/ Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?

Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?

Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?
 

Le proteste golpiste del 2014 lasciarono sul selciato i corpi senza vita di 43 innocenti oltre a più di 800 feriti. Adesso, la destra maggioritaria in Parlamento, cerca di far passare una Legge di Amnistia volta ad assolvere i responsabili di questi delitti

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Esattamente due anni fa, i gruppi estremisti e violenti della destra venezuelana diedero il via ai loro piani golpisti, miranti a provocare la caduta del governo di Maduro attraverso le tristemente note 'guarimbas', che provocarono la morte di 43 persone. Il piano denominato 'La Salida' esigeva la rinuncia da parte del capo dello stato, andando quindi contro la volontà popolare che aveva indicato la continuità della Rivoluzione Bolivariana avviata da Hugo Chávez, attraverso la vittoria nelle urne del 14 aprile 2013. 

 

A due anni dalle 'guarimbas', Telesur ci ricorda accadimenti, contesto e responsabili:

 

Cosa sono le 'guarimbas'?

 

Si tratta di atti di vandalismo che comportano la chiusura arbitraria di strade, cumuli di spazzatura dati alle fiamme, aggressioni con corpi contundenti, cavi disposti da un lato all'altro delle strade ad altezza del collo – morì decapitato da una criminale trappola del genere il motociclista Elvis Duran -  che causarono la morte di 43 persone, tra cui membri delle forze dell'ordine sparati in volto nel tentativo di rimuovere le barricate. 

 

L'opposizione venezuelana optò per una simile criminale modalità di protesta nel 2004, all'indomani della sconfitta di Henrique Capriles, la seconda in soli sei mesi, dove vi furono 9 morti e 193 feriti. Il tutto condito dal solito corollario di aggressioni, incendi ai centri di salute ed edifici pubblici. 

 

Proteste studentesche?

 

La destra venezuelana ha cercato invano di mascherare le violenze e derubricare il tutto dietro la facciata delle proteste studentesche, tuttavia, le autorità di polizia hanno determinato che meno del 30% degli arrestati o fermati erano studenti. 

 

Perdite derivanti dalle 'guarimbas'

 

43 vite umane, oltre 800 feriti, danni materiali per 10 milioni di dollari, centri di salute, università e residenze universitarie, mezzi di trasporto pubblico e centri di distribuzione alimentare dati alle fiamme. 

 

Chi erano i responsabili delle 'guarimbas'?

 

L'intento della destra era palese: fermare con la violenza la Rivoluzione Bolivariana che era uscita vittoriosa per ben 18 volte consecutive dalle varie tornate elettorali. Dunque conquistare con la violenza quel potere che non erano mai riusciti nemmeno a sfiorare attraverso le urne.  

 

Tre gli uomini chiave dell'opposizione dietro agli atti violenti: l'ex deputata María Corina Machado, ben remunerata dagli Stati Uniti attraverso finanziamenti alla sua organizzazione Súmate; il governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles, candidato uscito sconfitto dalle ultime due elezioni presidenziali e con precedenti vandalici contro l'Ambasciata di Cuba nell'aprile del 2002; e infine il 'martire' Leopoldo López, l'ex sindaco di Chacao che ha materialmente organizzato le proteste golpiste. 

 

Obiettivo golpe blando

 

Le proteste violente andarono avanti senza un obiettivo specifico. Gli atti di violenza servivano per accusare il governo di violare i diritti umani in Venezuela. 

 

Il ruolo dei mezzi di comunicazione

 

I mezzi di comunicazione afferenti il circuito mainstream e vicini alla destra sia in Venezuela che all'estero diedero larga diffusione a immagini false con il solo scopo di accusare il governo bolivariano di violare i diritti umani. L'obiettivo palese: provocare ingerenze dall'estero negli affari interni della Repubblica Bolivariana del Venezuela. 

 

I precedenti violenti e golpisti della destra venezuelana

 

Non si è trattato di certo del primo caso in cui la destra ha mostrato apertamente il proprio volto, la propria vocazione violenta e golpista. Basti pensare al colpo di stato contro il Comandante Chávez dell'11 aprile del 2002, allo sciopero selvaggio dell'azienda petrolifera PDVSA (paro petrolero del 2002-2003), alle proteste violente del 2004. 

 

Giustizia contro Amnistia

 

Le vittime delle guarimbas continuano nella loro incessante richiesta di verità e giustizia, mentre la destra esige dalla sua maggioranza parlamentare che vari una Legge di Amnistia volta a liberare chi ha commesso questi crimini orrendi contro il popolo venezuelano.

 

Tra essi sarà scarcerato Leopoldo López, condannato a 13 anni di prigione dopo esser stato dichiarato colpevole di istigazione pubblica, danni alla proprietà, incendio e associazione a delinquere per i fatti del 2014.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: TeleSur
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Imperialismo senza maschere

di Jorge Arreaza M.*   Il 2017 è stato un anno chiarificatore durante il quale la politica internazionale si è sincerata e ha messo alla prova la politica estera della Repubblica...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:     Fonte: Pagina12

Argentina, Macri brinda alla repressione: «Chi lancia una pietra è disposto a uccidere»

  Dopo la dura repressione, la criminalizzazione. L’aria natalizia del saluto agli impiegati e i giornalisti presso il Palazzo del Governo, non ammorbidisce la posizione di Mauricio Macri....
Notizia del:

Venezuela, Operazione Peter Pan: quando i bambini sono il bersaglio della manipolazione psicologica

Oggi, ci sono settori in Venezuela che intendono riproporre questa operazione, in mezzo a campagne mediatiche che cercano di distorcere la realtà della situazione interna del paese, che si trova di fronte a un blocco economico promosso dagli Stati Uniti

da AVN   Alla fine del 1960 fu perpetrato uno degli episodi di maggiore manipolazione psicologica contro...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Brasile, le elezioni senza Lula sono un imbroglio. Firmiamo il Manifesto!

da resistencia.cc La decisione di fissare in un tempo record, per il 24 gennaio, la data del giudizio di seconda istanza del Processo a Lula non ha nulla di legale. Si tratta di un puro...
Notizia del:

Accade in Honduras, paese che chiede rispetto dei diritti umani in Venezuela

Come sottolinea la sempre puntuale giornalista di Telesur M. Garcia queste scene di violenze accadono in Honduras, paese che lotta contro il nuovo golpe ordito dalle forze vicine agli Stati Uniti. Ieri...
Notizia del:

"La dignità dei salvadoregni si rispetta". El Salvador presenta nota di protesta ufficiale contro gli USA

Il governo del Salvador ha inviato una nota di protesta ufficiale contro gli Stati Uniti. In risposta alle "deprovevoli" dichiarazioni attribuite al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump,...
Notizia del:

Ex Presidente Zalaya: "Se gli Stati Uniti non cambiano la loro posizione sull'Honduras non potranno più parlare su nessun altro paese al mondo"

Dura la posizione anche sull'Organizzazione degli Stati americani: ""L'OSA fa solo ciò che il Dipartimento di Stato autorizza".

"L'Honduras sta vivendo una crisi politica di grandi proporzioni e gli Stati Uniti devono rivedere la...
Notizia del:

Studio universitario shock. "Lavoratori messicani dovrebbero lavorare più di 24 ore al giorno per il proprio sostentamento"

Il Centro di analisi interdisciplinare (CAM) dell'Università Nazionale Autonoma del Messico stima che un messicano con salario minimo dovrebbe lavorare 24 ore e 31 minuti al giorno per poter permettersi generi alimentari di base

I messicani con un salario minimo dovrebbero lavorare più di 24 ore al giorno per poter sostentarsi. Lo...
Notizia del:

"Noi chiediamo giustizia". Sergio Maldonado e Taty Almeida ricevuti da Papa Francesco

Con Taty Almeida e Sergio Maldonado c’è anche Carlos Pisoni, figlio di genitori desaparecidos durante la dittatura. “La nostra non è stata solo una lotta per Santiago, ma una lotta pacifica che ha coinvolto migliaia di persone, un impegno per tutta la società argentina che si è vista catapultata indietro di 40 anni, ai tempi bui della dittatura e dei desaparecidos."

  di Patrizia Larese   Il 5 dicembre scorso Papa Francesco ha ricevuto nella sua residenza di...
Notizia del:

La guerra mediatica contro il Venezuela nel 2017 in numeri

da resistencia.cc Traduzione di Marx21.it Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha denunciato, all'inizio di gennaio, che le grandi corporazioni degli Stati Uniti hanno...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa