/ NATO: chi è l'aggressore?

NATO: chi è l'aggressore?

NATO: chi è l'aggressore?
 

Sul senso dell'alleanza e sulla complice assuefazione dell'Europa ai suoi crimini

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Perché la NATO è stata fondata e perché si è espansa così rapidamente dopo il crollo e lo smembramento dell'Unione Sovietica nel 1991? Sono queste le due domande a cui risponde su Strategic Culture con una lunga analisi Micheal Jabar Carley.

RUSSOFOBIA

Le percezioni negative occidentali della Russia risalgono al 19 ° secolo, inizia l'analista. Dopo la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 la russofobia è stata aggravata dalla paura rossa. Per tre anni l'«Entente» delle potenze hanno cercato di strangolare la nascente repubblica sovietica. Quando l'intervento straniero non è riuscito, l'Intesa ha costruito un cordone sanitario attraverso le terre di confine russe dal Baltico al Mar Nero. L'idea era di mantenere la rivoluzione bolscevica al di fuori dell'Europa centrale.

Era «uno scontro di due mondi», secondo uno storico. Chi ha detto che la guerra fredda è iniziata solo dopo il 1945? Anche l'ascesa di Hitler al potere nel 1933 non è riuscita a provocare una rivalutazione occidentale dei rapporti con l'URSS: gli forzi diplomatici sovietici per costruire un'alleanza antinazista naufragò per simpatie occidentali neanche troppo velate per il fascismo. La crisi del capitalismo nel 1930 ha reso il fascismo attraente, ma così ha fatto la Sovietophobia dell'occidente.

Anche dopo l'invasione tedesca dell'Unione Sovietica nel giugno 1941, prosegue sempre l'analista nella sua analisi, il governo britannico non ha rinunciato alla sua ostilità anti-sovietica. Per cento anni, ha detto un funzionario del Foreign Office nel 1944, la Sovietophobia era la normalità del governo britannico. Questa era una posizione sorprendente, visto che fino a giugno 1944 l'Armata Rossa ha fatto la maggior parte dei combattimenti contro la Wehrmacht. 
 
I colleghi di governo erano a volte scandalizzati dalle esclamazioni antisovietici di Churchill. Nel mese di maggio del 1945, due settimane dopo il VE-Day, i capi britannici del Comitato di pianificazione congiunto hanno prodotto l'operazione top secret «Impensabile», uno scandaloso piano suicida per una nuova guerra anglo-americana, sostenuta dalle truppe tedesche in nuove uniformi, contro l'URSS. 


La Nascita della NATO

L'URSS ha pagato un prezzo enorme per la vittoria, non si conosce l'esatto costo umano, ma le stime sono circa 27 milioni di morti, oltre la distruzione fisica di gran parte della Russia europea. Mentre gli Stati Uniti sono diventati ricchi e hanno subito poche perdite rispetto alla Rossa, l'Unione Sovietica è emersa dalla guerra povera e devastata. La priorità più urgente è stata la ricostruzione, e per questo, il generalissimo sovietico Josif Stalin sperava nell'aiuto da parte degli alleati anglo-americani. Eppure, in Occidente, l'URSS è stato considerata come una minaccia del dopoguerra per la sicurezza europea.

Stalin era a conoscenza di ostilità anglo-americano, ma ha cercato comunque per un tempo per lavorare con i suoi putativi «alleati», senza tuttavia sacrificare gli interessi sovietici. Le grandi questioni politiche erano la Polonia e la Germania. La Polonia è stata regolata secondo linee sovietiche, ma la Germania era sotto l'occupazione congiunta alleata e  Stalin non poteva ottenere tutto quello che voleva. Dopo essere stato invaso due volte dalla Germania nell'arco di poco più di un quarto di secolo, Stalin non voleva vedere la ricostruzione di uno stato tedesco ostile all'URSS.

Questo era proprio quello che gli Stati Uniti avevano in mente. Dal 1946 in poi il governo degli Stati Uniti si è concentrato su come stabilire uno «stato parziale» in Germania ovest, integrato in una blocco anti-sovietico dominato da Washington.

E' stata un'idea di Churchill costruire un nuovo contrappeso tedesco all'URSS, un'idea prima concettualizzata nell'Operazione «Impensabile». L'eventuale contromossa sovietica, il «blocco» di Berlino nel 1948, è stato un goffo tentativo di far leva sugli Stati Uniti per fermare la creazione di uno stato tedesco occidentale. Il cosiddetto blocco non ha funzionato ed è stato uno splendido pretesto per la creazione della NATO l'anno successivo. A Mosca la NATO era vista come una alleanza finalizzata alla URSS. L'ingresso della Germania Ovest in quell'alleanza sembrava un'eventualità evidente.

Finanziato generosamente dagli Stati Uniti, la polarizzazione dell'Europa ha continuato nel 1950, e la Germania Ovest è diventato un membro della NATO maggio 1955. Questo sviluppo ha provocato la formazione del Patto di Varsavia, guidato dall'URSS. Credendo alla propaganda occidentale su un aggressiva Unione Sovietica, una persona male informata potrebbe pensare che il patto di Varsavia ha provocato l'organizzazione della NATO e non il contrario.


Il senso della NATO oggi

Dopo il crollo e lo smembramento dell'Unione Sovietica, la NATO doveva sciogliersi. Anche se si accetta l'idea che l'alleanza è stata organizzata per scopi puramente difensivi contro una minaccia sovietica, non c'era nessuna minaccia URSS dopo il 1991. 

E' noto inoltre che il segretario di Stato James Baker avesse promesso al leader sovietico Mikhail Gorbachev che La NATO non avrebbe espanso «un pollice» verso est, una promessa che i presidenti Bill Clinton e George W. Bush non hanno mantenuto. 

L'espansione post-sovietica della NATO non può logicamente essere spiegata se non come un movimento per estendere l'egemonia statunitense verso est. E il momento era propizio: la Russia era in disfacimento e guidata da Boris Eltsin che aveva bisogno degli Stati Uniti per rimanere al potere. La Nato ha rapidamente inglobato la Polonia e gli Stati baltici. In Europa orientale, l'adesione alla NATO è diventata una licenza per l'impunità: le uniformi delle SS e striscioni uscirono naftalina nei Paesi Baltici e una nuova ondata di russofobia invase la Polonia.

La NATO ha costruito un nuovo cordone sanitario anti-russo. Per gli Usa è stata una polizza di assicurazione contro qualsiasi rinascita russa, e un braccio per essere usato contro qualsiasi stato che accettasse l'offerta di Washington.
 
Tale fu il caso della Jugoslavia, uno stato multinazionale lacerato da conflitti etnici incoraggiati dagli Stati Uniti e la NATO. Se si guarda una mappa della Jugoslavia nel 1941 dopo la sua spartizione dalla Germania nazista, si vedranno somiglianze con lo smembramento USA / NATO dell'«ex Jugoslavia».

L'ovest schierato con i neofascisti in Croazia, fondamentalisti musulmani in Bosnia e in Kosovo, i serbi, come cattivi, aggressori, e gli esecutori del genocidio. USA e NATO attaccarono la Serbia nel 1999 per sottomettere la resistenza contro la perdita della provincia serba del Kosovo. In un atto palese di aggressione, i “civilizzatori” hanno fatto saltare i ponti, treni e infrastrutture e hanno bombardato Belgrado, uccidendo civili.

Clinton ha invocato la «responsabilità di proteggere» (R2P), e ha sostenuto che la NATO ha rappresentato la comunità internazionale. Affermazioni fasulle per giustificare l'intervento militare. Il messaggio di fondo di qualsiasi apostata di dominazione degli Stati Uniti era presentare o essere distrutti.
 
La ricerca degli Stati Uniti per il dominio non si è fermata alla «ex Jugoslavia».
Dopo l'11 settembre nel 2001 gli Stati Uniti e la NATO hanno invaso l'Afghanistan. Se il governo afghano dei talebani aveva nulla a che fare con gli attacchi terroristici negli Stati Uniti nessuno lo chiede più. Fino ad oggi la guerra in Afghanistan va avanti e non troppo bene per gli Stati Uniti. Non c'è da stupirsi che l'Afghanistan viene chiamato «il cimitero degli imperi».
 
Due anni più tardi è stata la volta dell'Iraq. Il governo degli Stati Uniti ha affermato che il leader iracheno Saddam Hussein aveva «armi di distruzione di massa» (WMD), pronte per l'uso. La famigerata R2P è stata nuovamente invocata per giustificare la nuova guerra. Una massiccia invasione ha portato alla distruzione di un paese sovrano e all'esecuzione di Saddam. Centinaia di migliaia di civili sono morti a causa dell'invasione degli Stati Uniti e per le sanzioni economiche degli anni precedenti. Milioni sono diventati senzatetto. Autorità statunitensi hanno trasformato l'Iraq nella terra di nessuno senza aver mai trovato le famigerate armi di distruzione di massa. Era tutta una farsa. Non c'erano. Sul patibolo Saddam coraggiosamente ha accusato i suoi carnefici di essere traditori marionette degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno sostenuto come l'obiettivo era quello di creare «democrazia» in Iraq.  Dodici anni dopo non c'è democrazia in Iraq, solo rovine, ha continuato la guerra e la miseria.

Nel 2011 è stata la volta della Libia, un ricco paese indipendente, guidato da Muammar Gheddafi, che da otto anni manteneva relazioni costruttive con l'Occidente. Gli Stati Uniti e la NATO hanno trovato un nuovo pretesto per R2P. “Le forze di Gheddafi hanno attaccato la popolazione civile”, una menzogna come le armi di distruzione di massa in Iraq. La Russia e la Cina si sono astenute dal voto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per una «no-fly zone», una posizione che hanno poi rimpianto, perché la NATO ha prontamente utilizzato la risoluzione come pretesto per una guerra a tutto campo contro lil governo libico. 

La Libia è stata distrutta e Gheddafi, sodomizzato con una baionetta e ucciso. L'allora segretario di Stato, Hillary Clinton, “come un antico barbaro tribale (senza offesa per quest'ultimo) gongolava e sogghignò battute sulle immagini del sanguinoso cadavere di Gheddafi”, scrive Carley.

Come l'Afghanistan e l'Iraq, la Libia resta in rovina, nel caos e nella miseria. Queste sono le opere, dice il giornalista Pepe Escobar, dell '«Impero del Caos», determinato a mantenere l'egemonia globale, insieme con i suoi fidati aiutanti della NATO, a qualunque costo.

La violenza dissoluta USA / NATO non finì lì. Incoraggiati dal loro «successo» in Libia, gli Stati Uniti e alcuni dei suoi alleati NATO, in particolare Francia, Gran Bretagna e Turchia, hanno subito trovato l'obiettivo successivo: la Siria e in particolare il suo leader Bashar al Assad. Dopo Saddam e Gheddafi, era lui il prossimo della lista. I suoi giorni erano contati, hanno detto i funzionari degli Stati Uniti nel 2011. La guerra siriana prosegue senza fine da allora. Come l'Afghanistan, l'Iraq e la Libia, la Siria è in rovina. Si combatte per la sopravvivenza contro un'invasione jihadista sostenuta dagli USA-NATO. Come altrove, gli Stati Uniti e importanti membri della NATO si sono alleati con i fondamentalisti islamici, che hanno molti nomi - Jaish al-Fatah, Ahrar al-Sham, al-Nusra e Daesh, tra gli altri.
 
Più vicino ai confini russi, gli Stati Uniti hanno poi ispirato l'attacco georgiano in Ossezia del Sud nel 2008, che si è concluso in una catastrofe per la Georgia. Nel 2014 l'Ucraina è diventato il campo di battaglia in cui gli Stati Uniti e l'Unione europea (UE) hanno sostenuto un colpo di stato fascista contro il governo legittimamente eletto. Gli Stati Uniti intendono rendere Ucraina la fibbia del suo cordone anti-russo. Come in Siria, tuttavia, si avvertono i soliti segni della presenza Usa nel paese: la violenza, la rovina, e il caos, sono ovunque di essere visto.


La complice assuefazione dell'Europa a questi crimini

Che si può concludere sulla condotta degli Stati Uniti e della NATO dal 1991? In che modo la NATO può ancora essere definita un'alleanza di «difesa»? La NATO non è stata abolita perché gli Stati Uniti hanno voluto mantenere il suo dominio militare in Europa e controllare qualsiasi possibile rinascita remota della Russia. Si è anche voluto scoraggiare qualsiasi movimento europeo verso l'indipendenza politica da Washington. Quando l'UE discute di una creazione di una forza militare autonoma, per esempio, si può essere certi del potere di veto degli Stati Uniti. Un esercito indipendente dell'UE, Washington sa bene, metterebbe a repentaglio il dominio della NATO e quindi degli Stati Uniti. 

Ironia della sorte, la ragion d'essere dell'Unione europea è stata quella di ristabilire l'indipendenza politica ed economica europea, ma in realtà non ha fatto nessuno dei due. La NATO e l'UE, così come funziona attualmente, sono istituzioni che servono a far rispettare il vassallaggio europeo agli Stati Uniti. Invece di proteggere la sicurezza europea, la NATO ha messo in pericolo trascinando l'Europa in gratuite liti gli Stati Uniti con la Russia e in aggressive guerre gli Stati Uniti in Medio Oriente e Asia Centrale. I leader europei, come David Cameron, Hollande e Angela Merkel sono vassalli degli Stati Uniti, tanto che essi hanno minato gli interessi economici e di sicurezza dei loro paesi. Quali vincoli legano questi leader agli Stati Uniti? Godono di un vantaggio personale? Hanno paura di agire in modo indipendente? Sono burocrazie politiche e militari europee troppo strettamente legate a Washington?, si domanda il giornalista.

Dal 1991 gli Stati Uniti sono diventati sempre più bellicosi e spericolati, come la Germania guglielmina prima della prima guerra mondiale, ma molto più pericolosa. Washington ostenta il diritto internazionale e fa la guerra o minaccia gli Stati che non riconoscono il dominio degli Stati Uniti. L'Élite non mostra alcun rimorso per la morte e la distruzione che provoca. L'UE e la NATO servono per legittimare a livello «internazionale» il comportamento degli Stati Uniti. E 'la «comunità internazionale», secondo Washington.
 
Osservando questi sviluppi, il Presidente Putin è diventato secondo l'analista un “contraltare di verità”, in aperta sfida ai racconti di propaganda dell'eccezionalismo nord americano. Non ha mai minacciato l'Europa, o gli Stati Uniti. Al contrario, esorta la cooperazione per la sicurezza con un'ampia base e ha da tempo proposto una maggiore integrazione politica ed economica con l'Europa. A dispetto di queste proposte (o a causa di loro, un cinico direbbe), la politica degli Stati Uniti continua immutata. 
 
Possono gli europei frenare le crescenti tensioni? Non sarà facile. Il modo migliore, davvero l'unico modo, è per i poteri più influenti d'Europa di ritirarsi dalla NATO. “Si tratta di una proposta audace, lo ammetto, ma l'Europa deve smettere di essere la zampa del gatto americano e stabilire una distanza politica da Washington. Solo l'Europa può effettivamente scoraggiare l'attuale corso della politica degli Stati Uniti. Non è tempo di rompere il lungo ciclo della russofobia occidentale?”, conclude Carley.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Venezuela, l'unione civico-militare a difesa delle conquiste sociali della Costituzione bolivariana

“ Questa è un’attività di prevenzione di qualunque attività controrivoluzionaria. In questi otto anni di esistenza della milizia popolare abbiamo imparato a svolgere azione di intelligence comunale, di vigilanza alle centrali elettriche e agli stabilimenti commerciali. L’unione civico-militare è una dottrina pacifica del popolo organizzato. Prima della difesa con le armi, viene quella del convincimento e delle idee. Non è tempo di tradimento, ma di lealtà”.

di Geraldina Colotti* - il Manifesto Caracas, 22 maggio I manifestanti avanzano, un muro di scudi in plexiglas...
Notizia del:

Natalino Balasso: "Allarme migrazione fuori controllo: ma perché allora dagli anni '70 l'Italia ha lo stesso numero di abitanti?"

di Natalino Balasso* Leggo nel rapporto "Migrantes" che nel 2014 più di 40.000 stranieri sono giunti in Italia. Bisogna fare qualcosa contro le invasioni massicce di stranieri...
Notizia del:

"Si tratta di un artificio armato da settori dell’oligarchia in questo paese". Dichiarazione del Governo di Cuba sul golpe in Brasile

Dichiarazione del Governo rivoluzionario di Cuba   Il Governo Rivoluzionario della Repubblica di Cuba ha denunciato reiteratamente il colpo di Stato parlamentare-giudiziario, camuffato...
Notizia del:

"Eurovision Contest", quando la russofobia si tinge di Pop

di Marco Montoro* - analysis8860    La televisione, in particolare alcune sue sottoforme contemporanee - nel caso in questione il contest internazionale no borders di “Eurovision”-...
Notizia del:

Venezuela: quanto sono credibili le minacce di Uribe di un intervento armato internazionale?

"È chiaro il motivo per cui le grandi potenze, a partire dagli USA, hanno gli occhi fissi sul Venezuela e dunque il pericolo di una invasione è concreto".

Attilio Folliero*, umbrevei.blogspot Caracas 16/05/206   Lo scorso 13 maggio, il Presidente...
Notizia del:

Il golpe in Brasile contro Dilma in 5 punti

di Santiago Mayor - RT SEPEMAS (TRADUZIONE L'ANTIDIPLOMATICO)   Come ampiamente previsto, il Senato brasiliano ha approvato la messa in stato di accusa di Dilma Rousseff. Il...
Notizia del:

Israele ed emiri nella Nato

di Manlio Dinucci, Il manifesto, 10 maggio 2016*  Il giorno stesso (4 maggio) in cui si è insediato alla Nato il nuovo Comandante Supremo Alleato in Europa – il generale Usa Curtis...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa