/ "Era un ca..o di disastro in Europa". Altre dichiarazioni inedite...

"Era un ca..o di disastro in Europa". Altre dichiarazioni inedite trapelate di Geithner

Era un ca..o di disastro in Europa. Altre dichiarazioni inedite trapelate di Geithner
 

Il "whatever it takes" di Draghi del luglio del 2012 è stato improvvisato. "Draghi non aveva alcun piano"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Il Brussels Blog del Financial Times ha pubblicato cento pagine di trascrizioni inedite di interviste che Timoty Geithner ha rilasciato ai suoi assistenti nella fase di preparazione del suo libro Stress Test: Reflections on Financial Crises. Molte delle citazioni compaiono nel libro, altre svelano ulteriori retroscena su quella fase critica (fine 2011-estate 2012) di crisi della zona euro.
 
Il Brussels Blog rivela innanzitutto come, per l'allora Segretario del Tesoro, il "whatever it takes" di Draghi del luglio del 2012 è stato improvvisato e non vi era alcun piano preciso da parte del presidente della Bce. Geithner ricorda come poco prima della famosa frase, con la comunità degli hedge funds convinti che l'Europa stesse finendo, Draghi non sapeva letteralmente che fare, era allarmato e ha costruito una serie di frasi come ‘we’ll do whatever it takes’. “Ridicolo”, afferma  Geithner. ”Andai a vedere Draghi all'epoca e Draghi non aveva nessun piano. Il suo piano erano questa sorta di frasi vuote di questo tipo”. Deve far riflettere molto tutti coloro che ancora pensano che la Bce possa iniziare una politica di Quantitative Easing.
 
Sulla politica europea di quella fase, Geithner aggiunge alcuni particolari alle sue rilevazioni del suo libro che già aveva fatto molto discutere. E nel G-20 in Francia che Sarkozy ospitò in piena campana elettorale, gli europei “ci hanno approcciato in modo soft, indirettamente dicendoci: 'Vogliamo che vi unite a noi nel forzare Berlusconi alle dimissioni'. Volevano che  dicessimo che non avremo supportato un aiuto del FMI o ogni altro supporto all'Italia qualora Berlusconi fosse rimasto premier. It was cool, interesting. I said no….”, dichiara l'ex Segratario del Tesoro. E questo è più o meno quello che già sapevamo attraverso la sua biografia. Ma poi è arrivata la parte nuova: “Ricordo che quando andai a cena guardai il mio Blackberry. Era un cazzo di disastro in Europa. Le azioni delle banche in Francia stavano scendendo del 7-8%. Per me era come assistere ad una carneficina a causa di persone che stavano dicendo: la crisi in Grecia, chi è esposto in Grecia?... Gli europei arrivarono a quell'incontro dicendo: 'Daremo ai greci una lezione. Sono veramente terribili. Ci hanno mentito. Hanno succhiato e si sono approfittati della situazione e li schiacceremo' era l'atteggiamento di tutti loro. Ma la principale cosa che ricordo aver detto a queste persone è stato: 'tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma, prosegue Geithner, dovete mandare un messaggio di rassicurazione all'Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi. Dovete proteggere il resto dell'Unione”. Dovete essere sicuri di costruire questa capacità per rendere quest'impegno credibile mentre date questa lezione ai greci, il messaggio.
 
“Ho sottostimato completamente la possibilità che gli europei avrebbero fallito in tutto per i tre anni successivi. Ho pensato che fosse inconcepibile che avrebbero potuto fare così male come in ultima analisi hanno fatto. Ma i primi segnali vanno riscontrati in quel dibattito iniziale. Erano stati ingannati dai Greci. E 'stato imbarazzante per loro, perché i greci avevano finito per prendere in prestito tutti questi soldi ed erano pazzi di rabbia e volevano solo vendicarsi”. Ma, sottolinea Geithner, in questo modo stavano alimentando e rafforzando tutto il dramma  che sarebbe seguito. La Grecia è oggi un paese in cui tre cittadini su cinque hanno superato o stanno superando la soglia di povertà, sono stati rinegoziati i principali diritti sociali garantiti per Costituzione e a cui è stato imposto un piano di privatizzazioni selvagge. Le politiche imposte alla Grecia, da allora, sono divenute  il principale modello di riferimento per gli altri paesi, tra cui l'Italia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TASS

Lavrov: Gli Stati Uniti volevano utilizzare anche Jabhat al-Nusra per rovesciare Assad

"Ci sono un sacco di esempi che mostrano come gli statunitensi e i loro alleati, subdolamente, hanno voluto usare al-Nusra per indebolire e infine rovesciare Assad", ha dichiarato il capo della Diplomazia russa Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti volevano utilizzare i gruppi terroristici come ISIS e Jabhat al-Nusra (Braccio di Al Qaeda in...
Notizia del:     Fonte: Lenta.ru

"Saddam Hussein avrebbe messo fine a questo pasticcio in un paio di settimane"

Negli ultimi anni, la violenza del'ISIS ha causato un grande esodo tra i cristiani dall'Iraq. Un monaco iracheno ha spiegato che non è possibile che l'ISIS si sia diffuso senza che gli USA non sapessero nulla.

Il monastero cristiano di Mar Mattai, fondata nel IV secolo, situato in Iraq, è uno dei più antichi...
Notizia del:     Fonte: http://blog.ilgiornale.it/

Grillo ha deciso di “suicidarsi”. Chiedetevi: a chi conviene?

Grillo, incredibilmente, scende dal carro del vincitore. E contraddice se stesso, la propria storia, la propria identità

di Marcello Foa - Il Cuore del Mondo   Eh già, c’è chi decide di suicidarsi buttandosi...
Notizia del:     Fonte: http://www.marx21.it/

La sovranità nazionale, la sua difesa e la liberazione dalla sottomissione all'euro

Intervento al XX Congresso del Partito Comunista Portoghese

da Marx21.it   di Vasco Cardoso, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese | da avante.pt Traduzione...
Notizia del:     Fonte: http://vocidallestero.it/

L'Euro e' condannato: bisogna uscirne il piu' rapidamente possibile

Analisi di Vincent Brosseau

  di Vincent Brousseau - vocidallestero.it Qualche giorno fa, l’UPR ha segnalato che i saldi Target...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Tutto quello che devi sapere sulla crisi delle banconote in Venezuela

La rivoluzione bolivariana si trova ad affrontare una guerra non convenzionale. Si tratta di un processo di destabilizzazione che ha la caratteristica di colpire simultaneamente su tutti i fronti (finanziario, geopolitico, comunicativo) senza che nessuno ne assuma la responsabilità. È un nemico invisibile, che attacca senza mostrarsi, in particolare in ambito economico

di Marco Teruggi - teleSUR La decisione andava presa: restavano nelle mani della Banca Centrale del Venezuela...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Unione Europea imporrà nuove sanzioni alla Siria per la sua offensiva ad Aleppo

L'Unione europea ha adottato nuove sanzioni contro la Siria per la sua offensiva anti-terrorismo nella città di Aleppo.

Come riportato ieri dall'agenzia britannica Reuters, con tali misure l'Unione europea cercherà...
Notizia del:

Intervista a Stiglitz. "Il costo di mantenere insieme l’eurozona è probabilmente più alto del costo di smantellarla"

In un'intervista con Artemis Photiadou di EUROPP Stuart Brown, il premio Nobel per l'economia Joseph Stiglitz analizza i problemi strutturali alla base della zona euro e sostiene "che...
Notizia del:

Alberto Bagnai: "E' stato un NO ai media. Le vittorie dimostrano che la Storia è con noi"

Pubblichiamo ampi stralci dell'ultimo articolo di Alberto Bagnai sul suo blog Goofynomics, condivendone in pieno lo spirito, le emozioni e la speranza finale Da IL NO AI MEDIA - Goofynomics di...
Notizia del:

Non un solo voto per NO vada perduto!

Al lavoro e alla lotta! Come si diceva nei tempi più luminosi della storia del movimento operaio e democratico in Italia

di Mauro Gemma   Renzi ha il controllo quasi assoluto dell'apparato mediatico e delle risorse amministrative....
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Il governo di Berlino finalmente l'ammette. "La crisi dei rifugiati colpa delle politiche sbagliate interventiste degli Usa"

L’elezione  di Trump ha fatto cadere tutti i castelli di carta di menzogne costruiti fino ad oggi dalla propaganda occidentale. E con l’inaugurazione ormai prossima della sua amministrazione...
Notizia del:

Il FT scrive apertamente di limitare la liberta' d'espressione per fermare le "fake news" e la "propaganda di guerra"

Un paio di articoli del Financial Times ci offrono in modo chiaro il livello della ipocrisia raggiunto dalla disinformazione.   Per bloccare la diffusione delle “fake news” – cui...
Notizia del:

Alde: una decisione anti populista e contro la storia

  Con una votazione online che si è conclusa oggi, il Movimento 5 Stelle ha deciso di cambiare gruppo all’interno del Parlamento europeo. Dall’EFDD con l’Ukip di Farage,...
Notizia del:

Fidel Castro: 90 anni vissuti pericolosamente

  Marinella Correggia e Stefania Russo per Confronti   Cuba e il mondo hanno perso Fidel Castro il 25 novembre 2016, a sessant’anni esatti dalla partenza dell’imbarcazione...
Notizia del:

Il dottor Nabil Antaki medico di Aleppo risponde al Corriere della Sera

Ignaro delle decine e decine di video di persone scese in piazza a festeggiare la liberazione e delle imponenti manifestazioni di gioia per un Natale ormai possibile, il Corriere della Sera, con quella...
Notizia del:

ECCO CHI HA UCCISO IL CORO DELL'ARMATA RUSSA: CHE LA TERRA VI SIA LIEVE

Il giorno di Natale un misterioso incidente aereo ha sterminato i membri del mitico coro dell'Armata rossa (adesso russa), quelli che eseguivano l'inno nazionale più epico del mondo; e...
Notizia del:

E se a fare "apologia del terrorismo" fossero stati i media non allineati?

Ieri vi abbiamo chiesto di immaginare che cosa sarebbe accaduto al mondo se invece che russo l'ambasciatore assassinato in modo vile in Turchia fosse stato statunitense. Oggi vi chiediamo di fare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa