/ "Era un ca..o di disastro in Europa". Altre dichiarazioni inedite...

"Era un ca..o di disastro in Europa". Altre dichiarazioni inedite trapelate di Geithner

Era un ca..o di disastro in Europa. Altre dichiarazioni inedite trapelate di Geithner
 

Il "whatever it takes" di Draghi del luglio del 2012 è stato improvvisato. "Draghi non aveva alcun piano"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Il Brussels Blog del Financial Times ha pubblicato cento pagine di trascrizioni inedite di interviste che Timoty Geithner ha rilasciato ai suoi assistenti nella fase di preparazione del suo libro Stress Test: Reflections on Financial Crises. Molte delle citazioni compaiono nel libro, altre svelano ulteriori retroscena su quella fase critica (fine 2011-estate 2012) di crisi della zona euro.
 
Il Brussels Blog rivela innanzitutto come, per l'allora Segretario del Tesoro, il "whatever it takes" di Draghi del luglio del 2012 è stato improvvisato e non vi era alcun piano preciso da parte del presidente della Bce. Geithner ricorda come poco prima della famosa frase, con la comunità degli hedge funds convinti che l'Europa stesse finendo, Draghi non sapeva letteralmente che fare, era allarmato e ha costruito una serie di frasi come ‘we’ll do whatever it takes’. “Ridicolo”, afferma  Geithner. ”Andai a vedere Draghi all'epoca e Draghi non aveva nessun piano. Il suo piano erano questa sorta di frasi vuote di questo tipo”. Deve far riflettere molto tutti coloro che ancora pensano che la Bce possa iniziare una politica di Quantitative Easing.
 
Sulla politica europea di quella fase, Geithner aggiunge alcuni particolari alle sue rilevazioni del suo libro che già aveva fatto molto discutere. E nel G-20 in Francia che Sarkozy ospitò in piena campana elettorale, gli europei “ci hanno approcciato in modo soft, indirettamente dicendoci: 'Vogliamo che vi unite a noi nel forzare Berlusconi alle dimissioni'. Volevano che  dicessimo che non avremo supportato un aiuto del FMI o ogni altro supporto all'Italia qualora Berlusconi fosse rimasto premier. It was cool, interesting. I said no….”, dichiara l'ex Segratario del Tesoro. E questo è più o meno quello che già sapevamo attraverso la sua biografia. Ma poi è arrivata la parte nuova: “Ricordo che quando andai a cena guardai il mio Blackberry.
Era un cazzo di disastro in Europa. Le azioni delle banche in Francia stavano scendendo del 7-8%. Per me era come assistere ad una carneficina a causa di persone che stavano dicendo: la crisi in Grecia, chi è esposto in Grecia?... Gli europei arrivarono a quell'incontro dicendo: 'Daremo ai greci una lezione. Sono veramente terribili. Ci hanno mentito. Hanno succhiato e si sono approfittati della situazione e li schiacceremo' era l'atteggiamento di tutti loro. Ma la principale cosa che ricordo aver detto a queste persone è stato: 'tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma, prosegue Geithner, dovete mandare un messaggio di rassicurazione all'Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi. Dovete proteggere il resto dell'Unione”
. Dovete essere sicuri di costruire questa capacità per rendere quest'impegno credibile mentre date questa lezione ai greci, il messaggio.
 
“Ho sottostimato completamente la possibilità che gli europei avrebbero fallito in tutto per i tre anni successivi. Ho pensato che fosse inconcepibile che avrebbero potuto fare così male come in ultima analisi hanno fatto. Ma i primi segnali vanno riscontrati in quel dibattito iniziale. Erano stati ingannati dai Greci. E 'stato imbarazzante per loro, perché i greci avevano finito per prendere in prestito tutti questi soldi ed erano pazzi di rabbia e volevano solo vendicarsi”. Ma, sottolinea Geithner, in questo modo stavano alimentando e rafforzando tutto il dramma  che sarebbe seguito. La Grecia è oggi un paese in cui tre cittadini su cinque hanno superato o stanno superando la soglia di povertà, sono stati rinegoziati i principali diritti sociali garantiti per Costituzione e a cui è stato imposto un piano di privatizzazioni selvagge. Le politiche imposte alla Grecia, da allora, sono divenute  il principale modello di riferimento per gli altri paesi, tra cui l'Italia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Basta parlare solo di Brexit, Grexit. E' l'ora di Italexit

BREXIT, GREXIT..ITALEXIT ..BASTA CON LA UE!

di Giorgio Cremaschi La Grecia è tornata al punto di partenza come in un beffardo e tragico gioco...
Notizia del:

Venezuela: Jp Morgan approva le misure economiche adottate dal governo per affrontare la crisi

Il governo è attivo anche sul fronte energetico dove chiederà l'assitenza delle Nazioni Unite per affrontare e risolvere l'emergenza

di Fabrizio Verde Il Venezuela sta vivendo un periodo di forte crisi, le cui cause vanno anche ricercate...
Notizia del:

Nonostante la crisi il Venezuela continua a investire in politiche sociali. Il vicepresidente Istúriz a TeleSur

Aristóbulo Istúriz ha inoltre duramehte criticato la posizione assunta dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama

Il professor Aristóbulo Istúriz è un politico venezuelano di lungo corso, già...
Notizia del:     Fonte: TeleSur

Berta Cáceres: la figlia chiede giustizia e verità al Parlamento Europeo

Laura Zúniga Cáceres vuole un'indagine indipendente che individui esecutori materiali e mandanti dell'omicidio della madre

Giustizia e verità per l'attivista Berta Cáceres. Questo è quanto chiederà...
Notizia del:

Fernando Buen Abad: « Il Venezuela non è la menzogna raccontata dall'oligarchia»

Lo studioso della comunicazione messicano, insieme ad altri 100 intellettuali provenienti da 18 paesi diversi, parteciperà fino al 14 di aprile a un forum organizzato in Venezuela dalla 'Red de Intelectuales, Artistas y Movimientos Sociales en Defensa de la Humanidad'

«Il Venezuela non è la menzogna raccontata dall'oligarchia. Il Venezuela è speranza....
Notizia del:

La spesa militare globale è cresciuta dell'1% nel 2015. Rapporto SIPRI

  La spesa militare globale è aumentata di un punto percentuale nel 2015, per un totale di quasi $ 1.7 triliardi di dollari, secondo il rapporto dello Stockholm International Peace...
Notizia del:     Fonte: Rt

L'Europa non li ha ascoltati: Le "profezie" di Gheddafi e Assad si sono avverate

Diversi anni prima degli attacchi mortali in Europa, i leader di Libia e Siria avevano già messo in guardia circa l'ondata di terrorismo che avrebbe travolto l'Europa.

Mentre l'Europa sta vivendo le conseguenze degli attacchi brutali che hanno scosso Bruxelles il 22 marzo,...
Notizia del:

Video. 800 agricoltori in Grecia prendono sotto assedio il Ministero dell'Agricoltura

  Scene di guerriglia urbana questa mattina nella Grecia, topo da laboratorio della Troika. La polizia di Atene ha usato gas lacrimogeni per disperdere una manifestazione di agricoltori che...
Notizia del:

Lagarde dichiara "il FMI non è un drago" e poi chiede maggiori tagli alle pensioni greche

Il Fondo Monetario Internazionale è preoccupato per la sua immagine. "Davvero non mi piace questa immagine da drago, rigorosa e terribile del FMI", ha detto il suo Presidente Christine...
Notizia del:

Oliver Stone: "Putin ha fatto bene ad agire ed aiutare l'esercito siriano. Spero che vinca"

Oliver Stone, regista e sceneggiatore, autore di "USA, la Storia mai raccontata", ha rilasciato un'intervista esclusiva al quotidiano spagnolo El Mundo, nella quale ha dichiarato che la NATO è uno "strumento di intimidazione"e ha elogiato il presidente russo Vladimir Putin.

Nell'intervista a El Mundo, il regista Oliver Stone, che attualmente sta girando un film su Edward Snowden...
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Le dieci bugie russofobe dell’ultimo rapporto dell’ECFR di Soros

Un commento a “Russia 2030: a story of great power dreams and small victorious wars”, scritto da Fredrik Wesslau e Andrew Wilson

di Eugenio Cipolla   Quello che segue non vuole essere un manifesto pro-Russia. Chi scrive sa benissimo...
Notizia del:

Dati Istat. Il crollo industriale ha una causa: l'euro

Leggiamo dall'Ansa di questa mattina come il fatturato dell'industria italiana "segna a marzo il peggiore calo tendenziale a partire da agosto 2013, con una riduzione del 3,6% rispetto all'anno...
Notizia del:

Venezuela, perché non vi indignate per queste foto brutali?

di Alessandro Bianchi Viviamo in un mondo al contrario. Chi gestisce i mezzi di comunicazione riesce a manipolare la vostra percezione al punto che quando sentite una menzogna alla terza volta fa...
Notizia del:

PRIME FOTO: militari egiziani pubblicano le prime foto dell'EgyptAir A320

L'aereo EgyptAir A320 partito dall'aeroporto Charles de Gaulle alle 21:09del 18 maggio e diretto verso la città egiziana del Cairo (atterraggio previsto nella capitale egiziana a 01:04...
Notizia del:

Non ve l'hanno detto, ma da anni l'Unione Europea viola i diritti umani in Siria. Possiamo fermarla, ma c'è poco tempo.

Il 23 maggio, lunedì, a vostra insaputa, il regime di Bruxelles prorogherà l'embargo contro la popolazione siriana. Sei disposto ad accettarlo ancora?

Il 23 maggio, il prossimo lunedì, il Consiglio europeo a livello di ministri degli affari esteri si...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano sostiene il TTIP?

  Sergio Feltri, montiano di ferro e vice-direttore del Fatto Quotidiano, ha utilizzato una specie di editoriale per spiegare come il TTIP alla fine sia proprio quello di cui l'Italia abbia...
Notizia del:

"Made in Usa": i tre indizi chiave del coinvolgimento statunitense nel golpe in Brasile

  “Non pensavo sarebbe stato necessario combattere ancora contro un colpo di stato in questo paese”. Queste sono state le prime parole della Presidenta Dilma dopo essere stata destituita...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa