/ LIBIA, AYESHA GHEDDAFI, IL NUOVO LEADER DELLA RESISTENZA CONTRO L...

LIBIA, AYESHA GHEDDAFI, IL NUOVO LEADER DELLA RESISTENZA CONTRO LA NATO E ISIS

LIBIA, AYESHA GHEDDAFI, IL NUOVO LEADER DELLA RESISTENZA CONTRO LA NATO E ISIS
 

"Siamo pronti per una battaglia mortale, in cui i terroristi si troveranno ad affrontare una nazione"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Maja Orlic (con traduzione di Mario Andrijasevic) su Southfront scrive: “Lei è tornata! La figlia di Muammar Gheddafi torna a guidare la resistenza contro la NATO e gli altri terroristi libici”.

Ayesha si sarebbe quindi messa alla guida della resistenza e sarebbe in procinto di creare un nuovo governo segreto.
 
In un momento cruciale per il Paese e alla vigilia del nuovo intervento della NATO che in Italia i nostri “alleati” hanno deciso oggi a Roma, Aisha Gheddafi ha garantito, prosegue Orlic, che nei prossimi mesi si formerà un "governo segreto" di "libici famosi", fedeli al colonnello Gheddafi e che fungerà da mediatore nel paese e all'estero. 
 
Analizzando la situazione attuale, Aisha ha criticato l'ex esercito per "un mix pazzesco di anarchici" che hanno deciso di fare la guerra sul principio di chi pagava di più.
Li ha accusati di usare una bandiera verde di Jamahiriya e reclutare sostenitori, oltre a rafforzare i governi tribali, sotto la cui ombra si sono uniti gli islamisti dei Tuareg e Toubou, che cospirano contro il governo di Tobruk.
 
Aisha Gheddafi ha invitato poi i soldati delle forze armate libiche a dare il loro giuramento al Comandante Supremo, al fine di ripristinare lo stato. "Il mio nome mi dà un dovere e il diritto di essere in prima linea in questa battaglia.", ha detto colei che durante la guerra ha perso il marito e due figli. 
 
Oggi è pronta a diventare un "simbolo della nazione", e accanto ad un ritratto di Gheddafi a diventare un "simbolo della missione per ripristinare l'unità nazionale". E' una lotta per i suoi figli, dichiara. "Siamo pronti per una battaglia mortale, in cui i terroristi si troveranno ad affrontare una nazione". Non è chiaro se per terroristi intendesse i fondamentalisti dell'Isis, chi oggi a Roma ha pianificato nuove bombe (NATO), o, semplicemente, entrambi.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Basta parlare di Brexit, è il momento della Natoexit.

Mentre l’attenzione politico-mediatica è concentrata sulla Brexit e su possibili altri scollamenti della Ue, la Nato, nella generale disattenzione, accresce la sua presenza e influenza in Europa.

di Manlio Dinucci* - Il manifesto, 28 giugno 2016   Mentre l’attenzione politico-mediatica...
Notizia del:

LA RIFORMA COSTITUZIONALE E LA DERIVA AUTORITARIA DEL SISTEMA POLITICO ITALIANO

di Carlo Amirante* L’Assemblea dei cobas del 1° maggio 2016 è stata l’occasione di una severa e proficua riflessione sulla situazione sempre più precaria del lavoro...
Notizia del:

L'Italia e il suo brutto rapporto con la Democrazia

di Alessandro Casertano Con le recenti elezioni amministrative, tenutesi in alcune tra le più importanti città del nostro Paese, si è potuto nuovamente assaporare quel...
Notizia del:

Napolitano e la lobby del “No Brexit”

Il gioco sporco al servizio della dolce morte della democrazia

di Michel Fonte    C’è una definizione ricorrente nel linguaggio di Giorgio Napolitano,...
Notizia del:

In Messico si uccidono gli insegnanti nelle strade. Dove sono i difensori dei "diritti umani" occidentali?

di Alessandro Bianchi   In Messico la situazione è in queste ore oltre la violazione dei diritti umani più elementari, ma per il solito doppio standard occidentale l'appartenenza...
Notizia del:

"Una Schengen militare": Washinghton ordina una nuova integrazione della NATO

di Steven MacMillan* - New Eastern Outlook La NATO è una minaccia per la pace mondiale. Il suo incessante gioco alla guerra e la sua perversione nel provocare la Russia stanno mettendo il...
Notizia del:

APPELLO ALLA CINA E ALLA RUSSIA: PER FAVORE NON LASCIATE CHE IL VENEZUELA CADA

LETTERA APERTA AI PRESIDENTI XI JINPING E VLADIMIR PUTIN

  di Andre Vltchek - Counterpunch (Traduzione a cura de L'AntiDiplomatico)   Caro...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa