/ Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del "terrorismo ...

Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del "terrorismo occidentale"

Renzi e Gentiloni, da oggi, diretti responsabili del terrorismo occidentale
 

La rilevazione del WSJ, confermata dal governo: Sigonella a disposizione per attacchi droni Usa ("i più grandi atti di terrorismo della storia dell'umanità")

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Alessandro Bianchi
 
Come se fosse la cosa più normale al mondo oggi la stampa italiana riporta una rivelazione del  “Wall Street Journal” che recita così: “droni americani autorizzati a partire da basi italiane”. 
 
ll primo ministro Renzi ha dovuto confermare la notizia con queste parole a Rtl 102.5: “se si tratta di fare iniziative contro dei terroristi c'è uno stretto rapporto tra noi, gli americani e gli altri alleati”.  E anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti in un'intervista al Messaggero di oggi ha assecondato il volere dell'”alleato”: «La base di Sigonella è utilizzata dagli Stati Uniti secondo un trattato che risale al 1951. Ogni volta che si configurano assetti nuovi, parte una richiesta. Nulla di strano. C’è stato bisogno di una serie di interlocuzioni, perché l’Italia dev’essere coinvolta con un ruolo di leadership e di coordinamento in una strategia di sicurezza complessiva rispetto alla Libia». E, infine, Gentiloni sempre il più goffo e servile di tutti all'interno del governo: “la possibilità che le basi vengano utilizzate per operazioni antiterrorismo non è preludio a un intervento militare".
 
Con un alone imbarazzante di tranquillità sullo sfondo e senza nessun commento di critica a questa decisione, si sottolinea poi che l'autorizzazione sarà data caso per caso, in difesa delle truppe Usa e senza comunicazione obbligatoria al Parlamento. Come se servisse ancora a qualcosa, del resto. I droni partiranno da Sigonella. 
 
Lo strumento di morte più atroce della storia recente era già presente nella base siciliana, ma, fino ad oggi, con la sola autorizzazione per missioni di ricognizioni non armate. Da ora utilizzeranno tutta la loro atrocità partendo dall'Italia.
 
Cosa sono i droni e cosa hanno prodotto? Passiamo, in poche parole, alla parte della storia che sui giornali manca, quella che ha trasformato gli Stati Uniti nello stato terrorista più atroce della storia recente. Sono parole non nostre, ma di Noam Chomsky, il più grande intellettuale statunitense vivente, che ha dichiarato in più occasioni che “Gli attacchi con droni e le guerre alimentate da Washington sono i più grandi attacchi terroristici della storia dell’umanità”.
 
 
Quarantacinque ex militari statunitensi, tra cui un colonnello dell'esercito in pensione, hanno pubblicato un appello congiunto ai "piloti" di droni che operano in Afghanistan, Iraq, Pakistan, Siria e altrove, chiedendo loro di rifiutare di svolgere i propri compiti, sostenendo che le “missioni” “violano profondamente le leggi nazionali e internazionali". Queste le loro parole: "Almeno 6.000 vite sono state ingiustamente spezzate dagli attacchi dei droni statunitensi in Afghanistan, Pakistan, Yemen, Somalia, Iraq, Filippine, Libia e Siria. Questi attacchi minano i principi del diritto internazionale e dei diritti umani".

I dati di questa carneficina, dimenticati dai media, e l'atrocità in questo video:

 
Di questo “terrorismo” come lo definisce correttamente Chomsky, Renzi, Pinotti e Gentiloni ne sono da oggi responsabili diretti. Lo strumento di morte più efferrato della storia recente partirà da oggi dall'Italia per concludere le sue operazioni di terrorismo, non anti-terrorismo, in Libia. E, statene certi, quando torneranno a Sigonella avrà trasformato cittadini in nuovi jihadisti pronti a vendicare la morte di un loro parente in ogni modo.
 
Ma, l'aspetto più interessante e tralasciato da molti organi di stampa sulla rilevazione del WSJ è la tempistica sull'"accordo": “gli Stati Uniti provavano da oltre un anno a convincere l'Italia a permettere loro di compiere questo tipo di operazioni partendo da Sigonella”. Da oltre un anno? L'accordo secondo il Wsj è stato siglato a gennaio. E allora è stato un caso che il governo Renzi abbia traballato a fine dicembre con il caso di Banca Etruria, finito in tutte le prime pagine dei giornali e con la Boschi costretta a presentarsi in aula per il caso mediatico sollevato? E, infine, è un caso che da gennaio nessun organo di stampa si ricorda più che c'è un caso Banca Etruria in Italia?
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Vice-direttore Fatto Quotidiano furioso sulla Brexit. "Così il voto diventa circonvenzione di incapace!"

  Nel commentare il voto referendario sulla Brexit, Stefano Feltri in un articolo sul giornale di cui è vice-direttore, il Fatto Quotidiano, ci fornisce una grande lezione di democrazia....
Notizia del:

L'Ue ha deciso di rinnovare per sei mesi le sanzioni contro la Russia

  I rappresentanti permanenti dell'Unione europea a Bruxelles hanno deciso di estendere le sanzioni economiche contro la Russia per altri sei mesi, fino alla fine di gennaio 2017.   "Possiamo...
Notizia del:

Se criticate l'Unione Europea siete nazisti: parola di Fatto Quotidiano!

di Alessandro Bianchi Alcuni nostri lettori ci hanno segnalato indignati alcune affermazioni dell'"editoriale" di oggi di Antonio Padellaro sul Fatto Quotidiano dal titolo "È...
Notizia del:

Con gli Europei di calcio, finalmente in Italia ci accorgiamo che a Parigi si lotta per il lavoro

di Ornella Bertorotta* Finalmente i giornali si accorgono che a Parigi sono in corso le più imponenti manifestazioni contro la legge sul lavoro che la Francia ricordi da anni.    Segui...
Notizia del:

ONU senza vergogna verso il popolo siriano. Nuovo rapporto Oms: "Dovete smettere di fumare"

di Robert Fisk - The Independent   Bizarro, strano, senza precedenti. Raramente puoi definire le Nazioni Unite tutte e tre le cose. L'ho fatto quando ho letto l'ultimo monito lanciato...
Notizia del:

Delcy Rodriguez: "In Venezuela, Luis Almagro non dà ordini. E 'uno strumento di interventismo"

Sessione straordinaria in corso dell'Osa sul Venezuela

Il ministro degli esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha denunciato nella giornata di martedì l'attività...
Notizia del:

Quinto articolo consecutivo: Stefano Feltri, megafono italiano del TTIP

di Alessandro Bianchi   E siamo a cinque, record assoluto. L'endorsement del Fatto Quotidiano per la firma del famigerato TTIP da parte dell'UE (e quindi dell'Italia) raggiunge...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa