/ Turchia spara sull'esercito siriano. I curdi denunciano "escalati...

Turchia spara sull'esercito siriano. I curdi denunciano "escalation massiva" e il regime saudita pronto a bombardare

Turchia spara sull'esercito siriano. I curdi denunciano escalation massiva e il regime saudita pronto a bombardare
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Almeno due fonti confermano domenica che la Turchia abbia sparato contro l'esercito siriano sabato, in un gesto altamente provocatorio. La situazione è arrivata al punto di tensione che Washington, dopo una telefonata d'emergenza tra Obama e Putin, ha chiesto formalmente ai turchi di fermare il supporto bellico ai soldati che il Pentagono sta armando. Lo riporta il blog statunitense Zero Hedge.
 
Anche se tutte le parti - tra cui Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita, e selezionati gruppi ribelli - fingono di lavorare in direzione di un cessate il fuoco e una soluzione diplomatica alla guerra per procura iniziata cinque anni in Siria, le azioni parlano più forte delle parole.
 
La lotta, scirve Zero Hedge, è più intensa che mai. Russia e Hezbollah stanno per liberare Aleppo, la città più grande del paese e il centro urbano chiave dove i ribelli hanno formato l'ultima resistenza. Se la città dovesse essere liberata dal governo - “liberato” non “caduta” dovrebbe essere il termine che tutti i media di regime da Repubblica a Sky tg 24 dovrebbero utilizzare se non vogliamo riscrivere la storia e dire che le città francesi negli anni '40 non erano state “liberate” dai nazisti da De Gaulle, ma sono “cadute” - il legittimo governo del paese a guida Assad avrà ripreso il controllo della spina dorsale del paese.
 
Ciò effettivamente potrebbe significare la fine della ribellione e le monarchie del Golfo, per non parlare della Turchia, non possono accettare quest'esito e sono disposti ad accendere una miccia che per il mondo potrebbe essere molto difficile da spegnere. "La battaglia principale è di tagliare la strada tra Aleppo e la Turchia, per la Turchia è il condotto principale di forniture per i terroristi", ha detto Assad in un'intervista con AFP il Venerdì.
 
Quella linea di alimentazione è stata interrotta ed ora, tra l'intervento diretto o morire, i benefattori sunniti dei ribelli e terroristi in Siria hanno deciso di agire in prima persona.
 
Come l'AntiDiplomatico vi ha documentato ampiamente questa settimana, i sauditi e turchi sono ora pronti insieme per l'invasione. Assad ha promesso di "confrontarsi con loro", che ovviamente significa che l'IRGC e l'esercito di Hassan Nasrallah sono impostati per entrare in contatto diretto con le truppe turche e saudite, ponendo le basi per una guerra settaria a tutto campo. Il rischio di un confronto forzato tra la Nato e la Russia, dai connotati inimmaginabili, cresce. 
 
Sabato scorso la posta in gioco è cresciuta esponenzialmente quando la Turchia ha annunciato che l'Arabia Saudita ha inviato aerei da guerra nella base di Incirlik. Naturalmente la scusa è la stessa come mai lo era per tutti i soggetti coinvolti: la lotta contro l'ISIS. 
 
In estrema sintesi, la Turchia e l'Arabia Saudita hanno bisogno di capire come girare un attacco ai curdi e uno sforzo per salvare i ribelli ad Aleppo come un'operazione anti-ISIS.
 
Come pensano di fare questo è ancora da vedere, ma avere a disposizione il regime mediatico occidentale che deve coprire i crimini dei due “alleati” aiuta e aiuterà. 
 
Come si può vedere, la Turchia ha iniziato a bombardare Aleppo in quello che è davvero una escalation molto grave che probabilmente richiederà una risposta russa.
 
"Il bombardamento è stato riportato alla base aerea di Menagh, un ex impianto dell'aereonautica siriana che i kurdi hanno sequestrato ai ribelli islamici pochi giorni fa, e in altri tre posizioni tra l'aeroporto e confine turco", riferisce l'Independent. "La base aerea è stato un obiettivo chiave per più parti nella guerra civile siriana dal 2012, assediata dai ribelli per quasi un anno fino a quando è stato sequestrato da una coalizione tra cui una prima forma di Iside e di al-Qaeda legata Jabhat al -Nusra nel mese di agosto 2013 [e] è rimasto nelle mani dei ribelli fino a giovedi"
 
Il premier Davutoglu sostiene che il bombardamento è stato in linea con le "regole di ingaggio". "Un funzionario curdo ha confermato il bombardamento di Menagh base aerea nella campagna a nord di Aleppo, che ha detto era stato catturato dal gruppo Jaysh al-Thuwwar curdo-alleato, piuttosto che la milizia YPG curda", Reuters, dice, aggiungendo che "Entrambi fanno parte dell'alleanza democratica in Siria. " 
 
Per riassumere, la Turchia sta deliberatamente cercando di approfittare dei guadagni fatti dai curdi sostenuti dagli Stati Uniti in una zona che è sotto assedio da parte dei russi e l'Iran. Il rischio di un'escalation non è mai stato così vicino.
 
Ecco cosa è successo in base alla voce del partito del regime turco AKP Anadolu Agency: “L'esercito turco ha risposto ad un attacco di artiglieria su una base militare vicino al confine siriano sabato, una fonte militare ha detto. Secondo la fonte anonima, che ha parlato a condizione di anonimato a causa di restrizioni a parlare ai media, la base Akcabaglar nella provincia di Kilis stato bombardato dalle forze della "PYD / PKK" - riferendosi ad un gruppo curdo siriano e la sua affiliata PKK, che ha dichiarato guerra alla Turchia dal 1984.
Il bombardamento è venuto da Azaz, nella provincia di Aleppo, che è stata teatro di pesanti combattimenti recentemente. Le forze turche hanno reagito entro le regole di ingaggio che prevedono una risposta immediata a qualsiasi minaccia di confine, ha detto la fonte. Non c'era alcuna ulteriore descrizione della forma di risposta o di dettaglio quando si è verificato l'incidente".

I nostri "alleati" hanno acceso una miccia che ha resto la nostra partecipazione nella Nato la principale minaccia di sicurezza nazionale. Altro che generico terrorismo e altro che Egitto, di cui continueranno a parlare tutti i media nostrani nei prossimi giorni per distogliere l'opinione pubblica da tutto questo. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Alberto Negri - IRAQ, LA MADRE DI TUTTE LE BUFALE. Come nasce la disinformazione globale.

"....Chi gliele aveva date? Il capo della National Geospatial Intelligence Agency, James Clapper, lo stesso che come direttore della Nsa ha portato le prove dell’interferenza degli hacker russi nelle recenti elezioni presidenziali americane".

È il novembre 2015 quando France 5, canale pubblico di informazione, invia una giornalista a intervistare...
Notizia del:

M. Dinucci - "cresce la minaccia" e carri armati Usa schierati in Polonia

di Manlio Dinucci* - Il manifesto, 17 gennaio 2017   Il 12 gennaio, due giorni dopo il suo discorso di addio, il presidente Obama ha dato il via al più grande schieramento di forze...
Notizia del:

I muri dell'Europa contro la “minaccia russa” e ritorsioni nazionaliste

di Fabrizio Poggi   Mancante all'appello, tra i Paesi baltici, a voler erigere un muro al confine con la Russia, ora anche la Lituania ha deciso di fare la propria parte. Dopo i 90 km di...
Notizia del:

Vietnam e Cina: riavvicinamento in corso?

di Daniele Cardetta Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa cinese Xinhua nei giorni scorsi i rappresentanti dei Partiti Comunisti di Cina e Vietnam si sono incontrati a Pechino per...
Notizia del:

Nel silenzio dei media, l'Italia si e' dotata della Legge per la guerra

Quando le furberie sulla guerra diventano una Legge organica dello Stato, vuole dire che il punto di non ritorno si è avvicinato ancora di un altra spanna.

di Sergio Cararo* Piuttosto in sordina, il 31 dicembre scorso è entrata in vigore la Legge quadro sulle...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Donald Trump «demone subito»... come Obama fu «santo subito»

  di Manlio Dinucci * Barack Obama fu «santo subito»: appena entrato alla Casa Bianca fu insignito preventivamente nel 2009 del Premio Nobel per la pace grazie ai «suoi...
Notizia del:

In morte di monsignor Capucci, uomo di lotta e di fede.

di Patrizia Cecconi - Pressenza 1 gennaio 2017 Monsignor Capucci ha lasciato questa terra mentre il 2017 nasceva. L’ha lasciata dopo 94 anni di vita di cui almeno 70 passati con un’idea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa