/ "Siamo una sorta di marionette sociali di un potere invisibile". ...

"Siamo una sorta di marionette sociali di un potere invisibile". Roberto Scarpinato presenta il "Ricatto dei mercati"

Siamo una sorta di marionette sociali di un potere invisibile. Roberto Scarpinato presenta il Ricatto dei mercati
 

"La Troika è una proiezione istituzionale di oligarchie finanziarie globali, le cui politiche vengono spacciate come soluzioni tecniche"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Vi offriamo, per gentile concessione di Lidia Undiemi, il video di presentazione de il "Ricatto dei Mercati" alla Feltrinelli di Palermo il 7 novembre scorso. Per la prima volta, il magistrato italiano Roberto Scarpinato, Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Palermo, si espone su temi come Troika, finanza internazionale e deterioramento progressivo della sovranità.

Il video che sintetizza gli interventi di Roberto Scarpinato, Lidia Undiemi e l'avv. Ernesto Cirillo, esperto in cause di lavoro dovute all'esternazionalizzazione delle imprese. Il "Ricatto dei mercati", sostiene Scarpinato, costituisce « un manuale di resistenza civile contro la cecità indotta del potere »



« Sei destinato a diventare una sorta di marionetta sociale che si illude di muoversi liberamente perché ignora che i fili della tua vita sono tirati e mossi da invisibili pari che, insediati nel vertice della scala sociale, azionano le leve del tuo destino. Per questo il potere anti-democratico fa di tutto per tenere le persone al di fuori del potere decisionale dello stato e fabbricare false notizie ». Roberto Scarpinato inizia così la sua presentazione. Il compito di costruire dogmi e imposture per imporre il potere delle minoranze su maggioranze disorganizzate è stato, precisa il magistrato, compito storico di intellettuali organici del potere. Il libro di Lidia Undiemi è un testo di un'intellettuale disorganica che mostra come il potere si sia trasferito altrove e si è reso invisibile.

« Io faccio parte di una generazione fortunata che ha avuto la fortuna di crescere nell'epoca dei diritti sociali e che era convinta che questo fosse un traguardo irreversibile, che non poteva essere messo in discussione. Ci siamo sbagliati. Uno stato sociale di diritto è una parentesi storica ad inizio novecento per la commistione di particolari forze sociali che si erano creati in quella fase storica », ha precisato. Progressivamente si è distrutto quel modello di stato sociale di diritto, prosegue Scarpinato, per dare vita ad una nuova forma che prevede l'asservimento dello stato alle esigenze degli attori forti presenti sul mercato attraverso una riduzione di spazi pubblici e un ampliamento di quelli privati. « Ce lo chiedono i mercati » vuol dire proprio distruzione dei diritti sociali e liberalizzazione dello stato.
 
E, in questo contesto, stiamo assistendo ad un processo di ringeniarizzazione che sta trasferendo le sedi decisionali fuori dai Parlamenti e dai governi prima in organi sovranazionali non eletti democraticamente come la Bce o la Commissione europea, e poi in organismi finanziari sovranazionali come la Troika che sono proiezioni istituzionali di oligarchie finanziarie globali, le cui politiche vengono spacciate come soluzioni tecniche a cui non c'è alternativa. 
 
« There is no alternative » è il dogma di riferimento del pensiero unico che si muove verso una progressiva subordinazione degli stati alle logiche dei grandi investitori internazionali, che sono, ricorda Scarpinato, le grandi banche, i gestori dei fondi comuni e le mafie internazionali (componente strutturale della finanza internazionale). Quando vi dicono « Ce lo chiede i mercati » sono questi soggetti. E cosa chiedono i mercati ? Lo smantellamento dello stato sociale, esattamente come è avvenuto con il nuovo art.31 della Cost e l'imposizione del pareggio di bilancio che, in una fase depressiva, tutti gli economisti sanno avere proprio quella come conseguenza.
 
« Siamo stati privati della sovranità monetaria, valutaria e siamo stati anche privati della sovranità politica, perché lo stato democratico di diritto non solo è stato smantellato, ma non è stato tradotto nell'Ue. Il paradosso è che, da una parte, i magistrati cercano di mantenere in vita questo stato di diritto appellandosi alla Costituzione e, dall'altra parte, c'è un'Unione Europea in cui lo stato di diritto non esiste ». La posta in gioco rischia di trasformare la nostra vita, la nostra società, in una piramide sociale in cui al vertice c'è solo una ristretta minoranza, scompare il ceto medio e la stragrande maggioranza è condannata all'impotenza perché il sapere sociale e il discorso pubblico viene falsificato, viene loro impedito di capire come si sta muovendo il potere e gli si offrono falsi obiettivi.  

Il video integrale dell'intervento di Roberto Scarpinato:

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Video shock sulla povertà in Venezuela.... Ah no scusate è la Colombia

La denuncia del giornalista venezuelano Oswaldo Rivero

  Gli stessi media internazionali che utilizzano fiumi d’inchiostro e servizi lunghissimi per provare...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:

L'ONU conferma: in Venezuela nessuna crisi umanitaria

  La propaganda è martellante e condotta a suon di fake news: il Venezuela sarebbe nel pieno di una catastrofica crisi umanitaria. Ovviamente causata dalle politiche di segno socialista promosse...
Notizia del:     Fonte: Avn

Il Venezuela dedica il 72% del proprio bilancio agli investimenti sociali

Il presidente Maduro ha evidenziato che questi ingenti investimenti nel sociale, hanno permesso che negli ultimi anni fossero consegnati oltre 1,7 milioni di alloggi popolari attraverso la Gran Misión Vivienda Venezuela

di Fabrizio Verde   Il 72% del bilancio nazionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela è...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Ecuador, la denuncia del ministro Long: Lasso coinvolto nella truffa al popolo del 1999

  In occasione dell’anniversario del tragico ‘Feriado Bancario’ - congelamento e successiva sparizione dei depositi bancari di migliaia di ecuadoriani - il ministro degli Esteri...
Notizia del:

Il Messico dona alimenti al Venezuela? Si tratta solo di una fake news

Il responsabile del Centro Nazionale di Controllo e Comando dei Comitati Locali di Approvvigionamento e Produzione (Clap), Freddy Bernal, ha dichiarato che al Venezuela non regala nulla nessuno

  Il responsabile del Centro Nazionale di Controllo e Comando dei Comitati Locali di Approvvigionamento e...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Venezuela, le misure internazionali permetteranno il rafforzamento dell’economia nazionale

Il presidente Nicolás Maduro ha tenuto una conferenza stampa internazionale durante la quale ha spiegato le misure economiche adottate dal Governo per risollevare l’economia venezuelana

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 18 gennaio 2017 (MPPRE)- Mercoledì scorso, il presidente...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Tutto quello che devi sapere sulla crisi delle banconote in Venezuela

La rivoluzione bolivariana si trova ad affrontare una guerra non convenzionale. Si tratta di un processo di destabilizzazione che ha la caratteristica di colpire simultaneamente su tutti i fronti (finanziario, geopolitico, comunicativo) senza che nessuno ne assuma la responsabilità. È un nemico invisibile, che attacca senza mostrarsi, in particolare in ambito economico

di Marco Teruggi - teleSUR La decisione andava presa: restavano nelle mani della Banca Centrale del Venezuela...
Notizia del:     Fonte: http://www.celag.org/

Manuale di stupidaggini sull'inflazione in Venezuela

L'economista Alfredo Serrano Mancilla svela la reale dinamica che porta alla formazione dei prezzi in Venezuela, smontando la lettura neoliberista della tematica

di Alfredo Serrano Mancilla - celag.org   Mi hanno definito finanche «primitivo» per aver...
Notizia del:     Fonte: it.sputniknews.com

Lettonia, confessione shock del presidente: “Non abbiamo un'economia nazionale”

La Lettonia non ha una propria economia, ha dichiarato in un'intervista al quotidiano “Diena” il capo di Stato Raimonds Vejonis

  "Vediamo che non appena frenano gli investimenti dei fondi della UE, arretra significativamente la...
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Per i servizi segreti italiani Biden diffonde fake news

Quella di Biden era una fake news, anzi la madre di tutte le fake news. Il Governo Gentiloni convochi immediatamente l'Ambasciatore Usa

In tanti devono aver avuto una qualche crisi d’identità dopo le parole scritte da Biden su Foreign...
Notizia del:

Così una fake news della CNN su Wikileaks arriva a milioni di persone in pochissimo tempo

G. Greenwald: "I media Usa hanno subito la debacle più umiliante da anni. Ora rifiutano trasparenza su quello che è successo"

di Glenn Greenwald - Intercept  VENERDÌ è stato uno dei giorni più imbarazzanti...
Notizia del:

“Cosi si finanzia la fabbrica delle fake news”. La nostra risposta al quotidiano "La Repubblica"

Su La Repubblica di domenica 3 dicembre, a pagina 6 e 7, leggiamo un articolo a firma Carlo Bonini e Giuliano Foschini dal titolo “Cosi si finanzia la fabbrica delle fake news”. Per...
Notizia del:

ESCLUSIVO AD. Gershon Peres (fratello dell'ex Presidente israeliano) è stato membro del CMC, il centro occulto della CIA legato all'omicidio Kennedy

Nel Centro Mondiale Commerciale, dal 1967 al 1970, sedette Gershon Peres.

Questo 22 novembre 2017, nell'anno del centenario della nascita di JFK e nel giorno dell'anniversario...
Notizia del:

Scoop de 'Il Sole 24 Ore': ecco chi finanzia le fake news in Italia

La clamorosa notizia viene incredibilmente ignorata

  Vi è una grande inflazione ipertrofica e stupefacente nelle ultime settimane a parlare, a trattare...
Notizia del:

Mugabe: scomodo in politica estera

Ex Jugoslavia, Iraq, Libia, Siria, Venezuela, Cuba, Bolivia, Nicaragua, Bielorussia, Corea del Nord, Russia e Cina: i voti dello Zimbabwe di Mugabe nelle Nazioni Unite

  Nei colpi di Stato (cruenti o “di palazzo”), lo zampino dell’Occidente è non...
Notizia del:

Roma, migliaia di lavoratori contro Euro, Ue e Nato. I media di regime censurano

La resistenza di chi non si piega ai diktat di Bruxelles e le politiche guerrafondaie della NATO

  Quest’oggi è scesa in piazza a Roma l’opposizione al regime neoliberista. Un’opposizione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa