/ La sovranità economica non è solo ritorno alla lira

La sovranità economica non è solo ritorno alla lira

La sovranità economica non è solo ritorno alla lira
 

Le trappole liberiste che renderebbero inutile la fine dell'euro

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
di Cesare Sacchetti
 
Cambiare tutto affinché nulla cambi. Questa è l’espressione gattopardesca che potrebbe rappresentare lo scenario del dopo euro. Gli economisti di stampo liberista hanno impiegato poco tempo ad abbandonare la strenua difesa della moneta unica, basti ricordare Tabellini e  Zingales, i quali, conoscendo l’economia, hanno ben compreso che l’euro ha i giorni contati e hanno  virato prontamente per poter salire sul carro della sovranità monetaria, sempre più affollato di redivivi nostalgici della lira, che il giorno prima consideravano un apostata chiunque prospettasse un’uscita dall’unione monetaria. 
 
Come nel gioco delle sedie musicali, nessuno vuole evitare di rimanere in piedi alla fine della musica. E’ necessario e auspicabile quanto prima un ritorno alla sovranità monetaria,  ma questa da sola non è sufficiente per governare la macchina dell’economia,  se non accompagnata da un diverso impianto di riferimento macroeconomico e monetario, è del tutto ininfluente. Basti pensare che sui social network in questi giorni compare un’immagine, condivisa anche da molti sostenitori dell’uscita dall’euro, che invoca un ritorno alla lira agganciata al dollaro. L’Argentina degli anni’90 guidata da Menem seguì questo esempio e ci ricordiamo nel 2002 come finì. 
 
Questa è la prima trappola da evitare, la valuta non deve essere agganciata ad alcun cambio fisso, ma deve osservare la caratteristica della flessibilità che le permetta di non essere attaccata dalle speculazioni dei mercati, come successe nello SME negli anni’90. Un’altra ipotesi che è stata paventata anche di recente, è la costruzione di un Euro B, un’unione monetaria con gli stati del Sud Europa e una Germania che ritornerebbe al marco tedesco. Un’opzione che non risolverebbe i problemi strutturali connessi a un’unione monetaria e non menziona quale sarebbe la Banca Centrale  a gestire l’emissione dell’Euro B. La BCE partecipata a maggioranza della Bundesbank tedesca? 
 
I massacri sociali, i tagli alla spesa pubblica  e le privatizzazioni si possono realizzare – e la storia è piena di esempi - anche con una moneta sovrana e un famigerato precedente di questa politica economica è l’Inghilterra degli anni’80  di Margaret Thatcher, figlia del monetarismo di Milton Friedman degli anni’70 e ideologicamente appartenente al pantheon dei von Mises e von Hayek, i filosofi dello stato minimo e non interventista. L’Inghilterra della Lady di ferro, disponeva di una valuta sovrana, la sterlina, ma decise deliberatamente di non sfruttare i vantaggi che essa concedeva per realizzare politiche sociali, ma, al contrario, praticò il primo esperimento economico neoliberista del XX secolo con annesso smantellamento dello stato sociale. 
 
Il primo attacco al lavoro partì nel 1984 quando la Thatcher si impegnò a limitare duramente il diritto di sciopero dei lavoratori, e il culmine si raggiunse quando il sindacato dei minatori si oppose a questa ipotesi proclamando lo sciopero ad oltranza. Dopo la battaglia di Orgreave, con la polizia impegnata in una dura repressione contro i minatori, che fece registrare 123 feriti totali, il sindacato dovette cedere e accettò la limitazione del diritto di sciopero. Si passò all’ondata di privatizzazioni, con la cessione della compagnia aerea di bandiera, la British Airways , per poi cedere la British Gas, la compagnia nazionale dell’energia, la British Telecommunication, leader nel settore delle telecomunicazioni e la British Steel, la prima casa produttrice dell’acciaio.
Nel modello ordoliberale lo Stato si spossessa delle sue partecipazioni in attivo, le offre in gestione a monopoli privati, molto spesso monopoli “naturali” poiché sui trasporti e nelle telecomunicazioni non può sussistere nessuna concorrenza perfetta, come fraudolentemente rappresentato nella narrativa legittimante le scellerate privatizzazioni. 
 
L’Inghilterra si priva degli utili delle sue partecipazioni, la lotta contro l’inflazione considerata il  vero nemico dalle teorie neoliberiste porta la disoccupazione dal 5% del 1980 al 11% del 1983. Sullo sfondo il “big bang” della deregolamentazione finanziaria del 1986, che aprirà le porte alle speculazioni sui mercati borsistici dando vita al rampantismo finanziario degli anni’80, consacrato nella pellicola di Oliver Stone “Wall Street” del 1987. La finanza da quel momento assume un ruolo preminente rispetto all’economia ed è in grado di attaccare la sovranità degli stati. Hanno fatto un deserto e lo hanno chiamato pace, ecco l’espressione che forse può riassumere meglio il thatcherismo. 
 
Per tornare alle vicende di casa nostra, il modello economico costituzionale è stato soppiantato dall’ordoliberismo negli ultimi trent’anni, partendo dalla stagione delle privatizzazioni del 1980 realizzate da Prodi alla guida dell’IRI, per poi realizzare il passo successivo nel 1981 con il divorzio Tesoro-Bankitalia che toglierà alle autorità governative il controllo della banca centrale, fino all’ annus horribilis del 1992 con la massiccia cessione delle partecipazioni statali e il prelievo forzoso sui conti correnti degli italiani. Chi sostiene la tesi che “stavamo male anche con la lira”, non menziona mai il fatto che lo Stato negli ultimi 20 anni non ha mai perseguito una politica di aumento della spesa pubblica, praticando l’avanzo primario, né tantomeno è tornato in possesso della sua banca centrale. Da quando l’Italia ha adottato il modello ordoliberale, i salari si sono  ridotti sempre più, i costi dei servizi pubblici lievitati, gestiti in monopolio da compagnie straniere, e la disoccupazione supera il 10%. 
 
Un ritorno alla lira, deve essere l’occasione per ricostruire un modello economico perduto e demolito negli anni, con una Banca d’Italia partecipata interamente dal Tesoro che governa la politica monetaria; con il recupero dell’interventismo e del ruolo dello Stato per risolvere le crisi sociali, servendosi anche di un ripristino delle partecipazioni statali; con la costruzione, infine, di una banca pubblica per realizzare il precetto dell’art.47 della Costituzione  con l’obbiettivo di disciplinare, coordinare e controllare l’esercizio del credito. Se si vuole un ritorno alla sovranità monetaria per continuare ad adottare un modello economico recessivo e deflattivo, sarà solo un cambio apparente e di facciata così da poter fornire il pretesto che una sovranità monetaria è inutile. Non basta solo una valuta sovrana, condizione prima per il cambiamento, ma  è necessario (ri)conquistare anche una sovranità economica, con gli strumenti di regolazione dell’economia mista.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Basta parlare solo di Brexit, Grexit. E' l'ora di Italexit

BREXIT, GREXIT..ITALEXIT ..BASTA CON LA UE!

di Giorgio Cremaschi La Grecia è tornata al punto di partenza come in un beffardo e tragico gioco...
Notizia del:

Venezuela: Jp Morgan approva le misure economiche adottate dal governo per affrontare la crisi

Il governo è attivo anche sul fronte energetico dove chiederà l'assitenza delle Nazioni Unite per affrontare e risolvere l'emergenza

di Fabrizio Verde Il Venezuela sta vivendo un periodo di forte crisi, le cui cause vanno anche ricercate...
Notizia del:

Nonostante la crisi il Venezuela continua a investire in politiche sociali. Il vicepresidente Istúriz a TeleSur

Aristóbulo Istúriz ha inoltre duramehte criticato la posizione assunta dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama

Il professor Aristóbulo Istúriz è un politico venezuelano di lungo corso, già...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Berta Cáceres: la figlia chiede giustizia e verità al Parlamento Europeo

Laura Zúniga Cáceres vuole un'indagine indipendente che individui esecutori materiali e mandanti dell'omicidio della madre

Giustizia e verità per l'attivista Berta Cáceres. Questo è quanto chiederà...
Notizia del:

Fernando Buen Abad: « Il Venezuela non è la menzogna raccontata dall'oligarchia»

Lo studioso della comunicazione messicano, insieme ad altri 100 intellettuali provenienti da 18 paesi diversi, parteciperà fino al 14 di aprile a un forum organizzato in Venezuela dalla 'Red de Intelectuales, Artistas y Movimientos Sociales en Defensa de la Humanidad'

«Il Venezuela non è la menzogna raccontata dall'oligarchia. Il Venezuela è speranza....
Notizia del:

La spesa militare globale è cresciuta dell'1% nel 2015. Rapporto SIPRI

  La spesa militare globale è aumentata di un punto percentuale nel 2015, per un totale di quasi $ 1.7 triliardi di dollari, secondo il rapporto dello Stockholm International Peace...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Mai più golpe: il Brasile in piazza per la democrazia

L'ex presidente Lula Da Silva afferma che il gigante sudamericano sta vivendo un momento storico

Ieri il Brasile è stato nuovamente teatro di massicce manifestazioni in favore del governo Rousseff...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Elezioni Usa: il 66% degli statunitensi è critico verso il sistema elettorale

Secondo un'inchiesta condotta da Gallup il sistema è ritenuto complesso e non funzionante

Quante volte abbiamo letto articoli sui nostri 'autorevoli' quotidiani o ascoltato i grandi inviati...
Notizia del:     Fonte: Rt

L'Europa non li ha ascoltati: Le "profezie" di Gheddafi e Assad si sono avverate

Diversi anni prima degli attacchi mortali in Europa, i leader di Libia e Siria avevano già messo in guardia circa l'ondata di terrorismo che avrebbe travolto l'Europa.

Mentre l'Europa sta vivendo le conseguenze degli attacchi brutali che hanno scosso Bruxelles il 22 marzo,...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Dilma Rousseff: «È in corso un crimine contro la democrazia»

Il presidente brasiliano ha assicurato che non rinuncerà al suo incarico e che in Brasile non vi sarà nessun golpe

In Brasile sono in atto tentativi di destabilizzazione, portati avanti da media e magistratura, che hanno...
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Le dieci bugie russofobe dell’ultimo rapporto dell’ECFR di Soros

Un commento a “Russia 2030: a story of great power dreams and small victorious wars”, scritto da Fredrik Wesslau e Andrew Wilson

di Eugenio Cipolla   Quello che segue non vuole essere un manifesto pro-Russia. Chi scrive sa benissimo...
Notizia del:

Dati Istat. Il crollo industriale ha una causa: l'euro

Leggiamo dall'Ansa di questa mattina come il fatturato dell'industria italiana "segna a marzo il peggiore calo tendenziale a partire da agosto 2013, con una riduzione del 3,6% rispetto all'anno...
Notizia del:

Venezuela, perché non vi indignate per queste foto brutali?

di Alessandro Bianchi Viviamo in un mondo al contrario. Chi gestisce i mezzi di comunicazione riesce a manipolare la vostra percezione al punto che quando sentite una menzogna alla terza volta fa...
Notizia del:

PRIME FOTO: militari egiziani pubblicano le prime foto dell'EgyptAir A320

L'aereo EgyptAir A320 partito dall'aeroporto Charles de Gaulle alle 21:09del 18 maggio e diretto verso la città egiziana del Cairo (atterraggio previsto nella capitale egiziana a 01:04...
Notizia del:

Non ve l'hanno detto, ma da anni l'Unione Europea viola i diritti umani in Siria. Possiamo fermarla, ma c'è poco tempo.

Il 23 maggio, lunedì, a vostra insaputa, il regime di Bruxelles prorogherà l'embargo contro la popolazione siriana. Sei disposto ad accettarlo ancora?

Il 23 maggio, il prossimo lunedì, il Consiglio europeo a livello di ministri degli affari esteri si...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano sostiene il TTIP?

  Sergio Feltri, montiano di ferro e vice-direttore del Fatto Quotidiano, ha utilizzato una specie di editoriale per spiegare come il TTIP alla fine sia proprio quello di cui l'Italia abbia...
Notizia del:

"Made in Usa": i tre indizi chiave del coinvolgimento statunitense nel golpe in Brasile

  “Non pensavo sarebbe stato necessario combattere ancora contro un colpo di stato in questo paese”. Queste sono state le prime parole della Presidenta Dilma dopo essere stata destituita...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa