/ "Era un ca..o di disastro in Europa". Altre dichiarazioni inedite...

"Era un ca..o di disastro in Europa". Altre dichiarazioni inedite trapelate di Geithner

Era un ca..o di disastro in Europa. Altre dichiarazioni inedite trapelate di Geithner
 

Il "whatever it takes" di Draghi del luglio del 2012 è stato improvvisato. "Draghi non aveva alcun piano"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
Il Brussels Blog del Financial Times ha pubblicato cento pagine di trascrizioni inedite di interviste che Timoty Geithner ha rilasciato ai suoi assistenti nella fase di preparazione del suo libro Stress Test: Reflections on Financial Crises. Molte delle citazioni compaiono nel libro, altre svelano ulteriori retroscena su quella fase critica (fine 2011-estate 2012) di crisi della zona euro.
 
Il Brussels Blog rivela innanzitutto come, per l'allora Segretario del Tesoro, il "whatever it takes" di Draghi del luglio del 2012 è stato improvvisato e non vi era alcun piano preciso da parte del presidente della Bce. Geithner ricorda come poco prima della famosa frase, con la comunità degli hedge funds convinti che l'Europa stesse finendo, Draghi non sapeva letteralmente che fare, era allarmato e ha costruito una serie di frasi come ‘we’ll do whatever it takes’. “Ridicolo”, afferma  Geithner. ”Andai a vedere Draghi all'epoca e Draghi non aveva nessun piano. Il suo piano erano questa sorta di frasi vuote di questo tipo”. Deve far riflettere molto tutti coloro che ancora pensano che la Bce possa iniziare una politica di Quantitative Easing.
 
Sulla politica europea di quella fase, Geithner aggiunge alcuni particolari alle sue rilevazioni del suo libro che già aveva fatto molto discutere. E nel G-20 in Francia che Sarkozy ospitò in piena campana elettorale, gli europei “ci hanno approcciato in modo soft, indirettamente dicendoci: 'Vogliamo che vi unite a noi nel forzare Berlusconi alle dimissioni'. Volevano che  dicessimo che non avremo supportato un aiuto del FMI o ogni altro supporto all'Italia qualora Berlusconi fosse rimasto premier. It was cool, interesting. I said no….”, dichiara l'ex Segratario del Tesoro. E questo è più o meno quello che già sapevamo attraverso la sua biografia. Ma poi è arrivata la parte nuova: “Ricordo che quando andai a cena guardai il mio Blackberry. Era un cazzo di disastro in Europa. Le azioni delle banche in Francia stavano scendendo del 7-8%. Per me era come assistere ad una carneficina a causa di persone che stavano dicendo: la crisi in Grecia, chi è esposto in Grecia?... Gli europei arrivarono a quell'incontro dicendo: 'Daremo ai greci una lezione. Sono veramente terribili. Ci hanno mentito. Hanno succhiato e si sono approfittati della situazione e li schiacceremo' era l'atteggiamento di tutti loro. Ma la principale cosa che ricordo aver detto a queste persone è stato: 'tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma, prosegue Geithner, dovete mandare un messaggio di rassicurazione all'Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi. Dovete proteggere il resto dell'Unione”. Dovete essere sicuri di costruire questa capacità per rendere quest'impegno credibile mentre date questa lezione ai greci, il messaggio.
 
“Ho sottostimato completamente la possibilità che gli europei avrebbero fallito in tutto per i tre anni successivi. Ho pensato che fosse inconcepibile che avrebbero potuto fare così male come in ultima analisi hanno fatto. Ma i primi segnali vanno riscontrati in quel dibattito iniziale. Erano stati ingannati dai Greci. E 'stato imbarazzante per loro, perché i greci avevano finito per prendere in prestito tutti questi soldi ed erano pazzi di rabbia e volevano solo vendicarsi”. Ma, sottolinea Geithner, in questo modo stavano alimentando e rafforzando tutto il dramma  che sarebbe seguito. La Grecia è oggi un paese in cui tre cittadini su cinque hanno superato o stanno superando la soglia di povertà, sono stati rinegoziati i principali diritti sociali garantiti per Costituzione e a cui è stato imposto un piano di privatizzazioni selvagge. Le politiche imposte alla Grecia, da allora, sono divenute  il principale modello di riferimento per gli altri paesi, tra cui l'Italia.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TASS

Parlamentari russi invitano i loro colleghi europei in Siria: "L'Europa deve conoscere la verità e chi sta davvero combattendo il terrorismo"

Una delegazione della Duma russo prevede di visitare Siria con i legislatori europei nei prossimi mesi, probabilmente prima della fine dell'anno. Lo ha annunciato Leonid Slutsky, presidente del comitato internazionale della Duma.

"Naturalmente, abbiamo intenzione [di visitare la Siria] con i colleghi stranieri. L'Europa deve conoscere...
Notizia del:     Fonte: CNN

Trump ha intensificato gli interventi militari all'estero

Nei primi sei mesi dell'Amministrazione Trump, gli Stati Uniti d'America hanno intensificato i loro interventi all'estero e altri sono in preparazione.

Intense operazioni militari degli USA attraversano l'Europa, l'Africa, il Medio Oriente e l'Asia...
Notizia del:     Fonte: http://www.linkiesta.it/

L'invasione dei migranti è una balla colossale (la nostra incapacità no)

Numeri, statistiche e libri di storia alla mano, la cosiddetta invasione dei migranti è una cosa superabilissima. Se solo l’Europa fosse unita. Ma dalle dichiarazioni di Macron in poi, i leader Ue dicono una cosa e ne fanno un’altra

di Fulvio Scaglione - Linkiesta La questione dei flussi migratori si rivela ogni giorno di più la...
Notizia del:     Fonte: TASS

Lavrov: La Russia avrà una reazione proporzionata alle provocazioni degli USA in Siria

Gli Stati Uniti dovrebbero astenersi dal creare pretesti per nuovi attacchi contro le forze del governo siriano, sulla base di alcuni dati di intelligence segreti, ha dichiarato, ieri, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in una conferenza stampa a Krasnodar.

"Mi aspetto che questa volta, gli Stati Uniti prenderanno in considerazione la necessità di garantire...
Notizia del:

Soros sulla Brexit: "Se tutto va bene, ci sarà un nuovo matrimonio prima del divorzio".

George Soros, il multi-miliardario finanziatore di quelle ONG responsabili di praticamente tutti gli ultimi tentativi di "rivoluzioni colorate" dell'ultimo periodo,  ha dichiarato...
Notizia del:

Non chiamateli terroristi

In un solo pomeriggio, quattro giovani vite sono state spezzate. Troppo facile per i giornali israeliani, per l'ONU e l'UE definire "terroristi" i palestinesi, ed eroina, la soldatessa israeliana

di Paola Di Lullo   È venerdì sera a Gerusalemme Est Occupata. In Sultan Suleiman Street,...
Notizia del:

Polonia ed Ucraina ad un passo dalla rottura. Eredi di Solidarnosc contro banderisti

Mai negli ultimi decenni i rapporti tra i due paesi hanno raggiunto un livello così basso. Da alleati contro Mosca a vicini di casa che si provocano a vicenda

di Omar Minniti Finisce la breve luna di miele tra Varsavia e gli ultranazionalisti ucraini. A farla sbocciare,...
Notizia del:

Sanzioni alla Russia: Perdite Impreviste

È stato stimato un danno economico che nell’anno 2015 ammontava a 17,6 miliardi di euro, con la perdita dei 400.000 posti di lavoro

di Oleg Gromov   All'inizio dell'anno il quotidiano austriaco «Der Standard» ha...
Notizia del:     Fonte: http://www.consilium.europa.eu

L'Unione europea proroga di un altro anno le sanzioni contro la Siria

Bruxelles ha incluso nella lista dei sanzionati tre ministri siriani.

L'Unione europea ha deciso di prorogare fino al 1 giugno 2018 le sanzioni contro il governo siriano, riferisce...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Dichiarazione Congiunta di Firenze dei gruppi parlamentari di Sinistra Europea e America Latina

GUE-NGL / Gruppi progressisti del PARLASUR / Parlamentari di Sinistra di PARLATINO, PARLACEN, PARLANDINO

  GUE-NGL / Gruppi progressisti del PARLASUR / Parlamentari di Sinistra di PARLATINO, PARLACEN, PARLANDINO 1....
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa