/ Hacherata l'e-mail di Soros: indovinate chi è che decide il nuovo...

Hacherata l'e-mail di Soros: indovinate chi è che decide il nuovo corso dell'Ucraina?

Hacherata l'e-mail di Soros: indovinate chi è che decide il nuovo corso dell'Ucraina?
 

A Poroshenko promette: "Io sono pronto a chiamare Jack Lew del Tesoro degli Stati Uniti”

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Pochi giorni dopo aver annuciato l'inizio di una terza guerra mondiale, a meno che gli Usa non facciano marcia indietro e il FMI accetti lo yuan come moneta di riserva, George Soros torna nuovamente protagonista, suo malgrado: il gruppo hacker CyberBerkut ha pubblicato una serie di e-mail del tycoon dove emerge come il vero burattinaio che muove tutte le fila del percorso politico in Ucraina sia lui. 
 
In 3 documenti molto importanti pubblicati dopo aver violato la corrispondenza tra Soros e il presidente ucraino Poroshenko, si evince come il miliardario abbia delineato "una strategia globale a breve e medio termine per la nuova Ucraina," esprime la sua fiducia nel fatto che gli Stati Uniti dovrebbero fornire all'Ucraina assistenza militare “non letale”, "con lo stesso livello di sofisticazione in armi di difesa di adattare il livello di forza avversaria," e, infine, ha spiegato a Poroshenko come "la prima priorità deve essere quella di riprendere il controllo dei mercati finanziari", garantendogli l'appoggio della Fed e con l'impegno preciso: "Io sono pronto a chiamare Jack Lew del Tesoro degli Stati Uniti”.
 
CyberBerkut, riporta in modo dettagliato il blog Zero hedge, sostiene di aver penetrato il sito dell'amministrazione presidenziale in Ucraina e ottenuto la corrispondenza tra Soros e il presidente ucraino Petro Poroshenko. Ha poi pubblicato tutti i documenti PDF intercettati on line al seguente indirizzo. Secondo i documenti trapelati, Soros sostiene la posizione di Barack Obama sull'Ucraina, ma ritiene che gli Stati Uniti dovrebbero fare ancora di più.
 
Tra le altre cose, nei documenti trapelati si sostiene come le autorità ucraine abbiano chiesto di "ristabilire una parvenza di stabilità monetaria, il funzionamento del sistema bancario" e "mantenere l'unità tra i vari rami del governo" al fine di ricevere assistenza da alleati stranieri.
 
Soros ritiene che spetti all'Unione europea sostenere Kiev con aiuti finanziari, sottolineando che "l'Europa deve raggiungere un nuovo accordo quadro che consentirà alla Commissione europea di destinare fino ad un 1 miliardo all'anno in Ucraina."
  
“La vostra prima priorità deve essere quella di recuperare il controllo dei depositi finanziari mercati bancari e dei tassi di cambio. A meno che non lo fate, non avrete modo di intraprendere riforme più profonde. Credo che la situazione potrebbe essere stabilizzata ottenendo dal Consiglio europeo un impegno sul nuovo piano di salvataggio da 15 miliardi dollari del FMI, necessario al fine di rilasciare la nuova tranche del suo pacchetto originale alla fine di gennaio 2015. Sulla base di tale impegno la Federal Reserve potrebbe estendere un accordo di tre mesi di swap da 15 miliardi dollari con la Banca Nazionale di Ucraina. Ciò rassicurarerebbe i mercati ed evitarebbe il panico” E ancora: “Sono pronto a chiamare Jack Lew del Tesoro degli Stati Uniti”.... e statene certo il Segretario al Tesoro a quella telefonata risponderà.

Qui potete leggere il testo delle varie lettere che legano Soros alla Nuland e quindi al Dipartimento di Stato americano in modo indissolubile.
 
Se anche dopo queste dichiarazioni non vi siete convinti che il colpo di stato del febbraio 2014 a Kiev non abbia una lunga gestazione nelle segrete stanze di Usa e Ue (e quindi la finanza internazionale che muove le scelte dei burattinai a Washington); se ancora credete che il governo fantoccio di Poroshenko abbia intrapreso un percorso di “democrazia” e “libertà” e se non avvertite, infine, l'urgenza di impedire il progetto criminale, spalleggiato da Soros, di portare la Nato in Ucraina, allora vi meritate la politica estera di Renzi, Gentiloni e Mogherini e vi meritate di essere informati da Repubblica, Corriere della sera o sprechi ambientali simili.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Le dieci bugie russofobe dell’ultimo rapporto dell’ECFR di Soros

Un commento a “Russia 2030: a story of great power dreams and small victorious wars”, scritto da Fredrik Wesslau e Andrew Wilson

di Eugenio Cipolla   Quello che segue non vuole essere un manifesto pro-Russia. Chi scrive sa benissimo...
Notizia del:

Dati Istat. Il crollo industriale ha una causa: l'euro

Leggiamo dall'Ansa di questa mattina come il fatturato dell'industria italiana "segna a marzo il peggiore calo tendenziale a partire da agosto 2013, con una riduzione del 3,6% rispetto all'anno...
Notizia del:

Venezuela, perché non vi indignate per queste foto brutali?

di Alessandro Bianchi Viviamo in un mondo al contrario. Chi gestisce i mezzi di comunicazione riesce a manipolare la vostra percezione al punto che quando sentite una menzogna alla terza volta fa...
Notizia del:

PRIME FOTO: militari egiziani pubblicano le prime foto dell'EgyptAir A320

L'aereo EgyptAir A320 partito dall'aeroporto Charles de Gaulle alle 21:09del 18 maggio e diretto verso la città egiziana del Cairo (atterraggio previsto nella capitale egiziana a 01:04...
Notizia del:

Non ve l'hanno detto, ma da anni l'Unione Europea viola i diritti umani in Siria. Possiamo fermarla, ma c'è poco tempo.

Il 23 maggio, lunedì, a vostra insaputa, il regime di Bruxelles prorogherà l'embargo contro la popolazione siriana. Sei disposto ad accettarlo ancora?

Il 23 maggio, il prossimo lunedì, il Consiglio europeo a livello di ministri degli affari esteri si...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano sostiene il TTIP?

  Sergio Feltri, montiano di ferro e vice-direttore del Fatto Quotidiano, ha utilizzato una specie di editoriale per spiegare come il TTIP alla fine sia proprio quello di cui l'Italia abbia...
Notizia del:

"Made in Usa": i tre indizi chiave del coinvolgimento statunitense nel golpe in Brasile

  “Non pensavo sarebbe stato necessario combattere ancora contro un colpo di stato in questo paese”. Queste sono state le prime parole della Presidenta Dilma dopo essere stata destituita...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa