/ La sovranità economica non è solo ritorno alla lira

La sovranità economica non è solo ritorno alla lira

La sovranità economica non è solo ritorno alla lira
 

Le trappole liberiste che renderebbero inutile la fine dell'euro

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
di Cesare Sacchetti
 
Cambiare tutto affinché nulla cambi. Questa è l’espressione gattopardesca che potrebbe rappresentare lo scenario del dopo euro. Gli economisti di stampo liberista hanno impiegato poco tempo ad abbandonare la strenua difesa della moneta unica, basti ricordare Tabellini e  Zingales, i quali, conoscendo l’economia, hanno ben compreso che l’euro ha i giorni contati e hanno  virato prontamente per poter salire sul carro della sovranità monetaria, sempre più affollato di redivivi nostalgici della lira, che il giorno prima consideravano un apostata chiunque prospettasse un’uscita dall’unione monetaria. 
 
Come nel gioco delle sedie musicali, nessuno vuole evitare di rimanere in piedi alla fine della musica. E’ necessario e auspicabile quanto prima un ritorno alla sovranità monetaria,  ma questa da sola non è sufficiente per governare la macchina dell’economia,  se non accompagnata da un diverso impianto di riferimento macroeconomico e monetario, è del tutto ininfluente. Basti pensare che sui social network in questi giorni compare un’immagine, condivisa anche da molti sostenitori dell’uscita dall’euro, che invoca un ritorno alla lira agganciata al dollaro. L’Argentina degli anni’90 guidata da Menem seguì questo esempio e ci ricordiamo nel 2002 come finì. 
 
Questa è la prima trappola da evitare, la valuta non deve essere agganciata ad alcun cambio fisso, ma deve osservare la caratteristica della flessibilità che le permetta di non essere attaccata dalle speculazioni dei mercati, come successe nello SME negli anni’90. Un’altra ipotesi che è stata paventata anche di recente, è la costruzione di un Euro B, un’unione monetaria con gli stati del Sud Europa e una Germania che ritornerebbe al marco tedesco. Un’opzione che non risolverebbe i problemi strutturali connessi a un’unione monetaria e non menziona quale sarebbe la Banca Centrale  a gestire l’emissione dell’Euro B. La BCE partecipata a maggioranza della Bundesbank tedesca? 
 
I massacri sociali, i tagli alla spesa pubblica  e le privatizzazioni si possono realizzare – e la storia è piena di esempi - anche con una moneta sovrana e un famigerato precedente di questa politica economica è l’Inghilterra degli anni’80  di Margaret Thatcher, figlia del monetarismo di Milton Friedman degli anni’70 e ideologicamente appartenente al pantheon dei von Mises e von Hayek, i filosofi dello stato minimo e non interventista. L’Inghilterra della Lady di ferro, disponeva di una valuta sovrana, la sterlina, ma decise deliberatamente di non sfruttare i vantaggi che essa concedeva per realizzare politiche sociali, ma, al contrario, praticò il primo esperimento economico neoliberista del XX secolo con annesso smantellamento dello stato sociale. 
 
Il primo attacco al lavoro partì nel 1984 quando la Thatcher si impegnò a limitare duramente il diritto di sciopero dei lavoratori, e il culmine si raggiunse quando il sindacato dei minatori si oppose a questa ipotesi proclamando lo sciopero ad oltranza. Dopo la battaglia di Orgreave, con la polizia impegnata in una dura repressione contro i minatori, che fece registrare 123 feriti totali, il sindacato dovette cedere e accettò la limitazione del diritto di sciopero. Si passò all’ondata di privatizzazioni, con la cessione della compagnia aerea di bandiera, la British Airways , per poi cedere la British Gas, la compagnia nazionale dell’energia, la British Telecommunication, leader nel settore delle telecomunicazioni e la British Steel, la prima casa produttrice dell’acciaio. Nel modello ordoliberale lo Stato si spossessa delle sue partecipazioni in attivo, le offre in gestione a monopoli privati, molto spesso monopoli “naturali” poiché sui trasporti e nelle telecomunicazioni non può sussistere nessuna concorrenza perfetta, come fraudolentemente rappresentato nella narrativa legittimante le scellerate privatizzazioni. 
 
L’Inghilterra si priva degli utili delle sue partecipazioni, la lotta contro l’inflazione considerata il  vero nemico dalle teorie neoliberiste porta la disoccupazione dal 5% del 1980 al 11% del 1983. Sullo sfondo il “big bang” della deregolamentazione finanziaria del 1986, che aprirà le porte alle speculazioni sui mercati borsistici dando vita al rampantismo finanziario degli anni’80, consacrato nella pellicola di Oliver Stone “Wall Street” del 1987. La finanza da quel momento assume un ruolo preminente rispetto all’economia ed è in grado di attaccare la sovranità degli stati. Hanno fatto un deserto e lo hanno chiamato pace, ecco l’espressione che forse può riassumere meglio il thatcherismo. 
 
Per tornare alle vicende di casa nostra, il modello economico costituzionale è stato soppiantato dall’ordoliberismo negli ultimi trent’anni, partendo dalla stagione delle privatizzazioni del 1980 realizzate da Prodi alla guida dell’IRI, per poi realizzare il passo successivo nel 1981 con il divorzio Tesoro-Bankitalia che toglierà alle autorità governative il controllo della banca centrale, fino all’ annus horribilis del 1992 con la massiccia cessione delle partecipazioni statali e il prelievo forzoso sui conti correnti degli italiani. Chi sostiene la tesi che “stavamo male anche con la lira”, non menziona mai il fatto che lo Stato negli ultimi 20 anni non ha mai perseguito una politica di aumento della spesa pubblica, praticando l’avanzo primario, né tantomeno è tornato in possesso della sua banca centrale. Da quando l’Italia ha adottato il modello ordoliberale, i salari si sono  ridotti sempre più, i costi dei servizi pubblici lievitati, gestiti in monopolio da compagnie straniere, e la disoccupazione supera il 10%. 
 
Un ritorno alla lira, deve essere l’occasione per ricostruire un modello economico perduto e demolito negli anni, con una Banca d’Italia partecipata interamente dal Tesoro che governa la politica monetaria; con il recupero dell’interventismo e del ruolo dello Stato per risolvere le crisi sociali, servendosi anche di un ripristino delle partecipazioni statali; con la costruzione, infine, di una banca pubblica per realizzare il precetto dell’art.47 della Costituzione  con l’obbiettivo di disciplinare, coordinare e controllare l’esercizio del credito. Se si vuole un ritorno alla sovranità monetaria per continuare ad adottare un modello economico recessivo e deflattivo, sarà solo un cambio apparente e di facciata così da poter fornire il pretesto che una sovranità monetaria è inutile. Non basta solo una valuta sovrana, condizione prima per il cambiamento, ma  è necessario (ri)conquistare anche una sovranità economica, con gli strumenti di regolazione dell’economia mista.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il chavismo è maggioranza in Venezuela

La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare

di Alfredo Serrano Mancilla - Publico   Nuovo appuntamento elettorale in Venezuela. Sì, avete...
Notizia del:

Venezuela, l’ennesima lezione di democrazia e sovranità al morente occidente

Il presidente Nicolas Maduro ha sottolineato che «il chavismo ha ripreso il cammino della vittoria in un momento molto difficile»

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale dove le sanzioni economiche vanno ad...
Notizia del:

Il segretario dell'ALBA-TCP esalta la vocazione democratica del Venezuela

«Oggi i venezuelani hanno un appuntamento con la democrazia (…) Hanno l’opportunità di esercitare la propria sovranità, prendere decisioni ed eleggere i propri rappresentanti», ha dichiarato ai microfoni di teleSUR

  Il Segretario Esecutivo dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA-TCP),...
Notizia del:

Spagna: una dittatura mascherata da democrazia

Affinché tutto resti uguale è necessario mostrare la faccia più odiosa e abominevole del franchismo mai sepolto. Durante gli ultimi quarant’anni la Spagna ha vissuto una dittatura mascherata da democrazia

di Miguel Angel Ferrer - teleSUR   Non è facile trovare una spiegazione razionale alla feroce...
Notizia del:

Iglesias al socialista Sanchez: «Appoggiare questo governo vuol dire sostenere la distruzione della Spagna»

Podemos invita il PSOE a scommettere sulla costruzione di una maggioranza alternativa per rimuovere il PP dalla Moncloa

da infoLibre   Il leader di Podemos, Pablo Iglesias, ha avvisato il segretario generale del PSOE, Pedro...
Notizia del:

«Questa è la Spagna sotto Mariano Rajoy... che ama lodarsi per le sue supposte libertà e la sua democrazia»

Il commento di teleSUR a quanto avviene in questa concitata giornata in Catalogna

La Catalogna decide di svolgere il referendum per l'indipendenza nonostante il governo centrale di Madrid...
Notizia del:

Alberto Bagnai: "Il voto tedesco dice che l'integrazione tedesca ha fallito e l'euro è morto. Ma non ve lo dirà nessuno"

Le decine e decine di voli pindarici che abbiamo letto in queste ore sulle elezioni tedesche vengono ridicolizzate con questo semplice tweet di Alberto Bagnai, docente di economia all'Università...
Notizia del:

Per combatterla bisogna prima conoscerla: l'Unione Europea svela l'agenda per il 2018...

di Giacomo Marchetti - Contropiano Il discorso annuale al “Parlamento Europeo” del presidente della Commissione dell’UE Jean-Claude Juncker sullo stato di salute dell’Unione...
Notizia del:

«I rossobruni non esistono: sono un'invenzione del neocapitalismo per impedire qualsiasi alternativa a sé stesso»

In Germania i bruni dell'ADF sono triplicati e sono adesso il terzo partito; per forza, visto che di rossi non se ne vedono e la sinistra si limita a contrastare il fascismo (anzi, la memoria storica del fascismo) e tutt'al più a sostenere i diritti dei migranti illegali, lasciando alla destra il monopolio della difesa dello Stato e della resistenza contro le multinazionali

di Francesco Ersparmer*   Ogni tanto vengo accusato di essere un rossobruno. Non so bene cosa significhi...
Notizia del:

Cremlino: La situazione in Catalogna è una questione di politica interna della Spagna

  "E' una questione di politica interna della Spagna, non vediamo come sia possibile interferire in nessuna maniera", ha dichiarato il portavoce del Cremlino sulla questione del referendum...
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Cremaschi: "La sinistra è sparita perché ha dimenticato di identificare il nemico. Ritroviamo il nemico (Ue, euro e Nato) e ritroveremo noi stessi".

"Se si vuole cambiare veramente le cose - e parliamo a chi ancora lotta, perché chi ha rinunciato ha rinunciato - è necessario ritrovare il nemico. Perché il nemico esiste ed...
Notizia del:

Soros sposta 18 miliardi alla sua Ong per la “democrazia”: quale paese verrà attaccato?

    Nel sovradosaggio di informazioni quotidiane che riceviamo, non il giusto peso forse ha assunto la notizia che George Soros, il miliardario magiaro, abbia donato, o meglio trasferito, la...
Notizia del:

Ricordandoti, Amedeo

"State lì", esortavi la mattina, quando mettevi uno stacco musicale o cambiavi argomento. Un invito scherzoso, con un'inconfondibile voce radiofonica. Tu stavi lì,...
Notizia del:

Due pesi e due misure, Gentiloni e le “questioni interne” degli altri paesi. Il caso Catalogna e quello del Venezuela

Si evince ancora una volta la doppia morale dell’attuale capo del governo italiano

di Fabrizio Verde e Alessandro Bianchi   Interrogato dalla stampa circa la recente crisi scoppiata in...
Notizia del:

11 settembre, Afghanistan - Immagini esclusive dell'AntiDiplomatico: il paese dopo 16 anni di colonialismo Usa

16 anni fa quattro aerei e diciannove kamikaze, la maggior parte dei quali di origine saudita, hanno segnato l'inizio della guerra al terrorismo. Invece che colpire i mandanti, i sauditi, l'occidente...
Notizia del:

Botte da orbi o “volemose bene”?

  Botte da orbi da parte delle “forze dell’ordine” a Roma contro richiedenti asilo che, dopo essere stati cacciati da un palazzo che avevano occupato, cercavano, nei giardinetti...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa