/ Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione
 

Proteste in tutto il mondo e condanna contro il governo siriano sui media e sui social network, per le immagini terribili di bambini e civili affamati nella città assediata di Madaya. Resta da capire perché Assad dovrebbe permettere che ciò accada al suo popolo. L'analista Paul Antonopoulos, in un articolo su Al Masdar svela e analizza le menzogne su Madaya, utilizzate per allargare il conflitto in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Poco tempo fa nella stessa zona c'erano manifestazioni e proteste contro i gli occupanti, i cosiddetti  "ribelli moderati" da parte della popolazione civile ed a favore del governo siriano. Risulta interessante leggere, inoltre, una dichiarazione ufficiale da parte della Croce Rossa che non ha potuto verificare o negare l'inedia sistematica vissuta dalla popolazione di Madaya.
 


 
 
Una delle primi e più strazianti immagini è quella di una ragazza, un tempo giovane e sana, a cui fa seguito un'altra foto di lei sul punto di morte a causa della fame.
 
  1
 
Questa foto pubblicata dal canale di proprietà saudita Al-Arabiya è stata rapidamente inghiottita dalle piattaforme dei media, a cui hanno fatto seguito gli inviti per un intervento. Tuttavia, è stato rapidamente rivelata dal Daily Star che la ragazza in questione è in realtà del sud del Libano, è in mani sicure con la sua famiglia, ed è in forma e sana.
 


 

 
Questo non esclude ci sia un dramma umanitario, a Madaya, la condizione scioccante della ragazza affamata nella foto è una distorsione dei media evidente della verità. Questa propaganda è stata ben accolta da chi vuole un intervento di guerra, come l' opposizione siriana" (jihadisti ed i loro simpatizzanti). Quando questa verità è emersa, gli appelli a ritrattare la loro propaganda sono stati rifiutati.
 
Gli atti di propaganda e di menzogna non si sono fermati qui.
 
Al-Jazeera ha pubblicato una foto di un uomo apparentemente affamato a Madaya, che si è rivelata essere un'immagine di un rifugiato in Europa del 2009.
 
Poi, naturalmente, abbiamo avuto la foto scioccante del bambino malnutrito "da Madaya", che in realtà si è rivelato essere un bambino del campo palestinese di Yarmuk, alla periferia di Damasco. La foto è stata scattata nel 2014.
 
1
 
La narrazione dei media occidentali si è concentrata su Hezbollah e le forze dell'esercito arabo siriano che conducono un blocco sulla città. Tuttavia, queste accuse ignorano che camion carichi di aiuti alimentari e medici hanno raggiunto Madaya e che sono stati trasformati in uno strumento da parte delle forze terroristiche rintanati nella città. Come si è visto nell'altro articolo di Al Masdar la popolazione di Madaya sostiene il governo e affrontare i terroristi perché non hanno cibo. Sono apparse immagini di donne e bambini stremati dalla fame, ma tutti i terroristi sembrano essere in condizioni di forma e sani. Bisogna chiedersi, perché questo? Abbiamo grandi servizi dei media dal Medio Oriente basati su false immagini su Madaya. Non si tratta di negare il dolore e la sofferenza del popolo affamato, non dovrebbero esistere in qualsiasi parte del mondo, ma resta il pericolo che attraverso foto false, si voglia espandere la guerra con un intervento dall'esterno, attraverso il superamento di una fatidica linea rossa, come avvenuto nel settembre del 2013, quando si accusò l'esercito siriano della strage del Ghoutha, dove morirono 1400 persone per l'uso del gas sarin. USA, Lega araba e monarchie del Golfo spinsero per attaccare la Siria. L'intervento militare fu impedito grazie alla mediazione della Russia, attraverso la quale il governo siriano si impegnò a distruggere il suo arsenale di armi chimiche. Le armi chimiche sono state tutte distrutte e, come ha confermato di recente l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, nel Ghouta, ad usare il gas sarin, furono i "ribelli moderati" sostenuti dall'Occidente. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Paul Antonopoulos-Al Masdar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Jpost

Netanyahu a Putin: Israele continuerà i suoi attacchi aerei in Siria

"Se è fattibile dal punto di vista militare e dell'intelligence, allora attacchiamo, e così continueremo", ha dichiarato il primo ministro israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, ha dichiarato ai giornalisti in Cina che ha informato...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad sul piano degli Stati Uniti per Raqqa: Liberarla dall'ISIS, per darla a chi?

Il presidente siriano Bashar al Assad ha messo in discussione i piani della coalizione guidata dagli Stati Uniti per liberare Raqqa.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato un'intervista ai media russi in cui ha discusso, tra gli...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Nasrallah: la sconfitta dell'ISIS in Siria è un fallimento per Israele

Il Segretario Generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la sconfitta dell'ISIS è un fallimento del piano di Israele messo a punto nella regione.   In un discorso,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Dopo il raid in Siria, la Russia convoca l'ambasciatore israeliano

L'ambasciatore di Israele in Russia è stato convocato dal Ministero degli Esteri russo, oggi, per fornire chiarimenti in merito all'attacco dell'aviazione di Israele in Siria avvenuto la notte scorsa

Come ha riportato il quotidiano israeliano 'Haaretz, il Ministero degli Esteri russo ha convocato l'ambasciatore...
Notizia del:     Fonte: Jpost

L'intelligence israeliana teme la liberazione del Golan siriano occupato da parte di Iran e Hezbollah

L'intelligence israeliana esprime il suo timore per un'imminente liberazione delle alture del Golan siriano occupato da parte di Al-Nuyaba e per la crescente influenza iraniana nella zona.

"La cosiddetta 'Brigata di liberazione del Golan' acuisce la minaccia rappresentata dalla presenza...
Notizia del:     Fonte: Izvestia

Assad ha dato il via libera all'Iraq per colpire l'ISIS in Siria

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha dato il permesso al governo iracheno per colpire l'ISIS all'interno dei confini della Siria, la ha riferito, ieri, il ministro siriano Sadji Taama al giornale...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

L'Iran denuncia l'uso di armi chimiche in Siria da parte dei gruppi terroristi

Alireza Jahangiri ha inoltre esortato a stoppare il sostegno finanziario e il rifornimento di armi alle organizzazioni terroristiche

  L’ambasciatore permanente dell’Iran presso l’Organizzazione per la Proibizione delle...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Pentagono conferma la nuova missione nella città siriana di Manbij

Gli Stati Uniti hanno avviato una nuova missione militare in Siria al fine di 'evitare che le parti in conflitto si attacchino l'un l'altra'.

Washington ha schierato un piccolo numero di unità di combattimento intorno alla città siriana...
Notizia del:     Fonte: Tahrir Souri

Gli Stati Uniti usano illegalmente il cementificio 'Lafarge' come base aerea nel nord-ovest della Siria

Gli Stati Uniti hanno occupato 'illegalmente' il cementificio Lafarge nei pressi della provincia di Raqqa, che si trova nel nord-ovest della Siria, utilizzandolo come base aerea.

Tahrir Souri, che copre le notizie sul conflitto in Siria, ieri ha pubblicato un'immagine satellitare del...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Deir ez Zor, Siria. Un nome che dovrebbe far vergognare tutto l’Occidente.

Una catastrofe umanitaria nascosta, la complicità verso una tragedia ignobile

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO                      ...
Notizia del:

Il sistema THAAD in Corea del Sud: l'ira di Mosca

di Fabrizio Poggi    Nuova tensione nella penisola coreana, durante la settimana appena trascorsa. Gli USA starebbero approntando misure per un attacco, forse addirittura nucleare, contro...
Notizia del:

Un programma di armamenti nucleari dell'Ue alle porte?

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 14 marzo 2017  Il siluro lanciato attraverso il New York Times – l’accusa a Mosca di violare il Trattato sulle forze nucleari intermedie...
Notizia del:

Manlio Dinucci - "La ministra Pinotti ha un sogno: un Pentagono italiano"

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 7 marzo 2017        La ministra Pinotti ha un sogno: un Pentagono italiano, ossia un’unica struttura per i vertici...
Notizia del:

Libia, sei anni dopo il paese è completamente "somalizzato".

di Mostafa El Ayoubi* - Nigrizia Sono passati sei anni dall’intervento militare della Nato in Libia che è costato la morte di decine di migliaia di persone e la fuga all’estero...
Notizia del:

"Rafforzamento" o occupazione? 4 battaglioni multinazionali Nato operativi da giugno in Europa orientale

    di Manlio Dinucci* - Il Manifesto, 21 febbraio 2017   Ulteriori passi nel «rafforzamento dell’Alleanza» sono stati decisi dai ministri della Difesa della...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il Golpe (bianco) chiamato "Libro"

"Non resta che riscrivere l’Art. 1 della Costituzione, precisando che la nostra è una repubblica, un tempo democratica, fondata sul lavoro dell’industria bellica".

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 14 febbraio 2017   Mentre i riflettori mediatici erano puntati...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa