/ Cambia l'ordine mondiale: Cina minaccia sanzioni economiche agli ...

Cambia l'ordine mondiale: Cina minaccia sanzioni economiche agli Usa

Cambia l'ordine mondiale: Cina minaccia sanzioni economiche agli Usa
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Gli Stati Uniti dal 2010 al 2015 avevano imposto il divieto assoluto di commercio con l'Iran applicando delle sanzioni così stringenti che imponenvano a ogni stato di scegliere, come vincolo assoluto, di commerciare con Teheran o Washington.

Ora la Cina sta considerando di prendere lo stesso tipo di azioni contro gli Usa.
 
Con il crollo dei prezzi del petrolio, la Cina sta pensando ad una strategia che potrebbe mettere Stati Uniti e suoi alleati in una situazione molto complicata, sulla difensiva e sulla necessità di proteggere le loro aziende. Lo scrive Reuters.
 
Pechino, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa, starebbe riflettendo sul modificare radicalmente uno dei suoi pilastri di politica estera. Fino ad oggi la Cina aveva sempre considerato illegale imporre sanzioni unilaterali se non varate dal Consiglio di Sicurezza. 
 
Ma la guerra è guerra, soprattutto quella valutaria. E, come ci ricorda la iena delle iene nella speculazione finanziara, George Soros, in tutte le sue ultime interviste, Pechino deve ora prendere le contromisure e sta analizzando la possibilità di forzare società statunitensi a scegliere tra la vendita di armi a Taiwan o l&# 39;accesso ai mercati cinesi.
 
La decisione cambierebbe totalmente lo scenario della politica internazionale se considerate che le aziende leader in diverse aree degli Stati Uniti commerciano almeno il 10 per cento delle loro operazioni in Cina.
 
Pertanto, Washington dovrebbe iniziare a strategie di difesa di pianificazione e sostenere le loro imprese, in quello che sembra segnare il futuro della sua politica estera.
 
Carol Gould, esperto finanziario di Press TV, l'asse Iran-Russia-Cina potrebbe presto dare il via ad un nuovo ordine mondiale.  "I 17 contratti commerciali stipulati tra l'Iran e la Cina, con un valore stimato di 600.000 milioni di dollari, è di grande importanza. E 'più significativo di quanto possiate immaginare. La Cina ha bisogno di aiuto, perché l'economia del paese si sta sviluppando ad un ritmo rapido."
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Il NO vince. Ora proporzionale e affermazione della sovranità popolare

Compito immediato: mantenere e sviluppare il patrimonio di impegno e lotta dei comitati a difesa della Costituzione di democrazia economico-sociale

di Andrea Catone per Marx21.it  La straordinaria vittoria del NO al referendum costituzionale...
Notizia del:

La campagna "Beating Hearts for Healing Hearts" raggiunge Gaza: buona fortuna a tutti i volontari del PCRF

di Patrizia Cecconi* - Pressenza   Qualcosa di profondamente umano, nel senso più alto del termine, permette ancora di concepire la politica nel suo significato più nobile, quello...
Notizia del:

Gli avvoltoi sulla bara di Fidel Castro

  di Gianni Fresu per Marx21.it C’era da aspettarselo, la morte di Fidel Castro, l’uomo che ha osato sfidare, e persino sconfiggere, gli USA nel loro cortile di casa, ha...
Notizia del:

Chi e' stato davvero Fidel Castro? Eduardo Galeano rispose cosi'...

di Eduardo Galeano (cit. dal libro Specchi)   I suoi nemici dicono che è stato un re senza corona e che ha confuso l’unità con l’unanimità. E in questo i suoi...
Notizia del:

L'effetto Trump sull'Ucraina

PICCOLE NOTE Donald Trump sta disegnando la nuova amministrazione degli Stati Uniti d’America. C’è andirivieni di personaggi più o meno noti alla sua corte e filtrano...
Notizia del:

Una Yalta 2.0 tra Trump e Putin: lo scenario che spaventa l’Ucraina

  di Eugenio Cipolla   C’è una grande sconfitta nel post-elezioni americane che tanto hanno appassionato il mondo. E non è Hillary Clinton, piuttosto un paese intero,...
Notizia del:

Dopo la vittoria di Trump abbiamo ascoltato tutto (ma proprio tutto)... tranne la cosa piu' importante

di Andre Vltchek* - Counterpunch Da quando sono stati annunciati i risultati delle ultime elezioni presidenziali Usa, ho scelto il silenzio, mentre venivo aggredito dalla cacofonia di rumori assordanti.  Improvvisamente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa