/ Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono ...

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Ce ne eravamo già occupati in un altro articolo, siamo costretti a ripeterci davanti al nuovo presunto bombardamento russo di due “ospedali” (anzi, due innocenti reparti: ostetricia e pediatria)  strombazzato oggi da tutti i media mainstream. Ospedali gestiti da Médecins Sans Frontières che, comunque, si guarda bene dal comunicare alle parti belligeranti (e, visto che ci siamo, anche all’opinione pubblica) dove si trovino oggi i suoi ospedali in Siria.

Eppure, Médecins Sans Frontières in Afghanistan si comporta in modo completamente diverso: “a tutte le parti in conflitto avevano comunicato le coordinate del nostro ospedale” dichiara MSF a proposito del (davvero strano) “bombardamento” del suo ospedale di Kunduz. E allora, perché in Siria questa organizzazione (salita agli onori delle cronache per uno dei suoi fondatori - Bernard Kouchner, nominato  ministro degli Esteri da Sarkozy - e per il sospetto ruolo avuto nella diffusione della notizia dell’attacco con il Sarin a Goutha) continua ad ammantare con il segreto la localizzazione dei suoi ospedali in Siria?

Forse perché MSF cura anche i tagliagole di Al Nisra e dell’ISIS? Se fosse così non ci sarebbe nulla di male: anche Emergency cura i feriti senza chiedere prima il loro schieramento. Forse perché cura solo i suddetti tagliagole? Anche in questo caso non sarebbe lecito – secondo il Diritto umanitario – bombardare il loro ospedale ma, certamente, la posizione di Médecins Sans Frontières diventerebbe più complicata.

Velenose illazioni? Può essere. Ma, allora perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali in Siria?

Francesco Santoianni
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

L'ultima da la Stampa: il Cremlino ha usato i Pokemon Go contro gli Stati Uniti

Della diabolica capacità di Putin di mettere a tappeto l’Occidente tramite Fake News ne abbiamo lette di cotte e di crude. L’ultima della serie – lanciata da “La Stampa”...
Notizia del:

Ma dove, come e quando sarebbe stato deciso di inviare 470 soldati italiani in Niger? E, soprattutto, perché?

  Ma dove, come e quando sarebbe stato deciso di inviare 470 soldati italiani in Niger? E, soprattutto, perché? Vero che la scandalosa “Legge quadro sulle missioni militari all’estero”...
Notizia del:

Sit in antifascista di Repubblica: qualcosa non torna

Intanto, i nostri complimenti al cameraman di RAI Tre che con davvero prodigiose inquadrature - riprendendo la gente in prospettiva ravvicinata e con una valanga di primi piani - è riuscito a trasformare...
Notizia del:

La Pinotti va a Como per l'"antifascismo". Ma la foto del soldato nazista è ancora nel suo studio?

  Ovviamente, neanche una parola dei media mainstream sulla imbarazzante foto incorniciata troneggiante nell’ufficio del ministro della Difesa Roberta Pinotti. Per giorni circolata sui social...
Notizia del:

Avvisate i "paladini anti bufale", il Sole 24 Ore ha già mostrato da dove nascono le Fake news in Italia

Vi spaventano con Putin, ma il Sole 24 Ore vi ha mostrato da dove nascono le Fake news. Da allora il giornalista dello scoop Nicola Borzi ha tutto sotto sequestro e non può fare il suo lavoro...

di Francesco Santoianni Tutti in Italia si sono, giustamente, scandalizzati per il giornalista picchiato...
Notizia del:

Perché il Video del disertore nordcoreano che scappa nel Sud è una bufala

Impazza su tutti i media mainstream la video bufala del disertore dell’esercito nordcoreano che scappa nella Corea del Sud. Ad attestarla un davvero incredibile video (lo trovate alla fine di questo...
Notizia del:

Candidati al Premio migliore Bufala 2017. Lorenzin: "A Londra, per il morbillo sono morti centinaia di bambini"

  “Premio migliore Bufala del 2017” lanciato da L’Antidiplomatico; in lizza le dieci bufale più strombazzate quest’anno dai media mainstream: Qui il video riassuntivo:   1)...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa