/ Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono ...

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?

Siria: ma perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Ce ne eravamo già occupati in un altro articolo, siamo costretti a ripeterci davanti al nuovo presunto bombardamento russo di due “ospedali” (anzi, due innocenti reparti: ostetricia e pediatria)  strombazzato oggi da tutti i media mainstream. Ospedali gestiti da Médecins Sans Frontières che, comunque, si guarda bene dal comunicare alle parti belligeranti (e, visto che ci siamo, anche all’opinione pubblica) dove si trovino oggi i suoi ospedali in Siria.

Eppure, Médecins Sans Frontières in Afghanistan si comporta in modo completamente diverso: “a tutte le parti in conflitto avevano comunicato le coordinate del nostro ospedale” dichiara MSF a proposito del (davvero strano) “bombardamento” del suo ospedale di Kunduz. E allora, perché in Siria questa organizzazione (salita agli onori delle cronache per uno dei suoi fondatori - Bernard Kouchner, nominato  ministro degli Esteri da Sarkozy - e per il sospetto ruolo avuto nella diffusione della notizia dell’attacco con il Sarin a Goutha) continua ad ammantare con il segreto la localizzazione dei suoi ospedali in Siria?

Forse perché MSF cura anche i tagliagole di Al Nisra e dell’ISIS? Se fosse così non ci sarebbe nulla di male: anche Emergency cura i feriti senza chiedere prima il loro schieramento. Forse perché cura solo i suddetti tagliagole? Anche in questo caso non sarebbe lecito – secondo il Diritto umanitario – bombardare il loro ospedale ma, certamente, la posizione di Médecins Sans Frontières diventerebbe più complicata.

Velenose illazioni? Può essere. Ma, allora perché Médecins Sans Frontières non comunica dove sono i suoi ospedali in Siria?

Francesco Santoianni
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Dall'Ucraina alla Siria. Più che senza frontiere, Reporter senza vergogna

  Puntuale come il raffreddore da fieno, anche per questa primavera incombe il “Rapporto sulla libertà di stampa nel mondo”. Redatto da “Reporter senza frontiere”...
Notizia del:

Saviano, le navi delle Ong e le "rivoluzioni colorate"

“Il Venezuela, come il Cile di Pinochet, che i migranti li vorrebbe morti in fondo al mare”. Non è certo la prima volta che Roberto Saviano – icona della sinistra sushi&spumantino...
Notizia del:

L' “Armada” perduta, Yeonmi Park, Hyeonseo Lee e tutte le esilaranti bufale sulla Corea del Nord

"Ma perchè? Ci sono borse di Chanel nella Corea del Nord?” comincia a franare con questa domanda – posta dalla giornalista investigativa Mary Ann Jolley - la leggenda di ...
Notizia del:

Il video che smaschera la bufala di Idlib

Il “Sarin di Assad” a Idlib nell’aprile 2017: una bufala che rischia di scatenare la Terza Guerra mondiale (e/o far vincere un altro Premio Oscar a George Clooney e ai suoi White Helmets)....
Notizia del:

Bambini intenzionalmente uccisi dai “ribelli siriani” per rendere più convincenti i loro video

Strage di  Idlib. Bambini intenzionalmente uccisi dai “ribelli siriani” per rendere più convincenti i loro video da rifilare ai media occidentali?  La risposta è si....
Notizia del:

Idlib: le foto che i media non vi hanno fatto vedere perché mostrano la verità

  “Bombardamento con armi chimiche di un ospedale a Idlib.” Questa la versione dei “ribelli siriani” e di tutta la stampa mainstream della strage di Idlib, (incredibilmente,...
Notizia del:

La bufala di "Igor il russo": non solo russofobia, è strategia di controllo sociale

Forse per i media mainstream ci sarebbe stato qualcosa di più sensato da fare che alimentare la saga di "Igor il russo", evaso dal carcere di massima sicurezza di Frosinone e accusato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa