/ Il Segretario della Nato parla a Davos e ci ricorda perché dobbia...

Il Segretario della Nato parla a Davos e ci ricorda perché dobbiamo uscirne il prima possibile

Il Segretario della Nato parla a Davos e ci ricorda perché dobbiamo uscirne il prima possibile
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La NATO aumenta il suo potenziale militare, al fine di prevenire i conflitti e gli attacchi contro un ipotetico aggressore e non perché ha obiettivi reali. Sembrano dichiarazioni prive di senso. Ma se considerate che a farle sia stato il segretareio di un'organizzazione senza senso tutto torna.

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nel contesto di un discorso al Forum di Davos ha poi dichiarato. "Nel lungo periodo, l'organizzazione si potrebbe adattare a seconda della situazione. Si potrebbero affrontare sfide quali la guerra nucleare. Il contenimento al fine di essere forti è quello che fa la NATO. Perché crediamo che se rimaniamo forti possiamo contenere o prevenire la guerra". 

Se avessimo media liberi in questo paese, ogni giorno si manterrebbe l'allerta su quello che significa per un paese come l&# 39;Italia proseguire ad essere un membro della Nato con decine di basi nel nostro territorio. Il suo segretario parla con non curanza di guerra nucleare (che avverrebbe sul territorio europeo) e che il riarmo serve a impedire la guerra. Un po' come che le fest

Secondo la strategia di sicurezza russa pubblicata nel 2016, l'espansione della NATO ai confini della Russia è considerata come una delle principali minacce per il paese. Con questa infografica qui sotto capite il rischio che stiamo correndo e la strategia criminale di voler continuare ad accerchiare la Russia ai suoi confini. Il potenziale ingresso dell'Ucraina sarebbe il casus belli e a quel punto rimpiangeremo per sempre di non essere usciti in tempo da quest'organizzazione criminale: 



P.s cosa resta di difensivo in questa strategia della Nato?

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

11 settembre, Afghanistan - Immagini esclusive dell'AntiDiplomatico: il paese dopo 16 anni di colonialismo Usa

16 anni fa quattro aerei e diciannove kamikaze, la maggior parte dei quali di origine saudita, hanno segnato l'inizio della guerra al terrorismo. Invece che colpire i mandanti, i sauditi, l'occidente...
Notizia del:

Botte da orbi o “volemose bene”?

  Botte da orbi da parte delle “forze dell’ordine” a Roma contro richiedenti asilo che, dopo essere stati cacciati da un palazzo che avevano occupato, cercavano, nei giardinetti...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa