/ Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono ...

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Ce ne eravamo già occupati in un altro articolo, siamo costretti a ripeterci davanti al nuovo presunto bombardamento russo di due “ospedali” (anzi, due innocenti reparti: ostetricia e pediatria)  strombazzato oggi da tutti i media mainstream. Ospedali gestiti da Médecins Sans Frontières che, comunque, si guarda bene dal comunicare alle parti belligeranti (e, visto che ci siamo, anche all’opinione pubblica) dove si trovino oggi i suoi ospedali in Siria.

Eppure, Médecins Sans Frontières in Afghanistan si comporta in modo completamente diverso: “a tutte le parti in conflitto avevano comunicato le coordinate del nostro ospedale” dichiara MSF a proposito del (davvero strano) “bombardamento” del suo ospedale di Kunduz. E allora, perché in Siria questa organizzazione (salita agli onori delle cronache per uno dei suoi fondatori - Bernard Kouchner, nominato  ministro degli Esteri da Sarkozy - e per il sospetto ruolo avuto nella diffusione della notizia dell’attacco con il Sarin a Goutha) continua ad ammantare con il segreto la localizzazione dei suoi ospedali in Siria?

Forse perché MSF cura anche i tagliagole di Al Nisra e dell’ISIS? Se fosse così non ci sarebbe nulla di male: anche Emergency cura i feriti senza chiedere prima il loro schieramento. Forse perché cura solo i suddetti tagliagole? Anche in questo caso non sarebbe lecito – secondo il Diritto umanitario – bombardare il loro ospedale ma, certamente, la posizione di Médecins Sans Frontières diventerebbe più complicata.

Velenose illazioni? Può essere. Ma, allora perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali in Siria?

Francesco Santoianni
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Videocorso per smascherare le bufale di guerra -  Terza puntata

Prosegue il videocorso per smascherare le bufale di guerra con questa terza puntata che si sofferma sull’importanza delle immagini e video da esaminare in alta risoluzione.   E per...
Notizia del:

Tutti a Roma in delirio per i Curdi

  Si accettano scommesse. Dal pomeriggio di sabato 24 settembre, tutte le TV, tutti i media mainstream, tutti i loro quotidiani, tutti i loro siti internet... staranno lì a parlarvi della...
Notizia del:

La bufala per far dimenticare l'eccidio di 62 soldati siriani da parte dell'aviazione Usa

  Ma perché mai Assad dovrebbe far bombardare un convoglio di aiuti umanitari, organizzato dalla Croce Rossa e diretto verso i -finalmente liberi dell’assedio jihadista - abitanti della...
Notizia del:

Aiutare i tagliagole dell’ISIS a rifarsi una vita?

  Visto che non sono riusciti a mangiarsi la Siria - e mentre gli Stati Uniti continuano a negare alla Russia l’elenco dei ribelli “buoni” da salvaguardare e quelli “cattivi”...
Notizia del:

Tutti a stracciarsi le vesti per l’”ingerenza dell’ambasciatore USA”. Ovviamente, solo sul referendum.

  Stanno tutti a stracciarsi le vesti per il diktat dell’ambasciatore USA sul SI al referendum di Renzi. Persino il Corriere e Repubblica. Avessero, questi patrioti, detto una sola parola...
Notizia del:

Uno scandalo di dimensioni planetarie per gli Usa... ma la colpa e' dei russi!

E Repubblica supera se stessa in ipocrisia. Se avete tempo da perdere, leggetevi questo suo articolo....

  Ad agosto, mail pubblicate da Wikileaks e trafugate dai server del Partito Democratico, dimostravano,...
Notizia del:

Il Videocorso per smascherare le bufale di guerra: le prime due puntate

“Tu dammi le fotografie e io ti darò la guerra” tuonava l’editore William Hearst al suo fotografo Frederick Remington che, nel 1898, non trovava a Cuba nessuna scena che giustificasse...
 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa