/ Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione
 

Proteste in tutto il mondo e condanna contro il governo siriano sui media e sui social network, per le immagini terribili di bambini e civili affamati nella città assediata di Madaya. Resta da capire perché Assad dovrebbe permettere che ciò accada al suo popolo. L'analista Paul Antonopoulos, in un articolo su Al Masdar svela e analizza le menzogne su Madaya, utilizzate per allargare il conflitto in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Poco tempo fa nella stessa zona c'erano manifestazioni e proteste contro i gli occupanti, i cosiddetti  "ribelli moderati" da parte della popolazione civile ed a favore del governo siriano. Risulta interessante leggere, inoltre, una dichiarazione ufficiale da parte della Croce Rossa che non ha potuto verificare o negare l'inedia sistematica vissuta dalla popolazione di Madaya.
 


 
 
Una delle primi e più strazianti immagini è quella di una ragazza, un tempo giovane e sana, a cui fa seguito un'altra foto di lei sul punto di morte a causa della fame.
 
  1
 
Questa foto pubblicata dal canale di proprietà saudita Al-Arabiya è stata rapidamente inghiottita dalle piattaforme dei media, a cui hanno fatto seguito gli inviti per un intervento. Tuttavia, è stato rapidamente rivelata dal Daily Star che la ragazza in questione è in realtà del sud del Libano, è in mani sicure con la sua famiglia, ed è in forma e sana.
 


 

 
Questo non esclude ci sia un dramma umanitario, a Madaya, la condizione scioccante della ragazza affamata nella foto è una distorsione dei media evidente della verità. Questa propaganda è stata ben accolta da chi vuole un intervento di guerra, come l' opposizione siriana" (jihadisti ed i loro simpatizzanti). Quando questa verità è emersa, gli appelli a ritrattare la loro propaganda sono stati rifiutati.
 
Gli atti di propaganda e di menzogna non si sono fermati qui.
 
Al-Jazeera ha pubblicato una foto di un uomo apparentemente affamato a Madaya, che si è rivelata essere un'immagine di un rifugiato in Europa del 2009.
 
Poi, naturalmente, abbiamo avuto la foto scioccante del bambino malnutrito "da Madaya", che in realtà si è rivelato essere un bambino del campo palestinese di Yarmuk, alla periferia di Damasco. La foto è stata scattata nel 2014.
 
1
 
La narrazione dei media occidentali si è concentrata su Hezbollah e le forze dell'esercito arabo siriano che conducono un blocco sulla città. Tuttavia, queste accuse ignorano che camion carichi di aiuti alimentari e medici hanno raggiunto Madaya e che sono stati trasformati in uno strumento da parte delle forze terroristiche rintanati nella città. Come si è visto nell'altro articolo di Al Masdar la popolazione di Madaya sostiene il governo e affrontare i terroristi perché non hanno cibo. Sono apparse immagini di donne e bambini stremati dalla fame, ma tutti i terroristi sembrano essere in condizioni di forma e sani. Bisogna chiedersi, perché questo? Abbiamo grandi servizi dei media dal Medio Oriente basati su false immagini su Madaya. Non si tratta di negare il dolore e la sofferenza del popolo affamato, non dovrebbero esistere in qualsiasi parte del mondo, ma resta il pericolo che attraverso foto false, si voglia espandere la guerra con un intervento dall'esterno, attraverso il superamento di una fatidica linea rossa, come avvenuto nel settembre del 2013, quando si accusò l'esercito siriano della strage del Ghoutha, dove morirono 1400 persone per l'uso del gas sarin. USA, Lega araba e monarchie del Golfo spinsero per attaccare la Siria. L'intervento militare fu impedito grazie alla mediazione della Russia, attraverso la quale il governo siriano si impegnò a distruggere il suo arsenale di armi chimiche. Le armi chimiche sono state tutte distrutte e, come ha confermato di recente l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, nel Ghouta, ad usare il gas sarin, furono i "ribelli moderati" sostenuti dall'Occidente. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Paul Antonopoulos-Al Masdar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Fox News

CIA: La presenza di Russia, Iran, Cuba e Hezbollah in Venezuela rappresenta un serio rischio per gli USA

Il direttore della CIA, Mike Pompeo, spiega i motivi per il quale il Venezuela costituisce un "grave rischio per gli Stati Uniti".

Durante un'intervista con l'emittente statunitense 'Fox News', ieri, Mike Pompeo Direttore della...
Notizia del:     Fonte: http://www.fsb.ru

VIDEO. La Russia cattura 4 'kamikaze' dell'ISIS pronti ad attaccare Mosca

Gli agenti dei servizi di sicurezza russi hanno arrestato quattro membri del gruppo terroristico ISIS che stavano progettando attentati in Russia 'con esplosivi ad alto potenziale.'

"Nella regione di Mosca è stato smantellato un gruppo terroristico che prevedeva di effettuare una...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah: "Se Israele tornerà ad attaccare il Libano riceverà un'altra sconfitta e umiliazione come quella del 2006"

Il leader di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha avvertito Israele che subirà ulteriori perdite se aggredirà nuovamente il Libano, peggiori di quelle del 2006

"Le forze della Resistenza furono vittoriose nella guerra dei 33 giorni, nonostante il nemico sionista disponesse...
Notizia del:     Fonte: TASS - Al Masdar News

I guadagni territoriali dell'esercito siriano sono raddoppiati dal 2015

Secondo il ministero della Difesa russo, le truppe del governo siriano sostenute dalle forze aerospaziali russe, negli ultimi due mesi, hanno fatto enormi progressi contro i gruppi terroristici, liberando un'area più grande di quella controllata dal governo siriano nel 2015.

"I risultati dell'esercito siriano sono veramente impressionanti. Negli ultimi due mesi ha liberato...
Notizia del:     Fonte: http://www.iom.int

Più di 600.000 rifugiati siriani tornano alle loro case nelle città liberate dalla presenza dei terroristi

Più di 600.000 siriani, rifugiati interni, sono tornati alle loro case, ha riferito l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM).

Secondo l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, OIM, agenzia dell'ONU, l'84%  di queste...
Notizia del:     Fonte: TASS

Lavrov: Gi USA proteggono Al-Nusra in Siria per indebolire Assad

Il Ministro degli Esteri russo non esclude che gli USA e i suoi alleati stiano proteggendo il gruppo terroristico di Al-Nusra, braccio di Al Qaeda in Siria, per utilizzarlo nella loro lotta contro Damasco.

"Abbiamo prove sufficienti che alcuni attori esterni, come ad esempio gli Stati Uniti d'America, siano...
Notizia del:     Fonte: The Independent

Da Al Jazeera ai bombardamenti di Yemen e Siria, i legami tra Arabia Saudita e Israele

Dagli aerei israeliani che hanno partecipato ai bombardamenti di Yemen e Siria, alla richiesta congiunta di chiudere l'emittente del Qatar, al Jazeera, il noto reporter di guerra ed editorialista del quotidiano britannico 'The Independent', Robert Fisk, illustra i legami sempre più forti tra Israele e Arabia Saudita.

Robert Fisk nel suo ultimo articolo sul quotidiano britannico, 'The Independent', facendo un confronto...
Notizia del:     Fonte: Fars

Iran: La liberazione di Aleppo ha smantellato il complotto di USA e Arabia Saudita

Secondo il leader supremo della Rivoluzione islamica, Ali Khamenei la liberazione di Aleppo di fatto ha smantellato le trame degli Stati Uniti E l'Arabia Saudita.

Il leader della Rivoluzione Islamica Ayatollah Seyed Ali Khamenei, secondo quanto riferito oggi dall'agenzia...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Paura per la presenza di Iran e Hezbollah in Siria, Israele ha incontrato in segreto USA e Russia

Secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz', ci sono stati incontri segreti tra Israele, Russia e USA riguardo le zona di riduzione della tensione nel sud della Siria. Il regime israeliano non è rimasto soddisfatto dell'incontro, in quanto, non sarebbe stata affrontata la questione della presenza di forze filo-iraniane nella zona.

Israele, Stati Uniti e Russia hanno tenuto all'inizio dello scorso luglio una serie di trattative segrete...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

40 combattenti iracheni in lotta contro l'ISIS uccisi dai bombardamenti USA

Gli USA hanno ucciso 40 membri di un battaglione delle forze popolari irachene vicino al confine con la Siria, intenti a combattere l'ISIS.

In una dichiarazione riportata anche dal canale iraniano in lingua spagnola, 'Hispatv' il battaglione...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

"Attacco contro il Venezuela, si parli ora o si taccia per sempre"

Jean Ortiz: "Nessuno venga a piangere domani quando verranno assassinati, torturati e “scompariranno” i militanti chavisti."

di Jean Ortiz | Collective Communiste Polex Traduzione di Marx21.it Nessuno venga a...
Notizia del:

Trump investirà altri 10 miliardi di dollari per «rassicurare» l’Europa.

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 15 agosto 2017 Nell’anno fiscale 2018 (che inizia il 1° ottobre 2017) l’amministrazione Trump accrescerà di oltre il 40%...
Notizia del:

Atilio Boron sul Venezuela: "L'opacità e il feticismo della società capitalista fa nuove vittime a 'sinistra' (che oggi tifano la CIA)"

"Che la destra sia complice della copertura del protagonismo degli apparati d’intelligence degli Stati Uniti è comprensibile. Sono dalla stessa parte e proteggono con un muro di silenzio i loro compari e sicari."

di Atilio A. Boron* - ResumenLatinoamericano, 26 luglio 2017 (traduzione di Maria Rosa Coppolino) La...
Notizia del:

Manlio Dinucci - in orbita Opsat-3000, il primo satellite-spia della Difesa italiana... ma israeliano.

L’Opsat-3000 è collegato allo stesso tempo a un quarto centro: la Mbt Space Division delle Israel Aerospace Industries a Tel Aviv.

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 3 agosto 2017     È stato lanciato...
Notizia del:

La Lista dei morti per le proteste violente dell'opposizione venezuelana, aprile-luglio 2017 (Aggiornato)

di Luigino Bracci Roa, Alba Ciudad  La conflittualità politica ha scatenato una grande speculazione a livello nazionale e soprattutto internazionale sulle proteste dell’opposizione...
Notizia del:

Alberto Negri - Francia, Il Giano bifronte del Mediterraneo

«L’Europa dovrà realizzare uno dei suoi compiti essenziali: lo sviluppo dell’Africa», così recitava la Dichiarazione Schuman del 1950.

di Alberto Negri* - il Sole 24 ore A chi mai dovrebbero rivolgersi Stati Uniti e Russia in Europa se non...
Notizia del:

Alberto Negri - La Libia prima colonia "globale"

" Ogni giorno la politica estera ci ricorda, in maniera più o meno brutale, che tra i vinti ci siamo pure noi."

di Alberto Negri* - il Sole 24 Ore La Libia nasce come colonia italiana con l’unificazione nel 1934...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa