/ Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono ...

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Ce ne eravamo già occupati in un altro articolo, siamo costretti a ripeterci davanti al nuovo presunto bombardamento russo di due “ospedali” (anzi, due innocenti reparti: ostetricia e pediatria)  strombazzato oggi da tutti i media mainstream. Ospedali gestiti da Médecins Sans Frontières che, comunque, si guarda bene dal comunicare alle parti belligeranti (e, visto che ci siamo, anche all’opinione pubblica) dove si trovino oggi i suoi ospedali in Siria.

Eppure, Médecins Sans Frontières in Afghanistan si comporta in modo completamente diverso: “a tutte le parti in conflitto avevano comunicato le coordinate del nostro ospedale” dichiara MSF a proposito del (davvero strano) “bombardamento” del suo ospedale di Kunduz.

E allora, perché in Siria questa organizzazione (salita agli onori delle cronache per uno dei suoi fondatori -
Bernard Kouchner, nominato  ministro degli Esteri da Sarkozy - e per il sospetto ruolo avuto nella diffusione della notizia dell’attacco con il Sarin a Goutha) continua ad ammantare con il segreto la localizzazione dei suoi ospedali in Siria?

Forse perché MSF cura anche i tagliagole di Al Nisra e dell’ISIS? Se fosse così non ci sarebbe nulla di male: anche Emergency cura i feriti senza chiedere prima il loro schieramento. Forse perché cura solo i suddetti tagliagole? Anche in questo caso non sarebbe lecito – secondo il Diritto umanitario – bombardare il loro ospedale ma, certamente, la posizione di Médecins Sans Frontières diventerebbe più complicata.

Velenose illazioni? Può essere. Ma, allora perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali in Siria?

Francesco Santoianni
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Ma perché nessuno ci parla di Frank-Walter Steinmeier?

  Fosse stata l’ennesima bufala su Kim Jong-un o l’ultima farneticazione dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, state certi che ve l’avrebbero cucinata in...
Notizia del:

Due parole su Joanne Cox: “Martire d’Europa”

L’unica cosa certa è il “boom” della Borsa di Londra, verosimilmente entusiasta – per le conseguenze sul Brexit - dell’omicidio di Joanne Cox. Per il resto sono...
Notizia del:

Siria, la bufala del barile bomba e del bambino schiacciato

Nonostante risalga a prima del 2015, continua a popolare i gruppi Facebook “pro ribelli siriani” la foto-bufala dello sfortunato bambino e del “barile bomba inesploso” che,...
Notizia del:

I morti della “roccaforte di Assad”: i civili siriani trasformati in "scherani del regime"

Che si fa quando proprio non si può ignorare la notizia di una strage con autobombe nelle città di Tartus e Jableh in Siria compiuta, questa volta inequivocabilmente, dai “ribelli”...
Notizia del:

Corea del Nord: vi possiamo anticipare la prossima bufala dei media italiani

Mostruoso! “Il dittatore della Corea del Nord - certamente per il piacere di fucilarlo di nuovo - resuscita un suo generale che aveva fatto ammazzare”. Questa - davanti alla notizia pubblicata dal...
Notizia del:

Report sulle bufale sulla Siria: è il turno della Gabanelli

Ma perché mai tanti giornalisti che pure si presentano come i più fieri oppositori del Governo Renzi (il caso più clamoroso: “Il Fatto Quotidiano”) non spendono...
Notizia del:

Sul video virale di Tess Asplund

  Tanto di cappello per l’attivista  Tess Asplund che attraversa un corteo di fascisti svedesi tenendo il pugno chiuso; verosimilmente, per protestare contro il dilagare di un razzismo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa