/ Cambia l'ordine mondiale: Cina minaccia sanzioni economiche agli ...

Cambia l'ordine mondiale: Cina minaccia sanzioni economiche agli Usa

Cambia l'ordine mondiale: Cina minaccia sanzioni economiche agli Usa
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Gli Stati Uniti dal 2010 al 2015 avevano imposto il divieto assoluto di commercio con l'Iran applicando delle sanzioni così stringenti che imponenvano a ogni stato di scegliere, come vincolo assoluto, di commerciare con Teheran o Washington.

Ora la Cina sta considerando di prendere lo stesso tipo di azioni contro gli Usa.
 
Con il crollo dei prezzi del petrolio, la Cina sta pensando ad una strategia che potrebbe mettere Stati Uniti e suoi alleati in una situazione molto complicata, sulla difensiva e sulla necessità di proteggere le loro aziende. Lo scrive Reuters.
 
Pechino, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa, starebbe riflettendo sul modificare radicalmente uno dei suoi pilastri di politica estera. Fino ad oggi la Cina aveva sempre considerato illegale imporre sanzioni unilaterali se non varate dal Consiglio di Sicurezza. 
 
Ma la guerra è guerra, soprattutto quella valutaria. E, come ci ricorda la iena delle iene nella speculazione finanziara, George Soros, in tutte le sue ultime interviste, Pechino deve ora prendere le contromisure e sta analizzando la possibilità di forzare società statunitensi a scegliere tra la vendita di armi a Taiwan o l&# 39;accesso ai mercati cinesi.
 
La decisione cambierebbe totalmente lo scenario della politica internazionale se considerate che le aziende leader in diverse aree degli Stati Uniti commerciano almeno il 10 per cento delle loro operazioni in Cina.
 
Pertanto, Washington dovrebbe iniziare a strategie di difesa di pianificazione e sostenere le loro imprese, in quello che sembra segnare il futuro della sua politica estera.
 
Carol Gould, esperto finanziario di Press TV, l'asse Iran-Russia-Cina potrebbe presto dare il via ad un nuovo ordine mondiale.  "I 17 contratti commerciali stipulati tra l'Iran e la Cina, con un valore stimato di 600.000 milioni di dollari, è di grande importanza. E 'più significativo di quanto possiate immaginare. La Cina ha bisogno di aiuto, perché l'economia del paese si sta sviluppando ad un ritmo rapido."
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Libia, sei anni dopo il paese è completamente "somalizzato".

di Mostafa El Ayoubi* - Nigrizia Sono passati sei anni dall’intervento militare della Nato in Libia che è costato la morte di decine di migliaia di persone e la fuga all’estero...
Notizia del:

"Rafforzamento" o occupazione? 4 battaglioni multinazionali Nato operativi da giugno in Europa orientale

    di Manlio Dinucci* - Il Manifesto, 21 febbraio 2017   Ulteriori passi nel «rafforzamento dell’Alleanza» sono stati decisi dai ministri della Difesa della...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il Golpe (bianco) chiamato "Libro"

"Non resta che riscrivere l’Art. 1 della Costituzione, precisando che la nostra è una repubblica, un tempo democratica, fondata sul lavoro dell’industria bellica".

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 14 febbraio 2017   Mentre i riflettori mediatici erano puntati...
Notizia del:

Il progetto “science4people” all'Università di Betlemme

  di Patrizia Cecconi Betlemme, 8 febbraio 2017 In questi  giorni presso l’Università di Betlemme, in Palestina, si sta svolgendo il progetto “science4people”...
Notizia del:

Manlio Dinucci - La strategia Obama e quei due minuti e mezzo alla Mezzanotte

  di Manlio Dinucci* - Il manifesto, 7 febbraio 2017 Finalmente il telefono ha squillato e Gentiloni, dopo una lunga e nervosa attesa, ha potuto ascoltare la voce del nuovo presidente...
Notizia del:

MCCAIN SPINGE TRUMP ALLA GUERRA CONTRO LA RUSSIA: ARMI ALL’UCRAINA PER COMBATTERE IN DONBASS

di Eugenio Cipolla - Vostokfocus Il fine settimana che è appena passato, è stato molto intenso sotto tutti i punti di vista per l’est Ucraina. Nei giorni scorsi abbiamo...
Notizia del:     Fonte: Al Manar - Al Binna

Le "zone sicure" di Trump, ovvero il nuovo piano di spartizione della Siria

Obama o Trump, per chi si fosse fatto illusioni, in Medio Oriente, non cambia nulla. Il fine resta lo stesso: dividere la Siria in zone di influenza, questa volta con un piano più intelligente e insidioso.

Di Amin Hoteit: Analista politico libanese, esperto di strategia militare e Generale di Brigata in pensione.   I...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa