/ Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione

Madaya, analisi di una falsificazione
 

Proteste in tutto il mondo e condanna contro il governo siriano sui media e sui social network, per le immagini terribili di bambini e civili affamati nella città assediata di Madaya. Resta da capire perché Assad dovrebbe permettere che ciò accada al suo popolo. L'analista Paul Antonopoulos, in un articolo su Al Masdar svela e analizza le menzogne su Madaya, utilizzate per allargare il conflitto in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Poco tempo fa nella stessa zona c'erano manifestazioni e proteste contro i gli occupanti, i cosiddetti  "ribelli moderati" da parte della popolazione civile ed a favore del governo siriano. Risulta interessante leggere, inoltre, una dichiarazione ufficiale da parte della Croce Rossa che non ha potuto verificare o negare l'inedia sistematica vissuta dalla popolazione di Madaya.
 


 
 
Una delle primi e più strazianti immagini è quella di una ragazza, un tempo giovane e sana, a cui fa seguito un'altra foto di lei sul punto di morte a causa della fame.
 
  1
 
Questa foto pubblicata dal canale di proprietà saudita Al-Arabiya è stata rapidamente inghiottita dalle piattaforme dei media, a cui hanno fatto seguito gli inviti per un intervento. Tuttavia, è stato rapidamente rivelata dal Daily Star che la ragazza in questione è in realtà del sud del Libano, è in mani sicure con la sua famiglia, ed è in forma e sana.
 


 

 
Questo non esclude ci sia un dramma umanitario, a Madaya, la condizione scioccante della ragazza affamata nella foto è una distorsione dei media evidente della verità. Questa propaganda è stata ben accolta da chi vuole un intervento di guerra, come l' opposizione siriana" (jihadisti ed i loro simpatizzanti). Quando questa verità è emersa, gli appelli a ritrattare la loro propaganda sono stati rifiutati.
 
Gli atti di propaganda e di menzogna non si sono fermati qui.
 
Al-Jazeera ha pubblicato una foto di un uomo apparentemente affamato a Madaya, che si è rivelata essere un'immagine di un rifugiato in Europa del 2009.
 
Poi, naturalmente, abbiamo avuto la foto scioccante del bambino malnutrito "da Madaya", che in realtà si è rivelato essere un bambino del campo palestinese di Yarmuk, alla periferia di Damasco. La foto è stata scattata nel 2014.
 
1
 
La narrazione dei media occidentali si è concentrata su Hezbollah e le forze dell'esercito arabo siriano che conducono un blocco sulla città. Tuttavia, queste accuse ignorano che camion carichi di aiuti alimentari e medici hanno raggiunto Madaya e che sono stati trasformati in uno strumento da parte delle forze terroristiche rintanati nella città. Come si è visto nell'altro articolo di Al Masdar la popolazione di Madaya sostiene il governo e affrontare i terroristi perché non hanno cibo. Sono apparse immagini di donne e bambini stremati dalla fame, ma tutti i terroristi sembrano essere in condizioni di forma e sani. Bisogna chiedersi, perché questo? Abbiamo grandi servizi dei media dal Medio Oriente basati su false immagini su Madaya. Non si tratta di negare il dolore e la sofferenza del popolo affamato, non dovrebbero esistere in qualsiasi parte del mondo, ma resta il pericolo che attraverso foto false, si voglia espandere la guerra con un intervento dall'esterno, attraverso il superamento di una fatidica linea rossa, come avvenuto nel settembre del 2013, quando si accusò l'esercito siriano della strage del Ghoutha, dove morirono 1400 persone per l'uso del gas sarin. USA, Lega araba e monarchie del Golfo spinsero per attaccare la Siria. L'intervento militare fu impedito grazie alla mediazione della Russia, attraverso la quale il governo siriano si impegnò a distruggere il suo arsenale di armi chimiche. Le armi chimiche sono state tutte distrutte e, come ha confermato di recente l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, nel Ghouta, ad usare il gas sarin, furono i "ribelli moderati" sostenuti dall'Occidente. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Paul Antonopoulos-Al Masdar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze aeree russe in Siria bombardano le postazioni jihadiste per l'offensiva delle truppe siriane a Idlib

Le rimanenti forze aeree russe continuano a bombardare le postazioni dei gruppi terroristici, in particolare quelli affiliati ad al Qaeda particolarmente radicati tra la provincia di Hama e Idlib.

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una visita a sorpresa all'aeroporto...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:     Fonte: https://function.mil.ru/ - Ruptly

La Russia avvia il ritiro dei suoi aerei e della polizia militare dalla Siria

I bombardieri russi Tu-22M3 e un battaglione della polizia militare sono tornati in Russia oggi, dopo aver adempiuto alla loro missione antiterroristica in Siria, si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo

Il ministero della Difesa russo, in un comunicato, ha riferito che i bombardieri Tu-22M3, che sono intervenuto...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: In Siria, negli ultimi 7 mesi, eliminati 32.000 terroristi e liberati 67000 Km² di territorio

Il comandante del gruppo militare russo in Siria, il generale Sergey Surovikin ha riferito al presidente russo Vladimir Putin che 32.000 terroristi sono stati uccisi in Siria negli ultimi sette mesi.

"Più di 67.000 chilometri quadrati di territorio siriano, più di 1.000 località, 78...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Generale iraniano: Israele sarebbe in pericolo in una nuova guerra con Hezbollah

Un alto generale iraniano afferma che gli equilibri di potere nella regione si sono spostati verso Hezbollah e che qualsiasi guerra potrebbe porre fine all'esistenza di Israele.

"Se dovesse scoppiare una nuova guerra nella regione tra Israele e un'altra identità come Hezbollah...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ex Comandante FDS: Migliaia di terroristi dell'ISIS hanno lasciato Raqqa dopo una accordo con gli USA

Un disertore e ex comandante delle milizie curdo-siriane ha ritrattato la sua versione sulla caduta di Raqqa ed ha raccontato, nel corso di un'intervista con la Reuters, che migliaia di terroristi dell'ISIS hanno abbandonato la città dopo un accordo segreto approvato dagli Stati Uniti.

Talal Silo, ex comandante delle forze democratiche siriane, FDS, ha  raccontato che il suo gruppo ha disposto...
Notizia del:     Fonte: CNN - http://stat.mil.ru/

Gli F-22 degli USA ostacolano i Jet russi in Siria, però fuggono quando arrivano i SU-35

Il Pentagono denuncia un "comportamento pericoloso" degli aerei russi, ma Mosca ricorda che "non c'è spazio aereo degli Stati Uniti in Siria e non esisterà".

Il ministero della Difesa russo ha risposto alle dichiarazioni rilasciate nelle ultime ore da rappresentanti...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

S. Zizek: "L'antifascismo di oggi è il nuovo oppio dei popoli. Serve a proteggere il capitalismo globalizzato"

"Il panico dell’antifascismo di oggi non porta speranza. La speranza la uccide. La speranza che saremo in grado di poterci libare veramente della minaccia del populismo razzista."

di Slavoj Zizek - Independent  La formula di Marx di religione come l'oppio dei popoli ha bisogno...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Italia-Israele: la «diplomazia dei caccia»

  Manlio Dinucci - il manifesto, 12 dicembre 2017 I governanti europei – dalla rappresentante esteri della Ue Mogherini al premier italiano Gentiloni, dal presidente francese...
Notizia del:

La natura imperialista ed eurocentrica della "Dichiarazione Universale dei Diritti Umani"

di Manmeet Sahni - teleSUR   Descritto come "uno degli accordi internazionali più profondi e di vasta portata al mondo", le Nazioni Unite sono entrate nel settantesimo...
Notizia del:

La surreale e tragicomica "lotta alla corruzione" nell’Ucraina golpista

di Fabrizio Poggi* Che sia proprio l’ex presidente georgiano ed ex governatore di Odessa, quel Mikhail Saakašvili ricercato a Tbilisi per appropriazione di 5 milioni di $...
Notizia del:

Gli schiavi della CNN in Libia, la tranquilla frode in Honduras: duello mondiale d'ipocrisie

di José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion (traduzione di Francesco Monterisi) "Frode" (1), "pucherazo" (manipolazione elettorale) (2) ripeteva la grande stampa...
Notizia del:

Jo Biden, la propaganda russa e "le concessionarie della verità"

di Fabrizio Poggi* (articolo esce in contemporanea su AntiDIplomatico e Contropiano) Le “notizie”, come si sa, le si possono conoscere solo a Washington, concessionaria delle verità,...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Gentiloni «l’Africano» alla conquista di neocolonie 

  di Manlio Dinucci* - Il manifesto, 3 dicembre 2017     «Che il futuro dell’Europa si giochi anche in Africa credo sia molto chiaro soprattutto a noi italiani,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa