/ Il Videoclip su tutte le menzogne di guerra divulgate da "Repubbl...

Il Videoclip su tutte le menzogne di guerra divulgate da "Repubblica"

Il Videoclip su tutte le menzogne di guerra divulgate da Repubblica
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesco Santoianni

Celebriamo anche noi i “40 anni di Repubblica” con un videoclip dedicato alle sue più clamorose menzogne finalizzate ad alimentare la guerra.  Un compito svolto da “Repubblica” sfruttando  – oltre ai soliti cliché della propaganda bellica - i valori di quel popolo di “sinistra”, “progressista”, “antifascista” e “politically correct”, suo principale target. E così già nel 1999 - per supportare la Guerra NATO-D’Alema alla Jugoslavia – Repubblica presentava i Serbi come i nazisti (si legga, a tal proposito,  questo ottimo libro (oggi integralmente on line) e i “ribelli kossovari” come ebrei destinati ai campi di sterminio.  Poi, Repubblica, per promuovere guerre e/o per additare altri “stati canaglia”,  ha sposato la salvezza di altre “categorie” care ai suoi lettori di “sinistra”rifilando bufale su donne, gay, lesbiche, animali da compagnia . Il tutto accompagnato da un sempre più marcato travisamento della realtà: basti guardare i servizi di Repubblica sulla Palestina o il suo davvero sbalorditivo servizio fotografico  che consacrava  i fascisti del battaglione Azov che baciavano le “fidanzate” (in realtà fotomodelle reclutate dall’agenzia di pubbliche relazioni Weber Shandwick, che aveva realizzato il servizio) prima di partire per le loro mattanze nel Donbass.

Ma con questa sempre più marcata linea bellicista, Repubblica ha perso lettori? Purtroppo no. Il quotidiano di De Benedetti continua ad arpionare un target socio-economico medio-alto  (il più ambito dagli inserzionisti).  Pubblico che, comunque non si direbbe capace di indignarsi; valgano per tutti le davvero poche proteste dei suoi lettori davanti alla più sfrontata menzogna pubblicata da Repubblica: una foto satellitare - piazzata in prima pagina – che avrebbe dovuto attestare l’invasione russa dell’Ucraina e che, invece, come recitava la piccola didascalia posta sulla foto, riprendeva un territorio della Federazione russa distante cinquanta chilometri dalla frontiera.

Ma, invece di abbandonarsi a deprimenti considerazioni è forse meglio dare una occhiata ad alcune (tutto sommato, divertenti) menzogne di guerra pubblicate da “Repubblica”. Solo alcune, tra le innumerevoli. E per farvele meglio gustare ecco il videoclip.


 

Qui di seguito i link sulle “notizie” riportate nel videoclip:

Bambini legati sui carri armati di Assad e usati come “scudi umani” (12 giugno 2012)

Fosse comuni di Gheddafi (13 giugno 2011)

I Serbi uccidono mia madre e poi mi costringono a stuprarla

14.6667px; font-family: Calibri; vertical-align: baseline; white-space: pre-wrap;">” (22 giugno 1996)

Viagra alle truppe di Gheddafi per violentare le donne dei manifestanti (12 dicembre 2012)

Missile dei ribelli filorussi abbatte jet in Ucraina (18 luglio 2014)

Elicotteri di Gheddafi mitragliano e uccidono centinaia di manifestanti (22 febbraio 2011)

Cecchini di Assad si allenano su donne in cinta (19 ottobre 2013)

Il water d’oro del dittatore comunista Janukovic  (22 febbraio 2014)

Il dittatore della Corea del Nord fa sbranare lo zio da 120 cani (3 gennaio 2014)

Il regime di Kiev sta uccidendo in carcere la pasionaria Tymoshenko (14 febbraio 2012)

Assad fa affogare in un fiume decine di oppositori (11 marzo 2013)

Governo Renzi diminuisce le spese per la Difesa (5 ottobre 2015)

L’assedio di Assad strangola Madaya (5 gennaio 2016)

Foto satellitari: la Russia invade l’Ucraina (28 agosto 2014)

Dittatore della Corea del Nord fa fucilare il progettista dell’aeroporto (23 giugno 2015)

Dittatore della Corea del Nord fa fucilare ministro che si era addormentato (13 maggio 2015)

Assad pensa di usare le armi chimiche (31 ottobre 2013)

Governo del Venezuela ordina di sparare su manifestanti (25 febbraio 2015)

Trovato un cane che somiglia a Putin (23 settembre 2014)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

La strage di Istanbul e quel “significato particolare” del Corriere della Sera

  Isis: il “significato particolare” per il Corriere della Sera “Le dichiarazioni, ovviamente, hanno un significato particolare in quanto rilasciate il giorno dopo...
Notizia del:

“È la stampa, bellezza!". Le due bufale russofobiche di Observer e Washington Post ai limiti della fantascienza

È la stampa, bellezza! La stampa! “È la stampa, bellezza! La stampa! E tu non ci puoi far niente! Niente!” Mettiamola come epitaffio alla morte del Giornalismo questa...
Notizia del:

Petizione contro il Brexit: ha votato anche Ciccio Formaggio!

Vi risparmio le scontate considerazioni sulla follia (ma perché non applichiamo lo stesso principio anche alle elezioni?) di indire un nuovo referendum se il risultato di quello, tenutosi un...
Notizia del:

Ma perché nessuno ci parla di Frank-Walter Steinmeier?

  Fosse stata l’ennesima bufala su Kim Jong-un o l’ultima farneticazione dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, state certi che ve l’avrebbero cucinata in...
Notizia del:

Due parole su Joanne Cox: “Martire d’Europa”

L’unica cosa certa è il “boom” della Borsa di Londra, verosimilmente entusiasta – per le conseguenze sul Brexit - dell’omicidio di Joanne Cox. Per il resto sono...
Notizia del:

Siria, la bufala del barile bomba e del bambino schiacciato

Nonostante risalga a prima del 2015, continua a popolare i gruppi Facebook “pro ribelli siriani” la foto-bufala dello sfortunato bambino e del “barile bomba inesploso” che,...
Notizia del:

I morti della “roccaforte di Assad”: i civili siriani trasformati in "scherani del regime"

Che si fa quando proprio non si può ignorare la notizia di una strage con autobombe nelle città di Tartus e Jableh in Siria compiuta, questa volta inequivocabilmente, dai “ribelli”...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa