/ LIBIA, AYESHA GHEDDAFI, IL NUOVO LEADER DELLA RESISTENZA CONTRO L...

LIBIA, AYESHA GHEDDAFI, IL NUOVO LEADER DELLA RESISTENZA CONTRO LA NATO E ISIS

LIBIA, AYESHA GHEDDAFI, IL NUOVO LEADER DELLA RESISTENZA CONTRO LA NATO E ISIS
 

"Siamo pronti per una battaglia mortale, in cui i terroristi si troveranno ad affrontare una nazione"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Maja Orlic (con traduzione di Mario Andrijasevic) su Southfront scrive: “Lei è tornata! La figlia di Muammar Gheddafi torna a guidare la resistenza contro la NATO e gli altri terroristi libici”.

Ayesha si sarebbe quindi messa alla guida della resistenza e sarebbe in procinto di creare un nuovo governo segreto.
 
In un momento cruciale per il Paese e alla vigilia del nuovo intervento della NATO che in Italia i nostri “alleati” hanno deciso oggi a Roma, Aisha Gheddafi ha garantito, prosegue Orlic, che nei prossimi mesi si formerà un "governo segreto" di "libici famosi", fedeli al colonnello Gheddafi e che fungerà da mediatore nel paese e all'estero. 
 
Analizzando la situazione attuale, Aisha ha criticato l'ex esercito per "un mix pazzesco di anarchici" che hanno deciso di fare la guerra sul principio di chi pagava di più. Li ha accusati di usare una bandiera verde di Jamahiriya e reclutare sostenitori, oltre a rafforzare i governi tribali, sotto la cui ombra si sono uniti gli islamisti dei Tuareg e Toubou, che cospirano contro il governo di Tobruk.
 
Aisha Gheddafi ha invitato poi i soldati delle forze armate libiche a dare il loro giuramento al Comandante Supremo, al fine di ripristinare lo stato. "Il mio nome mi dà un dovere e il diritto di essere in prima linea in questa battaglia.", ha detto colei che durante la guerra ha perso il marito e due figli. 
 
Oggi è pronta a diventare un "simbolo della nazione", e accanto ad un ritratto di Gheddafi a diventare un "simbolo della missione per ripristinare l'unità nazionale". E' una lotta per i suoi figli, dichiara. "Siamo pronti per una battaglia mortale, in cui i terroristi si troveranno ad affrontare una nazione". Non è chiaro se per terroristi intendesse i fondamentalisti dell'Isis, chi oggi a Roma ha pianificato nuove bombe (NATO), o, semplicemente, entrambi.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

 “Putin è malato”: il Corriere rilancia l’annuale bufala sulle condizioni di salute del presidente russo

di Eugenio Cipolla Quest’anno, con buone pace degli altri concorrenti, nazionali e internazionali, è toccato al prestigioso Corriere della Sera. Che con un lungo articolo firmato da...
Notizia del:

Alitalia, non si fa cassa con i diritti dei lavoratori

di Lidia Undiemi* - Fatto Quotidiano E’ incredibile che, in virtù di un rifiuto democratico, un gruppo di lavoratori venga additato come responsabile del fallimento di una compagnia dopo...
Notizia del:

Attilio Boron - "Nella loro fase calante gli imperi rafforzano la loro barbarie"

di Atilio Boron* | da alainet.org Traduzione di Marx21.it Fiaccato da sconfitte consecutive al Congresso – il rifiuto del suo progetto di eliminazione dell'Obamacare –...
Notizia del:

L'escalation nucleare degli Usa è iniziata. In Corea? No, qui in Italia

  di Manlio Dinucci  - il manifesto, 18 aprile 2017 I riflettori politico-mediatici, puntati sulla escalation nucleare nella penisola coreana, lasciano in ombra quella che si sta...
Notizia del:

Chi ha interesse allo scenario libico in Venezuela? I guarimberos incappucciati prendono di mira gli edifici pubblici

"Dopo l'Iraq e la Libia, la guerra del petrolio passa adesso per il Venezuela. La Exxon Mobil, il cui direttore generale è ora il segretario di Stato di Trump, ha interessi in tutto il continente"

di Geraldina Colotti* “Attenzione, lì c'è una trappola... Occhio, a quell'incrocio...
Notizia del:

Che cos’è la “sindrome di Tsipras” e perché Trump ne è stato colpito

di Eugenio Cipolla Il bombardamento di questa notte della base aerea siriana di Shayrat è solo l’ultimo degli errori che hanno contraddistinto l’azione dell’amministrazione...
Notizia del:

Il FMI continua a spremere il popolo ucraino in cambio di un misero miliardo di dollari

di Eugenio Cipolla   Mentre il mondo intero in questi giorni (anche giustamente) era distratto da altro, il Fondo Monetario Internazionale non si è certo fermato di fronte alle tragedie...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa