/ Turchia spara sull'esercito siriano. I curdi denunciano "escalati...

Turchia spara sull'esercito siriano. I curdi denunciano "escalation massiva" e il regime saudita pronto a bombardare

Turchia spara sull'esercito siriano. I curdi denunciano escalation massiva e il regime saudita pronto a bombardare
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Almeno due fonti confermano domenica che la Turchia abbia sparato contro l'esercito siriano sabato, in un gesto altamente provocatorio. La situazione è arrivata al punto di tensione che Washington, dopo una telefonata d'emergenza tra Obama e Putin, ha chiesto formalmente ai turchi di fermare il supporto bellico ai soldati che il Pentagono sta armando. Lo riporta il blog statunitense Zero Hedge.
 
Anche se tutte le parti - tra cui Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita, e selezionati gruppi ribelli - fingono di lavorare in direzione di un cessate il fuoco e una soluzione diplomatica alla guerra per procura iniziata cinque anni in Siria, le azioni parlano più forte delle parole.
 
La lotta, scirve Zero Hedge, è più intensa che mai. Russia e Hezbollah stanno per liberare Aleppo, la città più grande del paese e il centro urbano chiave dove i ribelli hanno formato l'ultima resistenza. Se la città dovesse essere liberata dal governo - “liberato” non “caduta” dovrebbe essere il termine che tutti i media di regime da Repubblica a Sky tg 24 dovrebbero utilizzare se non vogliamo riscrivere la storia e dire che le città francesi negli anni '40 non erano state “liberate” dai nazisti da De Gaulle, ma sono “cadute” - il legittimo governo del paese a guida Assad avrà ripreso il controllo della spina dorsale del paese.
 
Ciò effettivamente potrebbe significare la fine della ribellione e le monarchie del Golfo, per non parlare della Turchia, non possono accettare quest'esito e sono disposti ad accendere una miccia che per il mondo potrebbe essere molto difficile da spegnere. "La battaglia principale è di tagliare la strada tra Aleppo e la Turchia, per la Turchia è il condotto principale di forniture per i terroristi", ha detto Assad in un'intervista con AFP il Venerdì.
 
Quella linea di alimentazione è stata interrotta ed ora, tra l'intervento diretto o morire, i benefattori sunniti dei ribelli e terroristi in Siria hanno deciso di agire in prima persona.
 
Come l'AntiDiplomatico vi ha documentato ampiamente questa settimana, i sauditi e turchi sono ora pronti insieme per l'invasione. Assad ha promesso di "confrontarsi con loro", che ovviamente significa che l'IRGC e l'esercito di Hassan Nasrallah sono impostati per entrare in contatto diretto con le truppe turche e saudite, ponendo le basi per una guerra settaria a tutto campo. Il rischio di un confronto forzato tra la Nato e la Russia, dai connotati inimmaginabili, cresce. 
 
Sabato scorso la posta in gioco è cresciuta esponenzialmente quando la Turchia ha annunciato che l'Arabia Saudita ha inviato aerei da guerra nella base di Incirlik. Naturalmente la scusa è la stessa come mai lo era per tutti i soggetti coinvolti: la lotta contro l'ISIS. 
 
In estrema sintesi, la Turchia e l'Arabia Saudita hanno bisogno di capire come girare un attacco ai curdi e uno sforzo per salvare i ribelli ad Aleppo come un'operazione anti-ISIS.
 
Come pensano di fare questo è ancora da vedere, ma avere a disposizione il regime mediatico occidentale che deve coprire i crimini dei due “alleati” aiuta e aiuterà. 
 
Come si può vedere, la Turchia ha iniziato a bombardare Aleppo in quello che è davvero una escalation molto grave che probabilmente richiederà una risposta russa.
 
"Il bombardamento è stato riportato alla base aerea di Menagh, un ex impianto dell'aereonautica siriana che i kurdi hanno sequestrato ai ribelli islamici pochi giorni fa, e in altri tre posizioni tra l'aeroporto e confine turco", riferisce l'Independent. "La base aerea è stato un obiettivo chiave per più parti nella guerra civile siriana dal 2012, assediata dai ribelli per quasi un anno fino a quando è stato sequestrato da una coalizione tra cui una prima forma di Iside e di al-Qaeda legata Jabhat al -Nusra nel mese di agosto 2013 [e] è rimasto nelle mani dei ribelli fino a giovedi"
 
Il premier Davutoglu sostiene che il bombardamento è stato in linea con le "regole di ingaggio". "Un funzionario curdo ha confermato il bombardamento di Menagh base aerea nella campagna a nord di Aleppo, che ha detto era stato catturato dal gruppo Jaysh al-Thuwwar curdo-alleato, piuttosto che la milizia YPG curda", Reuters, dice, aggiungendo che "Entrambi fanno parte dell'alleanza democratica in Siria. " 
 
Per riassumere, la Turchia sta deliberatamente cercando di approfittare dei guadagni fatti dai curdi sostenuti dagli Stati Uniti in una zona che è sotto assedio da parte dei russi e l'Iran. Il rischio di un'escalation non è mai stato così vicino.
 
Ecco cosa è successo in base alla voce del partito del regime turco AKP Anadolu Agency: “L'esercito turco ha risposto ad un attacco di artiglieria su una base militare vicino al confine siriano sabato, una fonte militare ha detto. Secondo la fonte anonima, che ha parlato a condizione di anonimato a causa di restrizioni a parlare ai media, la base Akcabaglar nella provincia di Kilis stato bombardato dalle forze della "PYD / PKK" - riferendosi ad un gruppo curdo siriano e la sua affiliata PKK, che ha dichiarato guerra alla Turchia dal 1984.
Il bombardamento è venuto da Azaz, nella provincia di Aleppo, che è stata teatro di pesanti combattimenti recentemente. Le forze turche hanno reagito entro le regole di ingaggio che prevedono una risposta immediata a qualsiasi minaccia di confine, ha detto la fonte. Non c'era alcuna ulteriore descrizione della forma di risposta o di dettaglio quando si è verificato l'incidente".

I nostri "alleati" hanno acceso una miccia che ha resto la nostra partecipazione nella Nato la principale minaccia di sicurezza nazionale. Altro che generico terrorismo e altro che Egitto, di cui continueranno a parlare tutti i media nostrani nei prossimi giorni per distogliere l'opinione pubblica da tutto questo. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Il NO vince. Ora proporzionale e affermazione della sovranità popolare

Compito immediato: mantenere e sviluppare il patrimonio di impegno e lotta dei comitati a difesa della Costituzione di democrazia economico-sociale

di Andrea Catone per Marx21.it  La straordinaria vittoria del NO al referendum costituzionale...
Notizia del:

La campagna "Beating Hearts for Healing Hearts" raggiunge Gaza: buona fortuna a tutti i volontari del PCRF

di Patrizia Cecconi* - Pressenza   Qualcosa di profondamente umano, nel senso più alto del termine, permette ancora di concepire la politica nel suo significato più nobile, quello...
Notizia del:

Gli avvoltoi sulla bara di Fidel Castro

  di Gianni Fresu per Marx21.it C’era da aspettarselo, la morte di Fidel Castro, l’uomo che ha osato sfidare, e persino sconfiggere, gli USA nel loro cortile di casa, ha...
Notizia del:

Chi e' stato davvero Fidel Castro? Eduardo Galeano rispose cosi'...

di Eduardo Galeano (cit. dal libro Specchi)   I suoi nemici dicono che è stato un re senza corona e che ha confuso l’unità con l’unanimità. E in questo i suoi...
Notizia del:

L'effetto Trump sull'Ucraina

PICCOLE NOTE Donald Trump sta disegnando la nuova amministrazione degli Stati Uniti d’America. C’è andirivieni di personaggi più o meno noti alla sua corte e filtrano...
Notizia del:

Una Yalta 2.0 tra Trump e Putin: lo scenario che spaventa l’Ucraina

  di Eugenio Cipolla   C’è una grande sconfitta nel post-elezioni americane che tanto hanno appassionato il mondo. E non è Hillary Clinton, piuttosto un paese intero,...
Notizia del:

Dopo la vittoria di Trump abbiamo ascoltato tutto (ma proprio tutto)... tranne la cosa piu' importante

di Andre Vltchek* - Counterpunch Da quando sono stati annunciati i risultati delle ultime elezioni presidenziali Usa, ho scelto il silenzio, mentre venivo aggredito dalla cacofonia di rumori assordanti.  Improvvisamente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa