/ Stephen Kinzer, ex inviato New York Times: "I media statunitensi ...

Stephen Kinzer, ex inviato New York Times: "I media statunitensi ingannano l'opinione pubblica sulla Siria"

Stephen Kinzer, ex inviato New York Times: I media statunitensi ingannano l'opinione pubblica sulla Siria
 

Secondo uno dei veterani del giornalismo USA ed ex corrispondente del New York Times, Stephen Kinzer, le notizie sulla Siria sono scritte a Washington, senza sentire le voci sul terreno. Una "vergogna per il giornalismo", secondo Kinzer.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Stephen Kinzer, in passato inviato in oltre 50 paesi per il New York Times, ha denunciato "uno degli episodi più vergognosi" della sua professione a causa della copertura distorta data al conflitto siriano ed al ruolo che svolgono i vari paesi coinvolti. La sua rubrica sul quotidiano The Boston Globe descrive ciò che sta accadendo in città e nel governatorato di Aleppo.
 
I militanti dei gruppi armati anti-governativi provocano devastazioni in città mentre esercito siriano e l'Air Force russa li spingono fuori da Aleppo, ha scritto Kinzer riferendosi a notizie "dal campo".
 
Il giornalista cita la testimonianza di un abitante della città pubblicata nelle reti sociali: "I 'ribelli' moderati' protetti da Turchia e Arabia Saudita attacano la periferia di Aleppo con razzi non guidati e bombole di gas." Il politologo libanese Marwa Osma ha sostenuto che le truppe Damasco sono l'unica forza che, insieme ai suoi alleati, sta combattendo lo Stato islamico sul terreno. Stephen Kinzer lamenta che i media USA non sentono o non citano queste voci chiare.
 
"Questo non va bene per la narrazione di Washington", ha spiegato. "Pertanto, la maggior parte della stampa nordamericana dice il contrario di ciò che effettivamente accade. Molte notizie suggeriscono che Aleppo è stata una 'zona liberata' per tre anni, ma ora è ridotta alla miseria", ha aggiunto Kinzer.

 
Secondo il giornalista, agli statunitensi  suggeriscono che è più decente che in Siria si combatta contro il governo di Bashar al Assad ed i suoi alleati russi e iraniani. Si presume che l'esito più auspicabile sarebbe la vittoria di una coalizione 'onesta' di americani, turchi, sauditi, curdi e 'opposizione moderata.
 
"È una sciocchezza", ha sostenuto Kinzer, rimettere in discussione l'esistenza stessa di un tale coalizione. Ma dice che non è colpa dei cittadini nordamericani, se crede a questa versione di ciò che sta accadendo in Siria. "Non abbiamo quasi nessuna informazione reale su chi combatte, obiettivi o tattiche. Gran parte della colpa è dei nostri media", ha sottolineato il giornalista.
 
"Sotto intensa pressione finanziaria, la maggior parte dei giornali, riviste e reti degli Stati Uniti hanno drasticamente ridotto le loro squadre di corrispondenti all'estero. Molti importanti novità sul mondo ora provengono da giornalisti con sede a Washington", ha lamentato Kinzer.
 
"In questo ambiente, l'accesso [alle informazioni] e la credibilità dipendono dalla accettazione dei paradigmi ufficiali. I giornalisti che coprono la Siria sono portati ad avere contatto con il Pentagono, il Dipartimento di Stato, la Casa Bianca e gli "esperti" dei centri di studio. Dopo un giro sulla giostra sporca pensano di aver coperto tutti i lati della storia". In questo modo si genera in USA "l'unica fonte delle notizie sulla Siria", ha concluso Kinzer.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Monaco, la Polizia afferma: «Vi sono legami con Breivik»

La Polizia tedesca in una conferenza stampa ha segnalato un «ovvio legame» tra l'autore della strage di Monaco di Baviera e il terrorista norvegese Anders Behring Breivik

da RT Gli eventi a Monaco di Baviera hanno coinciso esattamente con il quinto anniversario del doppio attentato...
Notizia del:     Fonte: VeteransToday

I terroristi dell’ISIS si addestrano nei pressi di un campo militare degli Stati Uniti in Kosovo

Ci sono almeno cinque campi di addestramento dell’ISIS (Daesh, in arabo) in Kosovo, a pochi chilometri dal campo militare degli Stati Uniti di Bondsteel.

Il portale di notizie nordamericano,VeteransToday, citando fonti vicine ai servizi di intelligence del Kosovo,...
Notizia del:     Fonte: Wall Street Journal

WSJ: I bombardieri russi hanno distrutto una base militare segreta di Stati Uniti e Regno Unito in Siria

Gli aerei da guerra russi hanno bombardato una base militare segreta degli Stati Uniti e dell Regno Unito, che si trova in Siria. Lo ha rivelato il quotidiano statunitense Wall Street Journal.

L'attacco dell'Aeronautica Militare della Russia contro la base legata CIA, in Siria era parte di una campagna...
Notizia del:

Monaco, terrore al centro commerciale: tutto quello che sappiamo

Ancora avvolte nel mistero restano le motivazioni che hanno spinto il ragazzo a compiere la strage

Sono le 15:50 di un tranquillo venerdì pomeriggio a Monaco di Baviera quando la Polizia riceve una concitata...
Notizia del:     Fonte: RT/BBC

Attacco a Monaco: l'attentatore avrebbe agito da solo. I morti salgono a 10

La Polizia informa che l'attentatore si è suicidato

«Abbiamo trovato un uomo, si è suicidato. Partiamo dal presupposto, che fosse l’unico tiratore»,...
Notizia del:     Fonte: RT

Attentato a Monaco di Baviera: almeno 6 morti e numerosi feriti

Secondo le prime testimonianze l'attacco sarebbe stato portato da più persone con armi da fuoco

Almeno sei persone sono morte in una sparatoria avvenuta in uno dei maggiori centri commerciali di Monaco di...
Notizia del:     Fonte: RT

In Unione Sovietica già giocavano a Pokémon Go?

Nella vecchia Unione Sovietica era molto popolare un gioco praticato all'aria aperta conosciuto come 'caccia alla volpe' che permetteva ai partecipanti di sviluppare abilità di ricerca attraverso un ricevitore radio, una bussola e una mappa

da RT Nelle reti sociali russe sta circolando una fotografia di un numero della rivista sovietica ‘Ogoniok’...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

«La FAO smentisce le menzogne sul Venezuela»

L'economista Miguel Angel Ferrer spiega attraverso TeleSur perché il parere della FAO a favore del Venezuela ha importanza capitale nella guerra mediatica contro la patria di Hugo Chávez

L’economista e professore di Economia Politica, fondatore e direttore del Centro Studi di Economia e...
Notizia del:

Argentina, Cristina Kirchner denuncia: «Non avrei mai pensato di tornare a vivere in un paese con prigionieri politici»

L'ex presidente dell'Argentina interviene collegata in videoconferenza a un dibattito sulla carcerazione arbitraria di Milagro Sala

«Non avrei mai creduto di tornare a vivere in un paese con prigionieri politici», così si...
Notizia del:     Fonte: Tass

Lavrov: La situazione del Medioriente frutto di un “atteggiamento ignorante e poco professionale” dell’Occidente

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato, oggi, che il cambio di potere in Siria deve essere il risultato di elezioni, in quanto, in caso contrario, il paese corre il rischio di ripetere il destino della Libia, ha riferito l’agenzia TASS.

"I partner dicono: 'Cerchiamo di risolvere il problema della Libia, della Siria e dell’Iraq, organizziamo...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

La Nato e il «golpe» turco. L'analisi di Manlio Dinucci

  di Manlio Dinucci, il manifesto 19 luglio 2016   Erdogan in fuga che vola sull’Europa alla ricerca di un governo che gli conceda l’asilo politico, i golpisti ormai...
Notizia del:

Kerry tra minacce ad Ankara e sarcasmo: "La Nato ha il requisito del rispetto della democrazia"

  Il Segretario di Stato degli Stati Uniti, John Kerry, ha invitato formalmente il governo turco a rispettare i principi democratici dopo il colpo di stato militare fallito. Lo riporta il Washington...
Notizia del:

Tutte le cose che (incredibilmente) ancora non tornano nella strage di Nizza

Piccole Note «Nizza è la città più sorvegliata di Francia, con le sue 1.250 telecamere, una ogni 274 abitanti. E infatti i movimenti del tir guidato da Mohamed Bouhlel...
Notizia del:

Attentato a Nizza, quando i media alimentano il mito dell’Isis

  Con il passare delle ore, scompaiono i membri del commando terrorista che sparava sulla folla, mentre il camion investiva gente, scompaiono quelle armi pesanti “ritrovate” nel...
Notizia del:     Fonte: Contropiano

Nizza: 1984, sta accadendo ora

da Contropiano.org In “1984” Orwell ci raccontava di un mondo in cui la guerra era percepita dalla popolazione attraverso tre modalità: 1) le immagini sugli schermi...
Notizia del:

Il patto d’acciaio Nato-Ue: la cambiale in bianco in mano agli Stati uniti

  Manlio Dinucci* - Il manifesto, 12 luglio 2016   «Di fronte alle sfide senza precedenti provenienti da Est e da Sud, è giunta l’ora di dare nuovo impeto e...
Notizia del:

Iraq, il Rapporto Chilcot e il ruolo dell'Italia nel 2003: una riflessione (ancora assente)

  Alla luce del rapporto Chilcot che ha condannato l'invasione anglo-americana dell'Iraq nel 2003 che ha destabilizzato la regione, creando un vuoto che è stato presto riempito...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa