/ L'ultimo dei Giornalisti

L'ultimo dei Giornalisti

L'ultimo dei Giornalisti
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Alessandro Bianchi
 
Serviva un sabato pomeriggio romano, nello storico quartiere di Testaccio, per riscoprire le vene aperte del giornalismo.
 
Gianni Minà, un gigante di una professione che ha visto lentamente morire in occidente, ha presentato, di fronte a 450 persone entusiaste accorse al Teatro Vittoria, un'intervista inedita del 2003 a Hugo Chavez Frias, l'ex presidente del Venezuela e leader della rivoluzione bolivariana. Un gigante politico dei nostri tempi, morto prematuramente tre anni fa, intervistato da un gigante del giornalismo occidentale, emarginato da questo nostro mondo che si crede libero. “Questa professione in occidente è totalmente morta. Io sono da anni che non lavoro più. Ma l'ho accettato e non mi lamento. E' il prezzo che si esercita per la libertà”.

Organizzato dall'Ambasciata del Venezuela in Italia, l'evento del Teatro Vittoria del 5 marzo resterà per chi l'ha vissuto un momento memorabile. Centinaia e centinaia di persone accorse e ipnotizzate per ore nell'ascoltare il Comandante Hugo Chavez prevedere nel 2003 il mondo di oggi. Profetizza la nascita dell'Alba, gli attacchi del neo-liberismo che non avrebbe mai accettato l'emancipazione dell'America Latina, il ruolo del petrolio come strumento di minaccia geopolitica e le destabilizzazioni mirate degli ultimi anni. Nell'ascoltare Chavez nell'intervista inedita di Minà vengono alla mente le immagini di questa settimana del fermo contro Lula, della morte di Berta Caceres in Honduras e della chiusura di Telesur in Argentina da Macri. Ascoltando le parole di Chavez che racconta il colpo di stato del 2002 in ogni singolo particolare, scorrono alla mente immediatamente le Guarimbas del 2014, la guerra economica incessante contro Caracas, i dispacci di Wikileaks sui tentativi di omicidio contro Morales partiti dall'ambasciata Usa, la destabilizzazione contro Correa e contro tutti coloro che sognano un continente di pace, sovranità, diritti e autodeterminazione. Tutto quello che il neo-liberismo non può accettare. Nell'ascoltare Chavez rispondere “io a te neanche ti ignoro” all'ex ambasciatore Usa a Caracas che lo definiva un dittatore sanguinario; nell'ascoltare, infine, il meraviglioso parallelo tra la nonna contadina che sapeva anticipare la pioggia ascoltando il vento e il suo sesto senso sul “vento del popolo”, viene in mente l'eredità più grande dell'uomo Chavez a tutta l'America Latina, un'eredità che l'ha reso immortale: l'aver gettato il seme della consapevolezza in un intero continente. Quella consapevolezza che un popolo informato, istruito e sovrano possa e potrà sempre spezzare le catene della schiavitù in qualunque momento. L'America Latina è stato per anni un esperimento della schock economy, a cui sono state iniettate overdose di neo-liberismo. Non potrà più avvenire.
 
Tutto questo ci ha raccontato Gianni Minà sabato al Teatro Testaccio, ridicolizzando pseudo-giornalisti e pseudo politici che dall'occidente pontificano su tutto e vengono ridicolizzati continuamente, da ultimo con il “terrorista” Castro che ha mediato un incontro religioso che mancava da mille anni. Per questo sono profondamente grato a un uomo che la “libera” informazione occidentale ha messo ai margini: Gianni Minà, l'ultimo dei Giornalisti. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa