/ "DUNQUE L’OCCIDENTE VUOLE CHE L’ISIS PRENDA SIRIA, IRAQ, YEMEN…?"...

"DUNQUE L’OCCIDENTE VUOLE CHE L’ISIS PRENDA SIRIA, IRAQ, YEMEN…?". L'appello di tre associazioni

DUNQUE L’OCCIDENTE VUOLE CHE L’ISIS PRENDA SIRIA, IRAQ, YEMEN…?. L'appello di tre associazioni
 

Il ministro Alfano ha detto in Parlamento: “Facciamo parte della grande comunità occidentale che combatte al meglio il terrorismo”. Doveva dire: “La comunità occidentale che aiuta al meglio il terrorismo”.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
L’urgenza è assoluta. L’avanzata mortale del sedicente Stato islamico e di altri gruppi fanatici in Siria e Iraq – ma anche in Yemen - può finire di uccidere il Medioriente ed è il frutto della complicità e cecità dei paesi Nato e delle petromonarchie loro alleate. Il documento che segue, firmato da tre organizzazioni di attivisti e fondato su fatti inequivocabili, intende lanciare l’allarme. Si rivolge a tutti. Tutti possono agire. Basta con l’inerzia degli ultimi anni. I popoli e i movimenti devono far pressione sui governi coinvolti in questa immane tragedia affinché si dissocino e boicottino chi l’ha provocata e ne è tuttora complice diretto o indiretto. Ma ci rivolgiamo anche ai paesi non occidentali (popoli e governi), affinché prendano in mano la situazione, isolando appunto i responsabili diretti e indiretti. (Marinella Correggia)
 
DUNQUE L’OCCIDENTE VUOLE CHE L’ISIS PRENDA SIRIA, IRAQ, YEMEN…? 
 
L’evidente incapacità della sedicente “coalizione internazionale anti-Isis” di fronte all’avanzata di terroristi – non solo Isis - in Siria e Iraq è forse frutto di una strategia? Il ministro Alfano ha detto in Parlamento: “Facciamo parte della grande comunità occidentale che combatte al meglio il terrorismo”. Doveva dire: “La comunità occidentale che aiuta al meglio il terrorismo”.
 
Perché in Iraq a Ramadi nella provincia di Anbar la sedicente coalizione anti-Isis non è riuscita a fermare con bombardamenti aerei una visibilissima e isolata colonna motorizzata di terroristi armati nel deserto iracheno? Come mai gli Usa hanno intimato giorni fa al governo iracheno di respingere nelle retrovie le milizie sciite anti-Isis, e lo stesso è accaduto a Tikrit?
 
Come mai l’Italia non vede quel che sta succedendo a Palmira e in tante altre parti della Siria dove l’avanzata dei terroristi lascia una scia di assassini settari? Come mai non vede che se le forze jihadiste prenderanno il paese, la mattanza in corso si estenderà dappertutto assumendo dimensioni inimmaginabili di vendetta settaria e catastrofe umanitaria? Presto non ci sarà un luogo dove fuggire. L'unica forza residua che può contrastare questa funesta prospettiva è il governo e l’esercito siriano, in grave difficoltà per la mancanza di rifornimenti e – ormai - la scarsità di uomini. Quindi esortiamo i governi coinvolti a far  prevalere la ragione. Mettere da parte ogni considerazione di natura politica e salvaguardare la vita umana: il pericolo che incombe non è solo un pericolo per i siriani, è un pericolo per tutti, è il pericolo che diciamo a parole di voler fronteggiare anche nei nostri paesi. Bisogna togliere dall'agenda l’obiettivo di rovesciare il governo siriano.
 
Perché invece l’Occidente lavora per indebolire l’esercito siriano, avversario dell’Isis, addestrando i gruppi armati islamisti – lo fanno gli Usa in Turchia e Giordania con la coalizione di salafiti, al Nusra, Fratelli musulmani detta
analisidifesa.it/2015/05/i-nostri-amici-dello-stato-islamico/)">Esercito della Conquista che controlla Idlib?
 
Perché l’Italia e i paesi occidentali non interrompono le collusioni dirette e indirette che favoriscono l’avanzata delle forze jihadiste in Siria e Iraq, dove diversi membri della sedicente coalizione anti-Isis (Arabia saudita, Turchia, Qatar, Stati uniti) continuano ad appoggiare – violando oltretutto il diritto internazionale l’avanzata di gruppi terroristi rifornendoli di armi e denaro, facendoli passare attraverso le frontiere, addestrandoli? Del resto da documenti statunitensi de-secretati, questa strategia in funzione antiAssad era già portata avanti dall’Intelligence Defence Agency nel 2012.
 
Perché il sedicente  “Gruppo di lavoro per il contrasto al finanziamento dello Stato islamico” presieduto da Arabia Saudita, Italia e Stati uniti non fa nulla? Doveva contrastare lo sfruttamento delle risorse della regione (petrolio, beni archeologici, depositi bancari trafugati), interrompere il flusso di fondi dall’estero (donazioni o riscatti). In due mesi ha forse fatto il contrario? L’Isis ottiene quel che vuole ed “esporta” petrolio.  A chi?
 
Perché l’Italia ha come primo acquirente di armi l’impresentabile Arabia saudita con  il rischio che i sauditi regalino armi italiane all’Isis o ad altri gruppi terroristi? Secondo lo stesso ex ambasciatore statunitense in Siria Robert Ford, ha praticamente fondato - con consenso Usa - l’Isis nella regione per destabilizzare Siria e Iraq, alleati dell’Iran. 
Perché  l’Italia non si è opposta ai bombardamenti dell’Arabia saudita sullo Yemen che hanno causato moltissimi morti civili e danni enormi in un paese povero, favorendo al Qaeda? Perché l’Italia continua a essere complice della distruzione di interi paesi?
 
Perché la sedicente Coalizione anti-Daesh raduna i padrini di tutte le al Qaede, Stati che hanno alimentato, protetto, foraggiato, politicamente agevolato i gruppi terroristi? Prima con la guerra di Bush in Iraq. Poi con la guerra della Nato in Libia nella quale la Nato fece da aviazione a gruppi estremisti poi migrati nell’Isis. Poi con il sostegno a “ribelli” siriani. 


Rete No War,
Coordinamento nazionale SiriaPax,
Assadakah Centro italo-arabo e del Mediterraneo


hanno aderito all'appello anche: 
Syria Solidarity Movement  
Comitato contro la guerra di Milano
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Governo Renzi, ormai "lobbista" dichiarato del TTIP

di Alessandro Bianchi Come vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi, esistono oggi in Italia due principali sponsor degli interessi internazionali che “chiedono” il famigerato TTIP,...
Notizia del:

Le dieci bugie russofobe dell’ultimo rapporto dell’ECFR di Soros

Un commento a “Russia 2030: a story of great power dreams and small victorious wars”, scritto da Fredrik Wesslau e Andrew Wilson

di Eugenio Cipolla   Quello che segue non vuole essere un manifesto pro-Russia. Chi scrive sa benissimo...
Notizia del:

Dati Istat. Il crollo industriale ha una causa: l'euro

Leggiamo dall'Ansa di questa mattina come il fatturato dell'industria italiana "segna a marzo il peggiore calo tendenziale a partire da agosto 2013, con una riduzione del 3,6% rispetto all'anno...
Notizia del:

Venezuela, perché non vi indignate per queste foto brutali?

di Alessandro Bianchi Viviamo in un mondo al contrario. Chi gestisce i mezzi di comunicazione riesce a manipolare la vostra percezione al punto che quando sentite una menzogna alla terza volta fa...
Notizia del:

PRIME FOTO: militari egiziani pubblicano le prime foto dell'EgyptAir A320

L'aereo EgyptAir A320 partito dall'aeroporto Charles de Gaulle alle 21:09del 18 maggio e diretto verso la città egiziana del Cairo (atterraggio previsto nella capitale egiziana a 01:04...
Notizia del:

Non ve l'hanno detto, ma da anni l'Unione Europea viola i diritti umani in Siria. Possiamo fermarla, ma c'è poco tempo.

Il 23 maggio, lunedì, a vostra insaputa, il regime di Bruxelles prorogherà l'embargo contro la popolazione siriana. Sei disposto ad accettarlo ancora?

Il 23 maggio, il prossimo lunedì, il Consiglio europeo a livello di ministri degli affari esteri si...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano sostiene il TTIP?

  Sergio Feltri, montiano di ferro e vice-direttore del Fatto Quotidiano, ha utilizzato una specie di editoriale per spiegare come il TTIP alla fine sia proprio quello di cui l'Italia abbia...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa