/ Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso ...

Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Mosca

Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Mosca
 

La Russia mostra le foto radar del dispiegamento di missili Buk nell'est

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

L'esercito russo ha rilevato un jet da combattimento SU-25 ucraino alzarsi in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Lo ha dichiarato il capo della Direzione Operazioni fondamentali del quartier generale delle forze militari russe, il tenente generale Andrey Kartopolov in una conferenza stampa a Mosca lunedì. "Ci piacerebbe ottenere una spiegazione del perché il jet militare stava volando lungo un corridoio dell'aviazione civile, quasi allo stesso tempo e allo stesso livello di un aereo passeggeri", ha affermato. "Il jet da combattimento SU-25  è dotato di missili aria-aria R-60 in grado di colpire un bersaglio a una distanza fino a 12 km di distanza". 
 
Il Ministero della Difesa russo ha chiesto ora a Kiev di spiegare perché il jet militare stava seguendo in volo il Boing civile. Lo riporta RT, che mostra al mondo le immagini mostrate dal ministero della Difesa russo.
 
La presenza del jet militare ucraino può essere confermata da riprese video effettuate dal centro di controllo Rostov. Al momento dello schianto MH17 un satellite americano stava volando sopra l'area di Ucraina orientale, secondo il Ministero della Difesa della Russia, che ha esortato gli Stati Uniti a pubblicare le foto ed i dati acquisiti nello spazio. Inoltre, prosegue Kartapolov, il veicolo si  è schiantato nella zona di funzionamento, dove erano presenti i sistemi dell'esercito ucraino semoventi a medio raggio terra-aria "Buk 'missili. 
 
I primi tre colpi che sono stati mostrati dal generale sono datati 14 luglio. Le immagini mostrano sistemi di lancio di missili Buk a circa 8 km nord-ovest della città di Lugansk, oltre a un veicolo semovente e due lanciatori, secondo il funzionario militare. Un'altra immagine mostra una stazione radar vicino a Donetsk. Mentre la terza immagine mostra la posizione dei sistemi di difesa aerea vicino a Donetsk, dove si può vedere chiaramente il sistema semovente, circa 60 unità di attrezzature militari e speciali. "Le immagini di questa zona sono stati effettuati anche il 17 luglio.



Bisogna notare che il lanciamissili è assente [dalla scena]. Il numero dell'immagine cinque mostra come il sistema missilistico Buk la mattina dello stesso giorno nella zona di insediamento Zaroschinskoe - 50 km a sud di Donetsk e 8 km a sud di Shakhtyorsk ", ha detto il Kartapolov 
 
Nessuna unità  Buk di difesa missilistica nella regione di Donetsk, cinque chilometri a nord della città di Donetsk: La questione che deve essere risolta è il motivo per cui il sistema missilistico è apparso nella zona controllata dalle milizie locali poco prima della catastrofe, ha dichiarato il generale nel proseguo della sua Conferenza. Le immagini scattate il 18 luglio mostrano che i sistemi missilistici hanno lasciato la zona dello schianto MH17 il 17 luglio. Kartapolov ha anche sottolineato il fatto che il giorno del disastro aereo, l'esercito dell'Ucraina ha aumentato l'intensità delle stazioni radar dei sistemi missilistici Buk.  



Ovviamente, se vi è la prova che sia così, oltre ai video su YouTube chiaramente made in Cia, sarebbe un altro durissimo colpo per la politica estera degli Stati Uniti.  L'opinione pubblica mondiale si aspetta un'indagine rapida e indipendente sulle cause del disastro aereo malese nello spazio aereo ucraino. Ora Kiev risponda in tempi rapidi alle accuse russe e soprattutto gli Usa mostrino le immagini satellitare di cui sono in possesso. Nel frattempo, l'inutile e vuoto frastuono della propaganda mediatica occidentale continuerà a spingere per un intervento...
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Gli "esperti" della Camera e il Venezuela: prove "tecniche" di ingerenza golpista

Da quando il servizio studi della Camera dei Deputati produce rapporti ricalcando la propaganda dell'opposizione di un paese straniero?

Oggi, 28 luglio 2016, Hugo Chavez Frias, l'ex presidente del Venezuela e l'uomo che più di tutti...
Notizia del:

La Turchia sospende temporaneamente la Convenzione europea dei diritti dell'uomo

Il Vice primo ministro turco, Numan Kurtulmus, ha annunciato che, in linea con la dichiarazione dello stato d'emergenza per i prossimi tre mesi, Ankara sospenderà la Convenzione europea...
Notizia del:

Il monito del procuratore nazionale antimafia Roberti sul terrorismo

di Fulvio Scaglione* - occhidellaguerra Ero a Roma, e come tutti smanettavo sul telefonino per capire che cos’era successo a Nizza. I morti,l’attentato, l’Isis… In un posto...
Notizia del:

Strage di treni in Puglia. Le responsabilità politiche del potere liberista del Pd

di Francesco Erspamer*   Decine di morti per uno scontro frontale di due treni in Puglia. Non due frecce ad alta velocità: due treni di pendolari, una delle categorie sistematicamente...
Notizia del:

VIDEO SHOCK. Il regime nordamericano giustizia a freddo afroamericano inerme a terra

  Baton Rouge, Louisiana, 5 luglio.  Alton Sterling è l'ennesimo afro-americano ucciso dalla polizia del regime nord-americano in modo brutale.   L'uomo, padre...
Notizia del:     Fonte: Al Alam

VIDEO. Attentato dell'ISIS in Iraq, 83 morti e più di 160 feriti. Per queste vittime nessun #Jesuis e #Prayfor

L'ISIS ha rivendicato l'attacco in un affollato mercato nel quartiere Karrada abitato prevalentemente da sciiti e cristiani.

L'esplosione di un'autobomba ha scosso un affollato mercato nel distretto di Karrada della capitale irachena,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

L'Esercito iracheno ha liberato Falluja

L'esercito iracheno ha ufficialmente liberato la città strategica di Fallujah nel governatorato di Al-Anbar, dopo una lunga battaglia durata un mese contro il gruppo terroristico ISIS.

Secondo il ministero della Difesa iracheno, l'esercito iracheno, appoggiato dalle Forze di mobilitazione popolare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa