tutte quelle forze, economiche e mediatiche in particolare, che hanno interesse a distruggere le varie esperienze libere e l'integrazione regionale basata sul rispetto delle singole sovranità nazionali.
Oggi Andre Vltchek, co-autore con Noam Chomsky di "Terrorismo occidentale" e un amico de l'AntiDiplomatico, ha concluso un lungo viaggio in America Latina. Gli abbiamo rivolto alcune domande sulla difficile situazione della regione.
 
 
Perché un viaggio in America Latina?

L’America Latina mi aspettava. Stava affrontando tremendi attacchi organizzati dall’occidente. Il suo futuro era ancora una volta incerto. I “nostri governi” stanno sanguinando, alcuni di essi crollando. L’orrendo governo di estrema destra di Mauricio Macri in Argentina è stato indaffarato a smantellare lo stato sociale. Il Brasile stava soffrendo per il colpo di stato politico attuato da parlamentari corrotti di destra. La Rivoluzione Bolivariana venezuelana stava combattendo, lottando letteralmente per la sua sopravvivenza. Le forze reazionarie traditrici stavano attaccando sia l’Ecuador sia la Bolivia. Non potevo non partire.


Qual è la situazione che ha riscontrato?
 
L'America del Sud è in questo momento sott'attacco dal Nord. L'Impero sta facendo tutto quello che può per distruggere le nostre Rivoluzioni in Venezuela, Ecuador e Bolivia. Coloro che erano soliti dire che l'Occidente “sta guardando altrove” dovrebbero ora svegliarsi. L'occidente non guarda mai altrove, colpisce sempre forte, molto forte contro tutti quei paesi che stanno combattendo per vera indipendenza, libertà e socialismo.
 
 
Il paese maggiormente sotto attacco in questi giorni è il Brasile, paese fulcro per l'integrazione regionale e per le nuove strutture create dai BRICS.
 
Il “colpo costituzionale” brasiliano è “l'ultima edizione” di distruzione: le forze fasciste, evangeliche e filo-occidentali hanno mostrato totale disprezzo per la popolazione brasiliana. I leader del colpo di stato, Temer, Cunha, Calheiros sono corrotti, prendono ordini dal Nord e non hanno nessun supporto degli elettori.
Temer, il presidente attuale, ha il supporto di meno del 2%.
 
 
Il suo lungo viaggio si è concluso in Argentina. Com'è la situazione Nel paese dopo l'arrivo di Macri?
 
In Argentina, la situazione è tragica. Il Presidente Macri sta smantellando lo stato sociale, privatizzando (come ordinano i suoi gestori internazionali), aumentando i prezzi e tagliando i servizi. Le persone sono disperate. Ma c'è un grande risveglio: la capitale e le province sono in continua mobilitazione. I mass media di destra censurano l'opposizione. Macri non è solo neo-liberale, Menem-style, sta portando al potere banditi assoluti, alcuni di loro di famiglie responsabili per l&# 39;orribile “guerra sporca”.
 
 
Cosa accadrà in futuro in America Latina? Tornerà il “giardino di casa” dell'Impero?
 
Mentre fino a pochi mese fa, l'America Latina era strettamente alleata con Russia e Cina, due paesi che resistono all'imperialismo occidentale, tutti i contratti e trattati verranno ora messi in discussione, almeno per quel che riguarda Argentina e Brasile.
Anche i media di sinistra come Telesur e RT vengono censurati, almeno in Argentina. Per ora, due potenze economiche dell'America Latina, sono cadute. Ma, si spera non per lungo. Le popolazioni rapidamente hanno realizzato che sono governati da ladri e collaboratori con le potenze straniere e hanno iniziato a reagire. Questo lascia ben sperare: l'America Latina ha creato gli anticorpi contro le forze imperiali aggressive. 


Andre Vltchek è un filosofo, romanziere, regista e giornalista d’inchiesta. Ha seguito guerre e conflitti in dozzine di paesi. I suoi libri più recenti sono “Exposing Lies of the Empire”  [Smascheramento delle menzogne dell’Impero] e “Fighting Against Western Imperialism” [Lotta contro l’imperialismo occidentale]. La sua discussione con Noam Chomsky “On Western Terrorism” [Sul terrorismo occidentale]. Point of No Return [Punto di non ritorno] è il suo romanzo politico acclamato dalla critica. Oceania – un libro sull’imperialismo occidentale nel Pacifico meridionale. Il suo libro provocatorio sull’Indonesia: “Indonesia – The Archipelago of Fear” [Indonesia, l’arcipelago della paura]. Andre realizza documentari per teleSUR e Press TV. Dopo aver vissuto per molti anni in America Latina e in Oceania, Vltchek attualmente risiede e lavora in Asia Orientale e in Medio Oriente. Può essere raggiunto sul suo sito web o su Twitter

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Intervista a Pasqualina Curcio (economista): "La ricerca scientifica dimostra la guerra economica. In Venezuela c'è la mano visibile del mercato"

di Geraldina Colotti, Caracas   Durante il nostro viaggio in Venezuela come osservatori internazionali in occasione delle elezioni comunali, abbiamo intervistato l’economista venezuelana...
Notizia del:

Fabio Marcelli (Giuristi democratici), in Venezuela come osservatore internazionale: "Il terrorismo, la guerra economica, e la diffamazione mediatica non hanno piegato questo popolo"

"L'impressione è quella di una forza enorme, tranquilla, pacifica, organizzata e cosciente dei suoi obiettivi. Questa forza si chiama popolo venezolano. "

Trionfo in Venezuela per i partiti che sostengono il presidente Maduro nelle elezioni comunali che si sono...
Notizia del:

Sul golpe in Honduras parla Geraldo Torres, direttore internazionale dell'Alleanza di opposizione contro la dittatura

"Dal golpe del 2009 a oggi abbiamo avuto già 200 morti. Siamo il paese degli ambientalisti ammazzati com'è accaduto a Bertha Caceres, delle multinazionali e dei latifondisti che imperversano. "

di Geraldina Colotti* Gerardo Torres è il direttore internazionale dell'Alleanza di opposizione...
Notizia del:

James DiEugenio, uno dei massimi conoscitori omicidio Kennedy, elogia le scoperte pubblicate su l'AntiDiplomatico

"Riguardo a quella entità oscura chiamata CMC, le rivelazioni su di essa proseguono ancora oggi, grazie a persone come te."

James DiEugenio, tra i massimi esperti sull’Assassinio di John Kennedy, sottolinea al nostro giornale l’importanza...
Notizia del:

L'ex legale canadese di Milosevic: "Mladic è un capro espiatorio per coprire i crimini della NATO"

All'AntiDiplomatico Cristopher Black rivela: "L’ICTY è un tribunale fantoccio che ha utilizzato metodi fascisti di giustizia per attuare l'agenda Nato di conquista dei Balcani"

Tutti i mezzi di informazione di massa hanno dato ieri e per l’intera giornata la notizia della condanna...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

Portone circolo PD bruciato a Ostia Antica, G. Zannola: "Hanno colpito una casa della città"

Intervista all'esponente del PD di Ostia: "Il X municipio può ripartire se il Comune, la Regione ed il Governo fanno uno sforzo reale in termini di investimento di risorse per potenziare i servizi sociali lì dove le marginalità e le fragilità dilagano; luoghi in cui si insedia il 'welfare' alternativo delle mafie ed il fascismo."

Dopo la manifestazione contro le mafie, contro il fascismo e per la libertà di stampa, indetta da Libera...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa