/ "L'Italia dichiarerà guerra più facilmente con la riforma del Sen...

"L'Italia dichiarerà guerra più facilmente con la riforma del Senato di Renzi". L'allarme di Rete italiana per il disarmo

L'Italia dichiarerà guerra più facilmente con la riforma del Senato di Renzi. L'allarme di Rete italiana per il disarmo
 

Vignarca: “Saranno sufficienti i voti del partito di maggioranza alla Camera per dichiarare lo stato di guerra”

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In Italia sarà più facile dichiarare lo stato di guerra con la riforma del Senato. L’allarme è stato lanciato dalla Rete Italiana per il Disarmo che evidenzia come la riforma istituzionale voluta dal governo Renzi, contenga anche la modifica dell’articolo 78 della Costituzione che recita: “Le Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al Governo i poteri necessari”.
 
La revisione dell’articolo 78 si rende necessaria per effetto della trasformazione dell’attuale Senato in Camera delle autonomie, un’assemblea non elettiva. Con tale modifica anche consiglieri regionali e sindaci avrebbero ottenuto  il potere di decidere dello stato di guerra del Paese e si è quindi deciso di escludere il Senato dalla deliberazione prevista dall’art. 78. Il risultato è che la decisione dello stato di guerra viene attribuita alla sola maggioranza semplice, ovvero quella che ha conferito la fiducia al governo.  Il rischio che ne deriva è quello che la dichiarazione dello “stato di guerra” sia affidata solo ai deputati e che, quindi, la decisione venga presa, di fatto, soltanto con i voti del partito di maggioranza alla Camera.  
 
“E’ inaccettabile che una minoranza rispetto al Paese e all’elettorato prenda la decisione di far entrare l’Italia in guerra”, spiega il coordinatore di Rete Italiana per il Disarmo, Francesco Vignarca che ricorda  come si tratta di “questioni fondative della nostra Repubblica: chi ha scritto la nostra Costituzione sapeva bene cosa fosse la guerra e per questo il ripudio era netto. Chiediamo di poter riaprire una discussione politica e pubblica su questi argomenti a cominciare dall’articolo 78 e dall’articolo 11 della Costituzione dove chiaramente si dichiara che ‘l’Italia ripudia la guerra’”.
 
“Siamo stupiti che una modifica così rilevante venga attuata quasi recependo in automatico, con modalità da burocrate”, aggiunge Vignarca -. Vorremmo che su questo tipo di variazioni e su questo tema si aprisse una discussione più generale per capire cosa vuol dire ripudio della guerra e quali meccanismi mettere in pista. La soluzione immediata potrebbe essere alzare il quorum in modo che sia più qualificato, perché altrimenti il rischio è che ci vogliano meno voti per dichiarare lo stato di guerra che per eleggere il presidente della Repubblica”. 

“Non è nostra intenzione sostenere che la modifica proposta dal Governo sia intesa ad avere più facile accesso ad una eventuale dichiarazione di guerra. Non crediamo che sia quello l'obiettivo, ma comunque sottolineiamo con preoccupazione una discussione che, su un tema così importante, ci appare quantomeno superficiale. Quello che potrebbe accadere - conclude Vignarca - è la sospensione del corso naturale della democrazia e la riattivazione del codice militare”. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Amnesty International e il Venezuela: una lettera critica al portavoce italiano R. Noury

Signor Riccardo Noury, Portavoce e responsabile della comunicazione di Amnesty International Italia con grande rammarico e preoccupazione apprendiamo come la sua organizzazione sia tornata a prestare...
Notizia del:

L'inserto di oggi di "Repubblica", l’ennesima marchetta mediatica al Dipartimento di Stato Usa

di Sergio Cararo* - Contropiano Proprio ieri avevamo riferito di come il Dipartimento di Stato Usa – direttamente o attraverso sue agenzie – spenda milioni di dollari per sostenere...
Notizia del:

Laura Boldrini, Basta Bufale

“Ci siamo occupati di fake news da tempi non sospetti”, esordisce così Laura Boldrini che oggi alla Camera ha chiamato alle armi la cavalleria pesante nella corsa verso la limitazione...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano e il Venezuela: il giornale di Travaglio si conferma la migliore "sponda dell'interventismo"

Nel giorno in cui Papa Francesco al giornalista di Antenna 3, Antonio Pelayo, dichiara: "Non si è risolta perché le proposte non sono state accettate e so che ora si sta insistendo...
Notizia del:

Propaganda di guerra contro il Venezuela. La ragazza di Tachira uccisa da un militante dell'opposizione. Non lo scrive nessuno in Italia!

#Venezuela Per giorni tutti i media a parlare della povera ragazza uccisa nel Tachira dai violenti collettivi rossi. Ieri la notizia bomba: arrestato l'assassino, è un militante della opposizione...
Notizia del:

Venezuela. Detenuti confessano e fanno i nomi dei deputati dell'opposizione che hanno finanziato le violenze e il vandalismo

Da Telesur Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro ha annunciato questa domenica che le agenzie di sicurezza statali hanno le prove che collegano la leadership dell'opposizione agli atti di...
Notizia del:

L'unilateralismo di Washington in Siria mina le Nazioni Unite. Hans Blix, capo della Commissione Onu incaricata di cercare in Iraq le armi di distruzione di massa

 Washington avrebbe dovuto aspettare i risultati di una inchiesta imparziale e un'autorizzazione internazionale prima di colpire la Siria unilateralmente con il pretesto di aver usato armi chimiche,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa