/ Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso ...

Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Mosca

Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Mosca
 

La Russia mostra le foto radar del dispiegamento di missili Buk nell'est

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

L'esercito russo ha rilevato un jet da combattimento SU-25 ucraino alzarsi in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Lo ha dichiarato il capo della Direzione Operazioni fondamentali del quartier generale delle forze militari russe, il tenente generale Andrey Kartopolov in una conferenza stampa a Mosca lunedì. "Ci piacerebbe ottenere una spiegazione del perché il jet militare stava volando lungo un corridoio dell'aviazione civile, quasi allo stesso tempo e allo stesso livello di un aereo passeggeri", ha affermato. "Il jet da combattimento SU-25  è dotato di missili aria-aria R-60 in grado di colpire un bersaglio a una distanza fino a 12 km di distanza". 
 
Il Ministero della Difesa russo ha chiesto ora a Kiev di spiegare perché il jet militare stava seguendo in volo il Boing civile. Lo riporta RT, che mostra al mondo le immagini mostrate dal ministero della Difesa russo.
 
La presenza del jet militare ucraino può essere confermata da riprese video effettuate dal centro di controllo Rostov. Al momento dello schianto MH17 un satellite americano stava volando sopra l'area di Ucraina orientale, secondo il Ministero della Difesa della Russia, che ha esortato gli Stati Uniti a pubblicare le foto ed i dati acquisiti nello spazio. Inoltre, prosegue Kartapolov, il veicolo si  è schiantato nella zona di funzionamento, dove erano presenti i sistemi dell'esercito ucraino semoventi a medio raggio terra-aria "Buk 'missili. 
 
I primi tre colpi che sono stati mostrati dal generale sono datati 14 luglio. Le immagini mostrano sistemi di lancio di missili Buk a circa 8 km nord-ovest della città di Lugansk, oltre a un veicolo semovente e due lanciatori, secondo il funzionario militare. Un'altra immagine mostra una stazione radar vicino a Donetsk. Mentre la terza immagine mostra la posizione dei sistemi di difesa aerea vicino a Donetsk, dove si può vedere chiaramente il sistema semovente, circa 60 unità di attrezzature militari e speciali. "Le immagini di questa zona sono stati effettuati anche il 17 luglio.



Bisogna notare che il lanciamissili è assente [dalla scena]. Il numero dell'immagine cinque mostra come il sistema missilistico Buk la mattina dello stesso giorno nella zona di insediamento Zaroschinskoe - 50 km a sud di Donetsk e 8 km a sud di Shakhtyorsk ", ha detto il Kartapolov 
 
Nessuna unità  Buk di difesa missilistica nella regione di Donetsk, cinque chilometri a nord della città di Donetsk: La questione che deve essere risolta è il motivo per cui il sistema missilistico è apparso nella zona controllata dalle milizie locali poco prima della catastrofe, ha dichiarato il generale nel proseguo della sua Conferenza. Le immagini scattate il 18 luglio mostrano che i sistemi missilistici hanno lasciato la zona dello schianto MH17 il 17 luglio. Kartapolov ha anche sottolineato il fatto che il giorno del disastro aereo, l'esercito dell'Ucraina ha aumentato l'intensità delle stazioni radar dei sistemi missilistici Buk.  



Ovviamente, se vi è la prova che sia così, oltre ai video su YouTube chiaramente made in Cia, sarebbe un altro durissimo colpo per la politica estera degli Stati Uniti.  L'opinione pubblica mondiale si aspetta un'indagine rapida e indipendente sulle cause del disastro aereo malese nello spazio aereo ucraino. Ora Kiev risponda in tempi rapidi alle accuse russe e soprattutto gli Usa mostrino le immagini satellitare di cui sono in possesso. Nel frattempo, l'inutile e vuoto frastuono della propaganda mediatica occidentale continuerà a spingere per un intervento...
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:     Fonte: Al Manar

È morto Shimon Peres, il "macellaio di Qana"

L'ex presidente israeliano, Shimon Peres, è morto, questa notte, colpito da un ictus. I media occidentali tutti concordi nel celebrarlo come l'"uomo della pace." Da Kissinger a Obama fino Peres, la storia insegna come molti Premio Nobel siano stati consegnati a mani sporche di sangue. Proprio come quelle di Shimon Peres.

Come riferisce il portale di notizie libanese, Al Manar, Shimon Peres è nato nel 1923, da genitori emigrati...
Notizia del:

Perche' sul nostro sito non troverete neanche una riga sul 'dibattito del secolo' Trump-Clinton

Sull'AntiDiplomatico non troverete una riga sulle dichiarazioni di Hillary Clinton e Donald Trump, due facce di un regime stanco, dominato da oligarchie sanguinarie e, in ultima analisi, noioso, ripetitivo,...
Notizia del:

Cara Samantha Power, dal 2001 i criminali siete voi...

Samantha Power all'Onu: "Quello che la Russia sta sponsorizzando e facendo non è la lotta al terrorismo. E' la barbarie".   Quello che è certo, cara Samantha...
Notizia del:

In violazione dei diritti umani Madrid batte Caracas 26 a zero. Parola di Onu

L'opera di mistificazione mediatica internazionale umiliata dall'Onu in un rapporto del Comitato dei diritti umani: l'Onu approva il Venezuela e sospende la Spagna

Invece di parlare dei problemi dei propri cittadini e di una crisi sociale sempre maggiore, la campagna elettorale...
Notizia del:

L'Esercito Arabo Siriano dichiara finito il cessate il fuoco con effetto immediato.

L'Esercito Arabo siriano ha annunciato la fine del cessate il fuoco siglato da Stati Uniti e Russia il 9 settembre e entrato in vigore il 12. Lo annuncia l'agencia siriana SANA.  "Era...
Notizia del:

Carlo Azeglio Ciampi, l'uomo dell'austerità

Quando vi lamentate dell'austerità e non sapete con chi prendervela. Quando vi arrabbiate per i diritti che non avete più, ma non trovate mai un responsabile chiaro. Quando vi accorgete...
Notizia del:

VIDEO. Renzi irride il Mezzogiorno. La gaffe nascosta dai media

Uno schiaffo dato da Renzi in pieno volto alle popolazioni del sud, che avviene dopo la firma del ‘Patto per Milano’ che destinerà al capoluogo lombardo circa 2 miliardi e mezzo di euro.

di Fabrizio Verde   «Tranquilli ragazzi, stavolta ho parlato di Mezzogiorno», con queste parole...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa