/ Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?

Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?

Venezuela: cosa accadde il 12 febbraio 2014?
 

Le proteste golpiste del 2014 lasciarono sul selciato i corpi senza vita di 43 innocenti oltre a più di 800 feriti. Adesso, la destra maggioritaria in Parlamento, cerca di far passare una Legge di Amnistia volta ad assolvere i responsabili di questi delitti

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Esattamente due anni fa, i gruppi estremisti e violenti della destra venezuelana diedero il via ai loro piani golpisti, miranti a provocare la caduta del governo di Maduro attraverso le tristemente note 'guarimbas', che provocarono la morte di 43 persone. Il piano denominato 'La Salida' esigeva la rinuncia da parte del capo dello stato, andando quindi contro la volontà popolare che aveva indicato la continuità della Rivoluzione Bolivariana avviata da Hugo Chávez, attraverso la vittoria nelle urne del 14 aprile 2013. 

 

A due anni dalle 'guarimbas', Telesur ci ricorda accadimenti, contesto e responsabili:

 

Cosa sono le 'guarimbas'?

 

Si tratta di atti di vandalismo che comportano la chiusura arbitraria di strade, cumuli di spazzatura dati alle fiamme, aggressioni con corpi contundenti, cavi disposti da un lato all'altro delle strade ad altezza del collo – morì decapitato da una criminale trappola del genere il motociclista Elvis Duran -  che causarono la morte di 43 persone, tra cui membri delle forze dell'ordine sparati in volto nel tentativo di rimuovere le barricate. 

 

L'opposizione venezuelana optò per una simile criminale modalità di protesta nel 2004, all'indomani della sconfitta di Henrique Capriles, la seconda in soli sei mesi, dove vi furono 9 morti e 193 feriti. Il tutto condito dal solito corollario di aggressioni, incendi ai centri di salute ed edifici pubblici. 

 

Proteste studentesche?

 

La destra venezuelana ha cercato invano di mascherare le violenze e derubricare il tutto dietro la facciata delle proteste studentesche, tuttavia, le autorità di polizia hanno determinato che meno del 30% degli arrestati o fermati erano studenti. 

 

Perdite derivanti dalle 'guarimbas'

 

43 vite umane, oltre 800 feriti, danni materiali per 10 milioni di dollari, centri di salute, università e residenze universitarie, mezzi di trasporto pubblico e centri di distribuzione alimentare dati alle fiamme. 

 

Chi erano i responsabili delle 'guarimbas'?

 

L'intento della destra era palese: fermare con la violenza la Rivoluzione Bolivariana che era uscita vittoriosa per ben 18 volte consecutive dalle varie tornate elettorali. Dunque conquistare con la violenza quel potere che non erano mai riusciti nemmeno a sfiorare attraverso le urne.  

 

Tre gli uomini chiave dell'opposizione dietro agli atti violenti: l'ex deputata María Corina Machado, ben remunerata dagli Stati Uniti attraverso finanziamenti alla sua organizzazione Súmate; il governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles, candidato uscito sconfitto dalle ultime due elezioni presidenziali e con precedenti vandalici contro l'Ambasciata di Cuba nell'aprile del 2002; e infine il 'martire' Leopoldo López, l'ex sindaco di Chacao che ha materialmente organizzato le proteste golpiste. 

 

Obiettivo golpe blando

 

Le proteste violente andarono avanti senza un obiettivo specifico. Gli atti di violenza servivano per accusare il governo di violare i diritti umani in Venezuela. 

 

Il ruolo dei mezzi di comunicazione

 

I mezzi di comunicazione afferenti il circuito mainstream e vicini alla destra sia in Venezuela che all'estero diedero larga diffusione a immagini false con il solo scopo di accusare il governo bolivariano di violare i diritti umani. L'obiettivo palese: provocare ingerenze dall'estero negli affari interni della Repubblica Bolivariana del Venezuela. 

 

I precedenti violenti e golpisti della destra venezuelana

 

Non si è trattato di certo del primo caso in cui la destra ha mostrato apertamente il proprio volto, la propria vocazione violenta e golpista. Basti pensare al colpo di stato contro il Comandante Chávez dell'11 aprile del 2002, allo sciopero selvaggio dell'azienda petrolifera PDVSA (paro petrolero del 2002-2003), alle proteste violente del 2004. 

 

Giustizia contro Amnistia

 

Le vittime delle guarimbas continuano nella loro incessante richiesta di verità e giustizia, mentre la destra esige dalla sua maggioranza parlamentare che vari una Legge di Amnistia volta a liberare chi ha commesso questi crimini orrendi contro il popolo venezuelano.

 

Tra essi sarà scarcerato Leopoldo López, condannato a 13 anni di prigione dopo esser stato dichiarato colpevole di istigazione pubblica, danni alla proprietà, incendio e associazione a delinquere per i fatti del 2014.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: TeleSur
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

L'Iran in America Latina: l'inizio di una nuova era sotto lo sguardo inquieto di Washington

Per sei giorni, tra il 21 e il 27 agosto scorso, il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha visitato Cuba, Nicaragua, Ecuador, Cile, Bolivia e Venezuela. Il giornalista e scrittore Nil Nikandrov analizza i risultati del tour nel suo articolo pubblicato sul sito web della Fondazione di Cultura Strategica.

La visita del ministro degli Esteri iraniano per l'America Latina è stato descritto da molti come...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Venezuela: diversificazione della base produttiva per vincere la guerra economica

Il vicepresidente per la Pianificazione della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Ricardo Menéndez, ai microfoni dell’emittente TeleSur spiega la strategia del governo bolivariano

  La diversificazione della base produttiva è la chiave per rendere il socialismo sostenibile dal...
Notizia del:     Fonte: Il Manifesto

Rio 2016, l'atleta venezuelana Benitez: «Non stringo la mano al golpista Temer»

Olimpiadi. Il polemico gesto della schermitrice venezuelana, ex ministro dello Sport

di Geraldina Colotti per Il Manifesto   «Sono una donna, sono una militante politica e sono di sinistra,...
Notizia del:     Fonte: Correo del Orinoco

Venezuela: il governo bolivariano pronto a passare dalla resistenza alla speranza

Il vicepresidente Aristóbulo Istúriz esorta a «rompere la spina dorsale della guerra economica»

  «Dopo questo semestre di resistenza, tocca a noi chavisti lavorare per un semestre di speranza, avanzare...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Venezuela: il ruolo dei media internazionali nell'inganno della carestia

La scrittrice e poetessa denuncia il ruolo nefasto dei media internazionali e dell'oligarchia nella strategia di attacco frontale al Venezuela

  «Mi chiedo dove stia finendo il senso comune delle persone, cosa sta succedendo all’intelligenza...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano e la politica estera: sempre (ma proprio sempre) dalla parte sbagliata della storia...

di Fabrizio Verde e Alessandro Bianchi Nostro malgrado siamo costretti nuovamente ad occuparci di un articolo riguardante il Venezuela apparso su ‘Il Fatto Quotidiano’. Il giornale diretto...
Notizia del:

Tutte le e-mail che inchiodano Hillary nel suo continuo sabotaggio del Venezuela

"La candidata democratica ha anche espresso preoccupazione per la decisione delle Nazioni Unite di condannare il golpe militare in Honduras nel 2009"

da www.resistencia.cc Traduzione di Marx21.it Nonostante i suoi richiami pubblici all’amicizia con...
Notizia del:     Fonte: Correo del Orinoco

Si rafforza la vicinanza tra Russia e Venezuela: Pdvsa e Rosneft firmano una serie di accordi di cooperazione

Il presidente di Rosneft, Igor Sechín, si è detto felice di poter arrivare alla conclusione degli accordi con l’azienda venezuelana nel giorno (28 luglio) in cui viene celebrato il 62° anniversario della nascita del Comandante Hugo Chávez, indimenticato leader della Rivoluzione Bolivariana

  Alla presenza del presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolás Maduro, presso il...
Notizia del:     Fonte: RT

Gli Stati Uniti, Fetullah Gulen e le sue ramificazioni in America Latina

Il movimento del religioso Gulen, che la Turchia indica come artefice del colpo di stato fallito, conta su diverse ramificazioni in America Latina. Alcuni esperti segnalano che la CIA utilizza per i propri scopi la capacità di mobilitazione dei seguaci di Hizmet

  Le ramificazioni della potente organizzazione guidata da Fetullah Gulen, il religioso turco assurto agli...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Il Venezuela celebra il 62° anniversario della nascita di Hugo Chávez

Diosdado Cabello, vicepresidente del Partito Socialista Unito del Venezuela, afferma: «Dal Cuartel de la Montaña vogliamo rendere omaggio al nostro Comandante, un semplice omaggio che viene dal nostro cuore e dalla nostra anima»

  In Venezuela oggi è previsto un fitto programma di eventi volti a ricordare l’immensa figura...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:     Fonte: TeleSur

10 domande e 10 risposte sul conflitto con le 'cooperative' minerarie in Bolivia

di Katu Arkonada - TeleSur   1) Come nasce l’attività estrattiva cooperativa in Bolivia?   L’attività estrattiva cooperativa ha come origine la crisi economica...
Notizia del:

Bolivia: ucciso il viceministro degli Interni. La denuncia e il dolore di Evo Morales

Rodolfo Illanes è stato sequestrato, torturato e barbaramente ucciso dai cooperativisti del settore minerario in protesta contro il governo

«La morte del fratello viceministro Illanes, fa molto male, si tratta di un atto codardo… il sequestro,...
Notizia del:

Fallimento neoliberista in Argentina: disoccupazione aumenta del 57% rispetto al 2015

Il pacchetto di misure neoliberiste volute dal governo Macri ha provocato licenziamenti di massa e una crescita vertiginosa della povertà

  Cattive notizie giungono ancora dall’Argentina: la disoccupazione è salita al 9,3% rispetto...
Notizia del:     Fonte: pressenza.com

On. Giovanna Martelli: «Sono preoccupata per la situazione politica in Argentina»

di Olivier Turquet per Pressenza   Parliamo con Giovanna Martelli, deputata e componente della prima ora del Comitato per la Liberazione di Milagro Sala delle preoccupanti evoluzioni delle vicende...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Iran: "Per la nostra politica antimperialista saremo sempre al fianco di Cuba"

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha ribadito il forte sostegno della Repubblica islamica dell'Iran al popolo e al governo di Cuba nel corso della prima tappa di un tour economico e politico per rafforzare i legami con l'America Latina

In alcune dichiarazioni rilasciate a HispanTV, in rotta verso Cuba, prima destinazione del suo tour in America...
Notizia del:

Argentina: la City di Londra teme che a breve cada il governo neoliberista di Macri

Secondo il quotidiano britannico The Economist «la luna di miele di Macri è giunta al termine»

  Disoccupazione, miseria crescente, repressione. Questi sono i risultati del ritorno in Argentina del neoliberismo...
Notizia del:

Fidel Castro: il compleanno

  Domani compirò 90 anni. Sono nato in un territorio chiamato Birán, nella regione orientale di Cuba. È conosciuto con quel nome, anche se non è mai apparso in una mappa....
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa