/ Troupe giornalistica russa filma le fortificazioni e carriarmati ...

Troupe giornalistica russa filma le fortificazioni e carriarmati turchi al confine con la Siria

Troupe giornalistica russa filma le fortificazioni e carriarmati turchi al confine con la Siria
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Una troupe televisiva russa di REN TV è riuscita ad ottenere in video la prova dell'aumento della presenza militare della Turchia sul confine siriano. (Qui il video)

REN-TV ha registrato il momento in cui le munizioni vengono consegnate alle posizioni turche, che bombardano le postazioni curde in Siria. C'erano almeno sei o sette carri armati nella zona e le forze turche al confine possono entrare in Siria in un istante, sottolineano i giornalisti.
 
I giornalisti di REN-TV hanno parlato con la gente del posto per lo più curdi, che hanno apertamente accusato la Turchia di essere "amica" con i combattenti dello Stato Islamico.
 
I residenti anche fornito prove che dimostrano come la Turchia e le forze dello Stato islamico avevano aperto il fuoco contro la gente del posto che cercava di fuggire dalla zona - e poi rubato le loro auto.

Inoltre, nella città di Jarabulus, che si trova nel nord della Siria, vicino al confine con la Turchia, i residenti hanno detto ai giornalisti che le case locali vengono distrutte dai carri armati turchi.

Durante la prima notte del cessate il fuoco in Siria, più di 200 combattenti dello Stato Islamico hanno attraversato il confine con la Turchia in Siria e altri 100 sono venuti su dalla città siriana di Raqqa prima di unirsi nei pressi del Kurdistan.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

La transizione multipolare è l’unico argine al dominio di Washington. (I)

"Le mosse del trittico cinese-russo-iraniano sono un’effettiva contromossa alla guerra ibrida di tipo finanziaria-culturale dell’occidente"

di Federico Pieraccini   Il logoramento dell’influenza degli Stati Uniti in luoghi chiave...
Notizia del:

La lotta di classe in corso in Francia e Belgio per spezzare le catene dell'euro

In Francia e in Belgio è in corso una grande mobilitazione contro l'austerità e le “riforme” del lavoro.   Da settimane, con una bassissima copertura mediatica...
Notizia del:

Venezuela, l'unione civico-militare a difesa delle conquiste sociali della Costituzione bolivariana

“ Questa è un’attività di prevenzione di qualunque attività controrivoluzionaria. In questi otto anni di esistenza della milizia popolare abbiamo imparato a svolgere azione di intelligence comunale, di vigilanza alle centrali elettriche e agli stabilimenti commerciali. L’unione civico-militare è una dottrina pacifica del popolo organizzato. Prima della difesa con le armi, viene quella del convincimento e delle idee. Non è tempo di tradimento, ma di lealtà”.

di Geraldina Colotti* - il Manifesto Caracas, 22 maggio I manifestanti avanzano, un muro di scudi in plexiglas...
Notizia del:

Natalino Balasso: "Allarme migrazione fuori controllo: ma perché allora dagli anni '70 l'Italia ha lo stesso numero di abitanti?"

di Natalino Balasso* Leggo nel rapporto "Migrantes" che nel 2014 più di 40.000 stranieri sono giunti in Italia. Bisogna fare qualcosa contro le invasioni massicce di stranieri...
Notizia del:

"Si tratta di un artificio armato da settori dell’oligarchia in questo paese". Dichiarazione del Governo di Cuba sul golpe in Brasile

Dichiarazione del Governo rivoluzionario di Cuba   Il Governo Rivoluzionario della Repubblica di Cuba ha denunciato reiteratamente il colpo di Stato parlamentare-giudiziario, camuffato...
Notizia del:

"Eurovision Contest", quando la russofobia si tinge di Pop

di Marco Montoro* - analysis8860    La televisione, in particolare alcune sue sottoforme contemporanee - nel caso in questione il contest internazionale no borders di “Eurovision”-...
Notizia del:

Venezuela: quanto sono credibili le minacce di Uribe di un intervento armato internazionale?

"È chiaro il motivo per cui le grandi potenze, a partire dagli USA, hanno gli occhi fissi sul Venezuela e dunque il pericolo di una invasione è concreto".

Attilio Folliero*, umbrevei.blogspot Caracas 16/05/206   Lo scorso 13 maggio, il Presidente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa