/ Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del "terrorismo ...

Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del "terrorismo occidentale"

Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del terrorismo occidentale
 

La rilevazione del WSJ, confermata dal governo: Sigonella a disposizione per attacchi droni Usa ("i più grandi atti di terrorismo della storia dell'umanità")

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Alessandro Bianchi
 
Come se fosse la cosa più normale al mondo oggi la stampa italiana riporta una rivelazione del  “Wall Street Journal” che recita così: “droni americani autorizzati a partire da basi italiane”. 
 
ll primo ministro Renzi ha dovuto confermare la notizia con queste parole a Rtl 102.5: “se si tratta di fare iniziative contro dei terroristi c'è uno stretto rapporto tra noi, gli americani e gli altri alleati”.  E anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti in un'intervista al Messaggero di oggi ha assecondato il volere dell'”alleato”: «La base di Sigonella è utilizzata dagli Stati Uniti secondo un trattato che risale al 1951. Ogni volta che si configurano assetti nuovi, parte una richiesta. Nulla di strano. C’è stato bisogno di una serie di interlocuzioni, perché l’Italia dev’essere coinvolta con un ruolo di leadership e di coordinamento in una strategia di sicurezza complessiva rispetto alla Libia». E, infine, Gentiloni sempre il più goffo e servile di tutti all'interno del governo: “la possibilità che le basi vengano utilizzate per operazioni antiterrorismo non è preludio a un intervento militare".
 
Con un alone imbarazzante di tranquillità sullo sfondo e senza nessun commento di critica a questa decisione, si sottolinea poi che l'autorizzazione sarà data caso per caso, in difesa delle truppe Usa e senza comunicazione obbligatoria al Parlamento. Come se servisse ancora a qualcosa, del resto. I droni partiranno da Sigonella. 
 
Lo strumento di morte più atroce della storia recente era già presente nella base siciliana, ma, fino ad oggi, con la sola autorizzazione per missioni di ricognizioni non armate. Da ora utilizzeranno tutta la loro atrocità partendo dall'Italia.
 
Cosa sono i droni e cosa hanno prodotto? Passiamo, in poche parole, alla parte della storia che sui giornali manca, quella che ha trasformato gli Stati Uniti nello stato terrorista più atroce della storia recente. Sono parole non nostre, ma di Noam Chomsky, il più grande intellettuale statunitense vivente, che ha dichiarato in più occasioni che “Gli attacchi con droni e le guerre alimentate da Washington sono i più grandi attacchi terroristici della storia dell’umanità”.  
 
Quarantacinque ex militari statunitensi, tra cui un colonnello dell'esercito in pensione, hanno pubblicato un appello congiunto ai "piloti" di droni che operano in Afghanistan, Iraq, Pakistan, Siria e altrove, chiedendo loro di rifiutare di svolgere i propri compiti, sostenendo che le “missioni” “violano profondamente le leggi nazionali e internazionali". Queste le loro parole: "Almeno 6.000 vite sono state ingiustamente spezzate dagli attacchi dei droni statunitensi in Afghanistan, Pakistan, Yemen, Somalia, Iraq, Filippine, Libia e Siria. Questi attacchi minano i principi del diritto internazionale e dei diritti umani".

I dati di questa carneficina, dimenticati dai media, e l'atrocità in questo video:

 
Di questo “terrorismo” come lo definisce correttamente Chomsky, Renzi, Pinotti e Gentiloni ne sono da oggi responsabili diretti. Lo strumento di morte più efferrato della storia recente partirà da oggi dall'Italia per concludere le sue operazioni di terrorismo, non anti-terrorismo, in Libia. E, statene certi, quando torneranno a Sigonella avrà trasformato cittadini in nuovi jihadisti pronti a vendicare la morte di un loro parente in ogni modo.
 
Ma, l'aspetto più interessante e tralasciato da molti organi di stampa sulla rilevazione del WSJ è la tempistica sull'"accordo": “gli Stati Uniti provavano da oltre un anno a convincere l'Italia a permettere loro di compiere questo tipo di operazioni partendo da Sigonella”. Da oltre un anno? L'accordo secondo il Wsj è stato siglato a gennaio. E allora è stato un caso che il governo Renzi abbia traballato a fine dicembre con il caso di Banca Etruria, finito in tutte le prime pagine dei giornali e con la Boschi costretta a presentarsi in aula per il caso mediatico sollevato? E, infine, è un caso che da gennaio nessun organo di stampa si ricorda più che c'è un caso Banca Etruria in Italia?
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa