/ Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?

Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?

Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?
 

Le proteste golpiste del 2014 lasciarono sul selciato i corpi senza vita di 43 innocenti oltre a più di 800 feriti. Adesso, la destra maggioritaria in Parlamento, cerca di far passare una Legge di Amnistia volta ad assolvere i responsabili di questi delitti

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Esattamente due anni fa, i gruppi estremisti e violenti della destra venezuelana diedero il via ai loro piani golpisti, miranti a provocare la caduta del governo di Maduro attraverso le tristemente note 'guarimbas', che provocarono la morte di 43 persone. Il piano denominato 'La Salida' esigeva la rinuncia da parte del capo dello stato, andando quindi contro la volontà popolare che aveva indicato la continuità della Rivoluzione Bolivariana avviata da Hugo Chávez, attraverso la vittoria nelle urne del 14 aprile 2013. 

 

A due anni dalle 'guarimbas', Telesur ci ricorda accadimenti, contesto e responsabili:

 

Cosa sono le 'guarimbas'?

 

Si tratta di atti di vandalismo che comportano la chiusura arbitraria di strade, cumuli di spazzatura dati alle fiamme, aggressioni con corpi contundenti, cavi disposti da un lato all'altro delle strade ad altezza del collo – morì decapitato da una criminale trappola del genere il motociclista Elvis Duran -  che causarono la morte di 43 persone, tra cui membri delle forze dell'ordine sparati in volto nel tentativo di rimuovere le barricate. 

 

L'opposizione venezuelana optò per una simile criminale modalità di protesta nel 2004, all'indomani della sconfitta di Henrique Capriles, la seconda in soli sei mesi, dove vi furono 9 morti e 193 feriti. Il tutto condito dal solito corollario di aggressioni, incendi ai centri di salute ed edifici pubblici. 

 

Proteste studentesche?

 

La destra venezuelana ha cercato invano di mascherare le violenze e derubricare il tutto dietro la facciata delle proteste studentesche, tuttavia, le autorità di polizia hanno determinato che meno del 30% degli arrestati o fermati erano studenti. 

 

Perdite derivanti dalle 'guarimbas'

 

43 vite umane, oltre 800 feriti, danni materiali per 10 milioni di dollari, centri di salute, università e residenze universitarie, mezzi di trasporto pubblico e centri di distribuzione alimentare dati alle fiamme. 

 

Chi erano i responsabili delle 'guarimbas'?

 

L'intento della destra era palese: fermare con la violenza la Rivoluzione Bolivariana che era uscita vittoriosa per ben 18 volte consecutive dalle varie tornate elettorali. Dunque conquistare con la violenza quel potere che non erano mai riusciti nemmeno a sfiorare attraverso le urne.

 

 

Tre gli uomini chiave dell'opposizione dietro agli atti violenti: l'ex deputata María Corina Machado, ben remunerata dagli Stati Uniti attraverso finanziamenti alla sua organizzazione Súmate; il governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles, candidato uscito sconfitto dalle ultime due elezioni presidenziali e con precedenti vandalici contro l'Ambasciata di Cuba nell'aprile del 2002; e infine il 'martire' Leopoldo López, l'ex sindaco di Chacao che ha materialmente organizzato le proteste golpiste. 

 

Obiettivo golpe blando

 

Le proteste violente andarono avanti senza un obiettivo specifico. Gli atti di violenza servivano per accusare il governo di violare i diritti umani in Venezuela. 

 

Il ruolo dei mezzi di comunicazione

 

I mezzi di comunicazione afferenti il circuito mainstream e vicini alla destra sia in Venezuela che all'estero diedero larga diffusione a immagini false con il solo scopo di accusare il governo bolivariano di violare i diritti umani. L'obiettivo palese: provocare ingerenze dall'estero negli affari interni della Repubblica Bolivariana del Venezuela. 

 

I precedenti violenti e golpisti della destra venezuelana

 

Non si è trattato di certo del primo caso in cui la destra ha mostrato apertamente il proprio volto, la propria vocazione violenta e golpista. Basti pensare al colpo di stato contro il Comandante Chávez dell'11 aprile del 2002, allo sciopero selvaggio dell'azienda petrolifera PDVSA (paro petrolero del 2002-2003), alle proteste violente del 2004. 

 

Giustizia contro Amnistia

 

Le vittime delle guarimbas continuano nella loro incessante richiesta di verità e giustizia, mentre la destra esige dalla sua maggioranza parlamentare che vari una Legge di Amnistia volta a liberare chi ha commesso questi crimini orrendi contro il popolo venezuelano.

 

Tra essi sarà scarcerato Leopoldo López, condannato a 13 anni di prigione dopo esser stato dichiarato colpevole di istigazione pubblica, danni alla proprietà, incendio e associazione a delinquere per i fatti del 2014.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: TeleSur
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Cubadebate

L'Honduras a sette anni dal golpe

Dopo sette anni dal primo golpe di stato trionfante del secolo in America Latina. Col crimine di Berta Caceres ancora fresco nell’inconscio collettivo, si consolida in Honduras il modello escludente e repressivo imposto col rovesciamento di Zelaya

Josè Manuel Zelaya arrivò alla presidenza in gennaio del 2006 dal Partito Liberale –uno...
Notizia del:     Fonte: America XXI

Luis Bilbao: «All'Osa, una clamorosa vittoria strategica del Venezuela»

Secondo il giornalista ed economista, direttore della rivista America XXI, la vittoria ottenuta dal Venezuela in seno all'Organizzazione degli Stati Americani smentisce la virata a destra dei popoli latinoamericani

La clamorosa vittoria ottenuta dal Venezuela nella sessione straordinaria dell’OSA tenutasi lo scorso...
Notizia del:     Fonte: RT

Ha prevalso la paura: così si spiegano i risultati delle elezioni spagnole

Nel paese hanno prevalso la paura e i discorsi portati avanti dai partiti del sistema neoliberista

da RT «È chiaro che di fronte alla prospettiva del cambiamento e alla costruzione di un’alternativa...
Notizia del:

Governo colombiano e Farc raggiungono uno storico accordo per porre fine al conflitto armato. Una vittoria anche di Chavez

Raggiunto un obiettivo per cui ha lavorato tanto il Comandante Hugo Chavez

Il governo colombiano e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia - Esercito del Popolo (Farc-Ep) hanno...
Notizia del:     Fonte: Correo del Orinoco

Venezuela: senza Rivoluzione Bolivariana la povertà sarebbe alle stelle

Dopo tre anni di dura guerra economica e con una crisi scatenata dalla drastica caduta del prezzo del petrolio «senza la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela la povertà sarebbe all’88%»,...
Notizia del:

Caro Saviano, sì, Napoli è bolivariana!

Con la vittoria schiacciante di de Magistris parte da Napoli un grande movimento popolare di liberazione destinato a rompere le catene del neoliberismo, come il chavismo in Venezuela

di Fabrizio Verde Il popolo napoletano ha scelto, per i prossimi 5 anni sarà ancora Luigi de Magistris...
Notizia del:

Manifestazione a Roma contro il colpo di Stato in Brasile

L'attuale crisi politica che uccide la democrazia brasiliana ci spaventa e ci fa indignare. Per questo motivo noi del “Collettivo BELI” (Brasiliani in lotta – Italia) abbiamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Tutte le grandi bufale della stampa contro il Venezuela

Dal primo giorno di Hugo Chávez la stampa ha aperto le ostilità contro di lui e il suo governo

di Ernesto J. Navarro per RT Paul Joseph Goebbels, il tristemente noto ministro della propaganda della...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Cinque grandi menzogne dei media internazionali sul Venezuela

La campagna mediatica contro il Venezuela non è una favola, ma una realtà

da TeleSur I media internazionali, gli Stati Uniti ed altri attori cercano cercano di appropriarsi delle...
Notizia del:

Dal Venezuela agli attacchi a Podemos: dal liberista Albert Rivera solo falsità e calunnie

Intanto il suo partito iper-liberista gode di buona stampa, oltre che di grande benevolenza da parte dell’establishment spagnolo. Il perché è presto detto: Ciudadanos emerge in una fase dove irrompe sulla scena politica spagnola Podemos che va a distruggere il classico bipartitismo spagnolo dove cambiano gli uomini ma non le politiche, serve quindi un partito che riesca a vendere le ormai stantie politiche neoliberiste sotto una nuova veste, ammantandole di novità, riuscendo a sottrarre voti a Podemos

di Fabrizio Verde Si tratta di uno dei personaggi emergenti della politica spagnola, anche se le sue...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:     Fonte: Cubadebate

L'Honduras a sette anni dal golpe

Dopo sette anni dal primo golpe di stato trionfante del secolo in America Latina. Col crimine di Berta Caceres ancora fresco nell’inconscio collettivo, si consolida in Honduras il modello escludente e repressivo imposto col rovesciamento di Zelaya

Josè Manuel Zelaya arrivò alla presidenza in gennaio del 2006 dal Partito Liberale –uno...
Notizia del:     Fonte: America XXI

Luis Bilbao: «All'Osa, una clamorosa vittoria strategica del Venezuela»

Secondo il giornalista ed economista, direttore della rivista America XXI, la vittoria ottenuta dal Venezuela in seno all'Organizzazione degli Stati Americani smentisce la virata a destra dei popoli latinoamericani

La clamorosa vittoria ottenuta dal Venezuela nella sessione straordinaria dell’OSA tenutasi lo scorso...
Notizia del:     Fonte: ABI

Evo Morales: in Bolivia abbiamo raggiunto più risultati negli ultimi 10 anni che nei precedenti 180

In un'intervista radiofonica il presidente boliviano rivendica i risultati lusinghieri raggiunti negli ultimi 10 anni di governo socialista

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, in un’intervista radiofonica con l’emittente Atipici...
Notizia del:     Fonte: El Pais

Effetti del neoliberismo sull'Argentina: grazie a Macri è il paese più caro dell'America Latina

Il ritorno del neoliberismo nel paese è segnato da aumento dei prezzi, disoccupazione e miseria crescente

Un altro grandioso successo del neoliberismo: dopo appena pochi mesi dall’insediamento del nuovo governo...
Notizia del:

Governo colombiano e Farc raggiungono uno storico accordo per porre fine al conflitto armato. Una vittoria anche di Chavez

Raggiunto un obiettivo per cui ha lavorato tanto il Comandante Hugo Chavez

Il governo colombiano e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia - Esercito del Popolo (Farc-Ep) hanno...
Notizia del:     Fonte: http://it.granma.cu/

Bolivia: Evo Morales ritiene irreversibili i cambiamenti nel paese

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha assicurato che il processo di cambiamento iniziato dal paese nel 2006 è irreversibile e che la nazione boliviana non è sola in questo cammino di riaffermazione

da it.granma.cu Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha assicurato, ieri martedì 21 giugno,...
Notizia del:     Fonte: Correo del Orinoco

Venezuela: senza Rivoluzione Bolivariana la povertà sarebbe alle stelle

Dopo tre anni di dura guerra economica e con una crisi scatenata dalla drastica caduta del prezzo del petrolio «senza la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela la povertà sarebbe all’88%»,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa