/ La sovranità economica non è solo ritorno alla lira

La sovranità economica non è solo ritorno alla lira

La sovranità economica non è solo ritorno alla lira
 

Le trappole liberiste che renderebbero inutile la fine dell'euro

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
di Cesare Sacchetti
 
Cambiare tutto affinché nulla cambi. Questa è l’espressione gattopardesca che potrebbe rappresentare lo scenario del dopo euro. Gli economisti di stampo liberista hanno impiegato poco tempo ad abbandonare la strenua difesa della moneta unica, basti ricordare Tabellini e  Zingales, i quali, conoscendo l’economia, hanno ben compreso che l’euro ha i giorni contati e hanno  virato prontamente per poter salire sul carro della sovranità monetaria, sempre più affollato di redivivi nostalgici della lira, che il giorno prima consideravano un apostata chiunque prospettasse un’uscita dall’unione monetaria. 
 
Come nel gioco delle sedie musicali, nessuno vuole evitare di rimanere in piedi alla fine della musica. E’ necessario e auspicabile quanto prima un ritorno alla sovranità monetaria,  ma questa da sola non è sufficiente per governare la macchina dell’economia,  se non accompagnata da un diverso impianto di riferimento macroeconomico e monetario, è del tutto ininfluente. Basti pensare che sui social network in questi giorni compare un’immagine, condivisa anche da molti sostenitori dell’uscita dall’euro, che invoca un ritorno alla lira agganciata al dollaro. L’Argentina degli anni’90 guidata da Menem seguì questo esempio e ci ricordiamo nel 2002 come finì. 
 
Questa è la prima trappola da evitare, la valuta non deve essere agganciata ad alcun cambio fisso, ma deve osservare la caratteristica della flessibilità che le permetta di non essere attaccata dalle speculazioni dei mercati, come successe nello SME negli anni’90. Un’altra ipotesi che è stata paventata anche di recente, è la costruzione di un Euro B, un’unione monetaria con gli stati del Sud Europa e una Germania che ritornerebbe al marco tedesco. Un’opzione che non risolverebbe i problemi strutturali connessi a un’unione monetaria e non menziona quale sarebbe la Banca Centrale  a gestire l’emissione dell’Euro B. La BCE partecipata a maggioranza della Bundesbank tedesca? 
 
I massacri sociali, i tagli alla spesa pubblica  e le privatizzazioni si possono realizzare – e la storia è piena di esempi - anche con una moneta sovrana e un famigerato precedente di questa politica economica è l’Inghilterra degli anni’80  di Margaret Thatcher, figlia del monetarismo di Milton Friedman degli anni’70 e ideologicamente appartenente al pantheon dei von Mises e von Hayek, i filosofi dello stato minimo e non interventista. L’Inghilterra della Lady di ferro, disponeva di una valuta sovrana, la sterlina, ma decise deliberatamente di non sfruttare i vantaggi che essa concedeva per realizzare politiche sociali, ma, al contrario, praticò il primo esperimento economico neoliberista del XX secolo con annesso smantellamento dello stato sociale. 
 
Il primo attacco al lavoro partì nel 1984 quando la Thatcher si impegnò a limitare duramente il diritto di sciopero dei lavoratori, e il culmine si raggiunse quando il sindacato dei minatori si oppose a questa ipotesi proclamando lo sciopero ad oltranza. Dopo la battaglia di Orgreave, con la polizia impegnata in una dura repressione contro i minatori, che fece registrare 123 feriti totali, il sindacato dovette cedere e accettò la limitazione del diritto di sciopero. Si passò all’ondata di privatizzazioni, con la cessione della compagnia aerea di bandiera, la British Airways , per poi cedere la British Gas, la compagnia nazionale dell’energia, la British Telecommunication, leader nel settore delle telecomunicazioni e la British Steel, la prima casa produttrice dell’acciaio.
Nel modello ordoliberale lo Stato si spossessa delle sue partecipazioni in attivo, le offre in gestione a monopoli privati, molto spesso monopoli “naturali” poiché sui trasporti e nelle telecomunicazioni non può sussistere nessuna concorrenza perfetta, come fraudolentemente rappresentato nella narrativa legittimante le scellerate privatizzazioni. 
 
L’Inghilterra si priva degli utili delle sue partecipazioni, la lotta contro l’inflazione considerata il  vero nemico dalle teorie neoliberiste porta la disoccupazione dal 5% del 1980 al 11% del 1983. Sullo sfondo il “big bang” della deregolamentazione finanziaria del 1986, che aprirà le porte alle speculazioni sui mercati borsistici dando vita al rampantismo finanziario degli anni’80, consacrato nella pellicola di Oliver Stone “Wall Street” del 1987. La finanza da quel momento assume un ruolo preminente rispetto all’economia ed è in grado di attaccare la sovranità degli stati. Hanno fatto un deserto e lo hanno chiamato pace, ecco l’espressione che forse può riassumere meglio il thatcherismo. 
 
Per tornare alle vicende di casa nostra, il modello economico costituzionale è stato soppiantato dall’ordoliberismo negli ultimi trent’anni, partendo dalla stagione delle privatizzazioni del 1980 realizzate da Prodi alla guida dell’IRI, per poi realizzare il passo successivo nel 1981 con il divorzio Tesoro-Bankitalia che toglierà alle autorità governative il controllo della banca centrale, fino all’ annus horribilis del 1992 con la massiccia cessione delle partecipazioni statali e il prelievo forzoso sui conti correnti degli italiani. Chi sostiene la tesi che “stavamo male anche con la lira”, non menziona mai il fatto che lo Stato negli ultimi 20 anni non ha mai perseguito una politica di aumento della spesa pubblica, praticando l’avanzo primario, né tantomeno è tornato in possesso della sua banca centrale. Da quando l’Italia ha adottato il modello ordoliberale, i salari si sono  ridotti sempre più, i costi dei servizi pubblici lievitati, gestiti in monopolio da compagnie straniere, e la disoccupazione supera il 10%. 
 
Un ritorno alla lira, deve essere l’occasione per ricostruire un modello economico perduto e demolito negli anni, con una Banca d’Italia partecipata interamente dal Tesoro che governa la politica monetaria; con il recupero dell’interventismo e del ruolo dello Stato per risolvere le crisi sociali, servendosi anche di un ripristino delle partecipazioni statali; con la costruzione, infine, di una banca pubblica per realizzare il precetto dell’art.47 della Costituzione  con l’obbiettivo di disciplinare, coordinare e controllare l’esercizio del credito. Se si vuole un ritorno alla sovranità monetaria per continuare ad adottare un modello economico recessivo e deflattivo, sarà solo un cambio apparente e di facciata così da poter fornire il pretesto che una sovranità monetaria è inutile. Non basta solo una valuta sovrana, condizione prima per il cambiamento, ma  è necessario (ri)conquistare anche una sovranità economica, con gli strumenti di regolazione dell’economia mista.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Guardian

«Aver votato 'Leave' non mi rende idiota o xenofobo», una testimonianza da Londra sulla Brexit

Paul Mokuolu è un londinese appartenente a una minoranza etnica che attraverso il quotidiano 'The Guardian' spiega le ragioni dei Brexiters

Secondo la narrazione distorta del circuito mediatico mainstream, i votanti dell’opzione ‘Leave’...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Dilma Rousseff: «Tornerò per ricostruire il paese»

La presidente del Brasile denuncia che il governo Temer è illegittimo e che continuerà a lottare contro il colpo di stato orchestrato dalle élite

Per descrivere quanto accaduto nel suo paese, la presidente del Brasile (sospesa per 180 giorni) Dilma Rousseff...
Notizia del:

Deriva intellettuale: «Per le élite è tempo di sollevarsi contro le masse ignoranti»

Il blog Zero Hedge riprende un articolo che ben riflette lo spirito dei tempi dove le scelte dei popoli liberi sono vissute con molta sofferenza dalle élite dominanti

Il noto blog Zero Hedge ha ospitato un articolo interessante - per capire la deriva di certi ‘intellettuali’...
Notizia del:     Fonte: TeleSur Englsh/ ABI

Evo Morales sulla Brexit: «Espressione della crisi capitalistica e dell'Unione Europea»

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha dichiarato che la decisione del popolo britannico di abbandonare l’Unione Europea è un chiaro segno della crisi del sistema capitalista...
Notizia del:     Fonte: newstatesman.com

Brexit condizione necessaria per un futuro governo di sinistra

Il parlamentare inglese del Labour Party, Graham Stringer, sostiene le ragioni della Brexit e spiega perché l'Unione Europea è incompatibile con le politiche progressiste

Chi desidera un governo genuinamente di sinistra deve votare Leave, ossia per la cosiddetta Brexit. Questa...
Notizia del:     Fonte: vocidallestero.it

Lettera di Boris Johnson: Votate Brexit, è un'occasione che non si ripeterà

da vocidallestero.it di Boris Johnson, 19 giugno 2016 Di questi tempi molti si lamentano dell’esercizio del voto. Dicono che non faccia alcuna differenza. Dicono che, qualsiasi partito...
Notizia del:

Caro Saviano, sì, Napoli è bolivariana!

Con la vittoria schiacciante di de Magistris parte da Napoli un grande movimento popolare di liberazione destinato a rompere le catene del neoliberismo, come il chavismo in Venezuela

di Fabrizio Verde Il popolo napoletano ha scelto, per i prossimi 5 anni sarà ancora Luigi de Magistris...
Notizia del:

Mélenchon al Parlamento Europeo denuncia i piani di Washington contro il Venezuela

Forte denuncia del politico francese che parla della destabilizzazione e della campagna mediatica internazionale condotta contro il paese sudamericano

L'ex candidato alla presidenza della Francia e attualmente deputato al Parlamento Europeo Jean-Luc Mélenchon,...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Eurodeputato spagnolo: "I media del mio paese distorcono la realtà del Venezuela"

La denuncia di Javier Couso europarlamentare spagnolo di Izquierda Unida ai microfoni di TeleSur

L’Eurodeputato spagnolo del partito Izquierda Unida, Javier Couso, intervistato da TeleSur nell’ambito...
Notizia del:

Basta parlare solo di Brexit, Grexit. E' l'ora di Italexit

BREXIT, GREXIT..ITALEXIT ..BASTA CON LA UE!

di Giorgio Cremaschi La Grecia è tornata al punto di partenza come in un beffardo e tragico gioco...
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

L'Esercito iracheno ha liberato Falluja

L'esercito iracheno ha ufficialmente liberato la città strategica di Fallujah nel governatorato di Al-Anbar, dopo una lunga battaglia durata un mese contro il gruppo terroristico ISIS.

Secondo il ministero della Difesa iracheno, l'esercito iracheno, appoggiato dalle Forze di mobilitazione popolare...
Notizia del:

Vice-direttore Fatto Quotidiano furioso sulla Brexit. "Così il voto diventa circonvenzione di incapace!"

  Nel commentare il voto referendario sulla Brexit, Stefano Feltri in un articolo sul giornale di cui è vice-direttore, il Fatto Quotidiano, ci fornisce una grande lezione di democrazia....
Notizia del:

L'Ue ha deciso di rinnovare per sei mesi le sanzioni contro la Russia

  I rappresentanti permanenti dell'Unione europea a Bruxelles hanno deciso di estendere le sanzioni economiche contro la Russia per altri sei mesi, fino alla fine di gennaio 2017.   "Possiamo...
Notizia del:

Se criticate l'Unione Europea siete nazisti: parola di Fatto Quotidiano!

di Alessandro Bianchi Alcuni nostri lettori ci hanno segnalato indignati alcune affermazioni dell'"editoriale" di oggi di Antonio Padellaro sul Fatto Quotidiano dal titolo "È...
Notizia del:

Con gli Europei di calcio, finalmente in Italia ci accorgiamo che a Parigi si lotta per il lavoro

di Ornella Bertorotta* Finalmente i giornali si accorgono che a Parigi sono in corso le più imponenti manifestazioni contro la legge sul lavoro che la Francia ricordi da anni.    Segui...
Notizia del:

ONU senza vergogna verso il popolo siriano. Nuovo rapporto Oms: "Dovete smettere di fumare"

di Robert Fisk - The Independent   Bizarro, strano, senza precedenti. Raramente puoi definire le Nazioni Unite tutte e tre le cose. L'ho fatto quando ho letto l'ultimo monito lanciato...
Notizia del:

Delcy Rodriguez: "In Venezuela, Luis Almagro non dà ordini. E 'uno strumento di interventismo"

Sessione straordinaria in corso dell'Osa sul Venezuela

Il ministro degli esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha denunciato nella giornata di martedì l'attività...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa