/ Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione
 

Proteste in tutto il mondo e condanna contro il governo siriano sui media e sui social network, per le immagini terribili di bambini e civili affamati nella città assediata di Madaya. Resta da capire perché Assad dovrebbe permettere che ciò accada al suo popolo. L'analista Paul Antonopoulos, in un articolo su Al Masdar svela e analizza le menzogne su Madaya, utilizzate per allargare il conflitto in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Poco tempo fa nella stessa zona c'erano manifestazioni e proteste contro i gli occupanti, i cosiddetti  "ribelli moderati" da parte della popolazione civile ed a favore del governo siriano. Risulta interessante leggere, inoltre, una dichiarazione ufficiale da parte della Croce Rossa che non ha potuto verificare o negare l'inedia sistematica vissuta dalla popolazione di Madaya.
 


 
 
Una delle primi e più strazianti immagini è quella di una ragazza, un tempo giovane e sana, a cui fa seguito un'altra foto di lei sul punto di morte a causa della fame.
 
  1
 
Questa foto pubblicata dal canale di proprietà saudita Al-Arabiya è stata rapidamente inghiottita dalle piattaforme dei media, a cui hanno fatto seguito gli inviti per un intervento. Tuttavia, è stato rapidamente rivelata dal Daily Star che la ragazza in questione è in realtà del sud del Libano, è in mani sicure con la sua famiglia, ed è in forma e sana.
 


 

 
Questo non esclude ci sia un dramma umanitario, a Madaya, la condizione scioccante della ragazza affamata nella foto è una distorsione dei media evidente della verità. Questa propaganda è stata ben accolta da chi vuole un intervento di guerra, come l' opposizione siriana" (jihadisti ed i loro simpatizzanti). Quando questa verità è emersa, gli appelli a ritrattare la loro propaganda sono stati rifiutati.
 
Gli atti di propaganda e di menzogna non si sono fermati qui.
 
Al-Jazeera ha pubblicato una foto di un uomo apparentemente affamato a Madaya, che si è rivelata essere un'immagine di un rifugiato in Europa del 2009.
 
Poi, naturalmente, abbiamo avuto la foto scioccante del bambino malnutrito "da Madaya", che in realtà si è rivelato essere un bambino del campo palestinese di Yarmuk, alla periferia di Damasco. La foto è stata scattata nel 2014.
 
1
 
La narrazione dei media occidentali si è concentrata su Hezbollah e le forze dell'esercito arabo siriano che conducono un blocco sulla città. Tuttavia, queste accuse ignorano che camion carichi di aiuti alimentari e medici hanno raggiunto Madaya e che sono stati trasformati in uno strumento da parte delle forze terroristiche rintanati nella città. Come si è visto nell'altro articolo di Al Masdar la popolazione di Madaya sostiene il governo e affrontare i terroristi perché non hanno cibo. Sono apparse immagini di donne e bambini stremati dalla fame, ma tutti i terroristi sembrano essere in condizioni di forma e sani. Bisogna chiedersi, perché questo? Abbiamo grandi servizi dei media dal Medio Oriente basati su false immagini su Madaya. Non si tratta di negare il dolore e la sofferenza del popolo affamato, non dovrebbero esistere in qualsiasi parte del mondo, ma resta il pericolo che attraverso foto false, si voglia espandere la guerra con un intervento dall'esterno, attraverso il superamento di una fatidica linea rossa, come avvenuto nel settembre del 2013, quando si accusò l'esercito siriano della strage del Ghoutha, dove morirono 1400 persone per l'uso del gas sarin. USA, Lega araba e monarchie del Golfo spinsero per attaccare la Siria. L'intervento militare fu impedito grazie alla mediazione della Russia, attraverso la quale il governo siriano si impegnò a distruggere il suo arsenale di armi chimiche. Le armi chimiche sono state tutte distrutte e, come ha confermato di recente l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, nel Ghouta, ad usare il gas sarin, furono i "ribelli moderati" sostenuti dall'Occidente. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Paul Antonopoulos-Al Masdar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Due medici russi morti ad Aleppo. Cremlino: "Responsabili non solo i terroristi ma anche i loro sponsor come Usa, Regno Unito e Francia"

Due medici russi sono morti nel bombardamento del nuovo ospedale da campo aperto oggi stesso, 5 dicembre, nella città siriana di Aleppo. Lo ha annunciato il Ministero della Difesa russo secondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Mosca avverte Londra: Se non aiuta Aleppo, la smetta di sabotare

Il ministero della Difesa russo ha chiesto al Regno Unito la smetta di 'sabotare' il processo di aiuti umanitari ad Aleppo se non vuole essere parte di esso.

"Il Regno Unito, per tutti gli anni di guerra civile in Siria, non ha distribuito un solo grammo di farina,...
Notizia del:     Fonte: The Independent

The Independent: 'L'Occidente deve riconoscere la vittoria imminente di Assad in Siria'

L'Occidente deve accettare la vittoria imminente del presidente Bashar al-Assad in Siria e riconoscerlo come la migliore opzione per mettere fine a così tanta morte e distruzione.

"Bisogna lasciare che l'inevitabile accada il più presto possibile", ha scritto scrive l'editorialista...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Dopo l'eccidio di Deir Ezzor, la Danimarca ritira i suoi Jet da combattimento da Siria e Iraq

Copenaghen ha preso il provvedimento dopo che il Pentagono ha ammesso che i caccia danesi hanno preso parte attacco aereo nella città siriana di Deir ez Zor dove furono uccisi "per errore" almeno 62 soldati siriani.

La Danimarca ritirerà i suoi sette F-16 coinvolti nelle operazioni militari in Siria e in Iraq, ha riferito,...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Londra: "La Russia e l'Isis rendono il mondo un posto più brutale e violento"

Il Ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, mette in chiaro che il suo paese continuerà ad essere 'molto duro' con la Russia sulle questioni relative alla crisi in Siria e in Ucraina.

In un discorso tenuto oggi al Royal Institute of International Affairs Chatham House di Londra, il ministro degli...
Notizia del:

La Russia pianifica quattro corridoi umanitari ad Aleppo Est

La Russia ha offerto alle Nazioni Unite di stabilire quattro corridoi umanitari per evacuare i malati nei quartieri orientali della città del nord-ovest della Siria.

"La Federazione russa ha annunciato che ci sono 4 corridoi umanitari e che vogliono discutere con la nostra...
Notizia del:     Fonte: hurriyetdailynews

Dopo l'avvertimento russo, Erdogan nega di voler rovesciare Assad

Il presidente della Turchia fa marcia indietro sulla sua intenzione di rovesciare il suo omologo siriano Bashar al-Assad, dopo aver ricevuto avvertimenti dalla Russia.

"L'operazione Scudo dell'Eufrate non è diretta contro alcun paese o una persona, ma solo...
Notizia del:     Fonte: Sana.Sy

La Siria rende omaggio a Fidel Castro all'Avana: Salutiamo Fidel, Compagno di armi e di pensiero di Hafez Al Assad e simbolo della lotta all'imperialismo USA"

Il Ministro siriano per gli Affari Presidenziali Mansour Azzam, ha rappresentato, ieri, il presidente Bashar al-Assad nel raduno di massa nella Piazza della Rivoluzione a L'Avana per rendere omaggio al leader eterno, Fidel Castro.

Quando ha incontrato il presidente Raul Castro, il ministro Azzam ha comunicato le condoglianze del presidente...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Russia chiede spiegazioni a Erdogan sulle sue intenzioni in Siria

La dichiarazione del presidente turco sul vero obiettivo di Ankara in Siria, ovvero la rimozione del Presidente Assad, è stata una sorpresa per Mosca, ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov

La dichiarazione del presidente turco Recep Tayyip Erdogan sul vero obiettivo di Ankara in Siria è stata...
Notizia del:     Fonte: Daily Mail e The New york Post

L'Arabia Saudita ha reclutato terroristi tra gli ex prigionieri di Guantanamo per combattere in Siria e Yemen

Il programma di riabilitazione organizzato dall'Arabia Saudita per i suoi cittadini di ritorno da Guantanamo, è in realtà una copertura per il reclutamento di terroristi. Lo afferma un ex detenuto di Guantanamo, citato dal 'Daily Mail' e dal 'New York Post'.

Ieri, Abdollah Ghassan al-Sharbi un ex detenuto della prigione statunitense di Guantanamo, ha rivelato al 'Daily...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Il NO vince. Ora proporzionale e affermazione della sovranità popolare

Compito immediato: mantenere e sviluppare il patrimonio di impegno e lotta dei comitati a difesa della Costituzione di democrazia economico-sociale

di Andrea Catone per Marx21.it  La straordinaria vittoria del NO al referendum costituzionale...
Notizia del:

La campagna "Beating Hearts for Healing Hearts" raggiunge Gaza: buona fortuna a tutti i volontari del PCRF

di Patrizia Cecconi* - Pressenza   Qualcosa di profondamente umano, nel senso più alto del termine, permette ancora di concepire la politica nel suo significato più nobile, quello...
Notizia del:

Gli avvoltoi sulla bara di Fidel Castro

  di Gianni Fresu per Marx21.it C’era da aspettarselo, la morte di Fidel Castro, l’uomo che ha osato sfidare, e persino sconfiggere, gli USA nel loro cortile di casa, ha...
Notizia del:

Chi e' stato davvero Fidel Castro? Eduardo Galeano rispose cosi'...

di Eduardo Galeano (cit. dal libro Specchi)   I suoi nemici dicono che è stato un re senza corona e che ha confuso l’unità con l’unanimità. E in questo i suoi...
Notizia del:

L'effetto Trump sull'Ucraina

PICCOLE NOTE Donald Trump sta disegnando la nuova amministrazione degli Stati Uniti d’America. C’è andirivieni di personaggi più o meno noti alla sua corte e filtrano...
Notizia del:

Una Yalta 2.0 tra Trump e Putin: lo scenario che spaventa l’Ucraina

  di Eugenio Cipolla   C’è una grande sconfitta nel post-elezioni americane che tanto hanno appassionato il mondo. E non è Hillary Clinton, piuttosto un paese intero,...
Notizia del:

Dopo la vittoria di Trump abbiamo ascoltato tutto (ma proprio tutto)... tranne la cosa piu' importante

di Andre Vltchek* - Counterpunch Da quando sono stati annunciati i risultati delle ultime elezioni presidenziali Usa, ho scelto il silenzio, mentre venivo aggredito dalla cacofonia di rumori assordanti.  Improvvisamente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa